Italia independent

mimmo6

Nuovo Utente
Registrato
12/8/01
Messaggi
3.946
Punti reazioni
157
Lapo Elkann debutta in Borsa.
"Siamo Italiani e Indipendenti"

Lapo Elkann l'ad Tessitore spiegano la strategia, che prevede un negozio nel Quadrilatero della moda, a Milano, entro la fine dell'anno. Patto stretto tra i soci, nessuno potrà toccare le quote per un anno e mezzo. Nessun coinvolgimento di Exor, obiettivo il mercato principale. E il titolo vola
di SARA BENNEWITZ


MILANO - Questa è una band, non un gruppo nato intorno a Lapo Elkann. Lo dice con orgoglio il fondatore di Italian Indipendent (il titolo in diretta), che fin dal collocamento scende sotto la maggioranza assoluta, insieme ai suoi top manager coordinati dall’ad Andrea Tessitore. E questo perché in comune questi "ragazzi" (anche se qualcuno ha già qualche capello bianco), hanno l’energia, il fatto di essere italiani e di avere tutti alle spalle un’esperienza internazionale.

E se per caso Tessitore (che del gruppo ha l’8,4%), Pietro Peligra (3,19%), Giovanni Accongiagioco (3,4%) e Alberto Fusisgnani (3,4%) - che continua a detenere il 25% dell’agenzia di comunicazione Indipendent Ideas - si separano da Lapo, il gruppo diventa scalabile. "Che qualcuno se ne vada a fare altro lo sperano in molti - ironizza Lapo alludendo agli invidiosi - ma io credo che bisogna cambiare anche il concetto di come si fa l’imprenditore in Italia, perché la logica del padroncino nel mondo non esiste più". Fatto sta che per il prossimi 18 mesi - il triplo del tempo rispetto a un Ipo normale come Moleskine o Cucinelli- tutto il management ha firmato un divieto di alienazione dei suoi titoli.

E sull’essere italiani ma "Independent", il gruppo punta tutto. "Non credo né nel franchising né nelle licenze - spiega Andrea Tessitore - è un modo vecchio di lavorare nel settore dell’occhialeria, noi puntiamo a selezionare con cura i luoghi dove apriremo i negozi a gestione diretta e i futuri partner che sceglieremo". Vale per la produzione di occhiali, che resta esterna per dare all’azienda massima flessibilità e la possibilità di giocare con i materiali (ad esempio ordinare anche solo 25 paia di occhiali fatti a posta per un cliente), e vale per la rete di distribuzione del gruppo. Con i proventi del collocamento la società investirà nei nuovi negozi a gestione diretta - il primo sarà inaugurato nel quadrilatero di Milano entro fine anno- e nel riacquisto delle quote di minoranza del gruppo in mano alla modenese Brama Sportswear. "Prima dell’Ipo abbiamo fissato un prezzo debiti compresi di 20 milioni per Italian Independent - spiega Tessitore - e ora che l’azienda quotata vale molto di più sarà difficile farlo digerire ai nostri ex soci".

Nessun favore né coinvolgimento da parte della famiglia Agnelli. "Non a caso ci chiamiamo Independent e le scelte di investimento che fa Exor non ci riguardano - chiosa il rampollo torinese - quando Fiat ha fatto delle gare, Independet Ideas ha partecipato insime a tutti gli altri gruppi pubblicitari e non sempre abbiamo vinto".

E sul perché il marchio non si chiami 'Italia indipendente', Lapo precisa: "il nome è stato scelto perché vogliamo vedere e promuovere l’Italia all’estero. Io non credo nel Made in Italy a tutti i costi, credo nel Made in Italy 2.0, ovvero: le idee, lo stile, il gusto e il design concepito dagli italiani, anche se poi viene realizzato in tutto il mondo".

(28 giugno 2013)
 
....Brividi.....

P/e fuori dal normale, e di parecchio. Non mi spiego l'andamento di oggi.

La struttura stessa dell'aziende stessa mi fa pensare ad un crollo repentino in tempi brevi; Tra qualche giorno si entra entra short.

Voi che dite?
 
....Brividi.....

P/e fuori dal normale, e di parecchio. Non mi spiego l'andamento di oggi.

La struttura stessa dell'aziende stessa mi fa pensare ad un crollo repentino in tempi brevi; Tra qualche giorno si entra entra short.

Voi che dite?


A fine anno verrà inaugurato un nuovo negozio a Milano, con il ricavato dell'IPO apriranno altri nuovi negozi, speriamo bene.
 
Titolo interessante non mi sembra neanche tanto cara considerato che è una start up. Da comprare.
 
sicuri? leggo su mf che capitalizza 3 volte il fatturato e 20 l'ebitda
 
sicuri? leggo su mf che capitalizza 3 volte il fatturato e 20 l'ebitda


i numeri sono quelli... ma dietro questa azienda c'e' tutto un mondo

che va dalla juve alla fiat... al corriere della sera...

e' un'azienda che puo' essere ben supportata dal punto di vista

commerciale...

io una puntatina l ho fatta... stop loss rigido a 27
 
sicuri? leggo su mf che capitalizza 3 volte il fatturato e 20 l'ebitda

è una start up
ergo i tassi di crescita saranno importanti
i metodi di valutazioni non possono essere quelli consoni ad una azienda in crescita standard in un mercato maturo
 
grande pipistrello e grande lapone
 
oggi nn gusta tanto il lapone
 
La società ha 7,5 mln di crediti verso clienti su un totale attivo di 15. Se il 10% diventa inesigibile (media Italia, e visto lo scenario macro ipotesi neanche troppo estrema ) si azzererebbero praticamente gli utili
 
Indietro