investimenti in polizze vita o fregature?

rafaelison

Nuovo Utente
Registrato
19/3/01
Messaggi
1.073
Punti reazioni
35
ciao a tutti
controllando la contabilità di mio padre vedo che il riscatto di 15 anni di polizza vita è stato tramutato su consiglio del suo assicuratore in due polizze,una vita ed una medica.il problema è che mio padre ha 72 anni e leggendo la furbesca nota informativa questa polizza ha validità solo se l'assicurato non supera i 63 anni.
questa la prima mossa disonesta,poi il 2,5% di tasse e circa 120.000 £ di spese.
Con queste si è bruciato parte dei miseri interessi maturati in questi anni visto che le imposte non le può dedurre(invalido).
terza fregatura il riscatto,per il primo anno gli viene rimborsato il 97% del capitale versato e al terzo anno l'eventuale gain con capitale.
Massima imbecillità poi dell'indicizzazione della polizza-fondo (euro blu chips) con perdite che vi lascio immaginare,
per metà global bond però questa conun 1,2% dispese annue quindi 0 rendita.
ma la cosa più odiosa lo spergiurare del "promotore"sul riscatto in qualsiasi momento dei risparmi,è vero li può riscattare come da lui chiesto pochi giorni addietro,con un piccolo problema che dopo sei mesi,gentilmente gli verrà restituito metà del capitale.
Esiste la possibilità di intervenire in qualche modo?
 
rafaelison ha scritto:
...ed una (polizza) medica.Il problema è che mio padre ha 72 anni e leggendo la furbesca nota informativa questa polizza ha validità solo se l'assicurato non supera i 63 anni

Se la polizza è medica (e non è solo una copertura accessoria) ed è possibile sottoscriverla fino a 63 anni, allora non ha alcun effetto.

Se così fosse, mi sembra anche strano che la compagnia abbia accettato di stipularla, al di là delle cose false che ha potuto dire il venditore.

Se la copertura medica è solo una copertura accessoria ad una polizza con fini prevalenti diversi la cosa sarebbe "solo" (se "solo" è la parola giusta, ovvio, è non lo è) un modo per invogliare il sottoscrittore: per esprimere un giudizio completo dovrei comunque leggere i dettagli del contratto.
 
rafaelison ha scritto:
poi il 2,5% di tasse e circa 120.000 £ di spese

L'imposta del 2.5% sui premi versati (applicata fino al 31 12 2000) non dipende dalla compagnia perché era un'imposta, appunto.

Le 120.000 lire di spese dovrei sapere perché sono previste (in genere non sono esplicitate,e detratte dal premio versato), ma se si tratta di una clausola contrattuale non vedo margini di manovra.
 
rafaelison ha scritto:
il riscatto,per il primo anno gli viene rimborsato il 97% del capitale versato e al terzo anno l'eventuale gain con capitale

Siamo nella media delle polizze recenti, in passato avveniva molto di peggio.

Un po' strana la corresponsione dell'eventuale guadagno solo dopo il terzo anno: di solito si applica una penalità sul capitale maturato complessivamente senza distinzione, ma anche questa è una clausola che non vedo attaccabile in modo particolare.
 
rafaelison ha scritto:
...l'indicizzazione della polizza-fondo (euro blu chips) con perdite che vi lascio immaginare, per metà global bond però questa con un 1,2% di spese annue quindi 0 rendita

L'indicizzazione è tipica di questo tipo di polizze unit-linked. che poi polizze non sono, ma sono strumenti finanziari camuffati da polizza per godere delle prerogative di queste ultime, basti vedere cosa è previsto in caso di decesso dell'assicurato, spesso appena l'1% in più del capitale di per sé maturato.

Le spese ad esse collegate sono spesso elevate, anche se alcuna compagnie hanno iniziato a capire che non possono continuare a lungo a fregare la gente così, perché poi nessuno le sottoscrive.
 
rafaelison ha scritto:
ma la cosa più odiosa lo spergiurare del "promotore"

Enorme questione dei troppi rappresentanti-piazzisti-venditori di polizze, fondi, ecc. che ci sono in giro.

Io ne parlo spesso: ricevo anche tanti insulti via mail ogni volta che ne parlo, ma la realtà di tutti i giorni non si può nascondere.

