L' interessante storia di Bonifiche Ferraresi

tallcandle

MemberOne
Registrato
16/1/03
Messaggi
28.267
Punti reazioni
1.819
L’interessante storia di Bonifiche Ferraresi


La crisi dovuta al diffondersi del Covid con il crollo generalizzato dei titoli ha riacceso la mia attenzione su BF. Si, perché se un titolo si trova a quasi -10% dai massimi recenti con titoli che adesso navigano sul -40%/-50% …. qualcosa vorrà pur significare e credo non si possa spiegare semplicemente con l’affermazione “si ma è un difensivo, filiera alimentare”.
Secondo me ci sono una serie di fattori che rendono molto, molto interessante Bonifiche anche e soprattutto in un momento del genere.

1) Acquisti a mercato
2) Finanziamento ARUM
3) Compravendite pacchetti
4) Aumenti di capitale riservati
5) Flottante reale del titolo
6) Ruolo dei Consorzi Agrari
7) Bilancio 2019

1)
Il primo elemento sono gli acquisti di ARUM. Dal 26 luglio 2019 ha comprato a mercato 2.530.000 azioni per totali 7,9 mln circa di euro (3,13 euro ad azione). Sicuramente ARUM ha dato una mano all’AD nel sostenere il titolo lo scorso mese di dicembre quando c’era in ballo l’assegnazione delle azioni al management. E gli acquisti sono proseguiti anche nei giorni recenti (112k) e l’azione dopo i 2,8 è tornata a 3,5. Va sottolineato che ARUM e Vecchioni (escludendo la scelta dell’AD nel corso dell’OPAS con più cash) non hanno mai venduto titoli a mercato. Dato molto significativo.

2)
ARUM a fine maggio 2019 ha rilevato per 24 mln il pacchetto di De Benedetti (2,55 euro ad azione) grazie ad un finanziamento di Intesa S. Paolo. Non si sa il tasso che ISP applica al finanziamento ma si possono immaginare due cose: c'è un tasso di interesse da pagare (ovvio) e che su quei titoli ci sia un pegno. Se sono in pegno meglio che il titolo non si deprezzi.
Come Vecchioni paghi gli interessi non lo sapremo mai...di sicuro non sta ricorrendo a vendite di azioni per fare cassa da indirizzare allo scopo.

3)
Negli ultimi mesi Vecchioni ha rilevato e venduto milioni di azioni.
Da PER ha acquistato 9,4 mln di titoli a 2,55…poi ha conferito il Cicalino avendo assegnati 3,9 mln di titoli a 2,55 euro cada….poi ha ceduto a Dompè 5 mln di titoli a 2,6 euro cada e girato a JC Capital 5 mln di titoli a 2,73 euro cada. E’ ora in attesa di perfezionamento il passaggio del pacchetto di Gavio (9,1 mln di titoli a 2,55 euro ad azione) ovvero l'8% e fischia del capitale.

4)
Dall’arrivo di BF Holding, tutti gli adc, riservati o meno, sono stati sottoscritti prendendo quale riferimento 2,55 euro ad azione. Questo livello rappresenta oggi un vero zoccolo duro per il titolo. Anche in occasione del mini crollo del 2018 quando il titolo andò verso 2 euro poi si vide un repentino recupero dei prezzi tanto da fare tornare i corsi sopra detta soglia. E che sia importante lo si è visto un paio di settimane fa….il titolo pur crollando non ha visto nemmeno per un secondo quella cifra: gli acquisti sono arrivati ben prima.

5)
Ad oggi quale potrebbe essere il flottante reale del titolo? Molto molto poco. Se si considera l’ultimo verbale assembleare (dicembre 2019), sito Consob, transazioni recenti, i soci noti arrivano all’79% circa. Un flottante reale al 21% circa è un fattore da non sottovalutare in ottica futura: con newsflow positivo si troveranno pochi titoli, sempre di meno se ARUM proseguirà negli acquisti.

6)
Nella compagine sociale Vecchioni ha fatto entrare diversi imprenditori di spicco, da Ocrim a Farchioni a Inalca. Cremonini lo sta utilizzando per macellare i bovini. Coi Consorzi non si sa cosa stia facendo. Riporto l'articolo del Corriere Economia dove si riportava una notizia molto interessante che però il mercato non sembra avere prezzato ancora.

