lattoferrina... e le big pharma muoiono :D

rainbowdandy

Nuovo Utente
Registrato
29/9/07
Messaggi
87.826
Punti reazioni
2.569
Si, ma un vaccino in due dose costa 25 euro, più siringhe cc. ovviamente, ma che non incassa la casa farmaceutica.
Il Vaccino AstraZeneca, dovrebbe essere meno di 5€ per due dosi

tu hai detto le soluzione alternative ai prodotti farmaceutici. Il vaccino ho già detto la stessa cosa che hai detto tu. Dal punto di vista dei costi è la soluzione migliore per la fascia a rischio. Vaccinare tutti quelli a rischio farà risparmiare miliardi e miliardi al sistema sanitario oltre a consentire di far ripartire economia. Bisogna però essere preparati al fatto che possa non essere la soluzione definitivia. Speriamo lo sia, ma stiamo pronti nel caso non lo fosse.
 

rainbowdandy

Nuovo Utente
Registrato
29/9/07
Messaggi
87.826
Punti reazioni
2.569
tutti pazienti giovani e sani però

si ma è studio randomizzato. Lo erano in entrambi i gruppi.
Giovani di sicuro. Sani bisognerebbe andare a vedere caso per caso.
Se sei vecchio e non sei sano il vaccino è la soluzione assolutamente con il miglior profilo rischi/benefici.
 

davidean

Segnala Messaggio
Registrato
9/12/16
Messaggi
11.133
Punti reazioni
818
Se sei vecchio e non sei sano il vaccino è la soluzione assolutamente con il miglior profilo rischi/benefici.

ok, ma la lattoferrina si poteva prendere già da marzo... e si può prendere anche dopo vaccinati, non ha controindicazioni, infatti è di libera vendita

lo spray nasale israeliano invece non mi sembra molto delicato sulle mucose...
 

rainbowdandy

Nuovo Utente
Registrato
29/9/07
Messaggi
87.826
Punti reazioni
2.569
ok, ma la lattoferrina si poteva prendere già da marzo... e si può prendere anche dopo vaccinati, non ha controindicazioni, infatti è di libera vendita

lo spray nasale israeliano invece non mi sembra molto delicato sulle mucose...

Eh sì, ma ci sono dottori che ne parlavano già da questa primavera. Se uno vuole seguire solo quello che dice il Ministero della Sanità peggio per lui. Comunque ora c’è il vaccino e per me chi è a rischio lo deve fare prima possibile.
 

Spaceman Spiff 2.0

Nuovo Utente
Registrato
25/9/19
Messaggi
5.806
Punti reazioni
216

tempestivo mica tanto, dopo 5 mesi

comunque scrivono che il rischio/beneficio non è definibile (in base a cosa? immagino che gli avranno fatto avere dei dati e che questi siano stati valutati) per cui ritengono che a fronte dell’attuale disponibilità di alcune opzioni terapeutiche di provata efficacia lo studio proposto non possa essere autorizzato

non è che per forza ogni cura sperimentale debba essere così efficace da spazzare via tutto il resto

sarebbe bello che uno che ci capisce leggesse le carte

lo studio è stato replicato anche negli USA

là che han deciso?
 

ghentos

Nuovo Utente
Registrato
24/8/00
Messaggi
2.235
Punti reazioni
112
tempestivo mica tanto, dopo 5 mesi

comunque scrivono che il rischio/beneficio non è definibile (in base a cosa? immagino che gli avranno fatto avere dei dati e che questi siano stati valutati) per cui ritengono che a fronte dell’attuale disponibilità di alcune opzioni terapeutiche di provata efficacia lo studio proposto non possa essere autorizzato

non è che per forza ogni cura sperimentale debba essere così efficace da spazzare via tutto il resto

sarebbe bello che uno che ci capisce leggesse le carte

lo studio è stato replicato anche negli USA

là che han deciso?

si sono d'accordo con te...tempestivo non molto in quanto sono passati 5 o 6 mesi

non credo di essere in grado di trovare altri articoli che specifichno bene la definizione di rischi/benefici

......
In questo ore per l’azienda ospedaliera reggina è arrivata la doccia fredda. In un’intervista pubblicata da Affari Italiani, Correale ha affermato che l’Azienda Italiana del Farmaco ha bloccato la sperimentazione.

“Abbiamo inviato i nostri risultati all’AIFA, – dice, – non siamo però riusciti ad avere un confronto con loro cosa che sarebbe stata molto importante. L’AIFA dovrebbe avere un ruolo si rigoroso ma non rigido, dovrebbe dare la possibilità ai medici di sperimentare con controllo e regole ma non togliere la speranza di poter guarire all’adenosina che viene studiata da tanti anni ed è conosciuta da tutti già da prima. È stata bloccata senza delle motivazioni comprensibili e senza la possibilità di un confronto per il quale eravamo a disposizione. In un momento storico critico per la salute nulla dovrebbe essere lasciato al caso. L’AIFA dovrebbe avere come mission quella di incentivare gli studi spontanei e la ricerca in genere, non inibirla. Ecco la risposta dell’AIFA non favorevole in considerazione di un rapporto rischio/beneficio non definibile; si ritiene che a fronte dell’attuale disponibilità di alcune opzioni terapeutiche di provata efficacia lo studio proposto non possa essere autorizzato. Si pensi che negli Stati Uniti, in Florida si avvia lo “studio Artic”, sotto la responsabilità di Bruce Spiess e Misha Sitkovsky. Al GOM la task force è composta anche dai team dei professori Billotta e Caracciolo, che si aggiungono a Correale e a Macheda: oltre Scilla si guarda Miami. Ci sono già due lavori pubblicati e un congresso in vista per approfondire e verificare dati, procedure, studi”.
Aifa blocca la cura sperimentale con adenosina del Gom | Nurse Times

