Islanda: chi l'ha rovinata

Si cerca di capire, in un 3d apposito sull'obbligazionario, come ragionevolmente funzionano le faccende islandesi... poi arrivano i traders guru (alla Benettazzo) i giornalisti guru (alla Blondet), per i quali conta solo l'effetto forzatura...

Per fortuna c'è la stampa economica internazionale, con tutti i suoi difetti, ma anche con il pregio di sforzarsi di dare più risalto ai dati che ai toni...:)
 
Tassi e geyser L’Islanda e la faccia cattiva dei mercati
La vita in periferia era grigia e noiosa. Così, quando l’economia dell’Islanda si è trovata all’improvviso al centro delle correnti della globalizzazione, il mondo è sembrato di colpo a colori. Da quando, nel 2003, il governo del mitico (almeno tra i 300 mila islandesi) Davio Oddsson, allora primo ministro, ha aperto il mercato dei mutui alle banche commerciali, il Paese è stato sommerso da una pioggia d’oro. In tre anni, la Borsa è salita del 400% (fino allo scorso febbraio), la disoccupazione è scesa all’1,5%, i salari sono cresciuti e la gente spende e compra, i prezzi delle case a Reykjavik sono raddoppiati in due anni, le banche e le imprese maggiori si sono lanciate in una serie di acquisizioni nei Paesi scandinavi e in Gran Bretagna. L’economia ha viaggiato con una crescita superiore al 4% all’anno. All’isola è stato come togliere un tappo e lasciare che la forza dei suoi geyser si liberasse. Fino ai primi anni Ottanta, infatti, l’Islanda era in pratica un’economia socialista, dove lo Stato controllava gran parte delle imprese e del sistema finanziario, oltre che i servizi sociali. Da allora, però, le riforme sono state radicali: vent’anni di privatizzazioni e di deregulation hanno portato l’economia, un tempo quasi esclusivamente di pescatori, a contatto con il resto del mondo. E quando la finanza internazionale ha visto l’opportunità ci si è buttata. In sostanza, l’Islanda è stata uno dei mercati preferiti del cosiddetto carry trade , l’operazione con la quale un investitore prende a prestito denaro dove costa poco o niente (fino a poco tempo fa, America, Europa e Giappone) e lo investe in mercati ad alto rendimento. Avendo l’isola un rating di tripla A, era il sogno perfetto: alti ritorni a bassissimo rischio.
Ora, però, la globalizzazione e la finanza che la spinge hanno iniziato a mostrare agli islandesi anche la faccia cattiva dei mercati. E le autorità sono nervose. È successo che i tassi d’interesse, in giro per il mondo, sono tornati a crescere e i grandi investitori hanno cominciato ad abbandonare i mercati ad alto rendimento, convinti che il boom sia destinato a finire. Risultato: da febbraio, la Borsa di Reykjavik ha perso più del 15%; la valuta è crollata; la banca centrale ha dovuto alzare dello 0,75% (all’11,50%) i tassi d’interesse sia per combattere l’inflazione (al 4,5%), sia per difendere la corona. «L’economia deve prendersi una pausa dopo un periodo di crescita fenomenale», ha commentato Davio Oddsson, nel frattempo diventato il governatore della banca centrale (sostituito al governo da Halldor Asgrimsson).
In realtà, a questo punto il rischio è un po’ più alto di un semplice rallentamento. L’agenzia di rating Moody’s ha confermato il giudizio AAA, ha sostenuto che i timori di un «rischio sistemico» corsi sui mercati sono esagerati ma ha messo sotto osservazione le banche. E gli analisti della danese Danske Bank hanno avvertito che l’economia potrebbe contrarsi tra il 5 e il 10% nei prossimi due anni, con un crollo della corona del 25%. La globalizzazione, bellezza.
D. Ta.

corriere
 
Avevo un amico che grazie alla madre dipendente Alitalia ha avuto i biglietti gratuiti fino al 26esimo anno di eta'.

Dai 23 ai 26 anni e' andato in Islanda un fine settimana si ed uno no. Affermava che si trombava con molta facilita'.

Che sia quello il motivo della crisi economica?

:D
 
Iceland cools, raising worry of wider chill
By Heather Timmons International Herald Tribune
SATURDAY, APRIL 15, 2006
Click here to find out more!
REYKJAVIK The April sky is still light at 8 p.m. in Reykjavik, and on a recent evening, a flock of ducks was scooping up crumbs along the shore of the Tjornin, the city's central lake, which is ringed by a white church and modest homes.

