Investire in crediti fiscali: conviene?

gonzalito76

Nuovo Utente
Registrato
18/12/08
Messaggi
1.225
Punti reazioni
67
Non e' assolutamente un attivo...

Puoi elaborare come gira in partita doppia il "money due" all'impresa per la commessa e l'acquisto a sconto da parte di un terzo, in modo da poter escludere rischi di azione revocatoria?
 

jos611

Nuovo Utente
Registrato
16/12/16
Messaggi
142
Punti reazioni
9
I crediti generati da superbonus sono attualmente a 4 anni, dunque il rendimento e' ancora superiore.

Non è ancora stato chiarito definitivamente se il credito maturato direttamente, da privato ed escludendo il sostituto di imposta, sia fruibile in maniera orizzontale (imu e tutto cio' che si paga con F24) come sostiene Nemor: puoi indicare un link di articolo a riguardo?
 

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.663
Punti reazioni
1.107
I crediti generati da superbonus sono attualmente a 4 anni, dunque il rendimento e' ancora superiore.

Non è ancora stato chiarito definitivamente se il credito maturato direttamente, da privato ed escludendo il sostituto di imposta, sia fruibile in maniera orizzontale (imu e tutto cio' che si paga con F24) come sostiene Nemor: puoi indicare un link di articolo a riguardo?

E' pieno di articoli in rete.

https://studioprofessionale.info/wp...TO-DIMPOSTA-UTILIZZABILE-IN-COMPENSAZIONE.pdf

Se il contribuente si limita a trasformarlo in credito d’imposta (senza cessione), può usarlo per compensare imposte diverse, anche l’Irap, l’Imu, oltre che l’Inps dipendenti, commercianti, artigiani o agricoltori.

Su tutto cio' che si paga con F24 non so, io mi limito all'IMU, il resto il commercialista quando fa la dichiarazione dei redditi ( sono dipendente ed ho degli immobili in affitto, alcuni con cedolare secca, altri senza )
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
Puoi elaborare come gira in partita doppia il "money due" all'impresa per la commessa e l'acquisto a sconto da parte di un terzo, in modo da poter escludere rischi di azione revocatoria?

Il credito di imposta da bonus edilizi NON PUO essere chiesto a rimborso (ne nella sua forma originaria di detrazione ne in quella post-cessione di credito fiscale) ed esiste solo in funzione della compensazione di un tributo. Quindi prima deve esistere il tributo, in assenza di tributo dovuto non esiste valorizzazione del credito.
Ora puoi attaccargli tutti i termini IFRS o GAAP che vuoi ma la sostanza e' quella.

In una situazione fallimentare la cessione AUMENTA la liquidità dell'azienda che da zero (valore del credito in assenza di tributi futuri da pagare) viene valorizzata a "qualcosa" qualunque essa sia. Contestare una condotta del genere ad un amministratore o invocare la revocatoria sarebbe un cosa del tutto infondata oltre che probabilmente penalmente rilevante in quanto danneggerebbe i creditori...
 
Ultima modifica:

gonzalito76

Nuovo Utente
Registrato
18/12/08
Messaggi
1.225
Punti reazioni
67
Il c

In una situazione fallimentare la cessione AUMENTA la liquidità dell'azienda che da zero (valore del credito in assenza di tributi futuri da pagare) viene valorizzata a "qualcosa" qualunque essa sia. Contestare una cosa del genere ad un amministratore o invocare la revocatoria e' una condotta infondata oltre che probabilmente penalmente rilevante in quanto danneggia i creditori...

Anche se un impresa pre-fallimento cede un qualunque attivo, ad esempio immobiliare, in contropartita di cash per definizione la liquidità dell'impresa aumenta, ma questo non esclude a prescindere una potenziale azione revocatoria in caso di fallimento in quanto l'asset potrebbe essere stato ceduto ad un prezzo artificiosamente molto sotto il "fair value".

Ora, per definizione io sto dando liquidità ad una impresa valorizzando "un qualcosa" (così evitiamo temi di semantica) a sconto.

Si può escludere a priori con assoluta certezza (e su quali basi) in caso di successivo fallimento una contestazione sulla fairness dell'operazione?
 

Deutschland

Nuovo Utente
Registrato
12/11/19
Messaggi
7
Punti reazioni
0
Ma giusto per chiarire...che convenienza hanno questi crediti se la differenza tra credito e acquisto diventa reddito e soggetto a tassaazione IRPEF secondo il proprio scaglione?
Ci si perde subito alla prima dichirazione dei redditi un 30% (media approssimiativa per un comune mortale)...poi ripeto, magari mi sbaglio e sono felice di essere contraddetto
 

