investimento immobiliare in brasile

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
  • SONDAGGIO: Potrebbe interessarti una sezione "Trading Sportivo"?

    Ciao, ci piacerebbe sapere se potrebbe interessarti l'apetura di una nuova sezione dedicata unicamente al trading sportivo o betting exchange. Il tuo voto è importante perchè ci consente di capire se vale la pena pianificarla o no. Per favore esprimi il tuo voto, o No, nel seguente sondaggio: LINK.
    Puoi chiudere questo avviso premendo la X in alto a destra.

    Staff | FinanzaOnline

moneynewersleep

Utente Registrato
Registrato
17/10/11
Messaggi
256
Punti reazioni
12
salve a tutti ragazzi,
un mio amico ha in progetto di investire fuori italia e, possibilmente , fuori europa.
vorrebbe qualcosa da tenere lì, mettendolo a reddito, sperando nell incremento del mercato e rivaluzione successiva del suo immobile.
cosa ne pensate del brasile?
qualcunque notizia in vostro possesso, sono qui!
grazie
 
salve a tutti ragazzi,
un mio amico ha in progetto di investire fuori italia e, possibilmente , fuori europa.
vorrebbe qualcosa da tenere lì, mettendolo a reddito, sperando nell incremento del mercato e rivaluzione successiva del suo immobile.
cosa ne pensate del brasile?
qualcunque notizia in vostro possesso, sono qui!
grazie
Secondo questo sito Residential property markets and investments in Latin-America | Global Property Guide gli investimenti immobilari migliori attualmente si fanno in America Latina, nello specifico in Colombia,Panama,Uruguay e Perù.
 
Brasile, l'economia arriva ai Mondiali in pessima forma: il Pil cresce solo dello 0,2% - Il Sole 24 ORE

Brasile, l'economia arriva ai Mondiali in pessima forma: il Pil cresce solo dello 0,2%


L'economia brasiliana arriva ai Mondiali in una forma a dir poco precaria. I dati sul primo trimestre dell'anno diffusi ieri dall'Istituto di statistica fotografano un Paese in cui le aziende non investono e le famiglie stentano a consumare. Se non fosse per la spesa pubblica che sostiene artificialmente l'economia, il quadro sarebbe anche peggiore: così il presidente Dilma Rousseff, a caccia della rielezione il prossimo 5 ottobre, deve accontentarsi di un Pil in crescita di un misero 0,2% rispetto al trimestre precedente, quando già si era fermato a un poco gratificante +0,4%. Numeri più da vecchia Europa che da gigante emergente.

Il grande malessere
A ben vedere, i dati sono davvero preoccupanti. Il Brasile soffre da almeno tre anni di un malessere difficile da curare. Gli investimenti aziendali, frenati da infrastrutture arretrate e servizi pubblici inefficienti, sono in calo costante. La quota di investimenti privati sul Pil non arriva al 18%, uno dei tassi più bassi tra i grandi Paesi emergenti. I consumi sono stagnanti, depressi da un'inflazione superiore al 6% che riduce il potere d'acquisto dei salari. Quello zero virgola di crescita allora è solo il frutto di una spesa governativa generosa che continua a finanziare il welfare e le costruzioni popolari.

La ricetta di Dilma non funziona
Dilma Rousseff ci ha provato a rimettere in moto il gigante. Prima ha varato un piano di sviluppo delle infrastrutture da 300 miliardi di dollari, con la concessione a privati di autostrade, ferrovie, porti e aeroporti. Poi ha reso permanente un pacchetto di sgravi fiscali da 10 miliardi di dollari che riduce i contributi sociali e previdenziali a carico delle aziende in ben 56 settori industriali. Ma i risultati non si sono ancora visti. Le concessioni sono state un parziale flop, con l'eccezione degli aeroporti. E i tagli alle tasse sono una goccia nell'oceano di un sistema fiscale complicato e burocratico diviso tra livello federale e statale. I sondaggi vedono la Rousseff sempre favorita ma i consensi per lei sono in calo.

Tassi d'interesse all'11% per frenare l'inflazione
Non è certo il credito la leva che può far ripartire l'economia. La Banca centrale, per tenere a bada l'inflazione, è stata costretta ad alzare i tassi d'interesse per nove volte consecutive portandoli all'11% e solo nell'ultima riunione di due giorni fa si è presa la prima pausa. Difficile pensare a una ripresa fondata sul credito con un costo del denaro a questi livelli.

L'incubo dei black-out
L'ultima tegola sulla testa di Dilma è stata la peggiore siccità degli ultimi quarant'anni che ha investito il Paese nei mesi scorsi, prosciugando le riserve delle centrali idroelettriche da cui proviene l'80% dell'elettricità del Paese. L'incubo del governo è di assistere a una serie di black-out durante i Mondiali di calcio, ma il ministro dell'Energia ha assicurato che nel 2014 non ci saranno razionamenti di energia.