The tranquility was suddenly broken when two Hummers, one of them a stretch model, whizzed by.

This tiny windswept island nation of 300,000 people has undergone one of the fastest, fizziest economic transformations in the world in recent years - one that is on par with the expansion enjoyed by many of the world's fastest-growing emerging markets.

Thanks to the opening of its financial markets and a flow of money from international investors lured by its high interest rates, Iceland has quickly morphed into a European mini-titan, with large business interests throughout Scandinavia, a red-hot housing market and a crop of young, wealthy entrepreneurs.

The local stock market, created in 1985, has been the best- performing Western market for four years in a row. Downtown Reykjavik is home to boutiques selling Dior eye shadow and Gucci handbags, snuggled next to ones peddling knit mittens and ceramics created by local artists.

But Iceland's ascent has hit a speed bump in the past several months. Concerned that the economy has overheated, or reacting to macroeconomic changes in other countries, some global investors, including hedge funds, have withdrawn money from Icelandic markets. This pullback has caused the main stock index, the ICEX15, to fall 18 percent, and the currency, the krona, to weaken.

These declines, some analysts say, run the risk of driving other investors away, creating a downward spiral that could have global repercussions. If nothing else, the analysts say, Iceland's own economy could be in for a rough patch, serving as a cautionary tale for other emerging markets.

With a population on a par with a midsize city and a gross domestic product of around $10.3 billion, or just below that of Rwanda, Iceland would not seem to be on the radar screen of many financial experts. But analysts from Merrill Lynch, Danske Bank, Fitch, Standard & Poor's and Moody's Investors Service and economists around the world have weighed in, some expressing concern, others saying fears of an Icelandic meltdown are overblown.

Nicolas Bouzou, the chief economist of Institut Xerfi, a research concern in Paris, feels that Iceland could be the "butterfly's wing" that sets off serious problems in capital markets around the world. That is because "many countries have the same macroeconomic configuration of Iceland," Bouzou said recently by telephone. That configuration, he said, included a "real estate bubble, very strong credit expansion and a very high commercial deficit." The same could be said of New Zealand, Australia and even the United States, he added. If investors lose money in Iceland, they will pull out of other countries with similar economic structures, he said.

It is always a small event, Bouzou said, that triggers what he called "systematic crashes." In this case, he said, the event could be a further decline in Iceland's currency or stock market, or the country's inability to pay off some of its debt - which some critics believe could be a possibility.

The concern is "not that Iceland directly causes other problems," said Brad Setser, a senior economist with RGE Monitor, a research firm in New York. Instead, Iceland could remind investors that "things can turn around" in countries with a big current account deficit, a hot housing market and an overvalued currency.

For Icelandic policy makers new to the global economic stage and unaccustomed to being the focus of international criticism over their finances, the negative attention is prompting a mixture of soul-searching and defiance.

Like Wagner's music, the state of Iceland's economy is "better than it sounds," quipped Thordur Fridjonsson, chief executive of Iceland's stock exchange.

Various countries around the world are experiencing similar adjustment pains, as institutional investors comb new markets for high yields, pumping liquidity into areas that have rarely if ever been the target of outside money.

One particular set of investors, who have taken advantage of Iceland's high interest rates by borrowing money in low-rate environments like Japan and purchasing higher-yield Icelandic bonds, are stepping back. Their debt-buying binge has helped Iceland's total corporate and household debt to double since 1990 to 350 percent of GDP.

None of Iceland's financial experts denies that the economy is headed for a slowdown, but they bristle at the notion that it could reach crisis level. They point to factors that make the country much less likely to succumb to a meltdown than others: The average age in Iceland is one of the lowest in the developed nations, but its massive pension funds are 120 percent of its gross domestic product, a higher ratio than in Norway, which built up one of the world's largest pension funds from its oil wealth.

About 65 percent of the profits from its largest companies come from outside of Iceland, tempering the effect of krona swings. Iceland's financial regulator recently stress-tested its banks, and found they would still be solid after loan losses of 20 percent. Personal debt levels are very high, but so are home ownership rates.

And local volatility, Icelanders argue, is a tradition. Fish harvests, after all, would be up one year and down the next, causing the krona and local fortunes to swing wildly.

"Only 10 years ago, when you had a good fishing year, everything was great," said Skarpheoinn Eiríksson, a salesman at Reykjavik's new Mercedes dealer. "If you had a bad year, you wouldn't buy a car that year."

