Investire 300k

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Buon pomeriggio esperti!
Ho 42 anni e un lavoro da dipendente, negli anni passati grazie al risparmio e sacrifici ho accumulato dei beni.
Per vari motivi il mio capitale è quasi esclusivamente liquido, ovvero esposto all'inflazione. Questa la mia situazione attuale:
Per il resto possiedo 300k di liquidità sul conto, piccolo bilocale di proprietà in piccola città di provincia.
Cosa mi consigliate di fare con i 300000 in questa difficile congiuntura?:mmmm::mmmm:
Il mio obiettivo è difendere il capitale dall'inflazione con ambizioni di crescita, non disdegnando una giusta percentuale di rischio.
:terrore:
 

fortune1

Fortuna Imperatrix Mundi
Registrato
7/2/12
Messaggi
899
Punti reazioni
54
Tra non molto "gli esperti" ti daranno consigli a go go.....
compra immobili, no anzi vai di titoli di Stato, piuttosto prendi CD che sono saliti, resta liquido aspettando i tassi BCE, acquista azionario che prima o poi la guerra finirà (...??), cash is King...!! E via discorrendo...
Io mi sono posto queste domande per la mia liquidità..
- Alla mia età conviene rischiare in azioni..?
- Memore di parenti con inquilini che hanno "cacciato" dopo tanti anni e tanta fatica , convengono immobili oltre alla prima casa?
- Hai in mente di formarmi una famiglia e dei figli ...? (coraggioso)...o sei e resterai single a vita (temerario)
- Ultimo ma non ultimo... Investi informato e non fare come me che sono super esposto in BTP (ai tassi attuali) ;)
 
Ultima modifica:

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Sono stato anche io molto esposto ai Btp in tempi passati, ma ora i rendimenti sono ancora bassi, potrei entrare con una piccola quota (qualcosa ho già) se lo spread impennasse.
Sull'immobiliare credo che sia una possibilità ma ci vuole tanto tempo per gestire una casa, figuriamoci due, per questo motivo non sono propenso a puntare sulla seconda casa per investimento.
Preferirei obbligazioni, etf ed anche azioni.
 

Long Player Special

So pure so cold
Registrato
11/12/21
Messaggi
1.689
Punti reazioni
135
Buon pomeriggio esperti!
Ho 42 anni e un lavoro da dipendente, negli anni passati grazie al risparmio e sacrifici ho accumulato dei beni.
Per vari motivi il mio capitale è quasi esclusivamente liquido, ovvero esposto all'inflazione. Questa la mia situazione attuale:
Per il resto possiedo 300k di liquidità sul conto, piccolo bilocale di proprietà in piccola città di provincia.
Cosa mi consigliate di fare con i 300000 in questa difficile congiuntura?:mmmm::mmmm:
Il mio obiettivo è difendere il capitale dall'inflazione con ambizioni di crescita, non disdegnando una giusta percentuale di rischio.
:terrore:
Manca qualche info, tipo il tuo orizzonte temporale, se avresti la possibilità di incrementare o meno gli investimenti, se preferisci accumulazione o distribuzione; indipendentemente la difesa dall'inflazione in questo momento richiede qualcosa di rischioso, strumenti difensivi già li hai, se vuoi cercare un 8% dovresti rivedere al rialzo la tua percentuale di rischio. Considera che l'inflazione a questi livelli non starà a lungo, potresti accontentarti di "perdere" un pochino in questo momento per pareggiarla in un futuro non lontanissimo
 

fortune1

Fortuna Imperatrix Mundi
Registrato
7/2/12
Messaggi
899
Punti reazioni
54
Sono stato anche io molto esposto ai Btp in tempi passati, ma ora i rendimenti sono ancora bassi, potrei entrare con una piccola quota (qualcosa ho già) se lo spread impennasse.
I tassi BTP saranno bassi, ma dipende anche dall'età anagrafica di chi li acquista, ovvero per me sono buoni.
Sull'immobiliare credo che sia una possibilità ma ci vuole tanto tempo per gestire una casa, figuriamoci due, per questo motivo non sono propenso a puntare sulla seconda casa per investimento.
Preferirei obbligazioni, etf ed anche azioni.
E qui nella tua domanda iniziale c'è anche la risposta , meglio di cosi....
 

