ISRAELE HAMAS ASPETTI STRATEGICO-MILITARI capitolo 2 [LINK, DOCUMENTI, OPINIONI]

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Iran
Il ministro degli Interni iraniano, Ahmed Vahidi, ha confermato alla televisione di Stato che uno degli elicotteri del convoglio che trasportava il presidente iraniano, Ebrahim Raisi , ha avuto un "atterraggio brusco". Di Raisi non si hanno ancora notizie certe.
Il ministro ha detto che le squadre di soccorso sono ostacolate dalle difficili condizioni meteorologiche e che le autorità stanno aspettando ulteriori dettagli sull'incidente.
Raisi stava viaggiando nella provincia iraniana dell'Azerbaigian orientale, tornava da una zona al confine dove era andato a inaugurare una diga. L'elicottero si è schiantato vicino ad una miniera di rame chiamata Sungun. Si trova tra Jofa e Varzaqan, nella provincia iraniana dell'Azerbaigian orientale, a circa 70 km (43 miglia) e 100 km (62 miglia) dalla città di Tabriz, una delle città più grandi dell'Iran, lì era diretto il convoglio.
Sono 40 le squadre di ricerca sono state schierate per cercare l'elicottero scomparso. L'inviato Ali Hashem, di Al Jazeera, riferisce che sono coinvolte anche otto ambulanze, oltre a droni. Tuttavia, secondo Fouad Izadi, professore di studi mondiali all'Università di Teheran, le squadre non sono riuscite a contattare le persone a bordo dell'elicottero.
“Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’incidente è stato molto grave, oppure potrebbe essere dovuto al fatto che l’area non è coperta dalla rete. Dobbiamo aspettare e vedere”, ha detto Izadi.
 
ma c'e un numero ufficiale di soldati israeliani morti in questa operazione ?
 
#Israele #Gaza
Portavoce dell'#IDF:
In allegato sono riportati i materiali documentari rinvenuti dalle forze dell'IDF nella Striscia di Gaza.
Nel video, Ella Eliakim, 8 anni, viene vista a Gaza, pochi giorni dopo essere stata rapita dalla casa di suo padre a Nahal Oz il 7 ottobre.
Nella foto, Ella Eliakim con la sorella quindicenne Dafna Eliakim, rapita insieme a lei.
I materiali sono stati filmati dai terroristi dell'organizzazione terroristica di #Hamas a Gaza.
https://t.me/LionUdler/54374?single
Lion Udler
 
Netanyahu said to reject negotiators’ bid to formulate new hostage deal proposal
Netanyahu ha detto di respingere l’offerta dei negoziatori di formulare una nuova proposta di un accordo per gli ostaggi
Le reti riportano il team di PM, dicendo loro che le loro offerte "dureranno fino alla fine della guerra"; Gantz ha detto di replicare:
"È evidente che non sei soddisfatto del loro lavoro, quindi sostituiscile". I rapporti su Kan e Channels 12 e 13 hanno detto che Netanyahu ha abbattuto i suggerimenti e ha rimproverato la squadra negoziale, guidata dal capo del Mossad David Barnea, dal capo di Shin Bet Ronen Bar e dal generale dell’IDF Nitzan Alon, dicendo loro “questo non è come gestire i negoziati”.
 
#Israele #Gaza
Portavoce dell'#IDF:
In allegato sono riportati i materiali documentari rinvenuti dalle forze dell'IDF nella Striscia di Gaza.
Nel video, Ella Eliakim, 8 anni, viene vista a Gaza, pochi giorni dopo essere stata rapita dalla casa di suo padre a Nahal Oz il 7 ottobre.
Nella foto, Ella Eliakim con la sorella quindicenne Dafna Eliakim, rapita insieme a lei.
I materiali sono stati filmati dai terroristi dell'organizzazione terroristica di #Hamas a Gaza.
https://t.me/LionUdler/54374?single
Lion Udler
Povere bambine.....non voglio pensare a cosa potrebbero fargli..... :rolleyes: :confuse:
 
Israel took over key Gaza crossing. What next?

