Investire una piccola somma

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
etf db x-trackers Portfolio Total Return Index ETF http://www.etf.db.com/DE/EN/pdf/EN/f...45_2010_03.pdf
che è stato citato da body non mi pare sia distribuito in Italia.

Risulta anche a voi?

Solo i fondi di investimento vengono distribuiti ;)

Gli etf vengono negoziati in borsa, e quello da me linkato è armonizzato e quotato in Germania, come puoi leggere dal factsheet:

UCITS III compliant Yes
Listed on Frankfurt (Xetra)
ISIN LU0397221945

Ammesso e non concesso che la tua banca ti consenta di investire in quel mercato, se tale etf non è censito, devi inviare una mail alla banca chiedendo di censire l'ISIN in modo da rendere negoziabile il prodotto.
 
grazie

Grazie del consiglio. Proverò prima con IWBank.
Mi sembra un buon bilanciato. Se non ho compreso male viene riequilibrato 8 volte nell'anno, in relazione agli scenari.
Il rendimento mi sembra decisamente interessante.
Grazie, Body, della segnalazione.
Buon ferragosto.
 
Salve questo è il primo messaggio che scrivo su questo forum ma è diverso tempo che lo leggo .. sono uno studente di 20 anni al primo anno di economia (quindi corsi di finanza per ora non ne ho visti neanche con il binocolo )e vorrei investire i miei (pochi ) risparmi in qualcosa di più rispetto a un normale conto deposito ( sempre se la cosa è fattibile ) e vorrei chiedere a voi qualche informazione e parere sul come muovermi, a chi rivolgermi, cosa evitare e a cosa stare attento.

Ovviamente non chiedo informazioni specifiche per diventare milionario in due giorni ma solo pareri per avere un quadro sulle mie possibili scelte più chiaro .
Per prima cosa specifico che il mio orizzonte temporale è un po incerto ma al 100% nei prossimi due anni quei soldi non mi serviranno; sono anche disposto a rischiare parecchio a patto che sia un rischio ragionato e non frutto di decisioni avventate ovviamente.
La cifra da invesitre non è elevatissima e si aggira sui 5000-6000€ e so bene che con una cifra del genere le possibilità sono poche perché non posso diversificare in maniera ottimale e inoltre i costi di gestione sarebbero troppo alti quindi l unica cosa su cui mi sono informato sino ad ora, salvo i cd , sono gli etf anche perché ho intenzione di aprire il mio conto presso fineco e ho visto che pubblicizzano molto questi strumenti finanziari ...
Il mio dubbio principale è questo : Con questa cifra è possibile fare degli investimenti che diano profitti (o almeno si spera) superiori ai cd o non ne vale la pena ?
In tal caso essendo alle prime armi mi conviene farmi consigliare dal promotore che mi darà fineco ( sempre se ci sono promotori per queste cifre ) oppure no ? qualcuno ha avuto esperienze con fineco e i loro promotori?

E infine voi in generale come strutturereste una cifra simile?

Ciao Atch,
anch io circa 3 anni fa ero attanagliato dai tuoi stessi dubbi, studente matricola di scienze bancarie, con nessuna esperienza pratica alle spalle e tante aspettative. L' unico punto fermo era il mercato in cui volevo impiegare i miei pochi risparmi: quello borsistico.
Ho anch io il conto fineco e se posso permettermi te lo consiglio, perche è vero che come commissioni c'è di meglio pero come direbbe qualcuno è popolare "economico" e semplice.

Alla luce della mia ""esperienza"" in 3 anni, inizialmente tragicomica, qualcosa mi sento di suggerirtela.

Prima domanda fondamentale Per quanto tempo puoi vincolare i tuoi risparmi? potresti avere necessità (nella misura in cui è possibile fare una previsione) di liquidare le tue posizioni per fare cassa?

