ITALY 2033 NTS 5.375% in usd isin US465410BG26 : valutiamola

ezra stone

Nuovo Utente
Registrato
28/2/20
Messaggi
466
Punti reazioni
21
Con i BTP la discesa potrebbe non essere finita....anzi... personalmente ho iniziato a comprare qualcosa di quelli in euro, il rendimento per quanto mi riguarda comincia ad essere soddisfacente e mi sta bene anche portare a scadenza, ma per quanto riguarda quelli in dollari al momento neanche li guardo, non mi sembra il caso aggiungere il rischio cambio che di certo in questo momento è favorevole

quali BTP hai preso? (se non sono indiscreto ovviamente)
 

atile34

Nuovo Utente
Registrato
8/10/19
Messaggi
1.091
Punti reazioni
66
quali BTP hai preso? (se non sono indiscreto ovviamente)

Questa è la mia scaletta :D a giugno preso al collocamento il btpitalia 2030 poi di seguito un'altro indicizzato il btp inflazione europea 2033 proseguendo con i tassi fissi 2028 2,80% 2030 3,50% 2037 4%
 

Crisante

Nuovo Utente
Registrato
7/2/22
Messaggi
47
Punti reazioni
5
qualcuno che sta facendo acquisti di ITALY 2033 NTS 5.375% in usd? è il momento giusto?
Si, rientrato perché sta risalendo inoltre con la 23 in usd che scade l'anno prossimo questa è l'unica per giocare un po' e cedolare se si rimane incastrati.
Cri
 

baleng

Nuovo Utente
Registrato
11/3/21
Messaggi
943
Punti reazioni
101
Presente. In novembre ho incrementato, devo dire sui minimi. Anche consigliato di prenderla, ma non ricordo dove ...
 

11/11/11

Comprate BTP italia!
Registrato
11/11/11
Messaggi
3.618
Punti reazioni
992
Strumento interessante, ma da valutare l'andamento in relazione al cambio.

Se l'euro recupera sul dollaro come è successo nell'ultimo mese, ci perdi dal cambio ma la quotazione sale (da 90 è passato a 100). Il valore del btp fa +10% dai minimi. Il cambio ha perso 7 punti il guadagno reale sono 3% punti


Quindi rispetto ad un btp pari durata quotato in euro come il 2033 2,85 che dai minimi ha fatto una salita di circa 10% questo btp usa è penalizzato dalla svalutazione del dollaro.

In caso del ribasso da inizio anno da 125 a 100 invece, la rivalutazione del dollaro (da 1,15 a 1,05) ha mitigato la flessione.

Il rischio cambio - gli strumenti in dollari hanno tassi più alti - permettono però una cedola del 4,7 netta (1,3 punti in più del btp in euro)

Penso di prenderne una piccola parte e tenerla nel medio lungo, tipo conto deposito in dollari, da rivendere magari tra 2/3 anni quando il cambio e la quotazione permetteranno una buona plusvalenza.


Nel frattempo le cedole vengono incassate e si può mediare il prezzo cercando di "giocare " sul cambio EUR dollaro
 

Crisante

Nuovo Utente
Registrato
7/2/22
Messaggi
47
Punti reazioni
5
Strumento interessante, ma da valutare l'andamento in relazione al cambio.

Se l'euro recupera sul dollaro come è successo nell'ultimo mese, ci perdi dal cambio ma la quotazione sale (da 90 è passato a 100). Il valore del btp fa +10% dai minimi. Il cambio ha perso 7 punti il guadagno reale sono 3% punti


Quindi rispetto ad un btp pari durata quotato in euro come il 2033 2,85 che dai minimi ha fatto una salita di circa 10% questo btp usa è penalizzato dalla svalutazione del dollaro.

In caso del ribasso da inizio anno da 125 a 100 invece, la rivalutazione del dollaro (da 1,15 a 1,05) ha mitigato la flessione.

Il rischio cambio - gli strumenti in dollari hanno tassi più alti - permettono però una cedola del 4,7 netta (1,3 punti in più del btp in euro)

Penso di prenderne una piccola parte e tenerla nel medio lungo, tipo conto deposito in dollari, da rivendere magari tra 2/3 anni quando il cambio e la quotazione permetteranno una buona plusvalenza.


Nel frattempo le cedole vengono incassate e si può mediare il prezzo cercando di "giocare " sul cambio EUR dollaro
Da comprare sotto si 95 con minimi intorno a 91. Vediamo cosa succede con la Fed questa settimana. Ottimo rendimento rispetto al Btp e niente cacs...attenzione al cambio e alle conseguenti minus/plus fittizie da cambio....
 

gardener

bondista paziente
Registrato
9/2/14
Messaggi
3.069
Punti reazioni
169
Se aspettate i 95 potete sedervi tranquilli , i rendimenti sono in calo
 

Crisante

Nuovo Utente
Registrato
7/2/22
Messaggi
47
Punti reazioni
5
Strumento interessante, ma da valutare l'andamento in relazione al cambio.