Effetto Mondiali?
Non resta che sperare nell'effetto Mondiali. Il previsto arrivo di 600mila turisti potrebbe spingere il Pil di un buon mezzo punto, secondo le stime del governo. Gli economisti indipendenti prevedono un più modesto 0,2 per cento. Tutti intanto incrociano le dita sperando che l'evento mediatico globale non diventi una vetrina della frustrazione dei brasiliani e non trasformi la festa sportiva in un campo di battaglia.
 
In brasile i prezzi degli immobili sono già saliti in maniera mostruosa, l'economia ristagna con seri problemi da molti punti di vista, non mi sembra per nulla un buon momento per comprare un immobile lì. Poi chiaramente è un paese enorme e nicchie in cui l'acquisto può aver ancora senso è sicuro che ci siano, io parlo per rio/s.paolo/brasilia e per le classiche location turistiche "all'italiana" (salvador, natal, fortaleza)
 
Si Luciom, credo anch'io che sia un mercato pronto ad un serio ribasso...

Il mondiale ma soprattutto le olimpiadi saranno il canto del cigno del Brasile...già ora ci sono fortissimi tensioni a livello sociale...
 
parere

Ho sentito parlare bene di Panama......:yes::yes:
 
Panama qualche anno fa forse

Anche li e' stata ed e' una bolla fatta da capitali esteri e quasi sempre "loschi"


E' un paese (paesino) invivibile, sporco, umidita pazzesca, stile di vita modestissimo, popolazione pessima

Se dovete comprare all'estero comprate dove si vive bene, c'e sicurezza, istruzione ecc
 
Un paio di "sentito dire" :

1- un impiegato di banca che conosco ha il fratello in Brasile (non so dove di preciso) e questi si dedica solo a far soldi con il sistema compro terreno-> costruisco palazzina-> vendo palazzina->compro terreni etc.. Il sogno del bancario è mollare Londra e unirsi al fratello

2- una brasiliana di Sao Paulo mi dice che lì la bolla è ormai sul punto di esplodere, la gente non ha soldi e di case ne hanno fin troppe

Evidentemente il Brasile è enorme, quindi non mi sorprenderebbe che entrambe le opinioni siano veritiere, con forti differenze dovute alla diversa location.

Su Panama avevo scritto diversi post qui sul FOL, mi ero interessato parecchio a trasferirmi ed avevo preso qualche contatto in loco, ma il fatto che Panama City sia in bolla immobiliare è assolutamente conclamato!

Poi sono usciti anche diversi articoli giornalistici che la vendono come luogo ideale per pensionati e quindi oramai è una meta tuttaltro che da "scorprire".
 
Un paio di "sentito dire" :

1- un impiegato di banca che conosco ha il fratello in Brasile (non so dove di preciso) e questi si dedica solo a far soldi con il sistema compro terreno-> costruisco palazzina-> vendo palazzina->compro terreni etc.. Il sogno del bancario è mollare Londra e unirsi al fratello

2- una brasiliana di Sao Paulo mi dice che lì la bolla è ormai sul punto di esplodere, la gente non ha soldi e di case ne hanno fin troppe

Evidentemente il Brasile è enorme, quindi non mi sorprenderebbe che entrambe le opinioni siano veritiere, con forti differenze dovute alla diversa location.

Su Panama avevo scritto diversi post qui sul FOL, mi ero interessato parecchio a trasferirmi ed avevo preso qualche contatto in loco, ma il fatto che Panama City sia in bolla immobiliare è assolutamente conclamato!

Poi sono usciti anche diversi articoli giornalistici che la vendono come luogo ideale per pensionati e quindi oramai è una meta tuttaltro che da "scorprire".
Vivo in Brasile da 2 anni (nord-est) e posso confermare l' opzione 1 ... compro terreno- costruisco casa -vendo casa - compro terreno.. e se vince Dilma , con il programma "minha casa, minha vida" il brasiliano con salario medio/basso è incentivato all' acquisto della casa piuttosto che rimanere in affitto.
In questo settore siamo ben lontani dalla saturazione..
 
addirittura costruire
io passo e strapasso
 
Guardate i prezzi (queste sono le richieste)

gr%C3%A1fico-pre%C3%A7o-m%C3%A9dio.png


fate diviso 3 per averli in euro, e si parla di MEDIA dentro c'è fuffa orrenda dove un italiano normale per capirci si rifiuterebbe di abitare.

Ora ditemi con un pil pro capite un terzo di quello italiano, tassi dei mutui MOLTO MOLTO + alti (tra i + alti del mondo), e risparmio liquido delle famiglie in % al pil tra i + bassi, come possono anche solo lontanamente essere sostenibili prezzi così.

Cioè sarebbe come se il prezzo medio richiesto a napoli fosse 8k euro al metro, a palermo 7k, a barletta 5k e a roma 13k.

Questo dovrebbe farvi capire cosa intendo per bolla

images


images


Se volete entrare con queste dinamiche divertitevi...
 
