La Fine è Vicina!

Prima di parlare di manovre e correttivi dobbiamo chiarire ora e per sempre che i debiti vanno pagati dentro e fuori l'Europa.Se non ora quando?

Questo è scontato, e non è più sostenibile pagare debiti facendo altri debiti. I debiti si pagano con gli investimenti che portano ricchezza e benessere.
Qui si fanno debiti per mantenere uno stato che, tolte 2-3 cose, ha un'efficienza vergognosa in rapporto alle tasse.
Euro/No Euro - UE/No UE nessuno sa cosa può portare nel medio-lungo termine. Ne ho lette tante di ipotesi ma le variabili esogene ed endogene sono una moltitudine e complesse per essere analizzate insieme tanto da portare ad una risposta.

Solo di una cosa sono sicuro: io voglio al governo gente luminare coi contro***** che hanno lauree, specializzazioni, master…. che fanno riflessioni talmente potenti e hanno idee brillanti che la gente comune impiegherebbe anni di studi per arrivarci. Che quando parlano le persone rimangono a bocca aperta… non gente che parla per slogan del ***** a apre bocca su argomenti che non hanno mai toccato di persona.
 
...Solo di una cosa sono sicuro: io voglio al governo gente luminare coi contro***** che hanno lauree, specializzazioni, master…. che fanno riflessioni talmente potenti e hanno idee brillanti che la gente comune impiegherebbe anni di studi per arrivarci. Che quando parlano le persone rimangono a bocca aperta… non gente che parla per slogan del ***** a apre bocca su argomenti che non hanno mai toccato di persona.

E finalmente!!! :bow:

Il problema è che la popolazione italiana è stata educata a non rispettare più sacrificio e merito. A partire dal 68. Ed il sistema stesso è ormai intriso di questa cultura.

Qualunque idi.ota senza arte ne parte, con una vita fulgido esempio di fallimento, si sente in diritto, e soprattutto in grado, di stabilire politiche nazionali, monetarie, economiche e chi più ne ha più ne metta. E qui sul forum ci sono esempi eclatanti a volontà, a partire dal poveraccio che non sa fare 2+2, per passare all'altro poveraccio, che non sa neanche scrivere in italiano, e che gli fa la prova del 9.

In Italia siamo addirittura arrivati ad avere un partito che dalle fondamenta "esalta" l'inutilità del curriculum.

Siamo alla frutta.
 
Questo è scontato, e non è più sostenibile pagare debiti facendo altri debiti. I debiti si pagano con gli investimenti che portano ricchezza e benessere.
Qui si fanno debiti per mantenere uno stato che, tolte 2-3 cose, ha un'efficienza vergognosa in rapporto alle tasse.
Euro/No Euro - UE/No UE nessuno sa cosa può portare nel medio-lungo termine. Ne ho lette tante di ipotesi ma le variabili esogene ed endogene sono una moltitudine e complesse per essere analizzate insieme tanto da portare ad una risposta.

Solo di una cosa sono sicuro: io voglio al governo gente luminare coi contro***** che hanno lauree, specializzazioni, master…. che fanno riflessioni talmente potenti e hanno idee brillanti che la gente comune impiegherebbe anni di studi per arrivarci. Che quando parlano le persone rimangono a bocca aperta… non gente che parla per slogan del ***** a apre bocca su argomenti che non hanno mai toccato di persona.

1. Se i debiti si pagano,con investimenti, occasioni di lavoro e benessere,ovvero con politiche attive,perchè hanno fatto quota 100 e reddito di cittadinanza,
2. Se vogliono stare in Europa perchè si comportano in modo opposto come se l'europa sia il problema e non la soluzione
3. Per avere le competenze necessarie in democrazia si usa il voto,con il voto si manda al governo una elite che ci rappresenta,in questa legislatura ci rappresentano i populisti di dx e di sx,l'un contro l'altro armato.Quanto dura sta storia e dove ci porta simile armata Brancaleone
4.Tocca a noi verificare cosa fanno e cosa pensano,perchè non la raccontano giusta,non sono sinceri,hanno cominciato con i 250 miliardi di hair cut ed ora parlano di minibot,e pretendono poi rispetto in Europa,e nel paese.
5.Non puoi combattere lo spread con i minibot ed ottenere la credibilità necessaria.
6.Non è vero come dice l'economista denoantri, che non abbiamo la possibilità di utilizzare i fondi regionali europei perchè non riusciamo a mettere sul piatto la quota mancante, sarebbe prova che abbiamo i vizi dei generali e la paga di soldati.Cosi non è
7.Basta menzogne di pifferai e clavicembalisti,e mi riferisco non all'uomo del cigno nero,bensi al suo sostituto per gli affari europei.
8.Che ci fanno Conte,Tria e Moavero da una parte,e i i 2 vicepremier con Bagnai e Borghi dall'altra,cosa stanno a contendersi ... e sempre al momento di pagare il conto.
9. Se è vero che abbiamo un debito pubblico pari al 133 del pil è anche vero che abbiamo una ricchezza privata,pari a 4,5 volte il pil perchè mai non dovremmo pagare pegno anziche' farci rosolare dai creditori a vario titolo e detentori di rendite parassitarie.Donde viene sta ricchezza,oltre a quella all'estero illegalmente detenuta.
10.Guardiamoci negli occhi parlar chiaro è segno di amicizia,in Sicilia e nel continente.
 
