L'apparente "mistero" delle iper-sottoscrizioni (Saras e tutte le altre).

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

NordSudOvestEst

Gian Piero Motti fan
Registrato
15/9/03
Messaggi
34.538
Punti reazioni
3.845
Pensandoci un attimo mi viene da dire che il famigerato rapporto tra richieste e disponibilità, tanto sventolato (tipo: richieste 3, 5, 10 volte superiori!!!, ecc.) in realtà non significa un bel nulla.

L'unico dato importante e reale, che mette in moto un meccanismo perverso, è il rapporto tra numero di sottoscrittori e richieste, calcolando cioè UN LOTTO per ciascun sottoscrittore.

Ora accade che APPENA le adesioni dei sottoscrittori superano i lotti disponibili (calcolandone UNO a testa), ed essendo le adesioni irrevocabili, automaticamente viene comunicato che si andrà al riparto, o sotreggio che dir si voglia. Fin qui tutto regolare.

Ed è adesso che si mette in moto il meccanismo.
Appena si viene a sapere del sorteggio i SUCCESSIVI sottoscrittori cominciano a sottoscrivere un numero di lotti (o tutti personalmente oppure magari ricorrendo a codici fiscali di parenti, amici, conoscenti che si prestano semplicemente alla bisogna senza in realtà averne alcun interesse) SUPERIORE, spesso di gran lunga, a quelli che EFFETTIVAMENTE si vorrebbe sottoscrivere, all'unico scopo di cercare di avere più possibilità di essere sorteggiati. Un po' come i biglietti della lotteria: non è che se ne comprano 10 pensando che così si "rischierà" di vincere più premi: semplicemente lo si fa per avere più probabilità di vincere UN premio.

In questo caso, dunque, chi prenota tre, sei, otto lotti, SA GIA' che in realtà potrà averne uno solo. Quindi la richiesta tot volte superiore all'offerta è solo fittizia: non lo sarebbe solo nel caso in cui tutti gli ordini inevasi venissero confermati SUL MERCATO il giorno d'inizio delle negoziazioni.
Ma chi è che si mette a comprare a mercato, il primo giorno, tutti i lotti che aveva richiesto in OPV e per i quali non è stato soddisfatto?
A volte accade (v. Italease), ma altre no.
E quando non accade tutta questa apparente grande corsa all'accaparramento è destinata a sgonfiarsi.

Insomma, questo per dire che questo rapporto tra richieste e offerta DI PER SE' non significa nè "assicura" un bel niente e non si capisce perchè venga così enfatizzato.
 
Hai perfettamente ragione,Infatti te ne danno un LOTTO, proprio come il gioco..
 
Be ogni tanto bisogna far contento anche il parco buoi, ma non troppo altrimenti
ci prende gusto.

Comunque sono giochi.....

:censored: bannato
 
NordSudOvestEst ha scritto:
...
Ma chi è che si mette a comprare a mercato, il primo giorno, tutti i lotti che aveva richiesto in OPV e per i quali non è stato soddisfatto?

gli istituzionali in parte si'.
Occorre guardare solo la richiesta degli istituzionali, per quella dei privati sono d'accordo con te.


Anche se x saras il discorso non è veramente così: con tali utili e col petrolio cosi' importante e caro, molti entreranno comunque, sia che siano stati sorteggiati sia che non lo siano stati.

Diverso potra' essere il caso di Nice: se il titolo schizza, anche se le richieste saranno tante, solo pochi correranno il rischio di entrare dopo.
 
Indietro