Io NON ci stò

antonioc

Utente Registrato
Registrato
5/2/05
Messaggi
2.632
Punti reazioni
153
Come se non bastassero i tanti salvatori della patria , dal Guatemala dove lo avevano esiliato . rientra in Italia il Sig Ingroia uno dei procuratori della repubblica di Palermo, si colora di arancione e lancia il suo manifesto per portare questo paese Italia fuori dalla crisi.
Nulla da dire sulle qualità morali del dott . Ingroia, solo mi permetto di osservare che personalmente non sarei contento di essere inquisito da uno che nel suo ufficio tiene o teneva il ritratto di Che Guevara e che afferma la libertà di interpretazione della legge . Ciò non è scritto da nessuna parte , è riportato solo che il giudice può interpretare la legge , ma nello spirito della sua promulgazione .
Detto questo nella conferenza ha unicamente affermato che Berlusconi e la sua cricca vanno distrutte, (per fortuna tramite il voto elettorale ma qualche suo collega sta tentando altre vie), e siccome Berlusconi e la mafia sono la stessa cosa , di conseguenza anche la mafia va combattuta.
Non sono un fan di Berlusconi , sono un ottantenne e da 18 anni non voto per nessuno e per nessuna tornata elettorale di qualsiasi specie .
Troppo poco , anzi nulla, per convincermi a votarlo , anche perchè traspare la lunga mano dei comunisti per portare dalla loro parte l'estrema sinistra , Diliberto e Ferrero, qualche rivoluzionario tipo Strada e Ciotti e qualche indipendente con cui non si è riusciti a fare accordi tipo Di Pietro
Anche se può sembrare prematuro parlare , ma tanto tutti si rifanno a posizioni di principio e mai si entra nelle cose concrete, sarebbe stato opportunio indicare i punti base del programma che intende realizzare.
Uno dei temi più scottanti , mai affrontato da nessun partito , tutti conniventi con la finanza , è l'art 47 della costituzione dove si parla di protezione del risparmio ed i cittadini italiani truffati dei loro risparmi con la connivenza dello stato sono milioni.
Altro tema da mettere in chiaro, prima di essere invasi e distrutti da orde di extracomunitari è quello di definire i limiti entro i quali è obbligatoria una assistenza .
La difesa e l'integrità del suolo nazionale rientrano fra i diritti inalienabili e naturali di ogni essere vivente , ed anche le belve della foresta per prima cosa delimitano il loro territorio.
Terzo tema è quello di razionalizzare in modo omogeneo le politiche dei vari stati facenti parte della Comunità Europea , tra i problemi principali quello fiscale e monetario . Se si dovesse rimanere nella posizione attuale non vi è possibilità di sviluppo.
Quarto tema se non affrontato dalla CE , è stabilire come l'Italia possa sopravvivere se si continua ad importare senza alcuna limite . merce prodotta in altri stati dove la mano d'opera costa da un quarto ad un decimo di quella nostrana.
L'aumento di produttività sbandierata da tipi quale Marchionne è solo una presa per i fondelli, in quanto intende solo pagare la mano d'opera a livello dei paesi del terzo mondo , non di aumentare la produzione , non saprebbe a chi venderla.
Ultimo è più importante problema è come fermare la diminuizione dei posti di lavoro. Sarebbe troppo lunga la discussione , mi limito solo a suggerire che le proposte suggerite dagli economisti , novelli azzeccacarbugli , sono solo fantasticherie , basta fermare questo continuo salasso .
A Roma stanno chiudendo ospedali importanti e strategici per la salute dei cittadini. sarebbe opportuno limitare gli scempi di spesa , non le cure dei cittadini.
Ecco di questo mi piacerebbe sentire parlare dai nostri potenziali governanti e dal dott. Ingroia in particolare ; sino adesso solo sul blog di Grillo ho letto qualcosa di interessante .
Poveri noi
 
Indietro