.........

si ogni cura sperimentale sicuramente sara sperimentale...e probabilmente ogni terapia non ha la certezza di bloccare la morte...ma tante' che la strada spalancata e' rimasta solo al vaccino che poi anche questo si scopre che non sia ne efficace piu di molto, ne sano ,ne certo di non farti dei danni....

sarebbe bello capirci lo so...la sensazione che si ha anche in televisione e' quella di un informazione a senso unico e senza contraddittori e uno ovviamente non piu essere professore in ogni materia ..e quindi bisogna accontentarsi della narrativa dei professionisti dell'informazione e impossibilitati a dare credito o meno a queste sperimentazioni
 

rainbowdandy

Nuovo Utente
Registrato
29/9/07
Messaggi
87.826
Punti reazioni
2.569
tempestivo mica tanto, dopo 5 mesi

comunque scrivono che il rischio/beneficio non è definibile (in base a cosa? immagino che gli avranno fatto avere dei dati e che questi siano stati valutati) per cui ritengono che a fronte dell’attuale disponibilità di alcune opzioni terapeutiche di provata efficacia lo studio proposto non possa essere autorizzato

non è che per forza ogni cura sperimentale debba essere così efficace da spazzare via tutto il resto

sarebbe bello che uno che ci capisce leggesse le carte

lo studio è stato replicato anche negli USA

là che han deciso?

si ritiene che a fronte dell’attuale disponibilità di alcune opzioni terapeutiche di provata efficacia lo studio proposto non possa essere autorizzato”.


quali sarebbero tutte ste opzioni? Non è che ci sia granchè.
 

Spaceman Spiff 2.0

Nuovo Utente
Registrato
25/9/19
Messaggi
5.806
Punti reazioni
216
si ritiene che a fronte dell’attuale disponibilità di alcune opzioni terapeutiche di provata efficacia lo studio proposto non possa essere autorizzato”.


quali sarebbero tutte ste opzioni? Non è che ci sia granchè.

non lo so, ma era così promettente che in USA l'han replicato

avran fatto faville, immagino :o
 

marcobrasich

¡Saludos a todos!
Registrato
8/1/01
Messaggi
5.630
Punti reazioni
202
Alla ricerca del Santo Graal...

Ma un virus respiratorio (fino ad adesso) non si è mai riuscito a sconfiggerlo.

Mo arrivano tutti 'sti geni che provano qualsiasi cosa...

...che poi nessuna di queste cose è un antivirale...

Penso che presto ci sarà chi dimostrerà una certa efficacia da parte della marijuana, coca (non cola), etc

...poi ci saranno i più esoterici che che useranno staminali di topo, veleno di scorpione o urina di capra (cura fatta decenni fa alla presentatrice Stefania Rotolo per curare il tumore... ...ovviamente senza successo).
 
Ultima modifica:

davidean

Segnala Messaggio
Registrato
9/12/16
Messaggi
11.133
Punti reazioni
818
nessun santo graal... semplicemente si cerca di rendere l'organismo più forte per sconfiggere con meno sintomi possibili il virus

da un lato quindi i vari integratori non pretendono di salvare tutti, ma un 90% si, inoltre gli effetti collaterali sono nulli e si potevano usare da marzo

dall'altro il vaccino tenta di salvare tutti, con però effetti collaterali anche gravi che possono colpire random, solo che i primi vaccini sono arrivati dopo un anno, hanno efficacia dubbia e intanto la gente muore poco di virus e molto di malasanità e crisi...
 

Spaceman Spiff 2.0

Nuovo Utente
Registrato
25/9/19
Messaggi
5.806
Punti reazioni
216
nessun santo graal... semplicemente si cerca di rendere l'organismo più forte per sconfiggere con meno sintomi possibili il virus

da un lato quindi i vari integratori non pretendono di salvare tutti, ma un 90% si, inoltre gli effetti collaterali sono nulli e si potevano usare da marzo

dall'altro il vaccino tenta di salvare tutti, con però effetti collaterali anche gravi che possono colpire random, solo che i primi vaccini sono arrivati dopo un anno, hanno efficacia dubbia e intanto la gente muore poco di virus e molto di malasanità e crisi...

fammi capire, esiste un mix di integratori liberamente disponibili, poco costosi ed efficaci per ridurre i morti del 90%?

e tutto ciò è scientificamente provato?