Israele ha preso il passaggio principale di Gaza. E poi?​

Gerusalemme (AFP) – La bandiera israeliana è sventolata sul lato di Gaza del valico di Rafah per due settimane, ma l’incertezza sul futuro del terminal degli aiuti chiave è diventata rapidamente una spina dalla parte di Israele.
Rilasciato il: 20/05/2024 - 09:41

Trucks carrying humanitarian aid make their way along a street in Rafah, in March
I camion che trasportano aiuti umanitari si fanno strada lungo una strada di Rafah, a marzo -


L’Egitto si è rifiutato di riaprire il suo lato del valico finché le truppe israeliane controllano la parte palestinese, tenendo chiuso uno dei pochi punti attraverso i quali gli aiuti di cui gli aiuti di cui avevano bisogno di Gaza.
L’impasse ha peggiorato una già terribile catastrofe umanitaria per i 2,4 milioni di abitanti del territorio palestinese, con ripetuti avvertimenti di una carestia incombente per più di sette mesi dopo la guerra Israele-Hamas.
Il valico di Rafah, al confine meridionale di Gaza con l’Egitto, si è fermato come un simbolo del controllo di Hamas sul territorio in cui il gruppo militante sostenuto dall’Iran ha preso il potere nel 2007.
Ma all’inizio del 7 maggio l’esercito israeliano ha completato una rapida acquisizione del valico, che si diceva fosse “utilizzato per scopi terroristici”.
Da allora è stato chiuso, limitando gravemente il volume di aiuti che lo ha trasformato a Gaza.
Prima che i carri armati israeliani si lanciassero, Hamas – designato come gruppo “terroristico” da Israele, dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea – aveva riscosso le tasse sulle merci che passavano attraverso il cancello d’ingresso.
Israele e altri sospettano anche che il valico di Rafah sia stato utilizzato per portare armi nella Striscia di Gaza, in particolare da quando Israele ha imposto un blocco sul territorio quando Hamas ha preso il potere lì.

Le offerte respinte​

Dall’inizio della guerra, scatenata dall’attacco di Hamas del 7 ottobre a Israele, la maggior parte delle consegne di aiuti a Gaza sono passate attraverso Rafah, a lungo un punto di attraversamento strategico per il territorio palestinese e l’unico non controllato da Israele. :rolleyes: :rolleyes:
Israel takes control of Rafah border crossing
Israele prende il controllo del valico di Rafah -
Nelle settimane precedenti la presa in consegna dell’esercito israeliano, circa 100 camion di aiuto erano entrati ogni giorno attraverso Rafah, secondo i dati delle Nazioni Unite, così come la maggior parte della fornitura di carburante cruciale.
Già il giorno dopo il sequestro israeliano, i media hanno riferito che il governo stava esplorando le sue opzioni.
Il quotidiano di sinistra Haaretz ha detto che Israele ha avviato negoziati con l’Egitto e gli Stati Uniti per consegnare la gestione della traversata a una società privata statunitense.
Alcuni analisti hanno detto di essere scettici sui progetti, citando la probabile opposizione da parte di gruppi armati palestinesi che renderebbero le operazioni rischiose o impossibili.
I militanti di Hamas hanno già rivendicato diversi attacchi missilistici contro le truppe israeliane schierate al terminal.
L’Egitto si è rifiutato di coordinarsi con Israele sul valico di Rafah, e mercoledì i media hanno riferito che il Cairo ha respinto una proposta israeliana di riaprire il valico.
I media israeliani e palestinesi hanno anche segnalato un’altra proposta israeliana, questa volta all’Autorità Palestinese, con sede nella Cisgiordania occupata e controllata dal rivale di Hamas, Fatah, il partito del presidente Mahmud Abbas.
La proposta, secondo i rapporti, darebbe formalmente all’AP il controllo dell’incrocio, ma le operazioni sarebbero gestite da un gruppo ritenuto neutrale come la Mezzaluna Rossa Society.
L’Autorità Palestinese ha rifiutato, insistendo sul fatto che avrebbe assunto il controllo dell’attraversamento solo se gli fosse data la piena autorità nella gestione.

