Investire 300k

Long Player Special

So pure so cold
Registrato
11/12/21
Messaggi
1.699
Punti reazioni
138
Va bene, ma chiedo: chi come me ha passato i 20 anni da un pezzo, il Lifestrategy è consigliabile (ok nessuno ha la palla di cristallo)...?
Penso sia consigliabile a chiunque esordisca dicendo che ha una propensione al rischio medio-bassa; magari si tratta di vedere se meglio un 20, 40, 60 o 80. Personalmente lo posseggo e lo ritengo estremamente tranquillo, forse fin troppo (80). Pure io anagraficamente ho superato da tempo i 20 anni, nel mio caso è utile per mitigare la volatilità totale del ptf, per altri potrebbe essere lo strumento più rischioso su cui investire ma non mi aspetto cali enormi, così come guadagni stellari d'altra parte...
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Penso sia consigliabile a chiunque esordisca dicendo che ha una propensione al rischio medio-bassa; magari si tratta di vedere se meglio un 20, 40, 60 o 80. Personalmente lo posseggo e lo ritengo estremamente tranquillo, forse fin troppo (80). Pure io anagraficamente ho superato da tempo i 20 anni, nel mio caso è utile per mitigare la volatilità totale del ptf, per altri potrebbe essere lo strumento più rischioso su cui investire ma non mi aspetto cali enormi, così come guadagni stellari d'altra parte...
Invece quale ETF S&P500 consigli?
 

bow

Nuovo Utente
Registrato
24/10/12
Messaggi
3.071
Punti reazioni
693
Per l'ultima osservazione, se è vero che il mercato sconta tutto , ritieni possibile ( strutturalmente ) e non come previsione, ulteriori ribassi , vista la stagionalita' positiva di dicembre per i bond anche se " il mercato " ha gia' scontato i rialzi?
Se alzeranno i tassi a dicembre (come faranno) si inizierebbe a creare un significativo scarto tra i tassi bancari ed il rendimento delle obbligazioni in assenza di ulteriori ribassi.
Come dici tu inizia a convenire il conto deposito rispetto all'obbligazione lunga... come fa a reggersi il funding in questo modo senza un Quantitative Easing che regge il banco?
Ecco, questa mi sembrerebbe una ragione strutturale per raggelare le ondate euforiche.
 

lucagubello

Nuovo Utente
Registrato
30/8/22
Messaggi
125
Punti reazioni
1
Vincolato non svincolabile per 5 anni non è uno scherzo
certo, ma ai meno esperti ( tipo me ) si profila nella mente l'equivalenza cd = obbligazione corporate con più garanzie ( esempio del 4 lordo) , solo in questo momento storico intendo , non nel 2009 ( c'erano ancora i pct ) e nel 2012 ( con i btp che davano anche il 6\7)

In effetti 5 anni sono lunghi ma certe volte quando si investe in certe corporate da cassettista si tiene il capitale a scadenza e quindi per 5 anni.

Quindi , il pensiero ingenuo è , visto che la tassaz di un corporate è 26 e quella di un cd è = , quale corporate mi da' un 4 lordo e scade tra 5 anni ora e allora decido di andare sul cd.
 

santabrianza

Damm a trà
Registrato
15/4/17
Messaggi
2.520
Punti reazioni
307
Se alzeranno i tassi a dicembre (come faranno) si inizierebbe a creare un significativo scarto tra i tassi bancari ed il rendimento delle obbligazioni in assenza di ulteriori ribassi.
Come dici tu inizia a convenire il conto deposito rispetto all'obbligazione lunga... come fa a reggersi il funding in questo modo senza un Quantitative Easing che regge il banco?
Ecco, questa mi sembrerebbe una ragione strutturale per raggelare le ondate euforiche.
Scusami bow, sono un po' tonto.
Dimmi se ho capito bene:

Sono previsti aumenti dei tassi riconosciuti dai conti deposito.
Con un ulteriore aumento di questi, le obbligazioni diverrebbero meno appetibili.
Ti domandi come sia sostenibile il finanziamento di stati e/o società quando un conto remunerato ti garantisce di più di un titolo di debito a 10 anni.
Ossia credi che l'obbligazionario negli ultimi 2 mesi sia salito troppo/troppo in fretta e ti aspetti che torni a scendere dando nuove opportunità di ingresso.
Tutto giusto o non ho capito niente?

Però sono previsti anche aumenti dei tassi dalle banche centrali che hanno detto si di essere pronte a rallentare, ma stavano a tavoletta... Potrebbero alzare di 0.5 al posto di 0.75... e poi potrebbero fare altri 2 o 3 rialzo da 1/4 di punto per un 1-1.5% in più rispetto ad oggi tra 6/9 mesi. Un treasury al 5/5.5% ad esempio o un emergenti al 7%.

Chiedo perché non mi sembrava che in questo mercato il 2,5% di cd FCA per dire sia regalato... Ricordiamoci sempre che hanno appena piazzato una tonnellata di btp indicizzati ad inflazione + 1,6% e che l'inflazione non sarà 0 come il decennio passato.

