Inutile girarci attorno,la realtà è questa qui.

SIRAD

SimSalaBim.
Registrato
28/11/10
Messaggi
12.406
Punti reazioni
606
Oggi 13/12/2012 da Banca D'Italia:

La Banca d'Italia mostra anche come la distribuzione della ricchezza sia caratterizzata da una grande disparità. Il 45,9%della ricchezza della nazione è concentrato nelle mani del 10% della popolazione.


Altro che statali pensionati sanità art 18 che divorano ricchezza.
Qui il 10% degli italiani possiede il 50% della ricchezza,di cosa stiamo parlando allora?
Se non si applica una vera patrimoniale non se ne uscirà mai più.

REDISTRIBUZIONE questo devono promettere i politici alle prossime elezioni.
 
...l'indice di gini parla chiaro...ma all'eurrroooppppaaaaa gli frega niente...i coglitaglioti credettero in prrrrrodiiiiiiiiii e ora vedranno (glielo auguro) i propri figli fare da servi ai ricchi stranieri...mentre faranno sempre di + la fame senza una pensione dignitosa e per tempo a godersela...
 
Bollino rosso per te. OK!

E' assolutamente OVVIO che ci siano discrepanze del genere.
Anche in un paese dove TUTTI guadagnano e consumano UGUALE si creano discrepanze del genere, per il banale fatto che durante la vita si LAVORA E SI ACCUMULANO RISPARMI, che rendono la distribuzione della ricchezza diseguale: un 50enne avrà più ricchezza di un 20enne, come è OVVIO.

Tra l'altro questi valori sono probabilmente tra i più bassi tra i paesi sviluppati, nettamente inferiori rispetto agli Usa ma anche rispetto alla Francia.

Se non foste IGNORANTI nel profondo del vostro rancore ideologico lo sapreste.

Chi vuole uscire un po' dall'ignoranza, può cominciare a leggere cose come questa: | noiseFromAmeriKa

oimg


oimg
 
Ti ringrazio per il rosso,da me usa del Refosco dal peduncoilo rosso non so da te.

Per il resto posso dirti che finchè il mondo continuerà a vivere sui grafici la pancia se la riempiranno in pochi eletti.

La sostanza alla fine rimane la stessa, pochi godono e molti piangono ingnoranza o non ignoranza .:bye:
 
Io invece ti dico che la massa starà sempre peggio finchè si continuerà con le fesserie populiste di ispirazione marxista.

La massa starà meglio quando la si finirà con queste scemenze e si comincerà a vedere la realtà per quello che è, e si ricomincerà dalle regole BASE della convivenza civile.

Cominciando da una regola molto semplice: NON SI RUBA, a nessun livello. Punto.
 
Bollino rosso per te. OK!

E' assolutamente OVVIO che ci siano discrepanze del genere.
Anche in un paese dove TUTTI guadagnano e consumano UGUALE si creano discrepanze del genere, per il banale fatto che durante la vita si LAVORA E SI ACCUMULANO RISPARMI, che rendono la distribuzione della ricchezza diseguale: un 50enne avrà più ricchezza di un 20enne, come è OVVIO.

Tra l'altro questi valori sono probabilmente tra i più bassi tra i paesi sviluppati, nettamente inferiori rispetto agli Usa ma anche rispetto alla Francia.

Se non foste IGNORANTI nel profondo del vostro rancore ideologico lo sapreste.

Chi vuole uscire un po' dall'ignoranza, può cominciare a leggere cose come questa: | noiseFromAmeriKa

oimg


oimg

Un modellino semplice (come afferma l'autore) e astratto che non risponde alle variabili presenti nella realtà...leggiti il post di commento del 16/2/2011 14:19...e la risposta dell'autore.....non figurano gli interessi!!!!!!!Forse c'è un certo interesse sotto sotto...:cool:
 
Un modellino semplice per capire che anche in una società di persone PERFETTAMENTE UGUALI si hanno concentrazioni della ricchezza del tutto simili alla nostra.

Ovvio che sia semplificato, ma il concetto è molto chiaro ed indiscutibile.