Le Nazioni Unite per prendere le chiavi?​

Da quando Israele si è ritirato da Gaza nel 2005 e fino all’acquisizione di Hamas nel 2007, il valico di Rafah era sotto il controllo dell’Autorità Palestinese.
Un accordo in gran parte guidato da Washington aveva messo in carica gli agenti dell’Autorità Palestinese, ma garantiva a Israele il diritto di supervisione.
Anche i gendarmi dell'Unione europea per l'assistenza alle frontiere (EUBAM) erano presenti al passaggio nell'ambito dell'accordo del 2005.
EUBAM è stato recentemente contattato, ha detto un funzionario europeo a Gerusalemme all’AFP in condizione di anonimato.
Ma la fonte ha detto che gli europei avevano chiarito che si sarebbero rifiutati di prendere parte all’operare la traversata a meno che l’Autorità Palestinese non fosse coinvolta.
Un diplomatico dell’UE con sede a Tel Aviv, che chiedeva anche l’anonimato in quanto non era autorizzato a parlare pubblicamente sulla questione, ha detto all’AFP che all’ambasciata era stato chiesto del valico di Rafah.
"Non penso che sia probabile che saremo direttamente coinvolti", ha detto il diplomatico, sottolineando la complessità della creazione di una missione europea nel terminale e "l'emergenza umanitaria" che il suo governo considera la responsabilità di Israele.
Con i governi regionali e occidentali che non vogliono assumersi il comando per ora, le Nazioni Unite rimangono un potenziale partner.
L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, l’UNRWA, non ha mai gestito il valico di Rafah, ma ha svolto un ruolo centrale nella gestione degli aiuti che lo attraversano.
Ma i legami a lungo addestrati di Israele con l’UNRWA e altri organismi delle Nazioni Unite si sono ulteriormente inaspriti durante la guerra, ed è improbabile che il governo voglia affidare all’agenzia le chiavi per attraversare.
L’UNRWA è stata oggetto di una raffica di critiche israeliane da quando è iniziata la guerra, con i principali leader israeliani e i ministri che l’accusano di collusione con Hamas, pur offrendo poche prove.
 
Ultima modifica:

Il piano di Bibi per una Gaza post-guerra​

Le forti differenze all’interno della coalizione di governo israeliana sono emerse all’aperto negli ultimi giorni. A prima vista, la disputa si concentra su accordi preferiti del dopoguerra a Gaza. Ma le posizioni rivali riflettono anche opinioni alla base e contrastanti riguardanti la condotta e gli obiettivi della campagna militare di Israele di otto mesi nella Striscia di Gaza.

Da parte sua, il primo ministro e i suoi sostenitori respingono l’idea di stabilire qualsiasi accordo postbellico fino a quando la capacità militare di Hamas non sarà distrutta.

Le divisioni hanno iniziato a ricevere attenzione nei giorni scorsi a causa della dichiarazione pubblica del ministro della Difesa Yoav Gallant che critica il governo per "indecisione", riguardo al "giorno dopo" a Gaza. Ma la disputa non è nuova. Gallant ha sostenuto per mesi il gabinetto per un piano che il suo ministero ha sviluppato, su come Gaza sarà governata dopo la guerra. I dettagli di questo piano sono stati pubblicati a marzo. Esso prevede l’istituzione di un’autorità autonoma a Gaza, riunita con il coinvolgimento di cinque-settemila abitanti di Gaza fedeli all’Autorità Palestinese di Ramallah. Israele manterrebbe la libertà di azione nel settore della sicurezza, come fa in Cisgiordania. L’elenco degli abitanti di Gaza coinvolti nel piano è stato assemblato con l’assistenza di Majed Faraj, capo dell’intelligence dell’Autorità Palestinese. Il piano doveva essere attuato in fasi. Israele stabilirebbe zone sicure nelle aree di Gaza che ha conquistato. La nuova autorità avrebbe quindi iniziato a operare in queste aree, che sarebbero gradualmente ampliate.

I media israeliani hanno riferito a marzo che Netanyahu ha respinto questo piano. Da parte sua, il primo ministro e i suoi sostenitori respingono l’idea di stabilire qualsiasi accordo postbellico fino a quando la capacità militare di Hamas non sarà distrutta. Il consigliere per la sicurezza nazionale Tsachi Hanegbi, in una recente intervista con la notizia di Channel 12 di Israele, ha osservato che gli alleati non hanno istituito un governo del dopoguerra in Germania nella seconda guerra mondiale fino a quando l'esercito del regime nazista non fosse stato sconfitto nella sua interezza.

Gallant, nella sua dichiarazione pubblica, ha espresso preoccupazione per il fatto che l’attuale “indecisione” stava portando a un corso “pericoloso” che potrebbe portare a “governance militare e civile israeliana a Gaza”. Netanyahu, in risposta, ha dichiarato che non avrebbe permesso un ruolo per l’Autorità Palestinese in un posto di Hamas a Gaza. Non avrebbe, ha detto, sostituito "Hamastan" con "Fatahstan". (Fatah è il partito al potere nell’Autorità Palestinese).

