La svalutazione monetaria colpisce i redditi più bassi

=zero=

Nuovo Utente
Registrato
24/6/04
Messaggi
12.115
Punti reazioni
248
"Indipendentemente dalle conseguenze sulla crescita del Pil, la svalutazione comporta sempre una redistribuzione del reddito. Queste dinamiche ridistributive possono essere meglio comprese notando che una svalutazione monetaria è equivalente negli effetti a una manovra fiscale che innalzi l’imposta sul valore aggiunto e contemporaneamente riduca i contributi sul lavoro versati dalle imprese. L’aumento dell’Iva rende relativamente più care le importazioni rispetto alle esportazioni, poiché le prime sono soggette all’imposta mentre non lo sono le seconde. La riduzione del costo del lavoro, finanziato mediante il gettito addizionale dell’Iva, riduce il prezzo delle esportazioni. Questa manovra fiscale, proprio per la sua equivalenza con una svalutazione del tasso di cambio, è spesso chiamata svalutazione fiscale.

Ora, chi crede che uscire dall’euro per poi svalutare sia la cosa giusta per stimolare la crescita non può, a rigor di logica, essere contrario a una svalutazione fiscale. Invece capita spesso che i pasdaran della svalutazione monetaria trovino inaccettabile un aumento dell’Iva, anche se coordinato con una riduzione del costo del lavoro, perché l’Iva, essendo una tassa non progressiva, colpisce sproporzionatamente i redditi più bassi. Giusto. Aggiungano però anche che questo è esattamente quello che avviene nel caso di una svalutazione monetaria."

La svalutazione monetaria colpisce i redditi più bassi | Linkiesta.it
 
anche la IMU


uguale per tutti


a prescindere dal reddito e dalla pecunia in banca
 
è???

un secondo non connetto iva svalutazione monetaria pasadaran chee??? :D:D
 
anche la IMU


uguale per tutti


a prescindere dal reddito e dalla pecunia in banca

soprattutto l'iva recessiva dell'articolo in oggetto...

in pratica le ricette "salva Italia"
 

Allegati

  • z.gif
    z.gif
    6,4 KB · Visite: 214
"Indipendentemente dalle conseguenze sulla crescita del Pil, la svalutazione comporta sempre una redistribuzione del reddito. Queste dinamiche ridistributive possono essere meglio comprese notando che una svalutazione monetaria è equivalente negli effetti a una manovra fiscale che innalzi l’imposta sul valore aggiunto e contemporaneamente riduca i contributi sul lavoro versati dalle imprese. L’aumento dell’Iva rende relativamente più care le importazioni rispetto alle esportazioni, poiché le prime sono soggette all’imposta mentre non lo sono le seconde. La riduzione del costo del lavoro, finanziato mediante il gettito addizionale dell’Iva, riduce il prezzo delle esportazioni. Questa manovra fiscale, proprio per la sua equivalenza con una svalutazione del tasso di cambio, è spesso chiamata svalutazione fiscale.

Ora, chi crede che uscire dall’euro per poi svalutare sia la cosa giusta per stimolare la crescita non può, a rigor di logica, essere contrario a una svalutazione fiscale. Invece capita spesso che i pasdaran della svalutazione monetaria trovino inaccettabile un aumento dell’Iva, anche se coordinato con una riduzione del costo del lavoro, perché l’Iva, essendo una tassa non progressiva, colpisce sproporzionatamente i redditi più bassi. Giusto. Aggiungano però anche che questo è esattamente quello che avviene nel caso di una svalutazione monetaria."

La svalutazione monetaria colpisce i redditi più bassi | Linkiesta.it

Nuovo minestrone bocconiano, da dove incominciamo? un pastrocchio su larga scala, pieno di inesattezze, mezze inesattezze, incomplete inesattezze, analisi monche.
 
è???

un secondo non connetto iva svalutazione monetaria pasadaran chee??? :D:D

Ma lassa perde, iva e svalutazione, come dire Messi è forte perchè ce l'ha corto ...........non c'entra un capzo ......eh appunto ....... :D
 
Nuovo minestrone bocconiano, da dove incominciamo? un pastrocchio su larga scala, pieno di inesattezze, mezze inesattezze, incomplete inesattezze, analisi monche.

