la proposta che diventa preliminare

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
27.803
Punti reazioni
1.497
Ringrazio l'autore del 3D e gli utenti che hanno contribuito.
Sono in fase di acquisto/vendita casa senza agenzia e ho trovato moltissime informazioni utili per preparare la documentazione.
Grazie davvero :)
 

ladyfinanza1

Nuovo Utente
Registrato
3/10/13
Messaggi
168
Punti reazioni
4
Ciao a tutti.
Tramite agenzia, ho accettato una proposta di acquisto per un mio immobile. La proposta prevedeva una clausola sospensiva nei miei confronti, ossia avrei dovuto fornire una serie di documenti relativi al fabbricato. Il promissario acquirente si impegnava a lasciare un assegno di 10.000 euro subito, più altri 20.000 euro entro 5 giorni dalla presa visione di tale documentazione.
Ho esibito quanto richiesto e ho incassato i 10.000.

I giorni sono però trascorsi e non ho ricevuto la restante parte. Nella proposta è scritto "entro 5 giorni", non "entro e non oltre 5 giorni". Devo aspettare a oltranza, potenzialmente fino al rogito, oppure posso pretendere la corresponsione della somma residua?
 

andry86

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
19/4/22
Messaggi
55
Punti reazioni
1
io opterei per un preliminare vero e proprio davanti un notaio in modo da rintracciare già eventuali problemi sull'immobile (se il notaio è serio non ti fa pagare il preliminare, se ovviamente rogiterai con lui)
 

sentiero762

Nuovo Utente
Registrato
12/5/14
Messaggi
313
Punti reazioni
4
Ciao a tutti, chiedo consiglio anche qui (ho aperto un post apposta, ma qui si parla di sospensiva sui controlli da parte di un tecnico). Vorrei inserire anche io la condizione sospensiva sui controlli urbanistici, ma ho il seguente problema: premetto che siamo a Roma. Tutti i tecnici che conosco per controllare l'effettiva regolaritÃ* urbanistica devono andare a cercare il progetto, cosa che è impensabile per i tempi di una trattativa normale. Tra l'altro la casa sarÃ* oggetto di una Cila per opere interne.. Cosa intendete voi per controlli? Tra l'altro c'è anche un condono in mezzo, di cui sto aspettando le concessioni in sanatoria.
E poi non sarebbe il caso di specificare che la condizione sospensiva si intenderÃ* non avverata alla semplice comunicazione via mail da parte del tecnico all'agenzia di quanto (eventualmente) rilevato di irregolare?
 

WunderOtto

Nuovo Utente
Registrato
31/7/22
Messaggi
1
Punti reazioni
0
ciao a tutti, chiedo un consiglio su una clausola aggiuntiva per la proposta.
Ho individuato un immobile e vorrei procedere ad una proposta d'acquisto, se non fosse che non vorrei strangolarmi con il mutuo e quindi oltre alla clausola sospensiva per il mutuo, vorrei aggiungere una clausola sospensiva vendita immobile del proponente.

La mia perplessitÃ* riguarda il fatto che non saprei che date inserire (e se è possibile farlo?) per i pagamenti successivi alla caparra confirmatoria.

Provo a spiegarmi con un esempio:
Prezzo acquisto offerto: 400k
Caparra confirmatoria: 10k
Pagamenti successivi: 50k*
Saldo all'atto notarile: barrerei 'con intervento ento finanziatore' aka mutuo (150k)

*così tra caparre(10k+50k) e mutuo (150k) restano scoperti 190k (che deriverebbero dalla casa che venderò, con un valore sui 200-210k)

Ora è fattibile? Se sì, come agire per tutelarmi dal non perdere le caparre? (visto che comunque oltre a trovare un possibile acquirente per la mia casa, devo anche trovarlo interessato a rogitare ad una data antecendente al rogito che proporrò io per l'acquisto della nuova casa).

Una cosa del genere è fattibile?
b) Pagamenti successivi:
b1) € 50000,00 (euro cinquantamila //00) entro e non oltre il 15 Ottobre 2022 – con
assegno bancario consegnato all’Agenzia Immobiliare la quale ne diverrÃ* custode e
garante e costituirÃ* caparra confirmatoria ai sensi dell’art.1385 c.c.

b2) € 60k (euro............) entro e non oltre il ............ con assegno □ circolare □ mandato
irrevocabile di pagamento.
b3) € 60k (euro.......) entro e non oltre il .......con assegno □ circolare □ bancario non
trasferibile.
b4) € 70k (euro.......) entro e non oltre il .......con assegno □ circolare □ bancario non
trasferibile.