fortune1

Fortuna Imperatrix Mundi
Registrato
7/2/12
Messaggi
899
Punti reazioni
54
Manca qualche info, tipo il tuo orizzonte temporale, se avresti la possibilità di incrementare o meno gli investimenti, se preferisci accumulazione o distribuzione; indipendentemente la difesa dall'inflazione in questo momento richiede qualcosa di rischioso, strumenti difensivi già li hai, se vuoi cercare un 8% dovresti rivedere al rialzo la tua percentuale di rischio. Considera che l'inflazione a questi livelli non starà a lungo, potresti accontentarti di "perdere" un pochino in questo momento per pareggiarla in un futuro non lontanissimo

Ottimo consiglio. Adatto anche ai diversamente giovani come me.
 

bow

Nuovo Utente
Registrato
24/10/12
Messaggi
3.061
Punti reazioni
678
Buon pomeriggio esperti!
Ho 42 anni e un lavoro da dipendente, negli anni passati grazie al risparmio e sacrifici ho accumulato dei beni.
Per vari motivi il mio capitale è quasi esclusivamente liquido, ovvero esposto all'inflazione. Questa la mia situazione attuale:
Per il resto possiedo 300k di liquidità sul conto, piccolo bilocale di proprietà in piccola città di provincia.
Cosa mi consigliate di fare con i 300000 in questa difficile congiuntura?:mmmm::mmmm:
Il mio obiettivo è difendere il capitale dall'inflazione con ambizioni di crescita, non disdegnando una giusta percentuale di rischio.
:terrore:

Anche senza concentrare ulteriormente sul debito italiano (o concentrando un altro po', ma non tutto) trovi rendimenti non negativi anche su obbligazioni europee di miglior rating dalla durata non eccessiva. Similmente trovi sul mercato conti deposito dove è facile avere un 2% l'anno.
Questo per la parte 'sicura'.

Per quella che punta alla crescita già hai capito qualcosa con il LifeStrategy80, che può essere affiancato da una pluralità di strumenti laddove il miglior suggerimento è diversificare senza perdere di vista la validità dei singoli "ingredienti".

Tenere troppo a lungo 300mila euro sul conto senza remunerazione è comunque un investimento, con l'unica certezza che il rendimento non può che essere negativo...
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Manca qualche info, tipo il tuo orizzonte temporale, se avresti la possibilità di incrementare o meno gli investimenti, se preferisci accumulazione o distribuzione; indipendentemente la difesa dall'inflazione in questo momento richiede qualcosa di rischioso, strumenti difensivi già li hai, se vuoi cercare un 8% dovresti rivedere al rialzo la tua percentuale di rischio. Considera che l'inflazione a questi livelli non starà a lungo, potresti accontentarti di "perdere" un pochino in questo momento per pareggiarla in un futuro non lontanissimo
1) orizzonte temporale lungo per la maggior parte del capitale (200K diciamo);
2) potrei incrementare con il reddito da lavoro che riesco a risparmiare (10k annui massimo);
3) non ho particolari preferenze tra accumulazione e distribuzione.
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
I tassi BTP saranno bassi, ma dipende anche dall'età anagrafica di chi li acquista, ovvero per me sono buoni.

E qui nella tua domanda iniziale c'è anche la risposta , meglio di cosi....
Intendevo bassi rispetto al rischio e rispetto alle quotazioni passate, durante le tempeste di spread ;)
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Pensavo anche di parcheggiare la liquidità al 3% con offerta libretto supersmart di poste italiane, ma sarebbe un parcheggio momentaneo che non copre nemmeno l'inflazione
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Anche senza concentrare ulteriormente sul debito italiano (o concentrando un altro po', ma non tutto) trovi rendimenti non negativi anche su obbligazioni europee di miglior rating dalla durata non eccessiva. Similmente trovi sul mercato conti deposito dove è facile avere un 2% l'anno.
Questo per la parte 'sicura'.

