Interessi per rateizzaz. riscatto anni di laurea

emerson1

Nuovo Utente
Registrato
1/12/11
Messaggi
284
Punti reazioni
7
Tre anni fa ho deciso di riscattare gli anni di laurea pagando la somma dovuta in circa 16 rate semestrali.

Non credo di essere OT in quanto lo considero come un mutuo tanto che è anche a tasso variabile in quanto sin dalla seconda rata ho avuto un inespettato aumento di circa 100 euro.

Comunque la mia domanda è questa: gli interessi per la rateizzazzione ( che compaiono sul resoconto che la cassa previdenziale EMPAM invia a fine anno ) sono anch' essi detraibili/deducibili in sede di dichiarazione dei redditi ( mod. unico ) oppure è solo detraibile/deducibile la rimanente parte di quanto pagato che è la parte dell' effettivo riscatto ?

Grazie.
 
La deducibilità riguarda i contributi.
 
Sei sicuro che ti conviene il riscatto?
 
Sei sicuro che ti conviene il riscatto?

Ormai sono quasi a metà e da ormai 2 anni con quanto deduco non stò più pagando niente allo stato in sede di dichiarazione dei redditi, e sono già in credito per l' unico 2014 inclusi gli acconti già compensati.

Ho deciso di fare così pur di non pagare niente di tasse e quindi dare allo stato e quindi a fondo perduto in senso stretto anche una parte di quanto da me guadagnato.

Il tempo mi dirà se ho sbagliato oppure no.:)
 
Non per farmi i quazzi tuoi, ma come ordine di grandezza su che cifre stiamo? Io avevo sentito di cifre esorbitanti, fermo restando che ci sono parecchie variabili.
 
Non per farmi i quazzi tuoi, ma come ordine di grandezza su che cifre stiamo? Io avevo sentito di cifre esorbitanti, fermo restando che ci sono parecchie variabili.

Sono troppe le variabili da considerare. Io prima di prendere la decisione mi feci mille conti utilizzando anche ciò che riportava il sito della mia cassa previdenziale ( EMPAM ).

Una cosa è certa più alto è il tuo imponibile IRPEF e quindi più alta è l' aliquota sullo scaglione e più sarà la somma che recuperi NON dandola a fondo perduto in tasse allo stato.

Cioè se ad esempio hai un redditto di 60000 euro e ci paghi il 40% sullo scaglione più alto, sulla cifra pagata x il riscatto recuperi il 40% in quanto ti abbatte la quota di reddito su cui avresti comunque dovuto pagare il 40% di tasse.

Non sono un commercialista e quindi può darsi che non riesca ad esprimere in maniera chiara il concetto.

Io pago un totale di 8000 euro l' anno in 2 rate semestrali per 6-7 anni per avere poi circa 300-400 euro in più al mese di pensione se ben ricordo.
Versai anche un' acconto di 10000 euro per abbattere la rata semestrale da pagare.
 
Ultima modifica:
56000€ e chissà quando li rivedi...
Da quello che sapevo il riscatto va bene per chi deve andare in pensione tra pochi anni, cosi anticipa.
 
56000€ e chissà quando li rivedi...
Da quello che sapevo il riscatto va bene per chi deve andare in pensione tra pochi anni, cosi anticipa.
Se aspettavo ancora altro che 60000 euro avrei dovuto pagare e comunque tutto dipende da quanto ognuno riesce a risparmiare.

A me non interessa andare in pensione prima ma bensi' interessa avere una pensione piu' decorosa possibile ( per semplificare ho scritto riscatti degli anni di laurea ma in realta' e' un allineamento alla quota B del nostro fondo EMPAM).

Per quanto riguarda il " quando li rivedi ": l' importante e' stare in salute e cosi' tra 8 anni iniziero' gia' a vedere i frutti senza contare i benefici fiscali di cui accennavo sopra e di cui sto gia' usufruendo.
 
Ultima modifica:
Indietro