è un semplice articolo non un trattato economico

per quello aspettiamo una tua dotta analisi
 
La svalutazione monetaria non colpisce un bel niente favorisce le esportazioni e sfavorisce le importazioni.
Quello a cui tu fai riferimento é immettere nuova moneta nel sistema che tecnicamente andrebbe a inflazionare quella esistente.Se si ragiona da ragionieri é una forma di tassazione indiretta sui depositi.Ha uno svantaggio che colpisce tutti senza distinzioni di ricchezza e di reddito.Ha il vantaggio che colpisce tutti compresi gli evasori con i soldi non dichiarati come la mafia.
Ma non ultimo ha un vantaggio importantissimo ha la funzione di dare ossigeno alla produttività contrastando la conseguente inflazione(meno imprese che chiudono) e non comporta un senso di frustrazione osicologica data da un'esproprio con conseguente riduzione del capitale oltre a stimolare gli investimenti per difendere il capitale stesso dall'inflazione.
Ora cos'é il problema in Europa? Che c'é eccesso di offerta e carenza di domanda.Le cause sono sia psicologiche che tecniche ovvero viene drenata liquiditá al sistema anziché immessa per un dictat dei tedeschi che a detta loro temono il rischio di un mostro inflattivo con la stamoa di nuova moneta.
Il rischio in questo momento qual'é? Che andando avanti su questa strada le imprese chiudano una x una riducendo la forza produttiva e quindi rischiando comunque una super inflazione.

Se ho 5 monete e 5 pomodori 1 moneta vale 1 pomodoro
Se ho 10 monete e 5 pomodori 1 moneta vale mezzo pomodoro(la paura dei crucchi)
Se ho 10 monete e produco 10 pomodori non ho inflazione(il credo degli usa)
Se ho 5 monete e marciscono 4 pomodori siamo nella mer da il rischio attuale
 
;)pensiamo alla svalutazione che tutti noi abbiamo subito nel 2k con il passaggio all'euro ....l'inflazione da 2 a1 sul cambio con la lira ha si dimezzato il debito pubblico reale (quello nominale ha subito solo il cambio) ma ha ridotto conseguentemente il nostro potere d'acquisto (perchè l'inflazione per definizione produce vantaggio ai debitori e svantaggio ai creditori)
A mia memoria il giorno successivo l'atm per prima "arrotondo' all'euro il biglietto da 1500 lit ed era solo l'inizio dai servizi di pubblica utilità la' dove i commercianti privati hanno arrotondato direttamente da 1000 lire a 1 euro, il 100% di svalutazione delle nostre disponibilità..
Siamo ancora tutti qui con le ossa rotte ....resisteremmo pure a quella per il ritorno alla lira? Mah , chi puo dirlo..Certamente molti economisti filo europeisti ci marciano sopra per terrorizzare ed intimorire per il ritorno alla lira dimenticando la loro assenza nell'allertarci dal cambio nel 2000..La parola d'ordine era benessere e ricchezza da euro.:bye:
 
Ad esempio la svalutazione agevola il rentier? ..........******* ABNORME .........è l'esatto contrario .......
Per lui rendite e profitti se non ho capito male sono visti alla Landini.... come una rendita finanziari iniqua a spese della classe produttiva.



Questa è la frase dell'autore:

La svalutazione ridistribuisce ricchezza dai salari a rendite e profitti: l’aumento dei prezzi degli import riduce i salari reali, l’aumento della domanda di beni esportati aumenta i profitti delle imprese.
 
Ultima modifica:
Nuovo minestrone bocconiano, da dove incominciamo? un pastrocchio su larga scala, pieno di inesattezze, mezze inesattezze, incomplete inesattezze, analisi monche.

Non per niente i martinit con la quinta elementare hanno costruito l'Italia e i ragionieri bocconiani la stanno radendo al suolo
 
Ad esempio la svalutazione agevola il rentier? ..........******* ABNORME .........è l'esatto contrario .......
Per lui rendite e profitti se non ho capito male sono visti alla Landini.... come una rendita finanziari iniqua a spese della classe produttiva.



Questa è la frase dell'autore:

La svalutazione ridistribuisce ricchezza dai salari a rendite e profitti: l’aumento dei prezzi degli import riduce i salari reali, l’aumento della domanda di beni esportati aumenta i profitti delle imprese.

Perchè la rendita e il profitto di un'azienda dovrebbe essere un male ?(come dice il Landin-bocconiano pensiero?) .......... in infatti non lo è in quanto con la svalutazione cambia anche la tiplogia dell'azienda che investe nel territorio ........ la multinazionale che tesaurizza è favorita dall'area a cambi fissi, la micro-medio azienda che investe nel territorio grazie ad un nuovo aumento dell'occupazione a MEDIO TERMINE può tornare a crescere ( ci sono altri motivi da analizzare).
 