Se è per questo non ha neppure senso che tutti siano perfettamente uguali, ragion per cui sarebbe persino più sensato stupirsi per una concentrazione COSI' BASSA.
 
Oggi 13/12/2012 da Banca D'Italia:

La Banca d'Italia mostra anche come la distribuzione della ricchezza sia caratterizzata da una grande disparità. Il 45,9%della ricchezza della nazione è concentrato nelle mani del 10% della popolazione.


Altro che statali pensionati sanità art 18 che divorano ricchezza.
Qui il 10% degli italiani possiede il 50% della ricchezza,di cosa stiamo parlando allora?
Se non si applica una vera patrimoniale non se ne uscirà mai più.

REDISTRIBUZIONE questo devono promettere i politici alle prossime elezioni.

la concentrzione della ricchezza è, tra tutte, la maggiore causa dell'involuzione economica e sociale dei paesi a capitalismo maturo

non c'è mai sta un'epoca della storia in cui una concentrazione della ricchezza non sia stata seguite da una stabile fase di recessione economica e involuzione della società
 
Io invece ti dico che la massa starà sempre peggio finchè si continuerà con le fesserie populiste di ispirazione marxista.

La massa starà meglio quando la si finirà con queste scemenze e si comincerà a vedere la realtà per quello che è, e si ricomincerà dalle regole BASE della convivenza civile.

Cominciando da una regola molto semplice: NON SI RUBA, a nessun livello. Punto.

Ma neanche stupide astrazioni senza aderenza con la realtà...non si truffa....Punto e virgola
 
Un modellino semplice per capire che anche in una società di persone PERFETTAMENTE UGUALI si hanno concentrazioni della ricchezza del tutto simili alla nostra.

Ovvio che sia semplificato, ma il concetto è molto chiaro ed indiscutibile.

Se è per questo non ha neppure senso che tutti siano perfettamente uguali, ragion per cui sarebbe persino più sensato stupirsi per una concentrazione COSI' BASSA.
Ma il post segnalato l'hai letto??
 
la concentrzione della ricchezza è, tra tutte, la maggiore causa dell'involuzione economica e sociale dei paesi a capitalismo maturo

non c'è mai sta un'epoca della storia in cui una concentrazione della ricchezza non sia stata seguite da una stabile fase di recessione economica e involuzione della società

C'è solo fase nella Storia che viene chiamata capitalismo maturo......confronti non si possono fare...forse intendi crisi...
 
Oggi 13/12/2012 da Banca D'Italia:

La Banca d'Italia mostra anche come la distribuzione della ricchezza sia caratterizzata da una grande disparità. Il 45,9%della ricchezza della nazione è concentrato nelle mani del 10% della popolazione.


Altro che statali pensionati sanità art 18 che divorano ricchezza.
Qui il 10% degli italiani possiede il 50% della ricchezza,di cosa stiamo parlando allora?
Se non si applica una vera patrimoniale non se ne uscirà mai più.

REDISTRIBUZIONE questo devono promettere i politici alle prossime elezioni.

che qazzata sesquipedale
mi perdonino i pedali :asd:

è una delle curve più PIATTE del mondo occidentale :specchio:

inutile tirarla in ballo per giustificare la RAPINA di un'altra patrimoniale
perchè più d'una già c'è, lo sapete vero? è per quello che è piatta :cool:
 
Io invece ti dico che la massa starà sempre peggio finchè si continuerà con le fesserie populiste di ispirazione marxista.

La massa starà meglio quando la si finirà con queste scemenze e si comincerà a vedere la realtà per quello che è, e si ricomincerà dalle regole BASE della convivenza civile.

Cominciando da una regola molto semplice: NON SI RUBA, a nessun livello. Punto.

:clap::clap::bow:
 
Ma neanche stupide astrazioni senza aderenza con la realtà...non si truffa....Punto e virgola

Non è affatto una "stupida astrazione".
E' un concetto molto molto semplice cui scommetto quasi nessuno di quelli che legge aveva mai pensato.

Vuol dire che la maggior parte di coloro che invocano la patrimoniale vogliono farla pagare ai loro genitori o nonni.

Dici che lo sanno?