Ultima modifica:
1. Se i debiti si pagano,con investimenti, occasioni di lavoro e benessere,ovvero con politiche attive,perchè hanno fatto quota 100 e reddito di cittadinanza,
2. Se vogliono stare in Europa perchè si comportano in modo opposto come se l'europa sia il problema e non la soluzione
3. Per avere le competenze necessarie in democrazia si usa il voto,con il voto si manda al governo una elite che ci rappresenta,in questa legislatura ci rappresentano i populisti di dx e di sx,l'un contro l'altro armato.Quanto dura sta storia e dove ci porta simile armata Brancaleone
4.Tocca a noi verificare cosa fanno e cosa pensano,perchè non la raccontano giusta,non sono sinceri,hanno cominciato con i 250 miliardi di hair cut ed ora parlano di minibot,e pretendono poi rispetto in Europa,e nel paese.
5.Non puoi combattere lo spread con i minibot ed ottenere la credibilità necessaria.
6.Non è vero come dice l'economista denoantri, che non abbiamo la possibilità di utilizzare i fondi regionali europei perchè non riusciamo a mettere sul piatto la quota mancante, sarebbe prova che abbiamo i vizi dei generali e la paga di soldati.Cosi non è
7.Basta menzogne di pifferai e clavicembalisti,e mi riferisco non all'uomo del cigno nero,bensi al suo sostituto per gli affari europei.
8.Che ci fanno Conte,Tria e Moavero da una parte,e i i 2 vicepremier con Bagnai e Borghi dall'altra,cosa stanno a contendersi ... e sempre al momento di pagare il conto.
9. Se è vero che abbiamo un debito pubblico pari al 133 del pil è anche vero che abbiamo una ricchezza privata,pari a 4,5 volte il pil perchè mai non dovremmo pagare pegno anziche' farci rosolare dai creditori a vario titolo e detentori di rendite parassitarie.Donde viene sta ricchezza,oltre a quella all'estero illegalmente detenuta.
10.Guardiamoci negli occhi parlar chiaro è segno di amicizia,in Sicilia e nel continente.

Quota100 e RdC sono manovre acchiappa voti. Utili in altri contesti. Ad esempio il reddito di cittadinanza è ampiamente utilizzato in altri paesi sotto altro nome. Il fatto è che applicarlo in un paese con 60 milioni di abitanti e disoccupazione sopra il 10% è deleterio e non sostenibile. Prima crei posti di lavoro e poi si fa il RdC.
Quota100 è una mossa furba e triste per acchiappare voti degli over60 (quindi buona fetta della popolazione italiana). Poi hanno visto che non conveniva (come il RdC). Qui si attuano manovre che prendono voti perché a parole suonano bene, poi quando si legge su carta suona diversamente. Se l'euro è il problema o la soluzione questo io non sono in grado di giudicare ne di dedicerlo perciò me ne tolgo dalla discussione. Potenzialmente la nuova lira tra 5 anni potrebbe essere più conveniente ma tra 10 anni una trappola.
Ultima cosa: Io sono, ad esempio, pro su una potenziale patrimoniale secca per salvare il debito, ma che sia utilizzato per scopi sensati (primo tra tutti un governo idoneo). Giuro che se mi dicessero con il 10% del mio patrimonio (che cmq è meno conveniente rispetto a chi non ha praticamente niente) puoi risollevare l'Italia firmerei adesso.
Ovviamente sono soldi che in qualche modo devono ritornare nel futuro (come buoni spesa, deduzioni, bonus etc..).
 
Studia. E soprattutto impara.

"Il PIL procapite della Nuova Zelanda negli anni '50 era intorno al terzo posto al mondo, dietro Stati Uniti e Canada. Nel 1984, era precipitato al ventisettesimo posto, insieme a Portogallo e Turchia. La disoccupazione era sopra l'undici percento, si era fatto deficit per 23 anni di fila, a volte fino al 40 percento del PIL, il debito era al 65% del PIL, e il rating del debito stesso continuava ad essere abbassato. Il governo controllava interi settori dell'economia, c'era il controllo sui prezzi di una gran quantità di prodotti, le paghe erano congelate, nessuno poteva pagare o essere pagato più o meno di quanto stabilito dal governo.
I sussidi all'industria sostenevano molti settori. I giovani emigravano in massa."

Vi ricorda qualcosa? Beh leggete la seconda parte perchè a questo punto arriva l'uomo nero: L'AUSTERITA' (quella vera, non quella all'italiana):

"Il dipartimento dei trasporti passò da 5600 a 53 dipendenti. Il corpo forestale da 17.000 a DICIASSETTE." il ministero del lavoro, da cinquantaseimia a uno: il ministro. Ma i posti di lavoro non furono "persi". Vennero privatizzati. Abbiamo venduto Telecomunicazioni, compagnie aeree, compagnie assicurative,banche, ferrovie, hotels, compagnie navali, 35 agenzie governative vennero traformate in aziende e fu loro detto che dovevano sopravvivere con le tariffe, sulle quali pagano tasse, senza alcun sostegno governativo. Costavano un miliardo l'anno, ora producono un miliardo l'anno in tasse sugli utili. I sostegni all'agricoltura sono stati aboliti.L'aliquota massima è passata dal 66 al 33 percento. La più bassa dal 38 al 19 percento. Si è introdotta una tassa di consumo del 10 percento e sono state abolite TUTTE le altre tasse: proprietà, licenze, capital gain, ecc.
Avevamo progettato il sistema affinchè producesse gli stessi introiti di prima. Ci ritrovammo col 20 percento di surplus. Non avevamo tenuto conto della forte riduzione dell'evasione che ci sarebbe stata."