Un punto interessante da notare in questo scambio è che sia Gallant che Netanyahu sembrano attaccare gli uomini di paglia.

Netanyahu accusa Gallant di cercare di restituire l’Autorità Palestinese a Gaza. Ma il piano del ministro della Difesa sembra progettato proprio per evitare qualsiasi ruolo di governo diretto per l’autorità di Ramallah.

Gallant, nel frattempo, accusa Netanyahu di cercare di istituire una nuova amministrazione militare israeliana a Gaza. Il ministro della Difesa ritiene che la nozione di governo militare israeliano a Gaza sia “pericolosa”. Ma è difficile vedere come il suo piano potrebbe essere attuato senza almeno un periodo preliminare in cui le forze israeliane diventano la forza di governo de facto nella Striscia.

Netanyahu ha dichiarato che non avrebbe permesso un ruolo per l’Autorità Palestinese in un posto di Hamas a Gaza. Non avrebbe, ha detto, sostituito "Hamastan" con "Fatahstan".
Ancora più importante, la realtà sul terreno a Gaza smentisce ogni suggerimento di una rinnovata amministrazione militare emergente. In effetti, l’attuale situazione caotica, in cui l’autorità di Hamas riemerge non appena l’IDF lascia qualsiasi parte della Striscia, è possibile proprio perché il controllo militare e la governance non sono stati stabiliti. La Divisione Aviotrasportata di 98 anni è attualmente impegnata in feroci scontri nel campo profughi di Jabalya, nel nord della Striscia di Gaza. Le forze israeliane si sono impegnate in questa zona alla fine del 2023, ma non hanno cercato di occuparla. Di conseguenza, Hamas è rientrato nell’area. Israele sta combattendo di nuovo per questo.

Ci sono elementi all’interno della coalizione di governo di Israele, certamente, che cercano il ristabilimento del dominio militare israeliano a Gaza. Il ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir e il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich della fazione religiosa del sionismo sostengono apertamente questo risultato. Vogliono anche la ri-commozione dell'insediamento ebraico nella Striscia. Netanyahu ha bisogno del suo sostegno per la propria sopravvivenza politica. È quindi improbabile che rifiuti pubblicamente la loro direzione preferita. Ma gli eventi sul campo non suggeriscono che stia cercando di attuarlo.

Quindi, se Netanyahu rifiuta qualche ruolo per l’Autorità Palestinese a Gaza, ma non sembra nemmeno attuare una piena rioccupazione militare israeliana della Striscia, qual è in realtà la sua strategia preferita?

Quindi, se Netanyahu rifiuta qualche ruolo per l’Autorità Palestinese a Gaza, ma non sembra nemmeno attuare una piena rioccupazione militare israeliana della Striscia, qual è in realtà la sua strategia preferita?

Il suo obiettivo dichiarato, ovviamente, è la “vittoria totale” su Hamas. In realtà, però, quello che sembra emergere è una situazione in cui Hamas troncato, mezzo rotto ma ancora ferocemente repressivo, continua ad essere l’autorità di governo di fatto a Gaza. Israele, nel frattempo, mantiene la libertà di operare in tutta la Striscia, colpendo Hamas e i suoi leader a volontà, con il coinvolgimento di un numero limitato di forze. Allo stesso tempo, una zona di controllo dell’IDF lungo il confine di Gaza (sul lato di Gaza) impedisce ulteriori attacchi in stile 7 ottobre alle comunità di confine israeliane.

A meno che non venga presa una decisione chiara in un’altra direzione, questa sembra essere la realtà emergente per Gaza. Se Netanyahu ha dichiarato di cercare l’ingresso dell’Autorità Palestinese a Gaza, la sua coalizione sarebbe probabile che crolli. Se avesse espresso il suo sostegno alla rioccupazione militare della Striscia, la risposta dell’amministrazione statunitense sarebbe immediata e dura. L’espresso sostegno per nessuno dei due consente al primo ministro israeliano di tornare ad essere il tattico e responsabile del conflitto che gli piace e che è sempre stato (almeno al di fuori dei suoi libri e dei suoi discorsi). Tuttavia, non può nemmeno impegnarsi apertamente in questa politica, perché costituisce molto meno di una “vittoria totale” israeliana sugli islamisti di Gaza. In effetti, ciò che questa direzione comporta è qualcosa come lo status quo ante bellum, con un Hamas molto indebolito ma non distrutto. È un ritorno a ciò che gli israeliani chiamavano “spostare l’erba”. Se questa sia una strada saggia da prendere è una discussione completamente diversa. Ma lontano dalle dichiarazioni pubbliche e dalle discussioni sull’uomo di paglia, è qui che Israele sembra essere diretto.
Bibi's Plan for a Post-War Gaza
 