Una tua opinione più elaborata mi aiuterebbe a sviluppare maggiormente la mia se ne avessi tempo
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Cosa pensate invece di queste azioni: Bayer, Continental, Leonardo, Enel?
 

faggizio

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
7/9/08
Messaggi
108
Punti reazioni
13
Cosa pensate invece di queste azioni: Bayer, Continental, Leonardo, Enel?
Ciao Lupo, lascia stare le azioni singole, è da pazzi, non ha alcun senso nel tuo caso.

Avendo la tua età, se non sono invadente, volevo sapere come hai risparmiato in modo da avere 300K ed un bilocale. È frutto di solo risparmio, o da altre entrate tipo eredità? Scusa la domanda personale, ma essendo entrambi dell'80 mi sto chiedendo se ho sbagliato qualcosa.

Io consiglio un mix tra BTP (erano però più appetibili un mese fá), CD (attenderei, e lo sto facendo anche io, l'anno prossimo), ed ETF. Per la quota in ETF è fondamentale prima studiarli, e soprattutto capire se preferisci l'accumulazione e la distribuzione. L'accumulazione ti darà un maggiore rendimento nel lungo periodo, essendo i dividenti redistribuiti e non tassati di anno in anno, la distribuzione ti darà delle cedole da utilizzare o reinvestire. Nel mio caso non ho avuto dubbi, ho scelto l'accumulazione per i "benefit fiscali" dei dividendi che non vengono tassati di anno in anno. Studia, capisci cosa vuoi, il tuo orientamento al rischio ... E poi vai di Lifestrategy o in alternativa come ho fatto io, fatti un paniere di ETF misto tra azionari ed obbligazionari. (io ho impiegato mesi di studi per comporlo). Non disdegnare un 1% / 2% di cryptovalute. (ci sono degli ETN/ETC che ti permettono di investirci)
 

easyand87

Nuovo Utente
Registrato
4/3/20
Messaggi
318
Punti reazioni
13
Thread interessante, mi chiedo se con un capitale di 100 o 500 sarebbe sostanzialmente differente o semplicemente “scalato” al rialzo o ribasso.
 

bankomatto

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
125
Punti reazioni
26
Thread interessante, mi chiedo se con un capitale di 100 o 500 sarebbe sostanzialmente differente o semplicemente “scalato” al rialzo o ribasso.

Sostanzialmente verrebbe scalato. Che un portafoglio sia di 100k o 500k poco cambia in termini di allocazione, dipende ciò da altri fattori. (Rischio, durata, aspettative, ecc.).
 

consindip

Nuovo Utente
Registrato
18/7/08
Messaggi
5.721
Punti reazioni
347
Ciao, le informazioni che indichi sono assolutamente insufficienti, parlo sopratutto di pianificazione.

Hai evidenziato un orizzonte temporale ma di fronte ad una possibile soluzione (parziale) cioè ETF azioni USA ti chiedi se sia il momento giusto per entrare e/o se il dollaro sia troppo forte.

Il consiglio che posso dare è:

1) - inizia a studiare molto almeno quella ventina di testi base per formarti una preparazione che ti consenta di capire che nell'investimento a lungo termine ragionare in termini valutari tra euro dollaro sia molto fuorviante; il mercato azionario USA potrebbe risultare molto poco remunerativo comprando un indice generico per i prossimi anni oppure molto remunerativo avendo le idee più chiare e attuando una strategia flessibile
2) - se non hai tempo e/o voglia di studiare e applicarti, cerca un valido consulente finanziario e delega a lui la consulenza

Hai appena posto un quesito e già hai raccolto una bella raccolta di suggerimenti su vari strumenti in base alle idee personali (legati alle rispettive visioni del mondo) di alcuni folisti. Il punto centrale è che sono idee in ordine sparso, manca una visione ad ampio raggio ed una analisi macroeconomica di rilievo, peccato perchè con la cifra indicata si possono fare davvero molte cose interessanti.
 

consindip

Nuovo Utente
Registrato
18/7/08
Messaggi
5.721
Punti reazioni
347
Thread interessante, mi chiedo se con un capitale di 100 o 500 sarebbe sostanzialmente differente o semplicemente “scalato” al rialzo o ribasso.
Ciao, per esperienza pratica posso assicurare che cambia anche se risulta difficile fare confronti. Con un capitale più ampio si può ampliare il numero di strumenti, riservando a ciascuno un importo corretto ma non troppo esiguo. Chi dice che bastino pochi strumenti di solito si confronta con i backtest e/o con la propria situazione personale sulla quale (a volte, non sempre) non è in grado di fare i calcoli corretti. Migliaia di commenti e nessuno (o quasi nessuno) che parli di volatilità, di indice di Sharpe, di MxDD, o IR per non parlare degli altri indici di valutazione di un portafoglio finanziario.
 