Come indicazione hai dato un arco temporale di 2 anni (anche 3 nn cambia tantissimo).
Con questo arco temporale il rendimento del tuo portafoglio sarà fortemente influenzato dal market timing e dall asset allocation che farai. Piu aumenta l arco temporale meno inciderà il market timing.
Ti sconsiglio percio un portafoglio con una % troppo elevata di componente azionaria. I motivi inutile spiegarli ;)
Io ho avuto la sfortuna ( o fortuna?! boh) di iniziare il mio percorso poco prima che tutto iniziasse a crollare di brutto tutto, la mia fortuna è stata entrare poco alla volta con piccole quote di capitale il che mi ha permesso in alcuni casi di beccare delle buone occasioni ;)

Con 6k euro e 2-3 anni di tempo quello che potresti fare è affidarti in buona parte all’ obbligazionario, da portare a scadenza preferibilmente, 4k euro obbligazioni ben selezionate e con 2000 euro scegli 3-4 titoli su milano (etf se vuoi ma non so quanto possa convenire) che garantiscano un flusso di dividendi sostanziosi (etf a distribuzione), le opportunità non mancano ci sono titoli che danno anche un 7-8 % di dividendo annuo sostenibile. Su ogni titolo fai 2 entrate da 250euro (oppure 300-200, 350-150) cosi da limitare l impatto delle commissioni (che con fineco su ogni titolo sarebbe gia 2,95 *3 essendo 2 acquisti piu una vendita) ma allo stesso tempo ti riservi delle “cartucce” da sparare per mediare le posizione abbassare il pmc e aumentare eventualmente il dividend yeld

La componente obbligazionaria (66%) ti permette di costruire un floor al di sotto del quale sei “sicuro” che il tuo portafoglio non scenderà. Guadagno sicuro ma limitato e cosi sei tranquillo che almeno 4000 euro non li perdi.
La componente azionaria ti permette di dare dinamismo al portafoglio e avere, attraverso i dividendi, flussi cosistenti da reinvestire eventualmente.
Ti suggerisco le azioni con buon dividendo perche, rispetto ad azioni con basso dividendo, con i flussi di pagamento che ricevi riesci ad abbassare la “””durata media finanziaria””” (concetto che in realtà nn si applica alle azioni) di questo strumento che nn ha “data di scadenza”.
Riesci cosi a controllare la volatilità, smobilizzare con tranquillità almeno 4000 euro se ti servono ed avere rendimenti cedolari di tutto rispetto. In caso al termine dei 3 anni presenti una perdita teorica sulla componente azionaria mantieni le posizioni e godi dei dividendi(nella “”peggiore”” delle situazioni nn arriveresti a perdere piu 25-30% del valore iniziale (e continueresti a godere dei dividendi, se l azienda nn fallisce ovvio, diminuendo la perdita).

Altra alternativa potrebbe essere avventurarsi nel mondo dei certificati, nel tuo caso potresti andare su alcuni con capitale protetto. Unisci la sicurezza della restituzione del capitale alle possibili alte performance dell equity.
Pero dovresti prima lavorarci un po su ;) magari ci aggiungi un etf a distribuzione se proprio ti piacciono ;)

Ah sicuramente sarai piu ferrato di quanto lo fossi io in partenza ma se posso permettermi evita la marginazione come la peste a meno che nn vuoi fare “pratica” ;) altrimenti le mazzate nei denti sono assicurate (esperienza personale)
ciao e in bocca al lupo ;) OK!
 
su 6k del nostro amico 64,8€/anno di bolli da soli gli mangerebbero l'1% del capitale...
ma i 64€ di bollo sono dati dal bollo del c/c + il bollo del deposito titoli, giusto?
in questo caso si renderebbe interessante directa anche per i costi di commissioni più bassi di fineco da quato ho capito :eek:
Ciao Atch,
anch io circa 3 anni fa ero attanagliato dai tuoi stessi dubbi, studente matricola di scienze bancarie, con nessuna esperienza pratica alle spalle e tante aspettative. L' unico punto fermo era il mercato in cui volevo impiegare i miei pochi risparmi: quello borsistico.
Ho anch io il conto fineco e se posso permettermi te lo consiglio, perche è vero che come commissioni c'è di meglio pero come direbbe qualcuno è popolare "economico" e semplice.

Alla luce della mia ""esperienza"" in 3 anni, inizialmente tragicomica, qualcosa mi sento di suggerirtela.

Prima domanda fondamentale Per quanto tempo puoi vincolare i tuoi risparmi? potresti avere necessità (nella misura in cui è possibile fare una previsione) di liquidare le tue posizioni per fare cassa?