Se l'euro recupera sul dollaro come è successo nell'ultimo mese, ci perdi dal cambio ma la quotazione sale (da 90 è passato a 100). Il valore del btp fa +10% dai minimi. Il cambio ha perso 7 punti il guadagno reale sono 3% punti


Quindi rispetto ad un btp pari durata quotato in euro come il 2033 2,85 che dai minimi ha fatto una salita di circa 10% questo btp usa è penalizzato dalla svalutazione del dollaro.

In caso del ribasso da inizio anno da 125 a 100 invece, la rivalutazione del dollaro (da 1,15 a 1,05) ha mitigato la flessione.

Il rischio cambio - gli strumenti in dollari hanno tassi più alti - permettono però una cedola del 4,7 netta (1,3 punti in più del btp in euro)

Penso di prenderne una piccola parte e tenerla nel medio lungo, tipo conto deposito in dollari, da rivendere magari tra 2/3 anni quando il cambio e la quotazione permetteranno una buona plusvalenza.


Nel frattempo le cedole vengono incassate e si può mediare il prezzo cercando di "giocare " sul cambio EUR dollaro
Le salite o discese del cambio, con il conto in valuta, corrispondono unicamente a minus o plus valenze nello zainetto fiscale.
 

baleng

Nuovo Utente
Registrato
11/3/21
Messaggi
943
Punti reazioni
101
E' un decennale, ora. Ciò significa che i guadagni dovuti a ribasso dei tassi vengono quasi pareggiati dalla perdita nel cambio mche, attenzione, in gran parte è legata proprio al ribasso dei tassi.
Poiché più è lungo il titolo e più contano i tassi, e meno il cambio, si può considerare il 7 anni come punto di equilibrio.
Prima si guadagna o perde soprattutto per il cambio.
Dopo (decennali, trentennali) si guadagna o si perde soprattutto in funzione dei tassi.
 

KlausC

Hic sunt Leones
Registrato
2/10/09
Messaggi
6.749
Punti reazioni
326
Per me è un'occasione anche il 23 6,875 a poco + di 100, un parcheggio di liquidità ben remunerato.
 

Cait Sith

Nuovo Utente
Registrato
25/6/11
Messaggi
91
Punti reazioni
2
Scusate, ma che differenza c'è tra questi eurobonds e i btp normali, a parte la valuta in dollari?
Mi pare che rendano di più dei btp, ma non capisco perchè.
 

Blacksmith.

AoK Heaven
Registrato
26/4/16
Messaggi
6.684
Punti reazioni
475
Scusate, ma che differenza c'è tra questi eurobonds e i btp normali, a parte la valuta in dollari?
Mi pare che rendano di più dei btp, ma non capisco perchè.
Non so se è già stato scritto, ma la valutazione dipende dal fatto che è un bond in dollari con rischio Italia.

Il BTP decennale in euro rende Bund + Spread.
Un bond Italy in dollari rende Treasury+Spread.

UST10y oggi è al 3,5% + 1,85% di Spread = 5,35% di rendimento per un bond in dollari con rischio Italia.
 

Cait Sith

Nuovo Utente
Registrato
25/6/11
Messaggi
91
Punti reazioni
2
Quindi in pratica la differenza deriva dal fatto che i tassi della fed sono più alti di quelli della bce? E' corretto come ragionamento?
 

KlausC

Hic sunt Leones
Registrato
2/10/09
Messaggi
6.749
Punti reazioni
326
Quindi in pratica la differenza deriva dal fatto che i tassi della fed sono più alti di quelli della bce? E' corretto come ragionamento?
In gran parte si, poi 'è da tenere in conto anche il rischio cambio.
 

cc8877

Nuovo Utente
Registrato
9/12/13
Messaggi
562
Punti reazioni
111
Io questi bond li ho da un po’, presi con il dollaro intorno ad 1.20… Ora con i valori del dollaro attuali ci prendo anche qualcosa più di cedole. Per ora non le incremento e credo nemmeno se il dollaro tornasse ai valori di acquisto.
 

Blacksmith.

AoK Heaven
Registrato
26/4/16
Messaggi
6.684
Punti reazioni
475
Quindi in pratica la differenza deriva dal fatto che i tassi della fed sono più alti di quelli della bce?
I tassi di mercato decennali, non quelli a breve termine.

Il prezzo e il rendimento in dollari dipendono da questo.

Il rendimento in euro dipenderà dalle variazioni del cambio.

Il costo della copertura del cambio è uguale alla differenza fra i tassi a breve termine in euro e in dollari.