Ultima modifica:
Biden says ICC move on arrest warrants for Israeli leaders "outrageous" By Reuters

Biden dice che la CPI si muove sui mandati di arresto per i leader israeliani "orragna"​

Reuters
Il mondo
Pubblicato il 20/05/2020

Biden dice che la CPI si muove sui mandati di arresto per i leader israeliani "orragna"
WASHINGTON (Reuters) - U.S. Lunedì il presidente Joe Biden ha criticato la richiesta del procuratore della Corte penale internazionale di mandati di arresto per alti funzionari israeliani, tra cui il primo ministro Benjamin Netanyahu, definendo la mossa “arrabbiata”.

E lasciatemi essere chiaro: qualunque cosa questo procuratore possa implicare, non c’è equivalenza – nessuno – tra Israele e Hamas. Saremo sempre con Israele contro le minacce alla sua sicurezza”. Biden ha detto in una dichiarazione.

Anche il suo principale assistente segretario di Stato Antony Blinken ha criticato la mossa, sollevando questioni sulla giurisdizione della corte e sul suo processo nel presentare questa domanda. Ha aggiunto che potrebbe mettere a repentaglio i negoziati per raggiungere un accordo di ostaggio e un cessate il fuoco.

"Fondamentalmente, questa decisione non fa nulla per aiutare e potrebbe mettere a repentaglio gli sforzi in corso per raggiungere un accordo di cessate il fuoco che otterrebbe ostaggi e impedirebbe l'assistenza umanitaria", ha detto Blinken.

Il procuratore della CPI Karim Khan ha detto di aver chiesto mandati di arresto per Netanyahu, il suo capo della difesa e tre leader di Hamas per presunti crimini di guerra.

Khan ha detto in una dichiarazione rilasciata dopo oltre sette mesi di guerra a Gaza che aveva ragionevoli motivi per credere che i cinque uomini “portano responsabilità penale” per presunti crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

Blinken ha detto che Israele era pronto a collaborare con la corte e che il procuratore avrebbe dovuto visitare Israele già la prossima settimana, ma invece è andato su una televisione via cavo per annunciare le accuse.

"Queste e altre circostanze mettono in discussione la legittimità e la credibilità di questa indagine", ha detto Blinken.

Nel 2020, gli Stati Uniti L’amministrazione del presidente Donald Trump ha accusato la CPI di violare la sovranità nazionale degli Stati Uniti quando ha autorizzato un’indagine sui crimini di guerra commessi in Afghanistan. Gli Stati Uniti hanno preso di mira il personale giudiziario, tra cui l'allora procuratore Fatou Bensouda, con congelamenti dei beni e divieti di viaggio.

L'amministrazione Biden ha revocato tali sanzioni nell'aprile 2021.
 
8:23
L’Idf: “Ucciso un comandante dell’unità missilistica di Hezbollah”
Qassem Saqlawi, comandante dell'unità missilistica di Hezbollah nella zona della costa libanese, è stato ucciso in un raid con droni nell'area di Tiro. Lo hanno annunciato le forze israeliane di difesa (Idf), citate da The Times of Israel. L'uccisione di Saqlawi è stata confermata da Hezbollah.
 
‘Israel’ to Expand Rafah Operation, Gallant Tells Washington

Israele espanderà l'operazione di Rafah, Gallant dice a Washington​

21 maggio 2024
Il ministro israeliano Yoav Gallant ha informato un assistente senior negli Stati Uniti del presidente Joe Biden e ha detto che “Israele” prevede di espandere le sue operazioni militari a Rafah e recuperare gli ostaggi ritenuti detenuti a Rafah nonostante gli avvertimenti di Washington sul potenziale di vittime civili di massa.
 
