Italia ancora più giù nella classifica della corruzione.

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Conato

acatalettico
Registrato
18/2/12
Messaggi
15.291
Punti reazioni
454
Corruzione, l'Italia scivolta di tre posizioni:
è 72ma allo stesso livello della Tunisia

Il rapporto annuale di Transparency International sottolinea che il fenomeno colpisce con maggior forza i Paesi che risentono di più della crisi economica

BERLINO - L'Italia perde altre tre posizioni nella classifica mondiale della corruzione, pubblicata nel rapporto annuale di Transparency International. Il nostro Paese scende al 72mo posto con 42 punti su una scala da 0 a 100 e ha un livello di corruzione equivalente a quello della Tunisia (41 punti).

Fa anche peggio la Grecia che scivola di 14 posizioni finendo 94ma con 36 punti ed eguaglia la Colombia.

L'organizzazione responsabile dello studio nota che la corruzione è più diffusa "in quei paesi più affetti" dalla crisi economica e finanziaria. Colpite in modo minore dalla congiuntura economica, Germania e Francia si piazzano rispettivamente 13ma e 22ma con punteggi superiori a 70.

Danimarca, Finlandia e Nuova Zelanda sono i Paesi più virtuosi e raggiungono i 90 punti. Afghanistan, Corea del Nord e Somalia occupano la 174ma e ultima posizione della graduatoria con soli otto punti.


Corruzione, l'Italia scivolta di tre posizioni: è 72ma allo stesso livello della Tunisia - Repubblica.it
 
In un anno di governo PD-PDL-UDC, partiti zeppi di corrotti e indagati, era quello che ci dovevamo attendere.:yes:
 
aspe aspe


manca la ciliegina sulla torta: cancellazione urgente intercettazioni su trattativa stato_mafia


corruzione?


no, microevasione popolare
 
Indietro