The Mercedes dealership sold eight of its most expensive SUVs last year, packed with extras. They each retail for about 10 million kronur, or $131,200, and most customers pay in cash.

"No one thinks things in Iceland can continue" to grow as they have, said Halla Tomasdottir, the managing director of Iceland's chamber of commerce. But even with the slowdown, "we do believe in our ability to handle it." The government has been raising interest rates to slow down the local economy and, it is hoped, borrowing.

"I do think we could deal with criticism more gracefully," she added.

Iceland's harshest critics have come from Denmark, which for centuries held it as a colony until Iceland declared independence in 1944.

"Iceland looks worse on almost all measures than Thailand did before its crisis in 1997, and only moderately more healthy than Turkey before its 2001 crisis," Danske Bank analysts wrote in a report last month.

Among the bank's main concerns is the current account deficit, or the difference between what Iceland sells and buys abroad.

The Danske Bank report has earned the analysts who wrote it notoriety among Icelanders, a sarcastic cartoon in a local paper, and scores of angry e- mails. Many Icelanders posit that the Danish report is payback by a former colonial ruler for the country's outsized recent successes, including the purchase in November by a group of Icelandic investors of Magasin du Nord, a department store that was one of the crown jewels of Danish business.

Not content to let the Danes rest unchallenged, the authors of the Danske Bank report were invited to Reykjavik on Wednesday to expand on their arguments and answer questions. The chief executive of Iceland's stock exchange, the central bank's chief economist and the head of research for its largest bank were on hand to provide their side of the story.

About 300 people attended a shrimp and fish lunch in the Grandhotel, a four-story concrete building. The generally tall, blue-eyed, black-suited crowd was remarkable both for its youth - most attendees looked between their late 20s and early 40s - and for the fact that women made up about a third of the audience. Iceland's chronically low unemployment rate has meant greater opportunity for women in business and government.

Lars Christensen, one of the authors of the Danske report, briskly summarized his thesis. "Markets are increasingly focused on the financing of imbalances," he said, because "global liquidity is getting tighter." And the countries with the biggest imbalances, he said, are Hungary, New Zealand and Iceland.

"I don't think Iceland is doomed," he said with a tight smile. "With every good party there is a hangover." He pleaded with Iceland's banks to pull back on lending, the better to "be able to start another party."

The question is when that new party will get started, and whether the institutional investors who are now bailing out of Icelandic holdings will come back or more will depart. Global institutional investors sometimes move in skittish and highly unpredictable herds. Some embrace volatility; others find it makes them nauseous.

Despite the concerns, Iceland's companies show no signs of backing down from the world stage. Take Straumur-Burdaras, a Reykjavik equity fund turned investment bank that was one of the investors in the Magasin du Nord purchase.

Going forward, the bank hopes to provide one-stop financial advice and lending for the middle-sized companies it serves. This year, it opened an office in Denmark and plans to expand throughout Scandinavia. The bank is modeling itself, said Thordur Mar Johannesson, the chief executive, on "the largest investment banks in the world."

http://www.iht.com/bin/print_ipub.php?file=/articles/2006/04/14/business/wbiceland.php
 
L'orgogliosa «isola dei ghiacci» costretta a chiedere aiuto

La ricca Islanda in bancarotta
salvata dai cugini scandinavi


Reddito pro capite tra i più alti del mondo. Ma banche con troppi debiti. La paura e la sorpresa: «Cosa è successo?»

Cos'hanno in comune il governatore della Banca Centrale di Reykjavik e il fondatore del Museo Fallologico di Húsavik? Sia David Oddsson che Sigurdur Hyartarson, come tutti gli islandesi orgogliosissimi della propria indipendenza, alla fine hanno dovuto accettare l'onta dell'aiuto che viene dall'estero. Nella singolare collezione di Hyartarson, 263 falli «ben preservati » appartenenti a 90 specie diverse (il più grande è di un capodoglio, 1,7 metri per 70 chili) manca l'homo sapiens. Ma è di pochi giorni fa la notizia che — quando verrà il momento — un tedesco, un americano e un inglese hanno promesso di donare il loro organo al museo. Anche i donatori accorsi al capezzale della Banca Centrale dell'«isola di ghiaccio» sono tre. Danimarca, Norvegia e Svezia l'altro ieri hanno annunciato l'apertura di una linea di credito di 1,5 miliardi di euro per tamponare la crisi della finanza islandese che rischia di saltare in aria come uno dei suoi tanti geyser. Ognuno mette 500 milioni di euro sul tavolo della «solidarietà scandinava».

