l'importanza di avere dei buoni professori

watson

Nuovo Utente
Registrato
2/4/00
Messaggi
4.369
Punti reazioni
16
Penso che non aprirò mai più in vita mia la Divina Commedia od i Promessi Sposi.Me li hanno fatti odiare.
 
Scritto da watson
Penso che non aprirò mai più in vita mia la Divina Commedia od i Promessi Sposi.Me li hanno fatti odiare.

Anch'io li odiavo, ora sono cresciuta, da buon intenditor...;)





Ram
 
Scritto da watson
Penso che non aprirò mai più in vita mia la Divina Commedia od i Promessi Sposi.Me li hanno fatti odiare.

male!
io la Divina Commedia ho iniziato a leggerla a 12 anni per conto mio: ogni notte quando mi coricavo un canto o mezzo dell'inferno... e me ne sono appassionato... anche in futuro me la sono sempre più letta estudiata per mio gusto che seguendo le "tappe" scolastiche

I Promessi Sposi me li sono letti tutti d'un fiato poco dopo i 20 anni: un bel romanzone!
 
Scritto da watson
Penso che non aprirò mai più in vita mia la Divina Commedia od i Promessi Sposi.Me li hanno fatti odiare.

non si possono porre sullo stesso piano la Divina Commedia e I promessi sposi, indipendentemente dall'approccio che hai avuto a scuola: uno è un capolavoro di valore assoluto che puoi sempre apprezzare, l'altro un romanzo che paragonato ai grandi dell'800 vale Liala, che lo riapri a fare!
 
D'accordo sulla differenza di livello, ma non sarei così critico nei confronti dei Promessi Sposi, non fosse altro per il concentrato di topoi "salvati" e base per le generazioni di scrittori successivi (aldilà dei valori prettamente linguistici)
 
Scritto da specchio
D'accordo sulla differenza di livello, ma non sarei così critico nei confronti dei Promessi Sposi, non fosse altro per il concentrato di topoi "salvati" e base per le generazioni di scrittori successivi (aldilà dei valori prettamente linguistici)

Sono d'accordo, parlavo del valore intrinseco assoluto del romanzo, secondo me assolutamente di secondo piano (come sto diventando moderato, qualche mese fa avrei scritto "una mezza sòla":D )
 
Perchè non avete letto Justine?
 
Indietro