Per quella che punta alla crescita già hai capito qualcosa con il LifeStrategy80, che può essere affiancato da una pluralità di strumenti laddove il miglior suggerimento è diversificare senza perdere di vista la validità dei singoli "ingredienti".

Tenere troppo a lungo 300mila euro sul conto senza remunerazione è comunque un investimento, con l'unica certezza che il rendimento non può che essere negativo...
obbligazioni europee governative o corporate? Esempi?
strumenti consigliati per puntare alla crescita in questo momento?
Accetto volentieri consigli specifici, grazie :cincin:
 

bow

Nuovo Utente
Registrato
24/10/12
Messaggi
3.061
Punti reazioni
678
obbligazioni europee governative o corporate? Esempi?
strumenti consigliati per puntare alla crescita in questo momento?
Accetto volentieri consigli specifici, grazie :cincin:
EU000A3KTGV8 Sovranazionale Europa Next Generation tasso 0% quota 92 e scade a metà 2026... oltre 8% in 3 anni e mezzo.

FR0013286192 Titolo di Stato francese, cedola 0,75% quota 93 e scade maggio 2028... 7% in capitale +0,75% annuo (su 100) in 5 anni e mezzo.

DE0001102606 il Bund Tedesco 2032, decennale, sta sotto 100 (99,3) e paga cedola del 1,7% annuo.

XS2398707914 Obbligazione di Goldman Sachs (banca, grossetta), cedola 3% l'anno, scade 2032, si compra a 92,24 (quindi 7,75 + 3% su base 100 all'anno)

etc... etc... etc...

Comunque nell'ultima mesata le obbligazioni sono risalite, io guardo ai futuri aumenti dei tassi programmati anche come un'occasione per spuntare rendimenti migliori
 

rentier64

Lean Fire
Registrato
14/3/21
Messaggi
2.172
Punti reazioni
372
Buon pomeriggio esperti!
Ho 42 anni e un lavoro da dipendente, negli anni passati grazie al risparmio e sacrifici ho accumulato dei beni.
Per vari motivi il mio capitale è quasi esclusivamente liquido, ovvero esposto all'inflazione. Questa la mia situazione attuale:
Per il resto possiedo 300k di liquidità sul conto, piccolo bilocale di proprietà in piccola città di provincia.
Cosa mi consigliate di fare con i 300000 in questa difficile congiuntura?:mmmm::mmmm:
Il mio obiettivo è difendere il capitale dall'inflazione con ambizioni di crescita, non disdegnando una giusta percentuale di rischio.
:terrore:
Comincerei a proteggere il tuo poter d'acquisto dall'inflazione come da questo post vecchio di utente @ruppoli che ricopio qui dato che il vecchio link non lo trovo piu' dopo la migrazione sulla attuale nuova piattaforma:
Per ottenere un hedging fino al 5% di inflazione semestrale (equivalente ad un'inflazione annua del 10,25%) occorre sottoscrivere il BTP Italia Nov28 per un importo nominale 9 volte il budget famigliare semestrale che vogliamo proteggere.

Il BTP Italia come strumento di hedging sull'inflazione.


Visto l'interesse, ripropongo la strategia di copertura esposta alcuni mesi fa per il BTP Italia 1,6% Giu30, riformulata specificamente per il BTP Italia 1,6% Nov28 di imminente emissione.

Una possibile strategia consiste nell'adottare il BTP Italia 1,6% Nov28 come strumento di hedging sull'inflazione, a protezione delle spese correnti di una famiglia.

L'idea è molto semplice, supponiamo di avere un budget famigliare semestrale di 10000 Euro per le spese "core" che comprendono le spese alimentari, le bollette energetiche, i costi di carburante, i costi dei servizi, etc.

Supponiamo di voler bloccare il costo della vita per i prossimi 6 anni in modo tale che ogni semestre spenderemo sempre 10000 Euro per le spese core del nostro nucleo famigliare, a prescindere da quanto schizofrenica possa essere l'inflazione in questo decennio.