Ultima modifica:

consindip

Nuovo Utente
Registrato
18/7/08
Messaggi
5.721
Punti reazioni
347
Cosa pensate invece di queste azioni: Bayer, Continental, Leonardo, Enel?
Ciao, perchè proprio queste 4? Si può anche investire la parte azionaria utilizzando azioni ma per comporre un portafoglio azionario abbastanza diversificato per settori, titoli, ecc. occorrono non meno di 40 titoli. Poi ci possono essere settori e/o titoli difficilmente investibili in modo diretto per cui si ricorre a ETF, quindi può essere utile un mix di titoli e ETF. Per investire in azioni direttamente occorre una strategia e una buona conoscenza di analisi fondamentale, quindi si ritorna al punto che ho indicato in precedenza cioè parecchio studi, molta preparazione e una attività quotidiana di monitoraggio.
 

balcarlo

ama il tuo prossimo
Registrato
24/1/02
Messaggi
20.763
Punti reazioni
1.995
Buon pomeriggio esperti!
Ho 42 anni e un lavoro da dipendente, negli anni passati grazie al risparmio e sacrifici ho accumulato dei beni.
Per vari motivi il mio capitale è quasi esclusivamente liquido, ovvero esposto all'inflazione. Questa la mia situazione attuale:
Per il resto possiedo 300k di liquidità sul conto, piccolo bilocale di proprietà in piccola città di provincia.
Cosa mi consigliate di fare con i 300000 in questa difficile congiuntura?:mmmm::mmmm:
Il mio obiettivo è difendere il capitale dall'inflazione con ambizioni di crescita, non disdegnando una giusta percentuale di rischio.
:terrore:
Ciao, per difendere il capitale dall'inflazione, potresti orientarti su titoli indicizzati, quindi BTP Italia di cui vedo già una percentuale in portafoglio che potresti incrementare con lo stesso titolo ma senza CUM (IT0005497000) e BTPi. Potresti aaggiungere anche questo: Btp Italia Ot27 Eur IT0005388175 e, come BTPi, il Btpi Tf 0,1% Mg33 Eur IT0005482994 e, perchè no, il lunghissimo Btpi Tf 0,15% Mg51 Eur IT0005436701. Questo per la parte diciamo più "tranquilla", per la percentuale con maggior grado di rischio andrei cui certificati d'investimento e qui c'è solo l'imbarazzo della scelta, moltissime emissioni interessanti soprattutto fra i cash collect a capitale condizionatamente protetto.

 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Ciao Lupo, lascia stare le azioni singole, è da pazzi, non ha alcun senso nel tuo caso.

Avendo la tua età, se non sono invadente, volevo sapere come hai risparmiato in modo da avere 300K ed un bilocale. È frutto di solo risparmio, o da altre entrate tipo eredità? Scusa la domanda personale, ma essendo entrambi dell'80 mi sto chiedendo se ho sbagliato qualcosa.

Io consiglio un mix tra BTP (erano però più appetibili un mese fá), CD (attenderei, e lo sto facendo anche io, l'anno prossimo), ed ETF. Per la quota in ETF è fondamentale prima studiarli, e soprattutto capire se preferisci l'accumulazione e la distribuzione. L'accumulazione ti darà un maggiore rendimento nel lungo periodo, essendo i dividenti redistribuiti e non tassati di anno in anno, la distribuzione ti darà delle cedole da utilizzare o reinvestire. Nel mio caso non ho avuto dubbi, ho scelto l'accumulazione per i "benefit fiscali" dei dividendi che non vengono tassati di anno in anno. Studia, capisci cosa vuoi, il tuo orientamento al rischio ... E poi vai di Lifestrategy o in alternativa come ho fatto io, fatti un paniere di ETF misto tra azionari ed obbligazionari. (io ho impiegato mesi di studi per comporlo). Non disdegnare un 1% / 2% di cryptovalute. (ci sono degli ETN/ETC che ti permettono di investirci)
Nessuna eredità, sono partito da zero ho solo lavorato e risparmiato. Grazie per i suggerimenti, purtroppo mi manca il tempo per studiare, non la passione, per questo preferisco investimenti da "cassettista".
 

lupo80

Nuovo Utente
Registrato
7/4/09
Messaggi
59
Punti reazioni
0
Ciao, per difendere il capitale dall'inflazione, potresti orientarti su titoli indicizzati, quindi BTP Italia di cui vedo già una percentuale in portafoglio che potresti incrementare con lo stesso titolo ma senza CUM (IT0005497000) e BTPi. Potresti aaggiungere anche questo: Btp Italia Ot27 Eur IT0005388175 e, come BTPi, il Btpi Tf 0,1% Mg33 Eur IT0005482994 e, perchè no, il lunghissimo Btpi Tf 0,15% Mg51 Eur IT0005436701. Questo per la parte diciamo più "tranquilla", per la percentuale con maggior grado di rischio andrei cui certificati d'investimento e qui c'è solo l'imbarazzo della scelta, moltissime emissioni interessanti soprattutto fra i cash collect a capitale condizionatamente protetto.

Potresti citarmi una o due emissioni interessanti fra i certificati di investimento? Grazie
 

ciccino53

Nuovo Utente
Registrato
19/11/11
Messaggi
1.445
Punti reazioni
72
Allora piu che chiedere consigli ne devi dare….