Non per niente i martinit con la quinta elementare hanno costruito l'Italia e i ragionieri bocconiani la stanno radendo al suolo
incolpiamo la bocconi quando pure i docenti dell'ateneo si sono espressi in gran numero contro certe teorie .....soprattutto contro monti che ha dovuto tenere il gioco della merkel(ed ora pure a lei comincia a non tenere piu' il manifatturiero) consapevole di sparar quassate che la' dove si fossero verificate avrebbero prodotto la dimostrazione della tesi per il suo nobel 2013:D .....Son 24 mesi che vengono sparate teorie innovative pure per i programmi dei piani di studio della bocconi...Insuccessi totali sulla carta e nell'economia reale la' dove pian pianino molte leader di istituzioni internazionali cominciano ad ammettere che certe ricette son state "ciofeche dannosissime"
Monti noto amico di studi a yale di tobin è caduto pure su philips-fisher credendo di creare occupazione creando inflazione in un economia in recessione e non riscaldata a elevati tassi di crescita ovvero abbassare la disoccupazione tassando materie prime ed energia, i trasporti..:D
A natale dopo certi provvedimenti cominciò a ipotizzare tassi di crescita di occupazione e pil (10% sparata pluriennale poi dopo molte polemiche ridimensionata ad un 2-3 % per il 2013-14)..La fine del tunnel dopo aver fatto i compitini.. Non incolpiamo la bocconi ma i professori che si prestano alla politica in tutte le sue forme propagandistiche ..
 
Perchè la rendita e il profitto di un'azienda dovrebbe essere un male ?(come dice il Landin-bocconiano pensiero?) .......... in infatti non lo è in quanto con la svalutazione cambia anche la tiplogia dell'azienda che investe nel territorio ........ la multinazionale che tesaurizza è favorita dall'area a cambi fissi, la micro-medio azienda che investe nel territorio grazie ad un nuovo aumento dell'occupazione a MEDIO TERMINE può tornare a crescere ( ci sono altri motivi da analizzare).

ma che articolo hai letto????

eppure è scritto in un italiano abbastanza semplice e comprensibile
 
incolpiamo la bocconi quando pure i docenti dell'ateneo si sono espressi in gran numero contro certe teorie .....soprattutto contro monti che ha dovuto tenere il gioco della merkel consapevole di sparar quassate che la' dove si fossero verificate avrebbero prodotto la dimostrazione della tesi per il suo nobel 2013:D .....Son 24 mesi che vengono sparate teorie innovative pure per i programmi dei piani di studio della bocconi...Insuccessi totali sulla carta e nell'economia reale la' dove pian pianino molte leader di istituzioni internazionali cominciano ad ammettere che certe ricette son state "ciofeche dannosissime"
Monti noto amico di studi a yale di tobin è caduto pure su philips-fisher credendo di creare occupazione creando inflazione in un economia in recessione e non riscaldata a elevati tassi di crescita ovvero abbassare la disoccupazione tassando materie prime ed energia, i trasporti..:D

Ma sai cos'è sconcertante? che non esistono teorie innovative, la base dell'economia moderna è stata scritta un secolo fa, a proposito, c'è un bel libro che si intitola : "QUESTA VOLTA è DIVERSO" ......... frase che si dice in tutte le crisi dell'ultimo secolo. Alla fine non è diverso niente, il processo è sempre quello, è diverso il modo in cui intortano il cittadino medio con ******* colossali per le quali questa volta DOVREBBE ESSERE DIVERSO.
 
incolpiamo la bocconi quando pure i docenti dell'ateneo si sono espressi in gran numero contro certe teorie .....soprattutto contro monti che ha dovuto tenere il gioco della merkel(ed ora pure a lei comincia a non tenere piu' il manifatturiero) consapevole di sparar quassate che la' dove si fossero verificate avrebbero prodotto la dimostrazione della tesi per il suo nobel 2013:D .....Son 24 mesi che vengono sparate teorie innovative pure per i programmi dei piani di studio della bocconi...Insuccessi totali sulla carta e nell'economia reale la' dove pian pianino molte leader di istituzioni internazionali cominciano ad ammettere che certe ricette son state "ciofeche dannosissime"
Monti noto amico di studi a yale di tobin è caduto pure su philips-fisher credendo di creare occupazione creando inflazione in un economia in recessione e non riscaldata a elevati tassi di crescita ovvero abbassare la disoccupazione tassando materie prime ed energia, i trasporti..:D
A natale dopo certi provvedimenti cominciò a ipotizzare tassi di crescita di occupazione e pil (10% sparata pluriennale poi dopo molte polemiche ridimensionata ad un 2-3 % per il 2013-14)..La fine del tunnel dopo aver fatto i compitini.. Non incolpiamo la bocconi ma i professori che si prestano alla politica in tutte le sue forme propagandistiche ..

Vabbé scusa la mia era una critica rivolta piú ai montiani che alla bocconi in generale...Sono sicuro che alla Bocconi non siano tutti fessi come Monti ci mancherebbe altro...
E anzi credo che molti saranno incarogniti per la brutta figura che gli ha fatto fare il ragiunat tassaiolo
 
Vabbé scusa la mia era una critica rivolta piú ai montiani che alla bocconi in generale...Sono sicuro che alla Bocconi non siano tutti fessi come Monti ci mancherebbe altro...
E anzi credo che molti saranno incarogniti per la brutta figura che gli ha fatto fare il ragiunat tassaiolo

Non ho mai messo in dubbio la loro malafede .
 
Indietro