Oggi l'indice di libertà economica che negli anni '80 era sui livelli che oggi hanno Ucraina e Pakistan è diventato stabilmente il terzo al mondo, dietro solo ad Hong Kong e Singapore.
Oggi i giovani italiani emigrano in nuova Zelanda.

Non cambiate gli occhiali, è la realtà che è sbagliata.

[cit.]

E cosa pensi vada scrivendo da dieci anni a questa parte?

Insomma stai dicendo quanto io ho scritto o se vuoi io sto dicendo quanto tu hai scritto.

Senza andare troppo lontano la prima cosa che fece il governo spagnolo all'epoca della crisi dei debiti sovrani fu il taglio della tredicesima per pensionati e dipendenti pubblici unito ad un condono tombale al 5%.
In Italia la spesa pensionistica è 10 punti di PIL sopra la media UE, anche togliendone 2 per gli aspetti sociali, rimangono 8 punti di PIL che in soldoni fanno oltre 120 mld di euro. E poi ci sono abusi della legge 104, abusi sui permessi sindacali, abusi sulle malattie, abusi sui congedi di maternità/paternità corruzione dilagante, stipendi dei dirigenti pubblici superiori a quelli degli equivalenti statunitensi, sacche di privilegio enorme negli apparati militari, e poi ancora lobby e sacche di privilegio determinate dal concetto del numero chiuso sempre più dilagante. Noi siamo il paese con il minor numero di laureati per ogni 100 abitanti e ciò nonostante stiamo introducendo il numero chiuso per ogni facoltà. Allucinazione collettiva pura. Si pensa di recuperare il reddito riducendo la concorrenza piuttosto che allargare il mercato una follia totale.

L'unica differenza tra la mia visione e la tua sta soltanto nel fatto che io credo che il popolo italiano alla fine sceglierà di uscire dall'euro piuttosto che fare quello che si deve fare, mentre, credo, che tu auspichi che i tuoi desiderata (che io condivido) si trasformino in realtà.
 
Se,non sei capace di far pagare lé tasse agli evasori, e nemmeno quelle iscritte á ruolo,inutile cercare capri espiatori.

Eppoi la situazione del '92 á me sembra peggiore di questa o no.Se no,perchè no.

I problemi si risolvono non si agitano come spauracchi,per complicarli.

Vuoi rispondere alle questioni poste senza nascondere i numeri, come economista de noantri,in maniera semplice come tua madre ti avrà pur insegnato.

Faccio una cosa li enumero per facilitarti il compito.

Sono 7 punti se impostati affrontati e risolti,ci permeterebbe di fare a meno dei cialtroni.IMHO

Ma lo si vuole capire che quelle iscritte a ruolo non sono tasse sono favole.

E' come se scrivessi una legge in cui impongo ai vettori aerei che la licenza verrà accordata se tali aerei sono in grado di volare oltre la velocità della luce, sebbene il grande Albert abbia già dimostrato che ciò è impossibile. Ecco una legge così sarebbe violata da tutti i vettori aerei e non avremmo voli.
Ma come si fa a mettere tasse che superano il 40% compresi di oneri contributivi dei ricavi su imprese che fatturano meno di 10 mln di euro. Una azienda che oggi fattura meno di 10 mln di euro(lo sono ufficialmente quelle che fatturano meno di 50 mln) è una piccola azienda, le piccole aziende non possono pagare in tasse più del 5-7% dei ricavi tutto compreso.

Le PMI in Italia sono il 95% del totale. L'Italia dovrebbe avere un total tax rate simile a quello turco ed invece è superiore a quello svedese o danese.
Una follia, una follia che ci ha portato al default.
 
Ma lo si vuole capire che quelle iscritte a ruolo non sono tasse sono favole.

E' come se scrivessi una legge in cui impongo ai vettori aerei che la licenza verrà accordata se tali aerei sono in grado di volare oltre la velocità della luce, sebbene il grande Albert abbia già dimostrato che ciò è impossibile. Ecco una legge così sarebbe violata da tutti i vettori aerei e non avremmo voli.
Ma come si fa a mettere tasse che superano il 40% compresi di oneri contributivi dei ricavi su imprese che fatturano meno di 10 mln di euro. Una azienda che oggi fattura meno di 10 mln di euro(lo sono ufficialmente quelle che fatturano meno di 50 mln) è una piccola azienda, le piccole aziende non possono pagare in tasse più del 5-7% dei ricavi tutto compreso.

Le PMI in Italia sono il 95% del totale. L'Italia dovrebbe avere un total tax rate simile a quello turco ed invece è superiore a quello svedese o danese.
Una follia, una follia che ci ha portato al default.