Come indicazione hai dato un arco temporale di 2 anni (anche 3 nn cambia tantissimo).
Con questo arco temporale il rendimento del tuo portafoglio sarà fortemente influenzato dal market timing e dall asset allocation che farai. Piu aumenta l arco temporale meno inciderà il market timing.
Ti sconsiglio percio un portafoglio con una % troppo elevata di componente azionaria. I motivi inutile spiegarli ;)
Io ho avuto la sfortuna ( o fortuna?! boh) di iniziare il mio percorso poco prima che tutto iniziasse a crollare di brutto tutto, la mia fortuna è stata entrare poco alla volta con piccole quote di capitale il che mi ha permesso in alcuni casi di beccare delle buone occasioni ;)

Con 6k euro e 2-3 anni di tempo quello che potresti fare è affidarti in buona parte all’ obbligazionario, da portare a scadenza preferibilmente, 4k euro obbligazioni ben selezionate e con 2000 euro scegli 3-4 titoli su milano (etf se vuoi ma non so quanto possa convenire) che garantiscano un flusso di dividendi sostanziosi (etf a distribuzione), le opportunità non mancano ci sono titoli che danno anche un 7-8 % di dividendo annuo sostenibile. Su ogni titolo fai 2 entrate da 250euro (oppure 300-200, 350-150) cosi da limitare l impatto delle commissioni (che con fineco su ogni titolo sarebbe gia 2,95 *3 essendo 2 acquisti piu una vendita) ma allo stesso tempo ti riservi delle “cartucce” da sparare per mediare le posizione abbassare il pmc e aumentare eventualmente il dividend yeld

La componente obbligazionaria (66%) ti permette di costruire un floor al di sotto del quale sei “sicuro” che il tuo portafoglio non scenderà. Guadagno sicuro ma limitato e cosi sei tranquillo che almeno 4000 euro non li perdi.
La componente azionaria ti permette di dare dinamismo al portafoglio e avere, attraverso i dividendi, flussi cosistenti da reinvestire eventualmente.
Ti suggerisco le azioni con buon dividendo perche, rispetto ad azioni con basso dividendo, con i flussi di pagamento che ricevi riesci ad abbassare la “””durata media finanziaria””” (concetto che in realtà nn si applica alle azioni) di questo strumento che nn ha “data di scadenza”.
Riesci cosi a controllare la volatilità, smobilizzare con tranquillità almeno 4000 euro se ti servono ed avere rendimenti cedolari di tutto rispetto. In caso al termine dei 3 anni presenti una perdita teorica sulla componente azionaria mantieni le posizioni e godi dei dividendi(nella “”peggiore”” delle situazioni nn arriveresti a perdere piu 25-30% del valore iniziale (e continueresti a godere dei dividendi, se l azienda nn fallisce ovvio, diminuendo la perdita).

Altra alternativa potrebbe essere avventurarsi nel mondo dei certificati, nel tuo caso potresti andare su alcuni con capitale protetto. Unisci la sicurezza della restituzione del capitale alle possibili alte performance dell equity.
Pero dovresti prima lavorarci un po su ;) magari ci aggiungi un etf a distribuzione se proprio ti piacciono ;)

Ah sicuramente sarai piu ferrato di quanto lo fossi io in partenza ma se posso permettermi evita la marginazione come la peste a meno che nn vuoi fare “pratica” ;) altrimenti le mazzate nei denti sono assicurate (esperienza personale)
ciao e in bocca al lupo ;) OK!
grazie mille anche a te per i consigli ora ho sempre più chiare certe cose e a settembre inizierò a guardare le cose molto più seriamente, ora voglio godermi il resto delle vacanze :D
 
ma i 64€ di bollo sono dati dal bollo del c/c + il bollo del deposito titoli, giusto?
in questo caso si renderebbe interessante directa anche per i costi di commissioni più bassi di fineco da quato ho capito :eek:

grazie mille anche a te per i consigli ora ho sempre più chiare certe cose e a settembre inizierò a guardare le cose molto più seriamente, ora voglio godermi il resto delle vacanze :D

nel tuo caso una sim è molto più economica... solo directa di costa 150€ uno tantum ... valuta te ...

i bolli se li ciuccia lo stato
 
Indietro