Ci sono troppi (e parlo di migliaia di persone) rappresentanti-piazzisti-venditori che non sanno niente di mercati, di prodotti, ecc. e che raccontano solo fesserie alla gente pur di far firmare loro i contratti ed intascare provvigioni non da poco.

Un aspetto gravissimo è che una fesseria raccontata da un promotore, assicuratore, ecc. può far sentire i propri effetti per tantissimi anni, sotto forma di perdite finanziarie, portafogli bloccati, e tante altre situazioni spiacevoli personali e familiari, a volte anche molto pesanti.
 
ciao voltaire
vedo che hai analizzato in maniera " umana "una vicenda di soldi,ti ho postato questa cosa perchè si legge sempre più spesso di ricorsi in tribunale di persone che non ci stanno più ad essere fregate.I prodotti finanziari sono prodotti come tanti altri e se qualcuno mi vende o in mala fede o per incompetenza un "prodotto" che lede le mie esigenze e la mia buona fede è giusto che lo riconosca e in qualche modo paghi.
 
Il fatto è che quello che conta sono le firme sui contratti, e non le fesserie raccontate dal piazzista.

Verifica la polizza malattia: se davvero è stata fatta fuori età si può intervenire.
 
ma soprattutto puoi disdire il tutto entro 30 gg. , mandando raccomandata con ricevuta di ritorno,facendoti restituire il premio eventualmente gia' versato al netto delle spese assicurative gia' godute (ma qui generalmente non si paga nulla o quasi ,a meno che i capitali non siano molto elevati ,diciamo sopra i 300 mln ),quindi fai ancora in tempo.
per il resto ti ha gia' detto tutto voltaire
ciaoo
 
rieccomi dopo diversi giorni,il motivo è semplice,ho chiesto ragguagli in modo verbale presso l'agenzia e la risposta è stata che loro sono solo degli impiegati e vendono dei prodotti che vanno a "ruba" in tutta la nazione,per cui proprio non capivano perchè non fossi soddisfatto.
seconda mossa,raccomandata al responsabile (di non so cosa )
risposta "contratto regolarmente firmato dalle parti"per eventuali reclami esiste il foro competente (dall'altra parte del mondo)
per cui:polizze vita = voi mi date i vostri risparmi per svariati anni,noi ve li renderemo forse come quando e quanto ci farà comodo,non vi garba? esiste il foro competente cioè forse fra anni (complice il nostro sistema giudiziario)se avrete ragione viridaremo i vostri risparmi.
grazie
 
rafaelison ha scritto:
...prodotti che vanno a "ruba" in tutta la nazione...

Verissimo, perché tutte le compagnie vendono le stesse schifezze, e non essendoci alternativa si comprano schifezze che sembrano ottime perché nessuno ha termini di paragone con prodotti migliori.


rafaelison ha scritto:
....risposta "contratto regolarmente firmato dalle parti"...

Solo che bisognerebbe spiegare tutto prima della firma...
 
ecco uno dei punti nodali del sistema Italia: quando la giustizia civile e quella penale hanno tempi decennali (ultimo caso quello della moby prince, dopo 10 anni non si sa ancora chi sia il colpevole) non c'è più certezza del diritto, o meglio, chi è in posizione di forza (compagnie assicuratrici, ricchi, potenti, imprese) ha tutto il tempo per resistere e mandare le cose per le lunghe, contando sullo stato di necessità, sulla stanchezza provocata dalle lunghe attese dei più deboli.
E' la stessa situazione che nell'Ottocento e fino all'inizio del secolo scorso si presentò nelle lotte sindacali: all'inizio si disse che datori di lavoro e sindacati erano sullo stesso piano, per cui lo stato non doveva intervenire, poi si riconobbe lo stato di debolezza dei lavoratori (ad es. nel caso di lungi scioperi, che gli industriali coalizzati erano in grado di sopportare al contrario dei lavoratori)è nacque una legsilazione di tutela.
La cosa tragica è che tutti lo sanno, tutti si lamentano e nussono fa nulla. Per uscire dal generico: lo snellimento dei processi, lo smaltimento dell'arretrato, l'incremento del numero dei giudici e del personale ausiliario sono vere e proprie emergenze nazionali di cui i politici, ed in particolere i due candidati premier, sembrano che non si accorgano o che considerino problemi secondari o senza soluzione.
 
Indietro