I fattori sono molteplici e alla radice c'è al comando gente che non è in grado intellettualmente di saper leggere i numeri ed interpretarli, così come non è capace di fare manovre sensate.
Il sistema retributivo ha lacune enormi ma al tempo era un sistema acchiappa voti enormi. Come si fa a non sapere che quella stessa grossa fetta di forza lavoro giovane un giorno sarebbe stata anziana. Come si fa a non leggere che in 20 anni la natalità è diminuita e la vita media aumentata. Quando nel 92 c'era stata la crisi della lira lo hanno tolto? Quando è stato il 2008? E il 2011?
Quando vedi che paesi del 1* mondo privatizzano la pensione pensi che siano stupidi?
Quando vedi che solo in Italia si usa come arma politica la pensione pensi che siamo intelligenti?
Che oggi una azienda se si libera di X dipendenti anziani ne rimpiazza X giovani?

Siamo una nazione con locomotiva la PMI ad asset management familiare. Ma si vuole incentivare a far crescere queste aziende e tutelarle? Invece di tenere a galla carrozzoni inutili.
Siamo una manufatturiera con grande bisogno di tecnici specializzati, ma vuoi ristrutturare il percorso scolastico facilitando corsi e specializzazioni? Invece di far uscire o dottorati che poi devono scappare all'estero oppure NEET con basso profilo e zero skills da rivendere.
 
Ultima modifica:
Ma lo si vuole capire che quelle iscritte a ruolo non sono tasse sono favole.

E' come se scrivessi una legge in cui impongo ai vettori aerei che la licenza verrà accordata se tali aerei sono in grado di volare oltre la velocità della luce, sebbene il grande Albert abbia già dimostrato che ciò è impossibile. Ecco una legge così sarebbe violata da tutti i vettori aerei e non avremmo voli.
Ma come si fa a mettere tasse che superano il 40% compresi di oneri contributivi dei ricavi su imprese che fatturano meno di 10 mln di euro. Una azienda che oggi fattura meno di 10 mln di euro(lo sono ufficialmente quelle che fatturano meno di 50 mln) è una piccola azienda, le piccole aziende non possono pagare in tasse più del 5-7% dei ricavi tutto compreso.

Le PMI in Italia sono il 95% del totale. L'Italia dovrebbe avere un total tax rate simile a quello turco ed invece è superiore a quello svedese o danese.
Una follia, una follia che ci ha portato al default.

Non capisco,se ti notificano un'imposta non dovuta,o errata nella forma ricorri,fai quello che è tuo diritto fare,ma se devi pagare devi pagare.Non ci sono santi e madonne.Mi è capitato di fare debiti per pagare il dovuto,altre volte ho fatto ricorso,con esito positivo,non sono mica fesso io e 'sperto te.

Ma di cosa stiamo parlando,dove credi di andare a parare co' sti discorsi da ultimi giorni di Pompei.
 
Ultima modifica:
Non capisco,se ti notificano un'imposta non dovuta,o errata nella forma ricorri,fai quello che è tuo diritto fare,ma se devi pagare devi pagare.Non ci sono santi e madonne.Mi è capitato di fare debiti per pagare il dovuto,altre volte ho fatto ricorso,con esito positivo,non sono mica fesso io e 'sperto te.

Ma di cosa stiamo parlando,dove credi di andare a parare co' sti discorsi da ultimi giorni di Pompei.

Voglio andare a parare sul fatto che mi sono rotto nel vedere gli italiani(tranne una esigua minoranza) che si sentono superiori.

Ma dove credono di andare, ma veramente dove credono di andare. Ma veramente l'italiano medio pensava di fare quello che c...zo gli pareva senza rendere conto al Capitalismo. Ma veramente lo ha potuto pensare, solo osare di pensare ???? In Italia ho vissuto un pò ovunque anni a Milano, Roma, Palermo, visitato più volte Torino ed ovunque ho visto un tale livello di ideologia, generalmente di sinistra da rabbrividire. Ma veramente si pensava che la Realtà delle cose fosse una subordinata delle ideologie. Ma lo vuole capire l'italiano che il mondo se ne fotte di quello che l'italiano considera giusto o sbagliato. Se ne fotte. Vedo da anni in trasmissioni italiane, italiani che accusano stati europei di fare dumping fiscale, auspicando una convergenza fiscale ovviamente in senso favorevole all'Italia, cioè auspicano l'aumento delle tasse negli altri paesi. Ma come si è potuto arrivare ad un tale livello di *********tà. Ma come è possibile che vi sia così tanta idiozia, superficialità, pressappochismo, un certo livello di malcelata superiorità morale. Ma come si può arrivare a pensare che paesi del calibro del Regno Unito, Germania, Stati Uniti, Cina, Olanda, etc etc si conformassero all'Italia, paese semi-fallito da anni ed adesso praticamente fallito. Cose da manicomio. In Italia si è pensato questo. Così uno Stato ladro ed inefficiente ha messo su un livello di tassazione senza eguali e sopratutto sganciato dalla realtà e tale da invocare non una propria riforma ma quella delle superpotenze.
E così come nel 1991 è caduto l'Impero Sovietico dopo la rivoluzione di ottobre, più modestamente oggi come allora cadrà questa italietta che pensava di fare come ca...zo gli pareva. Il Capitalismo, il Profitto non si fotte perchè rimani fottuto.
Finirà a mazzate sui denti perchè il Capitalismo contiene la madre di tutte le clausole di salvaguardia Simul Stabunt Simul Cadent.
 
Voglio andare a parare sul fatto che mi sono rotto nel vedere gli italiani(tranne una esigua minoranza) che si sentono superiori.