Il post di "pierre" l'ho letto e non capisco proprio in che modo dovrebbe confutare il banale concetto espresso.
 
Non è affatto una "stupida astrazione".
E' un concetto molto molto semplice cui scommetto quasi nessuno di quelli che legge aveva mai pensato.

Vuol dire che la maggior parte di coloro che invocano la patrimoniale vogliono farla pagare ai loro genitori o nonni.

Dici che lo sanno?

Il post di "pierre" l'ho letto e non capisco proprio in che modo dovrebbe confutare il banale concetto espresso.
Se lo hai letto non puoi far finta di non capire.....siamo su un forum di finanza....quindi se astrai dal modello il concetto ( e la pratica) di interesse (fai finta,per "comodità", che non esista.....) il modello vale per ciò che è...pura astrazione astratta....acqua fresca...ma neanche
 
Oggi 13/12/2012 da Banca D'Italia:

La Banca d'Italia mostra anche come la distribuzione della ricchezza sia caratterizzata da una grande disparità. Il 45,9%della ricchezza della nazione è concentrato nelle mani del 10% della popolazione.


Altro che statali pensionati sanità art 18 che divorano ricchezza.
Qui il 10% degli italiani possiede il 50% della ricchezza,di cosa stiamo parlando allora?
Se non si applica una vera patrimoniale non se ne uscirà mai più.

REDISTRIBUZIONE questo devono (promettere) fare i politici (alle prossime elezioni) al più presto.

Faccio mio il post iniziale...correggendolo un poco
 
Se lo hai letto non puoi far finta di non capire.....siamo su un forum di finanza....quindi se astrai dal modello il concetto ( e la pratica) di interesse (fai finta,per "comodità", che non esista.....) il modello vale per ciò che è...pura astrazione astratta....acqua fresca...ma neanche

Io non faccio finta di non capire.
Spiegamelo tu.

Se ci metti gli interessi in che modo viene confutato il banale concetto base?
 
Io non faccio finta di non capire.
Spiegamelo tu.

Se ci metti gli interessi in che modo viene confutato il banale concetto base?
Beh questa, messa così piatta piatta, non me l'aspettavo....il concetto del danaro come merce....vedo che in altre discussioni parli di capitale produttivo...hai un piccolo vuoto qui??!...guarda ti posto direttamente la "replica" dell'autore del modellino.....:

"Domanda tutt'altro che tonta Pierre. Guarda, per questo esempio me la posso cavare così: tutti i soldi vengono investiti all'estero perché Rawlslandia è una società senza crescita e che usa solo lavoro e non capitale. Ma è un trucchetto da quattro soldi.:mmmm:

La questione che tu sollevi è che quando si risparmia in realtà si accumula capitale. Questo ha effetti sia sul potenziale produttivo dell'economia sia sui prezzi, in particolare l'interesse che il capitale può pagare. Hai perfettamente ragione, ma questo complicherebbe oltremodo il modellino che è disegnato per fare un punto molto semplice: misure statiche della dispersione della ricchezza possono non riflettere accuratamente la reale disuguaglianza esistente nella società. Quando si cerca di illustrare un punto è bene farlo usando il modello più semplice possibile, e questo ho fatto nel post. Le complicazioni si possono introdurre dopo per vedere se contraddicono le conclusioni iniziali.

Per quel che posso dire c'è almeno un effetto importante della accumulazione di capitale che non viene tenuto in conto nel modellino in cui (implicitamente) la riccheza si porta all'estero: società più ricche saranno più produttive e quindi in grado di sostenere livelli di consumo più elevato. Quindi la parte su ''ricchezza e welfare'' andrebbe un po' qualificata dicendo che, anche se resta vero che welfare e ricchezza non sono necessariamente sinonimi, in genere una qualche correlazione positiva ce la possiamo aspettare dato che maggiore ricchezza è correlata a maggiore prodotto e maggiore consumo."sandro brusco

Adesso è abbastanza chiaro??? Credo proprio di si...quindi prima di propalare (anche un po' arrogantemente.....) astrazioni di costruzioni fantasocioeconomiche....accertati bene che non siano clamorose .....bufale!!!
 
Ultima modifica:
Indietro