(questi 60+60+70 sarebbero gli assegni dopo che ho venduto casa) al posto dell' "entro e non oltre il .." potrei inserire una dicitura del tipo "in seguito alla vendita dell'immobile del proponente come specifica nella clausola 7x"?

Scusate ma sono alla prime armi :)
Grazie
 

Agent0

You're a slave to money then you die.
Registrato
8/7/22
Messaggi
81
Punti reazioni
13
Premessa: scrittura privata di compravendita tra 2 privati.

Il promissario acquirente ha fatto la proposta di acquisto SENZA aver specificato la validità (irrevocabilità) della proposta.
Che succede? Ha validità?

Grazie
 

ChaMPYRE

Nuovo Utente
Registrato
11/8/21
Messaggi
245
Punti reazioni
16
Ho firmato una proposta d'acquisto che prevede la stesura di un successivo "preliminare" / scrittura privata tra le parti, al quale sarei tenuto a versare un acconto (circa il 10% del prezzo di vendita pattuito), mentre in fase di proposta ho versato solo la classica caparra confirmatoria con assegno bancario intestato al venditore.

Questo nuovo contratto si farebbe in una data intermedia prima del rogito, onestamente ho accettato seppur con qualche perplessità sul suo scopo (l'immobile mi interessa molto e dovendo comunque saldare al rogito - non farò mutuo - non mi cambia molto dal punto di vista economico), l'agenzia l'ha giustificato come un modo per dare una garanzia aggiuntiva al venditore e fornirgli un minimo di liquidità prima di arrivare al rogito.

La mia perplessità riguarda principalmente il fatto che questa scrittura privata si farebbe in agenzia immobiliare e comunque senza notaio, che verrebbe coinvolto soltanto per il rogito (non farei mutuo).

Posto che da quello che leggo questo iter mi sembra insolito, ma può essere soltanto una cosa fatta davvero per dare liquidità al venditore o devo preoccuparmi per qualche insidia nascosta in questa prassi?

Grazie
 
Z

Zio Gigio

Guest
Scusate scrivo anche qui perchè non so cosa fare dobbiamo vendere una casa ristrutturata nel 1971 c'è l'acquirente ( il perito della banca per il loro mutuo ha gia visionato e dato ok in base alla planimetria attuale) e un preliminare di vendita con caparra presso l'agenzia, ci siamo accorti poco tempo fa di un problema con il torrino scale ( o lanternino ) e siccome dobbiamo andare dal notaio per il rogito enrto il 31 dicembre 2022 c'è la possibilità di rinviare la firma del contratto in modo che noi proprietari possiamo sanare a nostre spese la difformità?. STiamo attendendo notizie dal nostro architetto presso il comune. Ogni aiuto è valido non ci dormo la notte perchè non vogliamo andare incontro a multe o altro e sopratutto non vogliamo vendere senza rispettare la legge, grazie a tutti.
 

Bits10

Nuovo Utente
Registrato
8/7/20
Messaggi
413
Punti reazioni
17
Ho firmato una proposta d'acquisto che prevede la stesura di un successivo "preliminare" / scrittura privata tra le parti, al quale sarei tenuto a versare un acconto (circa il 10% del prezzo di vendita pattuito), mentre in fase di proposta ho versato solo la classica caparra confirmatoria con assegno bancario intestato al venditore.

Questo nuovo contratto si farebbe in una data intermedia prima del rogito, onestamente ho accettato seppur con qualche perplessità sul suo scopo (l'immobile mi interessa molto e dovendo comunque saldare al rogito - non farò mutuo - non mi cambia molto dal punto di vista economico), l'agenzia l'ha giustificato come un modo per dare una garanzia aggiuntiva al venditore e fornirgli un minimo di liquidità prima di arrivare al rogito.

La mia perplessità riguarda principalmente il fatto che questa scrittura privata si farebbe in agenzia immobiliare e comunque senza notaio, che verrebbe coinvolto soltanto per il rogito (non farei mutuo).

Posto che da quello che leggo questo iter mi sembra insolito, ma può essere soltanto una cosa fatta davvero per dare liquidità al venditore o devo preoccuparmi per qualche insidia nascosta in questa prassi?

Grazie
non è insolito è comune, è un modo per l'agenzia di incassare i soldi....scommetto che non l'hai ancora pagata?
 

ChaMPYRE

Nuovo Utente
Registrato
11/8/21
Messaggi
245
Punti reazioni
16
Comunque ho stipulato questo preliminare e in realtà la cifra del 10% è stata versata tutta a titolo di caparra confirmatoria (non acconto).

L'agenzia mi ha detto che, quando avremo la data del rogito, posso pagare tranquillamente un acconto "a metà strada" e poi saldare al rogito o direttamente tutto al rogito.