Ma dove credono di andare, ma veramente dove credono di andare. Ma veramente l'italiano medio pensava di fare quello che c...zo gli pareva senza rendere conto al Capitalismo. Ma veramente lo ha potuto pensare, solo osare di pensare ???? In Italia ho vissuto un pò ovunque anni a Milano, Roma, Palermo, visitato più volte Torino ed ovunque ho visto un tale livello di ideologia, generalmente di sinistra da rabbrividire. Ma veramente si pensava che la Realtà delle cose fosse una subordinata delle ideologie. Ma lo vuole capire l'italiano che il mondo se ne fotte di quello che l'italiano considera giusto o sbagliato. Se ne fotte. Vedo da anni in trasmissioni italiane, italiani che accusano stati europei di fare dumping fiscale, auspicando una convergenza fiscale ovviamente in senso favorevole all'Italia, cioè auspicano l'aumento delle tasse negli altri paesi. Ma come si è potuto arrivare ad un tale livello di *********tà. Ma come è possibile che vi sia così tanta idiozia, superficialità, pressappochismo, un certo livello di malcelata superiorità morale. Ma come si può arrivare a pensare che paesi del calibro del Regno Unito, Germania, Stati Uniti, Cina, Olanda, etc etc si conformassero all'Italia, paese semi-fallito da anni ed adesso praticamente fallito. Cose da manicomio. In Italia si è pensato questo. Così uno Stato ladro ed inefficiente ha messo su un livello di tassazione senza eguali e sopratutto sganciato dalla realtà e tale da invocare non una propria riforma ma quella delle superpotenze.
E così come nel 1991 è caduto l'Impero Sovietico dopo la rivoluzione di ottobre, più modestamente oggi come allora cadrà questa italietta che pensava di fare come ca...zo gli pareva. Il Capitalismo, il Profitto non si fotte perchè rimani fottuto.
Finirà a mazzate sui denti perchè il Capitalismo contiene la madre di tutte le clausole di salvaguardia Simul Stabunt Simul Cadent.

il Capitalismo, l'Impero Sovietico dopo la rivoluzione di ottobre etc ....tutta una cozzaglia di amenità in salsa qualunquista che hanno come sfondo il solito odio represso contro la propria madre patria che forse li ha cacciati o quantomeno non valorizzati e costretti a vivere da forestieri in patria.... diciamo che nel caso tuo la cosa è meritata.
Se sei fuori, se veramente lo sei (e lo spero) sarebbe un grosso guadagno per il ns debito pubblico.
 
il Capitalismo, l'Impero Sovietico dopo la rivoluzione di ottobre etc ....tutta una cozzaglia di amenità in salsa qualunquista che hanno come sfondo il solito odio represso contro la propria madre patria che forse li ha cacciati o quantomeno non valorizzati e costretti a vivere da forestieri in patria.... diciamo che nel caso tuo la cosa è meritata.
Se sei fuori, se veramente lo sei (e lo spero) sarebbe un grosso guadagno per il ns debito pubblico.

Si appunto, questi post sono tanto utili quanto una ruota quadrata.
Bene l'Italia è brutta e cattiva e gli italiani sono tutti analfabeti e ladri. Mentre negli altri paesi sono tutti illibati e puri, perfetto.
E quindi? Facciamo la rivoluzione? Emigriamo in massa tutti quanti?
Se no, dateci, dall'alto della vostra esperienza economica, un consiglio sul come non farci fregare i risparmi da questo stato ladro.
No invece pare che l'unico scopo sia dire a morte l'Italia e gli italiani.
Se m'aveste suggerito uno strumento per andare short sui btp sarebbe stato più utile.
Ma qualcuno qua dentro ha mai investito per davvero? :mmmm:
 
Si appunto, questi post sono tanto utili quanto una ruota quadrata.
Bene l'Italia è brutta e cattiva e gli italiani sono tutti analfabeti e ladri. Mentre negli altri paesi sono tutti illibati e puri, perfetto.
E quindi? Facciamo la rivoluzione? Emigriamo in massa tutti quanti?
Se no, dateci, dall'alto della vostra esperienza economica, un consiglio sul come non farci fregare i risparmi da questo stato ladro.
No invece pare che l'unico scopo sia dire a morte l'Italia e gli italiani.
Se m'aveste suggerito uno strumento per andare short sui btp sarebbe stato più utile.
Ma qualcuno qua dentro ha mai investito per davvero? :mmmm:

Non tutti brutti e cattivi.

Bisogna de-ideologizzare l'Italia. Finchè rimane così ideologizzata, cioè finchè esistono 60 mln di commissari tecnici della nazionale, finchè non si parte dal fatto che è la Realtà, il senso pratico che deve guidare le scelte allora saranno dolori. Anche per me che in Italia purtroppo ho cmq tanti interessi.
Ma ho capito una cosa, oggi l'Italia è irriformabile dal di dentro, ne accetterebbe di fare le cose dette dalla Troika. Alla fine credo che usciremo dall'euro.
Una moneta propria che assorba tutte le diseconomie della nazione svalutandosi sul mercato per un paese come l'Italia è come aria per un essere umano, non ne può fare a meno.
L'Italia manca completamente di una struttura statale di stampo pragmatico, lo si vede da come sono fatte le leggi e sopratutto da come sono interpretate dalla Corte Costituzionale in particolare mi riferisco alla difesa dei Diritti Acquisiti. In una struttura così irriformabile rispetto alla mutevole realtà l'unica cosa che può assorbire le scorie di così tante problematiche è una propria moneta. Alla fine arriveremo a quello.
 