Bonifiche ferraresi mette d’accordo i consorzi e pensa alla svolta con la ricapitalizzazione - Corriere.it

"Bonifiche Ferraresi inaugura il nuovo centro direzionale per la Toscana a Santa Caterina in Valdichiana e si prepara a lanciare l’aumento di capitale da 150 milioni, operazione per la quale il consiglio ha ricevuto delega in luglio. Il gruppo, che con 7 mila ettari di superficie coltivabile rappresenta la più grande azienda agricola italiana (e l’unica quotata in Borsa del settore in Occidente) potrebbe essere alla vigilia di un salto dimensionale. L’occasione può essere proprio la ricapitalizzazione che dovrebbe partire con un board da mettere in calendario entro metà ottobre. Il progetto, secondo quanto è stato possibile raccogliere anche nel corso della cerimonia di inaugurazione alla quale hanno partecipato azionisti, rappresentati delle associazioni agricole, istituzioni e banche, prevederebbe l’acquisizione del controllo da parte di Bonifiche Ferraresi di una nuova società costituita ad hoc dai sei principali Consorzi agrari che presentano un valore delle produzione pari a circa 1,3 miliardi.

Secondo queste ipotesi, che non vengono commentate da Bonifiche, il gruppo agroindustriale guidato da Federico Vecchioni, che si è prefisso di essere un hub per il settore del nostro Paese, realizzerebbe una svolta significativa.
In linea sotto il profilo strategico con il percorso compiuto da quando, nel 2014, un gruppo di soci istituzionali, industriali e agricoli, ha rilevato con un’Opa il 60% di Bonifiche Ferraresi da Banca d’Italia azionista di maggioranza dal 1942 della società costituita nel 1871. Da allora, cambiando il modello di business conservativo che aveva caratterizzato la gestione precedente, il gruppo è passato anche attraverso acquisizioni da 9 milioni di fatturato agli 85 previsti per fine 2018, con investimenti complessivi che, compreso il prossimo aumento di capitale, raggiungono quota 500 milioni. Nel frattempo il gruppo si è articolato in una holding quotata, Bf, che controlla Bonifiche Ferraresi e altre società, e si è arricchita la platea degli azionisti. In particolare nel settembre 2015 hanno deciso di investire in Bonifiche i Consorzi agrari e nel 2017 è entrata nel capitale Cdp equity, che oggi con il 19,9% è il secondo socio dopo la Fondazione Cariplo che detiene il 21,8%. Altri azionisti di rilievo sono Carlo De Benedetti, Sergio Dompé, la famiglia Gavio, Bios Line, Farchioni olii, il gruppo Cremonini, i mulini Ocrim, la Popolare di Cortona. Un club che raccoglie investitori istituzionali e finanziari ma anche operativi appartenenti alla filiera agroalimentare. «Dalla genomica allo scaffale», ha sottolineato ieri Vecchioni riassumendo così la missione dell’azienda durante l’inaugurazione del centro nato dalla ristrutturazione della prima delle leopoldine, case coloniche che risalgono ai tempi del granduca Leopoldo di Toscana."

Questo passaggio è fondamentale per fare di BF la nuova Ferruzzi. E qui si arriva all'ultimo punto.

7)
Il bilancio 2019 è stato un anno di ulteriore crescita per l'azienda, con produzione arrivata quasi a 100 mln, ebitda pari a 9 mln e utile netto di 800.000 euro. La pfn pari a 46 mln di euro.
Vecchioni ha appena confermato i numeri previsti dal piano industriale....ed ha a disposizione altri 45 mln...quindi 90 mln in tutto dopo l'adc riservato appena concluso.
Cosa ne farà?

L’Ad di Bonifiche Ferraresi, 1deg gruppo agricolo italiano: “I prezzi saliranno, il governo snellisca la burocrazia per erogare i fondi” – Business Insider Italia

"Il piano industriale prevede che il 2020 sia un altro anno di crescita grazie anche ad acquisizioni che la società ha già nel mirino: dovrebbe andare in porto entro qualche mese l’acquisto di un produttore di integratori, che andrà a verticalizzare la coltivazione di piante aromatiche. Altri investimenti sono previsti per potenziare l’attività di servizi alle aziende agricole: qui BF opera in collaborazione con l’ente pubblico Ismea attraverso la controllata IBF Servizi, società che eroga servizi di agricoltura di precisione, rendendoli accessibili alle aziende agricole di tutte le dimensioni. Al progettano collaborano anche Leonardo (satelliti) e A2A (sensori nei terreni).