Con il BTP Italia 1,6% Nov28 possiamo confezionare una sorta di polizza assicurativa: basta sottoscrivere un valore nominale di 90000 Euro per ottenere la protezione fino al 5% di inflazione semestrale dei nostri 10000 Euro di budget famigliare semestrale e nel contempo ricevere una remunerazione sul valore nominale di circa l'1,6% lordo annuo (equivalente a spanne ad un conto deposito al 2% lordo annuo).

Quindi è come se noi investissimo 90000 Euro in un conto deposito al 2% lordo annuo per i prossimi 6 anni e incluso nel prezzo godessimo anche del blocco del costo della vita sul capitale assicurato di 10000 Euro semestrali (ovvero 20000 Euro di budget di spesa annuale).


La dimostrazione matematica di questa forma di hedging è abbastanza accessibile, supponiamo il caso peggiore dal quale vogliamo proteggerci ovvero un'inflazione semestrale del 5% protratta per 6 anni.

Il primo semestre la nostra spesa famigliare rincarerà del 5% costringendoci a sborsare al termine del semestre 10500 Euro.
Il secondo semestre dovremo spendere 11025 Euro, il terzo semestre 11576 Euro, etc.
Al termine del sesto anno (dopo 12 semestri) avremo speso complessivamente:

Spesa totale senza hedging = 10000 * [(1+0,05)^12 -1]/0,05 * (1+0,05) = 167130 Euro

La formula analitica convenientemente adottata rappresenta una rendita anticipata a quote costanti in regime di capitalizzazione composta, potete svilupparla manualmente o con Excel se preferite.

Il nostro obiettivo è quello di bloccare il costo della vita per cui vogliamo spendere complessivamente non più di 10000 Euro * 12 semestri = 120000 Euro.

Per proteggerci integralmente dall'inflazione massima prevista, la nostra "assicurazione" autoconfezionata dovrà rimborsarci la differenza ovvero 167130 - 120000 = 47130 Euro.

Ed ecco che il nostro BTP Italia, sottoscritto per un importo di 90000 Euro nominali ci garantirà complessivamente un rimborso di:

Totale cedole variabili = 90000 * 0,05 * 0,875 * 12 semestri = 47250 Euro (a protezione del budget semestrale assicurato di 10000 Euro).
Totale cedole fisse = 90000 * 1,05 * 0,008 * 0,875 * 12 semestri = 7938 Euro (come remunerazione del "conto deposito virtuale" di 90000 Euro, a cui occorre aggiungere 630 Euro di premio finale e togliere circa 1080 Euro totali di bolli).

In pratica per ottenere un hedging fino al 5% di inflazione semestrale (equivalente ad un'inflazione annua del 10,25%) occorre sottoscrivere il BTP Italia Nov28 per un importo nominale 9 volte il budget famigliare semestrale che vogliamo proteggere.

Per esempio, se voglio bloccare il costo della vita di un budget semestrale di 5000 Euro dovrò sottoscrivere 45000 Euro di BTP Italia Nov28.
Se voglio bloccare il costo della vita di un budget semestrale di 2000 Euro dovrò sottoscrivere 18000 Euro di BTP Italia Nov28.

L'inflazione potrà oscillare anche violentemente nei prossimi anni ma il potere di acquisto del nostro budget di spesa rimarrà immutato fino a scadenza, grazie alla protezione offerta dal BTP Italia.

N.B. il modello è stato revisionato e reso più rigoroso rispetto al precedente imponendo inflazione e budget di spesa su base semestrale, coerentemente con la cadenza semestrale di pagamento delle cedole.
 