Sul taglio dei salari nel pubblico impiego, sapete tutti come la penso, andava fatto in modo brutale da Monti nel 2011, anche se comunque la spesa per gli stipendi in Italia è più bassa di Francia, Germania e Gran Bretagna. Ma il gap di competitività con la Germania è attualmente del 15/20%,non lo dico io ma il FMI. In una situazione a cambi flessibili, la lira svaluterebbe del 15/20% contro Marco e la situazione si riequilibrerebbe...in un regime di cambi fissi devi svalutare il lavoro. L’attuale situazione è causata dal fatto che non è stato fatto. Sento tanti invece cianciare di patrimoniale...:D.

Tutto il resto non ha molto senso francamente, il sistema euro si basa su una valuta identica per più paesi , ed è una tale assurdità anche il solo averlo pensato, senza debito comune , fiscalità comune, ecc...servirebbero misure espansive strutturali, ma nessun governo ha il coraggio di sfidare la Ue....
 
Sul taglio dei salari nel pubblico impiego, sapete tutti come la penso, andava fatto in modo brutale da Monti nel 2011, anche se comunque la spesa per gli stipendi in Italia è più bassa di Francia, Germania e Gran Bretagna. Ma il gap di competitività con la Germania è attualmente del 15/20%,non lo dico io ma il FMI. In una situazione a cambi flessibili, la lira svaluterebbe del 15/20% contro Marco e la situazione si riequilibrerebbe...in un regime di cambi fissi devi svalutare il lavoro. L’attuale situazione è causata dal fatto che non è stato fatto. Sento tanti invece cianciare di patrimoniale...:D.

Tutto il resto non ha molto senso francamente, il sistema euro si basa su una valuta identica per più paesi , ed è una tale assurdità anche il solo averlo pensato, senza debito comune , fiscalità comune, ecc...servirebbero misure espansive strutturali, ma nessun governo ha il coraggio di sfidare la Ue....

Io non sono né pro né contro euro. Propenderei per gli Stati Uniti d'Europa ma è un piano troppo difficile da attuare. In 20 anni di moneta unica i paesi, il sistema fiscale, industriale, economico e sociale sono rimasti praticamente immutati. Siamo come prima pre-UEM sono che paghiamo con un'altra moneta...c'è chi ne ha tratto vantaggi e chi no.
Quello che mi fa paura della new-lira è che potrebbe anche risollevarci ma abbiamo comunque bisogno di persone al governo che sanno come traghettare questo cambiamento con scelte subordinate intelligenti per il breve ma soprattutto per il lungo periodo. Oggi a differenza degli anni '90 il pianeta è cambiato: USA e Cina sono diverse, molti paesi in 20 anni hanno investito in tecnologie avanzate come robotica e IA.
Non si può concludere con: la bilancia commerciale dice che esportiamo più di quanto importiamo quindi con moneta nazionale svalutata ci guadagniamo.
 
Non tutti brutti e cattivi.

Bisogna de-ideologizzare l'Italia. Finchè rimane così ideologizzata, cioè finchè esistono 60 mln di commissari tecnici della nazionale, finchè non si parte dal fatto che è la Realtà, il senso pratico che deve guidare le scelte allora saranno dolori. Anche per me che in Italia purtroppo ho cmq tanti interessi.
Ma ho capito una cosa, oggi l'Italia è irriformabile dal di dentro, ne accetterebbe di fare le cose dette dalla Troika. Alla fine credo che usciremo dall'euro.
Una moneta propria che assorba tutte le diseconomie della nazione svalutandosi sul mercato per un paese come l'Italia è come aria per un essere umano, non ne può fare a meno.
L'Italia manca completamente di una struttura statale di stampo pragmatico, lo si vede da come sono fatte le leggi e sopratutto da come sono interpretate dalla Corte Costituzionale in particolare mi riferisco alla difesa dei Diritti Acquisiti. In una struttura così irriformabile rispetto alla mutevole realtà l'unica cosa che può assorbire le scorie di così tante problematiche è una propria moneta. Alla fine arriveremo a quello.

tu dici
Una moneta propria che assorba tutte le diseconomie della nazione svalutandosi sul mercato per un paese come l'Italia è come aria per un essere umano, non ne può fare a meno.

Qui dici una cosa giusta però guidato da una considerazione sbagliata di fondo e cioè che questo sia un difetto o una debolezza.
Vedi la richiesta di un cambio flessibile altro non è,nella situazione attuale dell'italia,che la necessità legittima di essere valutata nel commercio estero per quello che effettivamente si è.
E questo è tanto più necessario se,rinunciando a essere valutati nel commercio estero per quello che effettivamente si è,abbiamo abbracciato una moneta più forte della precedente moneta nazionale abbandonata.
Che vuol dire questo ?
che abbiamo in un sol colpo,accettando di stare nell'euro,reso più costose le ns esportazioni,quelle che per noi,sulla crescita del ns pil,hanno sempre fatto una parte da leoni.
E att.ne,la cosa è risultata ancora più drammatica perchè,accettando di stare nell'euro, i ns principali competitor europei e cioè germania e francia,rinunciando a essere valutati nel commercio estero per quello che effettivamente sono,hanno abbracciato una moneta più debole della precedente moneta nazionale abbandonata e quindi si sono rafforzati come export.