La crisi del coronavirus potrebbe ostacolare questi progetti?

“Non credo proprio – risponde Vecchioni -, siamo consapevoli della solidità di BF, abbiamo i mezzi finanziari e abbiamo un piano industriale chiaro, non ho esitazioni a confermare obiettivi e budget per il 2020”."


________________________________________

Si continua da qui


https://www.finanzaonline.com/forum...icinali-allevamento-precision-farming-52.html
 
BF0550-page-001.jpg
BF0550-page-002.jpg
 
Bellissima la manina che ha comprato sul finire di seduta :D

Vedremo se usciranno altri internal dealing nei prossimi giorni :cool:
 
VON DER LEYEN ANNUNCIA NUOVE MISURE PER IL SETTORE AGROALIMENTARE

News Image(Teleborsa) - Più liquidità nelle tasche degli agricoltori e in meno tempo. È la promessa della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen al settore agroalimentare in un video messaggio su Twitter: "un settore in cui non tollereremo alcun genere di perturbazione è quello alimentare. Le misure adottate a sostegno della libera circolazione delle merci, ed i permessi di viaggio per i lavoratori stagionali – ha spiegato – servono ad "assicurare che gli europei abbiano cibo di alta qualità a prezzi accessibili sulle loro tavole, nonostante il coronavirus".

La presidente von der Leyen ha annunciato nuove misure per il settore con più fondi, maggior tempo per presentare le richieste
per i pagamenti diretti e per quelli dello sviluppo rurale e un iter burocratico più snello perché i coltivatori al momento "hanno priorità più urgenti di quelle di compilare dei moduli". Tra le azioni della Commissione Ue anche il sostegno alle strutture sanitarie nelle aree rurali.

(TELEBORSA) 06-04-2020 05:34
 
Segnamoci i 33k di stamattina a 3,6....magari anche quelli sono stati comprati da Arum
 
E puntualmente escono gli internal.
 
Non so....ma siamo a 100k scambiati oggi
 
I signori Azionisti sono convocati in Assembleaordinaria, presso lo studio Notarile Marchetti in Milano, via Agnello n. 18,per il giorno28 maggio 2020, alle ore 15:00, inunica convocazione, per discutere e deliberare sul seguenteORDINE DEL GIORNO

1) Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019 della Società, comprensivo della relazione del Consiglio di Amministrazione sull’andamento della gestione, della relazione del Collegio Sindacale e della relazione della Società di Revisione; presentazione del bilancio consolidato al 31 dicembre 2019.

2) Destinazione dell’utile di esercizio interamente a “Riserva utili non distribuiti” e proposta di distribuzione di un dividendo lordo, mediante utilizzo della “Riserva Utili a nuovo”, per complessivi Euro 523.969,39, pari a Euro 0,003 per azione.

3) Piano di incentivazione di lungo termine 2020-2022 exart. 114-bis del D.Lgs.n. 58/1998 avente ad oggetto l’assegnazione di Phantom Share, riservato all’Amministratore Delegato e a taluni dirigenti della Società

.4) Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti: a) approvazione della politica di remunerazione ai sensi dell’art. 123-ter, comma 3-ter, del D.Lgs. n. 58/1998;b) voto consultivo sulla seconda sezione della relazione ai sensi dell’art. 123-ter, comma 6, del D.Lgs. n. 58/1998.

5) Proposta di autorizzazione –a favore dell’Amministratore Delegato –allo svolgimento di attività potenzialmente in concorrenza con talune delle attività esercitate dal Gruppo BF, ai sensi dell’art. 2390, comma 1, del codice civile.

