La movida

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
Cosa si fa, stasera?
Io sarei per "un'olivetta" al bar giù in piazza; poi un pincho e un bicchiere di "tinto" on the road.
Poi?

Allegria, su (niente grappa!)
 
Scritto da nickilist@
Cosa si fa, stasera?
Io sarei per "un'olivetta" al bar giù in piazza; poi un pincho e un bicchiere di "tinto" on the road.
Poi?

Allegria, su (niente grappa!)
Io ho mangiato troppo oggi e ho saltato la cena, poi non conosco quasi nulla delle bevande ( se sono tali ) che hai detto eccetto la grappa.
FR
 
FR, premetto che io, tranne per il bicchier di "tinto" (vino rosso), per nient'altro metterei la mano sul fuoco. Comunque, dovrebbe trattarsi di "stuzzichini".

Dico che non metterei la mano sul fuoco a ragion veduta (pardon" sentita", o meglio: intuita), dal momento che una volta, in Spagna, durante una cena, nel bel mezzo di un antipasto che aveva tutte le sembianze di una "frittura all'italiana", l'assaggiatrice (niente meriti particolari, solo una questione di "senso", apparentemente aggiungo, dell'ordine dei commensali), si imbatté in qualcosa che la "stranì" ipso facto. Sollecitata dalle nostre (di noi, altri commensali) domande sul perché di quella smorfia di "strano" disgusto, ella proruppe in un perentorio "Sa di kùlo"

Ebbi uno strano desiderio, che tosto mi inibii, di chiederle onde (sulla base di quali elementi probanti) ella traesse quella strana similitudine.
Questo è quanto.
 
Scritto da nickilist@
FR, premetto che io, tranne per il bicchier di "tinto" (vino rosso), per nient'altro metterei la mano sul fuoco. Comunque, dovrebbe trattarsi di "stuzzichini".

Dico che non metterei la mano sul fuoco a ragion veduta (pardon" sentita", o meglio: intuita), dal momento che una volta, in Spagna, durante una cena, nel bel mezzo di un antipasto che aveva tutte le sembianze di una "frittura all'italiana", l'assaggiatrice (niente meriti particolari, solo una questione di "senso", apparentemente aggiungo, dell'ordine dei commensali), si imbatté in qualcosa che la "stranì" ipso facto. Sollecitata dalle nostre (di noi, altri commensali) domande sul perché di quella smorfia di "strano" disgusto, ella proruppe in un perentorio "Sa di kùlo"

Ebbi uno strano desiderio, che tosto mi inibii, di chiederle onde (sulla base di quali elementi probanti) ella traesse quella strana similitudine.
Questo è quanto.
:)
 
Sto provando a monopolizzare incontriamoci e non so più che dire....tinto rubio??


OTTIMO
 
Scritto da nickilist@
FR, premetto che io, tranne per il bicchier di "tinto" (vino rosso), per nient'altro metterei la mano sul fuoco. Comunque, dovrebbe trattarsi di "stuzzichini".

Dico che non metterei la mano sul fuoco a ragion veduta (pardon" sentita", o meglio: intuita), dal momento che una volta, in Spagna, durante una cena, nel bel mezzo di un antipasto che aveva tutte le sembianze di una "frittura all'italiana", l'assaggiatrice (niente meriti particolari, solo una questione di "senso", apparentemente aggiungo, dell'ordine dei commensali), si imbatté in qualcosa che la "stranì" ipso facto. Sollecitata dalle nostre (di noi, altri commensali) domande sul perché di quella smorfia di "strano" disgusto, ella proruppe in un perentorio "Sa di kùlo"

Ebbi uno strano desiderio, che tosto mi inibii, di chiederle onde (sulla base di quali elementi probanti) ella traesse quella strana similitudine.
Questo è quanto.

Dimenticavo di aggiungere che, a fronte dell'inibizione, per tutta la durata della cena osservai la pietanza, addentata e lasciata lì, senza pietà alcuna né possibilità di "riscontro".
Non prima di andar via e lasciare l'ameno luogo, da vero e proprio "tartufo", diedi un'annusata. Confesso che ...:D
 
Scritto da nickilist@
Dimenticavo di aggiungere che, a fronte dell'inibizione, per tutta la durata della cena osservai la pietanza, addentata e lasciata lì, senza pietà alcuna né possibilità di "riscontro".
Non prima di andar via e lasciare l'ameno luogo, da vero e proprio "tartufo", diedi un'annusata. Confesso che ...:D

Bellissimo....:D:D:D:D
 
Sono seduto solo soletto al bar.
Ho scambiato due chiacchiere con Fastmax e FR (se volessi dirla con Paolo Conte, direi che "ho detto due balle a dei tizi seduti a un tavolo più in là, un tavolo ... che sa ... di donne, di velocità").

Siccome però, quando ero giovane, modestamente, avevo una certa consuetudine con "gli smistamenti" nei locali "aperti al pubblico", tanto che i miei amici sostenevano che avevo il gomito da "banconista" (con relativo callo), non demordo.
 
Indietro