Tu infine accenni a un fatto passato della ns storia,anni 70,che furono le svalutazioni competitive rese possibili dal cambio flessibile, ma questa è storia e nulla più.
Esse servirono a far recuperare ai datori di lavoro gli aumenti automatici della scala mobile sui salari mediante opportuni aumenti dei prezzi, aumenti che grazie al cambio flessibile e alla svalutazione non incidevano sui livelli di competiitività acquisita sui mercati internazionali e quindi l'export non ne risentiva.
Ma questa, ripeto, è una altra storia che riguarda il ns passato in cui un certo livello di inflazione nel sistema economico garantiva ovunque un sorta di stabilità ed equilibrio tra le parti sociali e la cosa aveva una portata internazionale,era un equilibrio diffuso allora in tutto il capitalismo,era la deriva di un certo modo(quantitativo)di applicare la ricetta keynesiana perseguita indefessamente dal dopoguerra. .
Sta difatto che le crisi petrolifere con l'inflazione aggiuntiva da loro indotta rese impraticabile per tutti questa via innalzando oltremisura i livelli di inflazione già alti ovunque, e questa strada,alla fine(inizio anni 80), fu abbandonata in tutto il capitalismo.
In europa, in particolare,si cominciò ad adottare lo sme cioè dei cambi fissi,l'italia nel frattempo eliminò la scala mobile e fece il divorzio bitalia tesoro. Comunque,aiutati dalla fine delle crisi petrolifere anni 80 in tutto il capitalismo terminò la stagione dell'alta inflazione,però la nuova funesta neo conservatrice era del neoliberismo aveva preso piede con tutta una serie di contraddizioni che oggi verifichiamo sul campo.
 
che abbiamo in un sol colpo,accettando di stare nell'euro,reso più costose le ns esportazioni,quelle che per noi,sulla crescita del ns pil,hanno sempre fatto una parte da leoni.
E att.ne,la cosa è risultata ancora più drammatica perchè,accettando di stare nell'euro, i ns principali competitor europei e cioè germania e francia,rinunciando a essere valutati nel commercio estero per quello che effettivamente sono,hanno abbracciato una moneta più debole della precedente moneta nazionale abbandonata e quindi si sono rafforzati come export.

.
.

Tu la devi smettere di raccontare fregnacce,nell'ultimo anno dell'era piddina,l'export è cresciuto del 7,4 % raggiungendo i 47 miliardi al netto della spesa x l'energia di 81.Questi i flussi:

Nel 2017, rispetto ai principali mercato di sbocco l'Istat rileva la crescita delle esportazioni verso Spagna (+10,2%), Stati Uniti (+9,8%), Svizzera (+8,7%), e in misura minore, Germania (+6%) e Francia (+4,9%). L'Istituto di statistica segnala inoltre la forte crescita nell'anno delle vendite verso Cina (+22,2%) e Russia (+19,3%).

Se proprio ritieni necessario andare da qualche parte vai a quel paese e restaci.

Si riparte da qui:

.nel 1992 al tempo della convergenza avevamo:

debito 105 - deficit -10,37 - inflazione 12 - disoccupazione 8,7 - spesa per interessi 12,2

7. nel 2017 prima del cambiamento:

debito 131 - deficit - 2,40 - inflazione 1,2 - disoccupazione 10,9 - spesa per interessi 3,8


2014 - debito 131,80- deficit -3,00- inflazione 0,2- pil reale 0,11- disoccupazione 12,7- spesa x interessi 4,7- pil 1692
2015 - debito131,60- deficit -2,60- inflazione 0,1- pil reale 0,93- disoccupazione 11,9- spesa x interessi 4,2- pil 1691,
2016 - debito131,40- deficit -2,50- inflazione -0,1- pil reale 1,1 - disoccupazione11,7 -spesa x interessi 4,0- pil 1745
2017 - debito131,20- deficit -2,40- inflazione 1,2- pil reale 1,6 - disoccupazione 10,9-spesa x interessi 3,8- pil 1801
2018 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- pil 1853

Da qui in poi misureremo cosa sapranno fare quelli del cambiamento nei fatti,Dio solo sa' quanto ne abbiam bisogno...di fatti
 
Ultima modifica:
.

Tu la devi smettere di raccontare fregnacce,nell'ultimo anno dell'era piddina,l'export è cresciuto del 7,4 % raggiungendo i 47 miliardi al netto della spesa x l'energia di 81.Questi i flussi:

Nel 2017, rispetto ai principali mercato di sbocco l'Istat rileva la crescita delle esportazioni verso Spagna (+10,2%), Stati Uniti (+9,8%), Svizzera (+8,7%), e in misura minore, Germania (+6%) e Francia (+4,9%). L'Istituto di statistica segnala inoltre la forte crescita nell'anno delle vendite verso Cina (+22,2%) e Russia (+19,3%).

Se proprio ritieni necessario andare da qualche parte vai a quel paese e restaci.