6) Nomina di un amministratore a seguito di cooptazione exart. 2386 c.c.7) Nomina del Collegio Sindacale per il triennio 2020-2022 e determinazione del relativo compenso annuale.Leinformazioniriguardantile modalità ed i termini:per l’intervento e il voto in Assemblea, inclusa ogni indicazione riguardantedelegheerecord date;-per l’esercizio del voto per delega;-per l’esercizio del diritto di porre domande prima dell’Assemblea e del diritto di integrare l’ordine del giorno o di presentare ulteriori proposte di deliberazionesu materie già all’ordine del giorno;-di reperibilitàdelleproposte di deliberazione, dellerelazioni illustrativesulle materie all’ordine del giorno e dei documenti che saranno sottoposti all’Assembleasono riportate nell’avviso di convocazione integrale, il cui testo è pubblicato presso il meccanismo di stoccaggioautorizzato (“www.1info.it”)e sul sito internet della Società all’indirizzo “www.bfspa.it”, sezione“Investor Relations”–“Assemblea”–“2020”.Milano, 17 aprile 2020Per il Consiglio di Amministrazione, il Presidente(prof.ssa Rossella Locatelli)
 
nuovo piano di incentivazione 2020/2022

autorizzazione allo svolgimento di attività potenzialmente in concorrenza con talune delle attività esercitate dal Gruppo BF, ai sensi dell’art. 2390, comma 1, del codice civile.

Vecchioni non si fa mancare niente, ha avuto anche fortuna a vendere l'agriturismo prima del coronavirus ... n° 1
 
nuovo piano di incentivazione 2020/2022

autorizzazione allo svolgimento di attività potenzialmente in concorrenza con talune delle attività esercitate dal Gruppo BF, ai sensi dell’art. 2390, comma 1, del codice civile.

Vecchioni non si fa mancare niente, ha avuto anche fortuna a vendere l'agriturismo prima del coronavirus ... n° 1

Cosa ne pensi delle phanton stock ?
 
Cosa ne pensi delle phanton stock ?

ottimo strumento per Vecchioni di ulteriori lauti guadagni, stavolta tutto in cash..

allego il documento, ci sarà da tener d'occhio il titolo ultimi 45 gg dell'anno 2022 (fine vesting) stavolta basta un + 20% e Vecchioni andrà all'incasso, non mi è chiaro il prezzo di partenza 3,445 oppure 3,18 ????....



Obiettivo di Performance

Al termine del Periodo di Vesting (i.e. 31 dicembre 2022) e a seguito dell’approvazione del bilancio di
esercizio per l’esercizio 2022 da parte dell’Assemblea dei soci, il Consiglio di Amministrazione di BF
determinerà: (i) il numero di Phantom Share da attribuire a ciascun Beneficiario – fermo restando il
massimo dell’Incentivo Assegnato a ciascun Beneficiario – sulla base del raggiungimento
dell’Obiettivo di Performance di seguito descritto, e (ii) il Dividend Equivalent.

L’incentivo matura in funzione del grado di raggiungimento di un obiettivo di Total Shareholder Return
Assoluto.

Il Total Shareholder Return Assoluto verrà calcolato sulla base della seguente formula:
(Prezzo di riferimento dell’Azione alla data finale del Periodo di Vesting – Prezzo di riferimento
dell’Azione alla data di inizio del Periodo di Vesting + dividendi per Azione corrisposti nel Periodo di
Vesting) / (Prezzo di riferimento dell’Azione alla data di inizio del Periodo di Vesting)
Ove:
- per Prezzo di riferimento dell’Azione alla data finale del Periodo di Vesting si fa riferimento al
Prezzo di riferimento dell’Azione al 31 dicembre 2022; e
- per Prezzo di riferimento dell’Azione alla data di inizio del Periodo di Vesting si fa riferimento al
Prezzo di riferimento dell’Azione al 18 marzo 2020, data della riunione del Consiglio di
Amministrazione che ha deliberato, su proposta del Comitato per le Nomine e la Remunerazione
riunitosi in data 13 marzo 2020 e con il parere favorevole del Collegio Sindacale della Società ai
sensi dell’Articolo 2389 del Codice Civile, di sottoporre - ai sensi dell’Articolo 144-bis del TUF - il
Piano all’approvazione dell’Assemblea dei soci convocata per l’approvazione del bilancio di
esercizio della Società al 31 dicembre 2019 – pari a Euro 3,445.
Il numero di Phantom Share maturate e da attribuite ai Beneficiari al termine del Periodo di Vesting,
in caso di raggiungimento dell’Obiettivo Quantitativo sarà determinato, dal Consiglio di
Amministrazione, sulla base della seguente curva di incentivazione:
Risultato Performance Incentivo Maturato
Livello Soglia ≥+20% 50%
9
Interpolazione lineare
Livello Massimo ≥+35% 100%


https://www.bfspa.it/files/00367/bfdocumentoinformativo.pdf
 
Indietro