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.663
Punti reazioni
1.107
Per quanto riguarda la cedolare secca, ho recuperato un F24 inviato all'ADE quando ho fatto la dichiarazione dei redditi ( purtroppo in ritardo quindi con una piccola sanzione, anche questa compensabile ) . Codice tributo cedolare secca 1841. Codice credito IRPEF 4001

cedsecca.jpg
 

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.663
Punti reazioni
1.107
Ma giusto per chiarire...che convenienza hanno questi crediti se la differenza tra credito e acquisto diventa reddito e soggetto a tassaazione IRPEF secondo il proprio scaglione?
Ci si perde subito alla prima dichirazione dei redditi un 30% (media approssimiativa per un comune mortale)...poi ripeto, magari mi sbaglio e sono felice di essere contraddetto

Quello che dici vale solo per le imprese, non per i dipendenti o i liberi professionisti.

https://www.studiobampo.it/post/tas...iscali-imprese-professionisti-persone-fisiche
 

brentford

Libberta'
Registrato
4/1/07
Messaggi
29.530
Punti reazioni
994
Ma giusto per chiarire...che convenienza hanno questi crediti se la differenza tra credito e acquisto diventa reddito e soggetto a tassaazione IRPEF secondo il proprio scaglione?
Ci si perde subito alla prima dichirazione dei redditi un 30% (media approssimiativa per un comune mortale)...poi ripeto, magari mi sbaglio e sono felice di essere contraddetto

Quello che mi chiedo anch'io... boh
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
Si può escludere a priori con assoluta certezza (e su quali basi) in caso di successivo fallimento una contestazione sulla fairness dell'operazione?

Credo di averlo gia spiegato.
I crediti di per se e in assenza di tributi da pagare non hanno alcun valore.
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
Ma giusto per chiarire...che convenienza hanno questi crediti se la differenza tra credito e acquisto diventa reddito e soggetto a tassaazione IRPEF secondo il proprio scaglione?
Ci si perde subito alla prima dichirazione dei redditi un 30% (media approssimiativa per un comune mortale)...poi ripeto, magari mi sbaglio e sono felice di essere contraddetto

Non diventa assolutamente reddito!
 

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.663
Punti reazioni
1.107
Quello che mi chiedo anch'io... boh

Scusa sto cercando di capire i vari invertenti..
Se sei una impresa allora un 20k annuo di credito da poter scontare e' facilmente raggiungibile, acquisisci il credito ad una somma x ( supponiamo IRR 8% come prima supposto su 5 anni ) e su 100-x ci paghi le tasse come e' giusto che sia.
Se invece sei un dipendente, piccolo professionista, devi avere un reddito annuo approssimativamente attorno 60/65k ( senza deduzioni ) per generare una imposta lorda sui 20k, in questo caso ogni anno per 5 anni puoi compensare nei modi previsti.
Onestamente io ci vedo una logica intorno a tutto cio'
 
Ultima modifica:

gonzalito76

Nuovo Utente
Registrato
18/12/08
Messaggi
1.225
Punti reazioni
67
Credo di averlo gia spiegato.
I crediti di per se e in assenza di tributi da pagare non hanno alcun valore.

Stai implicando che se l'impresa A vende al soggetto privato B 10.000.000 di nominale di crediti fiscali bonus facciate al prezzo di 5c (quando sulle piattaforme girano in media a 70c per 10 annualità) un istante prima del fallimento, l'operazione non sia in alcun modo passibile di azione revocatoria.

Ok.

Caveat emptor
 

brentford

Libberta'
Registrato
4/1/07
Messaggi
29.530
Punti reazioni
994
Scusa sto cercando di capire i vari invertenti..
Se sei una impresa allora un 20k annuo di credito da poter scontare e' facilmente raggiungibile, acquisisci il credito ad una somma x ( supponiamo IRR 8% come prima supposto su 5 anni ) e su 100-x ci paghi le tasse come e' giusto che sia.
Se invece sei un dipendente, piccolo professionista, devi avere un reddito annuo approssimativamente attorno 60/65k ( senza deduzioni ) per generare una imposta lorda sui 20k, in questo caso ogni anno per 5 anni puoi compensare nei modi previsti.
Onestamente io ci vedo una logica intorno a tutto cio'

L'esempio che ho fatto io era di 12660 euro (comprati a 9600) frazionati in dieci anni, cioè 1266 euro/anno.
Nel mio piccolo pago un Irpef 7 volte tanto
 

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.663
Punti reazioni
1.107
L'esempio che ho fatto io era di 12660 euro (comprati a 9600) frazionati in dieci anni, cioè 1266 euro/anno.
Nel mio piccolo pago un Irpef 7 volte tanto

Ed abbiamo visto un rendimento intorno al 4,3% netto annuo, quali sono i tuoi dubbi ?
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
Stai implicando che se l'impresa A vende al soggetto privato B 10.000.000 di nominale di crediti fiscali bonus facciate al prezzo di 5c (quando sulle piattaforme girano in media a 70c per 10 annualità) un istante prima del fallimento, l'operazione non sia in alcun modo passibile di azione revocatoria.

Ok.

Caveat emptor

L'azienda A sta fallendo A CAUSA di debiti fiscali che sarebbero potuti essere compensati con il credito ceduto?
Ma adesso ti chiedo: in quale circostanza potrebbe verificarsi una situazione del genere?