L'errore che molti fanno è considerare il Brasile come un unica entità. e' invece una federazione di stati molto diversi uno dall'altro..Nelle grandi metropoli nessuno investe. compra solo chi vuole viverci ed effettivamente ci sono prezzi assurdi. Discorso diverso per chi vuole investire, qui si va a cercare zone turistiche in via di sviluppo ( e ce ne sono) o nel caso del "minha casa minha vida è buono investire in terreni in località vicine ai grandi centri .
 
L'errore che molti fanno è considerare il Brasile come un unica entità. e' invece una federazione di stati molto diversi uno dall'altro..Nelle grandi metropoli nessuno investe. compra solo chi vuole viverci ed effettivamente ci sono prezzi assurdi. Discorso diverso per chi vuole investire, qui si va a cercare zone turistiche in via di sviluppo ( e ce ne sono) o nel caso del "minha casa minha vida è buono investire in terreni in località vicine ai grandi centri .

Secondo te i prezzi salgono così solo perchè la gente ci va a vivere? cos'è una barzelletta?

Cmq fin dal primo post ho scritto che esistono luoghi molto meno in bolla.

Però non si può comprare da quelle parti senza parlare portoghese bene a mio avviso.

(nota, ho abitato in brasile 4 anni)
 
Secondo te i prezzi salgono così solo perchè la gente ci va a vivere? cos'è una barzelletta?

Cmq fin dal primo post ho scritto che esistono luoghi molto meno in bolla.

Però non si può comprare da quelle parti senza parlare portoghese bene a mio avviso.

(nota, ho abitato in brasile 4 anni)
Forse le barzellette le stai raccontando te.. tu ci hai abitato ..io ci vivo adesso...
Per quello che posso vedere nelle grandi città del nord-est i prezzi sono molto alti ma stabili , non stanno salendo affatto. Chiunque sa che non ci sono molti spazi di salita,percio' compra solo chi ha esigenza di abitarci. Parlo di cose che conosco e che vedo tutti i giorni.Altro discorso come dicevo in altre località... C'è una bella differenza fra comprare per viverci e comprare per investimento. Ma immagino che la Bibbia del Brasile sei te quindi....

Il fatto che poi bisogna parlare portoghese,conoscere la burocrazia e non comprare prima di capire come,dove e perché.. mi sembra ovvio.
 
Ultima modifica:
salve a tutti ragazzi,
un mio amico ha in progetto di investire fuori italia e, possibilmente , fuori europa.
vorrebbe qualcosa da tenere lì, mettendolo a reddito, sperando nell incremento del mercato e rivaluzione successiva del suo immobile.
cosa ne pensate del brasile?
qualcunque notizia in vostro possesso, sono qui!
grazie

Mio cugino ha investito in Venezuela... dice che è il momento migliore per l'elevata inflazione: compra e fra 20 anni si decuplica! :wall:
 
Forse le barzellette le stai raccontando te.. tu ci hai abitato ..io ci vivo adesso...
Per quello che posso vedere nelle grandi città del nord-est i prezzi sono molto alti ma stabili , non stanno salendo affatto. Chiunque sa che non ci sono molti spazi di salita,percio' compra solo chi ha esigenza di abitarci. Parlo di cose che conosco e che vedo tutti i giorni.Altro discorso come dicevo in altre località... C'è una bella differenza fra comprare per viverci e comprare per investimento. Ma immagino che la Bibbia del Brasile sei te quindi....

Il fatto che poi bisogna parlare portoghese,conoscere la burocrazia e non comprare prima di capire come,dove e perché.. mi sembra ovvio.

Hai scritto che nelle grandi metropoli si compra solo per abitare.

Le grandi metropoli sono rio e s. paulo con enorme distacco su tutto il resto, io di quelle parlavo.

Se poi mi dici che a salvador le case salgono meno e c'è meno acquisto per investimento ti credo, anche perchè non è difficile essere meno in bolla di rio :D
 
Mio cugino ha investito in Venezuela... dice che è il momento migliore per l'elevata inflazione: compra e fra 20 anni si decuplica! :wall:


potrebbe


il problema e' lo stato sociale, la corruzione, la mancanza di molti diritti civili

ho un amico che 10 anni fa mise su un patrimonio milionario, poi e' dovuto scappare riuscendo a portar via pochissimo con se


ha ancora tanti beni la ma che nessuno gli compra, in dollari

anche perche dei bolivar se ne fa un fico secco





io davvero capisco poco questa corsa verso paesi del 4' mondo ad inseguire fantomatiche rivalutazioni



i guadagni immobiliari si fanno anche in paesi sicuri e civili eh
 
Mio cugino ha investito in Venezuela... dice che è il momento migliore per l'elevata inflazione: compra e fra 20 anni si decuplica! :wall:

Secondo me è più giusto così: compera e tra qualche mese il governo si incamera la tua proprietà !!
 
Indietro