Si riparte da qui:

.nel 1992 al tempo della convergenza avevamo:

debito 105 - deficit -10,37 - inflazione 12 - disoccupazione 8,7 - spesa per interessi 12,2

7. nel 2017 prima del cambiamento:

debito 131 - deficit - 2,40 - inflazione 1,2 - disoccupazione 10,9 - spesa per interessi 3,8


2014 - debito 131,80- deficit -3,00- inflazione 0,2- pil reale 0,11- disoccupazione 12,7- spesa x interessi 4,7- pil 1692
2015 - debito131,60- deficit -2,60- inflazione 0,1- pil reale 0,93- disoccupazione 11,9- spesa x interessi 4,2- pil 1691,
2016 - debito131,40- deficit -2,50- inflazione -0,1- pil reale 1,1 - disoccupazione11,7 -spesa x interessi 4,0- pil 1745
2017 - debito131,20- deficit -2,40- inflazione 1,2- pil reale 1,6 - disoccupazione 10,9-spesa x interessi 3,8- pil 1801
2018 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- pil 1853

Da qui in poi misureremo cosa sapranno fare quelli del cambiamento nei fatti,Dio solo sa' quanto ne abbiam bisogno...di fatti


Un consiglio.
Prima di fare il Leone da tastiera come molti frustrati nella vita impara invece ad usare le acca correttamente e vedrai che ci troverai molta più soddisfazione

Le fregnacce ahimè continui a raccontarle tu e molto chiaramente e ti inchiodi con i tuoi stessi dati.
Non è detto che se nella vigenza dell'euro è aumentato il ns export non vale il mio paradigma.
Se esisteva una moneta nazionale avremo avuto sicuramente cifre ben superiori di crescita e quelle che tu vedi migliorate lo sono perchè l'euro negli ultimi anni ha subito una riduzione rispetto al dollaro passando da 1.41 all'1.12 di oggi,e difatti come dimostrano i tuoi dati la maggior crescita si è avuta proprio con l'export extra ue ( L'Istituto di statistica segnala inoltre la forte crescita nell'anno delle vendite verso Cina (+22,2%) e Russia (+19,3%)) a parte gli usa che stanno facendo una battaglia sui dazi ma in anni precedenti era forte anche il ns export verso di essi.
 
...all'ombra della Madonnina si genera ormai il 10% del pil italiano con un passo "a ritmo sorprendente" rispetto alle medie italiche e la gran parte degli investimenti immobiliari. Il tutto con un atteggiamento pragmatico ben lontano dal governo di Roma: Milano è una città "aperta agli immigrati" e in posizione dichiaratamente "anti-fascista"...

...io penso che la chiave sia città contro provincia". "In provincia - prosegue - gli elettori tendono a votare a destra, mentre nelle città si è più progressisti". La spiegazione è presto detta. E' una questione di "problem solving": nelle grandi città, dal traffico ai rifiuti, le difficoltà vanno risolte in modo efficace ed efficiente, lasciando perdere le ideologie. Inoltre, si tende ad abbracciare con meno diffidenza le nuove tecnologie rispetto all'hinterland...

Bell'articolo, e un barlume di speranza!

Beppe Sala comanda la rivolta dei sindaci delle grandi citta contro i governo populisti
 
Un consiglio.
Prima di fare il Leone da tastiera come molti frustrati nella vita impara invece ad usare le acca correttamente e vedrai che ci troverai molta più soddisfazione

Le fregnacce ahimè continui a raccontarle tu e molto chiaramente e ti inchiodi con i tuoi stessi dati.
Non è detto che se nella vigenza dell'euro è aumentato il ns export non vale il mio paradigma.
Se esisteva una moneta nazionale avremo avuto sicuramente cifre ben superiori di crescita e quelle che tu vedi migliorate lo sono perchè l'euro negli ultimi anni ha subito una riduzione rispetto al dollaro passando da 1.41 all'1.12 di oggi,e difatti come dimostrano i tuoi dati la maggior crescita si è avuta proprio con l'export extra ue ( L'Istituto di statistica segnala inoltre la forte crescita nell'anno delle vendite verso Cina (+22,2%) e Russia (+19,3%)) a parte gli usa che stanno facendo una battaglia sui dazi ma in anni precedenti era forte anche il ns export verso di essi.

. Io non faccio il leone sei tu che fai il coniglio...ne, ho riportato i dati macro del 92, del 2017, ed i 4 anni dei piddini che non mi sembrano da buttare visti in quel contesto.
. A me sembra che i dati del 92 siano peggiori di quelli del 2017,tu che dici se dici,e senza sbraitare.
 
. Io non faccio il leone sei tu che fai il coniglio...ne, ho riportato i dati macro del 92, del 2017, ed i 4 anni dei piddini che non mi sembrano da buttare visti in quel contesto.
. A me sembra che i dati del 92 siano peggiori di quelli del 2017,tu che dici se dici,e senza sbraitare.

mandel smettila con la maleducazione su internet,ne ho piene le scatole di queste esternazioni inutili e puerili su via diciamo che tu non sei leone da tastiera e io non sono coniglio : va bene ? .
Mandel io non contesto i tuoi dati dico solo che il concetto che ti ho esposto non è contraddetto da quei dati perchè dire che l'euro penalizza il ns export non significa dire che il ns export deve sempre calare o non aumentare: clarum est ???
se aumenta aumenterà meno di quanto potrebbe stante il problema che ho evidenziato.
se si riduce diminuerà più di quanto dovrebbe stante il problema che ho evidenziato.
 
Indietro