3. Le responsabilità di Hamas e quelle di Israele.

Lo statement del Procuratore Khan si sviluppa in primo luogo sulle gravi responsabilità dei capi di Hamas, in particolare dell’ala militare delle Brigate al-Qassam, per crimini contro l’umanità (articolo 7 dello Statuto della CPI) e crimini di guerra (articolo 8), anche nel contesto della “prigionia” riferita in senso ampio allo status degli ostaggi: sterminio (art. 7 para 1, lettera b); omicidio (art. 7, para 1, lettera a) e art. 8 para 2, lettera c) punto i); presa di ostaggi (art.8, para 2, lettera c), punto iii); stupro e altri atti di violenza sessuale (art. 7, para 1, lettera g), e art. 8, para 2, lettera e), punto vi); tortura (art. 7, para 1, lettera f), e art. 8 para 2, lettera c), punto i); altri atti disumani ( art. 7, para. 1, lettera k), trattamenti crudeli (art. 8, para 2, lettera c), punto i), e oltraggi alla dignità personale (art. 8, para 2, lettera c), punto ii).

Al di là del tecnicismo delle imputazioni, il Prosecutor dell’Aja si sofferma sul vissuto personale delle indagini: «Parlando con i sopravvissuti, ho sentito come l’amore di una famiglia, i legami più profondi tra un genitore e un figlio siano stati stravolti per infliggere un dolore insondabile con una crudeltà calcolata e un’estrema insensibilità». E aggiunge: «Vi sono ragionevoli motivi per ritenere che gli ostaggi siano stati tenuti in condizioni disumane e che alcuni siano stati oggetto di violenze sessuali, compreso lo stupro (…). Siamo giunti a questa conclusione sulla base di cartelle cliniche, prove video e documentali, e colloqui con vittime e sopravvissuti».

Altrettanto gravi sono le imputazioni per Benjamin Netanyahu e Yoav Gallant. Si tratta innanzitutto di crimini di guerra: «morte per fame di civili come metodo di guerra» (art. 8 para 2 lettera b), punto xxv, dello Statuto); «causare intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute» (art. 8 para 2 lettera a9 punto iii); «trattamenti crudeli» (art.8 para 2 lettera c) punto i). E ancora: omicidio volontario (art. 8 para2, lettera a) punto i), omicidio (art. 8 para 2 lettera c) punto i); «dirigere intenzionalmente attacchi contro una popolazione civile» (art. 8 para 2 lettera b) punto i), o art. 8, para 2 lettera e) punto i). Seguono i crimini contro l’umanità: sterminio e omicidio, commessi «anche nel contesto di decessi causati dalla fame» (art. 7 para 1 lettere b e a); persecuzioni (art. 7 para 1 lettera h) e altri atti disumani (art.7 para 1 lettera k).

Il procuratore Khan delinea anche un quadro specifico molto serio delle gravi responsabilità dei leader israeliani: i crimini commessi da Israele sono stati compiuti «nell’ambito di un attacco diffuso e sistematico» contro la popolazione civile palestinese, e «in base alla politica dello Stato». L’accusa è perciò rivolta alla «imposizione di un assedio totale su Gaza che ha comportato la chiusura completa dei tre valichi di frontiera, Rafah, Kerem Shalom ed Erez», nonché al blocco arbitrario di aiuti essenziali, tra cui cibo e medicine, e risorse elettriche e idriche per periodi prolungati. Il prosecutor rimarca dunque un «piano comune per usare la fame come metodo di guerra» e per «punire collettivamente la popolazione civile di Gaza», ancorché finalizzato ad «assicurare il ritorno degli ostaggi».

Da qui il richiamo ai principi fondamentali su cui si basa la richiesta di arresto per il leader israeliani: 1) Israele, come tutti gli Stati, ha il diritto di agire per difendere la sua popolazione, tuttavia «tale diritto non esonera Israele o qualsiasi altro Stato dall’obbligo di rispettare il diritto internazionale umanitario»; 2) indipendentemente dall’obiettivo militare, «i mezzi che Israele ha scelto per raggiungerli a Gaza – vale a dire, causare intenzionalmente morte, fame, grandi sofferenze e gravi lesioni al corpo o alla salute della popolazione civile – sono criminali».

Hamas e Israele erano stati già ampiamente avvertiti delle conseguenze delle loro azioni Gaza quando il procuratore Khan già il 29 ottobre si era recato al valico di frontiera di Rafah in Egitto, senza riuscire ad entrare a Gaza, e aveva lanciato un primo statement con le sue linee d’azione, riprese in un editoriale del Guardian.