Long Player Special

So pure so cold
Registrato
11/12/21
Messaggi
1.689
Punti reazioni
135
1) orizzonte temporale lungo per la maggior parte del capitale (200K diciamo);
2) potrei incrementare con il reddito da lavoro che riesco a risparmiare (10k annui massimo);
3) non ho particolari preferenze tra accumulazione e distribuzione.
Mi ripeto ma cerco di confrontarmi proponendo quello che farei io: 100k su cd Illimity, tra 5 anni avrai 14.800 euro, un extra mensile di circa 250 euro. I 200k li potresti dividere tra un lifestrategy 80 e un ETF S&P500. La maggior parte ti consiglierà invece di andare su un ETF mondiale, io invece credo che il presente ed il futuro della finanza sia in USA e che quindi investire in USA renda meglio.
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Comincerei a proteggere il tuo poter d'acquisto dall'inflazione come da questo post vecchio di utente @ruppoli che ricopio qui dato che il vecchio link non lo trovo piu' dopo la migrazione sulla attuale nuova piattaforma:
Per ottenere un hedging fino al 5% di inflazione semestrale (equivalente ad un'inflazione annua del 10,25%) occorre sottoscrivere il BTP Italia Nov28 per un importo nominale 9 volte il budget famigliare semestrale che vogliamo proteggere.

Il BTP Italia come strumento di hedging sull'inflazione.


Visto l'interesse, ripropongo la strategia di copertura esposta alcuni mesi fa per il BTP Italia 1,6% Giu30, riformulata specificamente per il BTP Italia 1,6% Nov28 di imminente emissione.

Una possibile strategia consiste nell'adottare il BTP Italia 1,6% Nov28 come strumento di hedging sull'inflazione, a protezione delle spese correnti di una famiglia.

L'idea è molto semplice, supponiamo di avere un budget famigliare semestrale di 10000 Euro per le spese "core" che comprendono le spese alimentari, le bollette energetiche, i costi di carburante, i costi dei servizi, etc.

Supponiamo di voler bloccare il costo della vita per i prossimi 6 anni in modo tale che ogni semestre spenderemo sempre 10000 Euro per le spese core del nostro nucleo famigliare, a prescindere da quanto schizofrenica possa essere l'inflazione in questo decennio.

Con il BTP Italia 1,6% Nov28 possiamo confezionare una sorta di polizza assicurativa: basta sottoscrivere un valore nominale di 90000 Euro per ottenere la protezione fino al 5% di inflazione semestrale dei nostri 10000 Euro di budget famigliare semestrale e nel contempo ricevere una remunerazione sul valore nominale di circa l'1,6% lordo annuo (equivalente a spanne ad un conto deposito al 2% lordo annuo).

Quindi è come se noi investissimo 90000 Euro in un conto deposito al 2% lordo annuo per i prossimi 6 anni e incluso nel prezzo godessimo anche del blocco del costo della vita sul capitale assicurato di 10000 Euro semestrali (ovvero 20000 Euro di budget di spesa annuale).


La dimostrazione matematica di questa forma di hedging è abbastanza accessibile, supponiamo il caso peggiore dal quale vogliamo proteggerci ovvero un'inflazione semestrale del 5% protratta per 6 anni.

Il primo semestre la nostra spesa famigliare rincarerà del 5% costringendoci a sborsare al termine del semestre 10500 Euro.
Il secondo semestre dovremo spendere 11025 Euro, il terzo semestre 11576 Euro, etc.
Al termine del sesto anno (dopo 12 semestri) avremo speso complessivamente:

Spesa totale senza hedging = 10000 * [(1+0,05)^12 -1]/0,05 * (1+0,05) = 167130 Euro

La formula analitica convenientemente adottata rappresenta una rendita anticipata a quote costanti in regime di capitalizzazione composta, potete svilupparla manualmente o con Excel se preferite.

Il nostro obiettivo è quello di bloccare il costo della vita per cui vogliamo spendere complessivamente non più di 10000 Euro * 12 semestri = 120000 Euro.

Per proteggerci integralmente dall'inflazione massima prevista, la nostra "assicurazione" autoconfezionata dovrà rimborsarci la differenza ovvero 167130 - 120000 = 47130 Euro.

Ed ecco che il nostro BTP Italia, sottoscritto per un importo di 90000 Euro nominali ci garantirà complessivamente un rimborso di:

Totale cedole variabili = 90000 * 0,05 * 0,875 * 12 semestri = 47250 Euro (a protezione del budget semestrale assicurato di 10000 Euro).
Totale cedole fisse = 90000 * 1,05 * 0,008 * 0,875 * 12 semestri = 7938 Euro (come remunerazione del "conto deposito virtuale" di 90000 Euro, a cui occorre aggiungere 630 Euro di premio finale e togliere circa 1080 Euro totali di bolli).