Il beneficiario ringrazia, anche se promette che non li toccherà. Solidarietà forse un po' indigesta, visto che arriva dagli ex padroni (Norvegia e Danimarca) che hanno retto l'Islanda dal tempo dei vichinghi all'indipendenza del 1944. Indigesta ma necessaria. «Siamo nella tempesta» aveva dichiarato ad aprile il governatore Oddsson. La Banca Centrale islandese ha riserve per 2,5 miliardi di euro. Dall'inizio dell'anno la krona, la moneta nazionale, ha perso il 25% del proprio valore. L'inflazione ha toccato il mese scorso l'11,8% (non accadeva da 20 anni) benché il costo del denaro sia al 15,5% (il più alto d'Europa). Il problema sono i debiti delle tre principali banche private che negli anni scorsi si sono molto «allargate» facendo shopping all'estero (dalla Gran Bretagna alla Cina). La stretta internazionale del credito, dopo la caduta dei mutui «subprime» negli Usa, ha spinto la periferica Islanda — reddito pro capite 46 mila dollari, tra i più alti del mondo — sul ciglio di una crisi di liquidità. Molti a Reykjavik puntano il dito sugli speculatori, gli squali degli «hedge funds» che scommettono sul collasso. Resta il fatto che l'Islanda (300 mila abitanti sparsi su un territorio che è un terzo dell'Italia) è tra i Paesi più in rosso: il debito estero veleggia verso i 100 miliardi di dollari, 5 volte il prodotto interno lordo. Con i venti della recessione che soffiano sull'Atlantico, l'isola dei sobri miracoli è diventata un'«osservata speciale» come il classico «canarino nella miniera». Si spiegano così le prime pagine che Financial Times e Wall Street Journal dedicano all'intervento tampone delle tre Banche Centrali scandinave.

L'iniziativa, tesa a «a preservare la stabilità macroeconomica e finanziaria » di Reykjavik, ha avuto come primo effetto un rialzo del 5% della krona. «Cosa ci è successo?» si chiede sbigottita la giornalista Sigridur Jonsdottir. Fino a ieri «si parlava di noi per la prima donna eletta presidente», o perché «un'eruzione vulcanica faceva sorgere una nuova isoletta ». Ora «siamo l'avamposto della recessione globale, il canarino che smettendo di cantare lancia l'allarme alle altre economie intossicate». Canarino o lundi, la pulcinella di mare simbolo ornitologico del Paese? In Islanda anche «i pesci possono cantare», come s'intitola un libro del grande Halldór Laxness. A Reykjavik non si respira aria intossicata. Il Morgunbladid segnala che la gente compra meno cibo (-2,3% ad aprile) anche se più scarpe (+2,9%). Il Paese degli alimenti più costosi d'Europa (+62% della media, l'80% è importato) aspetta con un certo nervosismo l'apertura della stagione turistica estiva. La pesca, per secoli unica fonte di sostentamento, oggi conta per il 10% dell'economia. Tra i vapori delle 130 piscine naturali di acqua calda (ritrovo mattutino per i businessmen) si scruta il futuro. Collasso o risanamento? Fridat Mar Baldursson, economista alla Reykjavik University citato dall'Herald Tribune, vede sereno: «Siamo a una svolta», la mossa dei Paesi scandinavi «aumenterà la fiducia e permetterà al nostro governo di ottenere prestiti a tassi inferiori». Ma la «tempesta» non è passata. La pubblicità negativa prodotta dalla decisione di riprendere la caccia alle balene nel 2006 è niente a confronto. L'Islanda dei sapori arcaici (piatto nazionale l'hakarl, squalo marcio sepolto per tre mesi sotto terra) adesso è sotto i riflettori per lo stato delle sue banche. I campioni dell'energia pulita (l'80% del fabbisogno da fonti rinnovabili) sotto la lente delle agenzie di rating. Suona strano, come sapere che un lupo di mare di Húsavik gestisce un museo fallologico.

Michele Farina
18 maggio 2008

Fonte: Corriere della Sera
 
non posso credere che un paradiso, forse l'unico rimasto al mondo è stato distrutto dalla famelica speculazione, l'islanda era autosufficente in tutto, non capisco come i suoi governandi siano cascati come polli nella trapola del denaro facile (a debito), che bisogno avevano di espandersi con mezzi non loro quando tenevano una dimensione e una qualità della vita migliore (lo penso io), al mondo. stento a crederci l'islandesi, alla fame, sto mondo è proprio zozzo.
 
Indietro