La prima riguardava Hamas: la Corte avrebbe individuato i «responsabili dell’organizzazione e dell’ attuazione delle atrocità del 7 ottobre», e anche delle «presa di ostaggi, un crimine di guerra ai sensi dello Statuto di Roma», perché «roghi, stupri e uccisioni non possono avvenire come se fossero normali; i bambini, gli uomini, le donne e gli anziani non possono essere strappati dalle loro case e presi in ostaggio, qualunque sia la ragione».

La seconda linea era per Israele: «Israele ha obblighi chiari in relazione alla sua guerra con Hamas: non solo obblighi morali, ma obblighi giuridici, nel rispetto delle leggi sui conflitti armati». Per i responsabili del lancio di missili su qualsiasi abitazione, scuola, ospedale, chiesa o moschea, «questi luoghi sono protetti e se c’è il dubbio che un bene civile abbia perso il suo status di protezione l’ aggressore deve presumere che sia protetto. L’onere di dimostrare che questo status è alterato spetta a chi spara». E ancora: Israele ha un esercito professionale, giuristi militari e un sistema basato sul rispetto del diritto internazionale umanitario, per cui dovrà dimostrare che «qualsiasi attacco è stato condotto in conformità con le leggi e le consuetudini dei conflitti armati», a cominciare dalla «corretta applicazione dei principi di distinzione, precauzione e proporzionalità», e dal divieto di «affamare le popolazioni».
 
Israeli forces move deeper into Rafah after night of heavy bombardment

Le forze israeliane si muovono più in profondità a Rafah dopo notte di pesanti bombardamenti​

La Reuters
Pubblicato 2 ore fa


I palestinesi ispezionano i danni dopo un attacco aereo israeliano a Rafah, nel sud di Gaza, il 22 maggio.


I carri armati israeliani sono avanzati ai margini di un quartiere affollato nel cuore di Rafah mercoledì durante una delle notti più intense di bombardamenti della città meridionale di Gaza da quando Israele ha lanciato la sua offensiva questo mese.

L’assalto di Israele a Rafah, sul bordo meridionale di Gaza, ha messo centinaia di migliaia di persone in fuga da quello che era stato un rifugio per metà dei 2,3 milioni di abitanti dell’enclave. Ha anche tagliato fuori le principali vie di accesso per gli aiuti a Gaza, attirando i timori internazionali di vittime di massa e carestia.

Israele dice che non ha altra scelta che attaccare la città per sradicare gli ultimi battaglioni di combattenti di Hamas che ritiene si stiano rifugiando lì. Le sue truppe si sono lentamente spostate nella periferia orientale di Rafah dall'inizio del mese.

Residenti e militanti hanno detto che i carri armati avevano preso nuove posizioni mercoledì più a ovest rispetto a prima lungo la recinzione di confine meridionale con l’Egitto, e ora erano di stanza ai margini del quartiere Yibna nel centro di Rafah. Non erano ancora entrati nel distretto poiché i combattimenti erano stati intensi.

L’ala armata di Hamas ha detto di aver colpito due portaerei corazzate a un cancello lungo la recinzione di confine con razzi anticarro.

I residenti palestinesi hanno detto che i droni israeliani stavano sparando nel sobborgo di Yibna e avevano aperto il fuoco durante la notte sui pescherecci sulla spiaggia di Rafah causando un po’ di fuoco.

“Non c’è stata alcuna fermata del fuoco israeliano per tutta la notte, da droni, elicotteri, aerei da guerra e carri armati”, ha detto un residente di Rafah, chiedendo che il suo nome venga trattenuto per proteggere la sua sicurezza.

“I pozzi hanno fatto una spinta limitata a sud-est, ancora limitati, ma sono avanzati sotto pesante fuoco tutta la notte”, ha detto a Reuters tramite un’app di chat.

Non c’è stata alcuna notizia immediata da parte dell’esercito israeliano su Rafah. Ha detto di aver ucciso un certo numero di combattenti in operazioni mirate a Khan Younis appena a nord di Rafah, e nel nord della Striscia di Gaza, dove le sue truppe sono tornate in una grande operazione in un’area in cui hanno detto di aver combattuto Hamas mesi fa.

L’UNRWA, la principale agenzia delle Nazioni Unite a Gaza, ha stimato a lunedì che più di 800.000 persone erano fuggite da Rafah da quando Israele ha iniziato a prendere di mira la città all’inizio di maggio, nonostante le richieste internazionali di moderazione. “

Nella città centrale di Zawayda, nella Striscia di Gaza, un attacco aereo israeliano ha ucciso sette persone in una casa, hanno detto i medici.