In pratica per ottenere un hedging fino al 5% di inflazione semestrale (equivalente ad un'inflazione annua del 10,25%) occorre sottoscrivere il BTP Italia Nov28 per un importo nominale 9 volte il budget famigliare semestrale che vogliamo proteggere.

Per esempio, se voglio bloccare il costo della vita di un budget semestrale di 5000 Euro dovrò sottoscrivere 45000 Euro di BTP Italia Nov28.
Se voglio bloccare il costo della vita di un budget semestrale di 2000 Euro dovrò sottoscrivere 18000 Euro di BTP Italia Nov28.

L'inflazione potrà oscillare anche violentemente nei prossimi anni ma il potere di acquisto del nostro budget di spesa rimarrà immutato fino a scadenza, grazie alla protezione offerta dal BTP Italia.

N.B. il modello è stato revisionato e reso più rigoroso rispetto al precedente imponendo inflazione e budget di spesa su base semestrale, coerentemente con la cadenza semestrale di pagamento delle cedole.
Aspetterò che scenda sotto il prezzo di rimborso OK!
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Mi ripeto ma cerco di confrontarmi proponendo quello che farei io: 100k su cd Illimity, tra 5 anni avrai 14.800 euro, un extra mensile di circa 250 euro. I 200k li potresti dividere tra un lifestrategy 80 e un ETF S&P500. La maggior parte ti consiglierà invece di andare su un ETF mondiale, io invece credo che il presente ed il futuro della finanza sia in USA e che quindi investire in USA renda meglio.
Avevo pensato ad un ETF in azioni americane, ma tra la caduta recente ed il dollaro forte non so se sia il giusto momento di entrata :shit:
 

fortune1

Fortuna Imperatrix Mundi
Registrato
7/2/12
Messaggi
899
Punti reazioni
54
Mi ripeto ma cerco di confrontarmi proponendo quello che farei io: 100k su cd Illimity, tra 5 anni avrai 14.800 euro, un extra mensile di circa 250 euro. I 200k li potresti dividere tra un lifestrategy 80 e un ETF S&P500. La maggior parte ti consiglierà invece di andare su un ETF mondiale, io invece credo che il presente ed il futuro della finanza sia in USA e che quindi investire in USA renda meglio.
Va bene, ma chiedo: chi come me ha passato i 20 anni da un pezzo, il Lifestrategy è consigliabile (ok nessuno ha la palla di cristallo)...?
 

lucagubello

Nuovo Utente
Registrato
30/8/22
Messaggi
125
Punti reazioni
1
EU000A3KTGV8 Sovranazionale Europa Next Generation tasso 0% quota 92 e scade a metà 2026... oltre 8% in 3 anni e mezzo.

FR0013286192 Titolo di Stato francese, cedola 0,75% quota 93 e scade maggio 2028... 7% in capitale +0,75% annuo (su 100) in 5 anni e mezzo.

DE0001102606 il Bund Tedesco 2032, decennale, sta sotto 100 (99,3) e paga cedola del 1,7% annuo.

XS2398707914 Obbligazione di Goldman Sachs (banca, grossetta), cedola 3% l'anno, scade 2032, si compra a 92,24 (quindi 7,75 + 3% su base 100 all'anno)

etc... etc... etc...

Comunque nell'ultima mesata le obbligazioni sono risalite, io guardo ai futuri aumenti dei tassi programmati anche come un'occasione per spuntare rendimenti migliori
Per la prima e la seconda , non è meglio un cd illimity al 4 lordo , se non si hanno minus da compensare....o forse sbaglio io

per la quarta ( gs) non ha la call ( come la nuova al 5)

Sempre per la prima, ho provato a cercare di acquistare il titolo ma è poco liquidi con spread alti .


Per l'ultima osservazione, se è vero che il mercato sconta tutto , ritieni possibile ( strutturalmente ) e non come previsione, ulteriori ribassi , vista la stagionalita' positiva di dicembre per i bond anche se " il mercato " ha gia' scontato i rialzi?