Sul bordo settentrionale di Gaza a Jabalia, il più grande degli otto campi profughi storici di Gaza, le forze israeliane hanno insistito con un’offensiva di terra che ha portato avanti in parallelo con l’assalto di Rafah per due settimane.

Funzionari della sanità e residenti dicono che interi quartieri residenziali sono stati distrutti e decine di persone uccise nell’operazione, in un’area in cui Israele ha ritirato le sue forze dopo aver affermato di aver combattuto Hamas a gennaio. Israele dice che è dovuto tornare per impedire ad Hamas di ristabilirsi lì.
 
https://www.washingtonpost.com/world/2024/05/23/israel-hamas-war-news-gaza-palestine-rafah/
Il gabinetto di guerra israeliano ha incaricato la sua squadra negoziale di riprendere i colloqui su un accordo per rilasciare ostaggi detenuti a Gaza, ha detto l’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu in una dichiarazione. La decisione è arrivata poche ore dopo il filmato che mostra la cattura di cinque soldati israeliani da parte di Hamas lo scorso ottobre. 7 è stato rilasciato dalle loro famiglie, che hanno detto che speravano di spingere i leader israeliani a riavviare le discussioni – che si erano fermate all’inizio di questo mese.
 
01:06
Idf: ucciso in un tunnel responsabile razzi di Hamas
Il comandante del battaglione Beit Hanoun di Hamas è stato ucciso dalle forze israeliane in un tunnel nell'area di Jabaliya, nel nord di Gaza, dicono i militari israeliani citati dal Times of Israel. Hussien Fiad è stato responsabile di "molti attacchi con razzi anticarro lanciati contro Israele durante la guerra, e anche di aver sparato molti colpi di mortaio contro le comunità del confine settentrionale di Gaza", afferma l'Idf in una nota.
 

Video: Padre-File Hamas Duo descrive con nonchalance il rapimento e l'uccisione di una donna israeliana​

Curato da: Rohit
Video: Padre-File Hamas Duo discrisce con nonchalance le arsie nel rapire la donna israeliana e poi ucciderla
24 maggio 2024, 13:59 IST
Gerusalemme, Israele
Jamal described finding a woman who was “screaming” and “crying” in a house at Kibbutz Nir Oz, a community near the Israel-Gaza border. (@jbetlach/X)

Jamal ha descritto di aver trovato una donna che stava “urlando” e “gridando” in una casa a Kibbutz Nir Oz, una comunità vicino al confine tra Israele e Gaza./X)
Jamal Hussein Ahmad Radi, 47 anni, e suo figlio diciottenne, Abdallah, sono stati sequestrati dalle forze di difesa isreliane nella Striscia di Gaza
Un filmato appena pubblicato di un membro di Hamas e di suo figlio adolescente raccontano casualmente agli interrogatori come hanno fatto a turno stuprando una donna israeliana e poi l’hanno uccisa, sta facendo round su Internet.
Jamal Hussein Ahmad Radi, 47 anni, e suo figlio Abdallah, 18 anni, sono stati sequestrati dall’esercito israeliano nella Striscia di Gaza e in seguito interrogati sull’ottobre. 7 furia nel sud di Israele. Jamal, che era uno dei preparatori dell’attacco mortale, ha descritto di aver trovato una donna che “urla” era “urla” e “agtura” in una casa a Kibbutz Nir Oz, una comunità vicino al confine di Gaza. “Ho fatto quello che ho fatto, l’ho violentata”, ha detto il Daily Mail.
“L’ho minacciata con la mia pistola per toglierle i vestiti, ricordo che indossava pantaloncini di jeans, questo è tutto”, ha aggiunto. Il 47enne membro di Hamas ha affermato di non sapere cosa è successo alla donna dopo lo stupro, ma suo figlio adolescente ha detto all’interrogante che suo padre ha ucciso la vittima disperata. “Mio padre l’ha violentata, poi l’ho fatto e poi mio cugino l’ha fatto e poi me ne siamo andati, ma mio padre ha ucciso la donna dopo averla finita”, ha detto Abdallah durante un’intervista.
Video: Father-Son Hamas Duo Nonchalantly Describe Taking Turns In Raping Israeli Woman And Then Killing Her - News18
 
Ultima modifica:
Indietro