Live Meeting il 24/05 con LVenture Group su Finanzaonline

TheMonster

Nuovo Utente
Registrato
30/4/14
Messaggi
1
Punti reazioni
0
Che tipo di supporto date alle società che selezionate per farle diventare vostre partner. E’ solo finanziario o c’è anche un supporto sulla gestione?
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
buongiorno,

seguo da poco la vs società in borsa, volevo chiederle i risultati del 2015 hanno mostrato ricavi in crescita ma ancora in perdita. Cosa prevedete per il 2016? E come è andata questa prima parte dell'anno?

Inoltre cosa pensate per poter aumentare gli scambi in borsa?

Per il 2016 prevediamo ricavi più che raddoppiati a Euro 2.3 milioni con costi operativi per Euro 3 milioni. Ci attendiamo plusvalenze da exit per circa Euro 0.7 milioni con write-off per Euro 0.5 milioni. Rimane per noi importante che il valore del portafoglio continui a crescere più che proporzionalmente (al 31.12.2015 il valore di mercato del portafoglio, come Indicatore Alternativo di Performance, era pari a Euro 8 milioni). I primi mesi del 2016 si confermano in linea con le attese del piano industriale.
 

Bazooka83

Nuovo Utente
Registrato
4/6/15
Messaggi
414
Punti reazioni
0
Con l’aumentare delle soluzione Fintech avete mai pensato, magari lo fate già, di aprire agli investimenti privati in forma di peer-to-peer lending alle vostre molte realtà in cui avete investito? Ho visto la presentazione e molte sono interessanti.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Salve dr. Capello

Nel vostro piano industriale parlate di mercati esteri e la volontà di espandervi in Europa attraverso jv. A che punto siete in relazione a questo?
Da un lato l'apertura all'esterno potrebbe mettervi di fronte a una concorrenza più elevata (visto che in Europa l'argomento startup è più sviluppato che in Italia). Quali benefici pensate di trarne?

L'espansione internazionale è una grandissima opportunità: startup con base a Berlino o Londra hanno valutazioni doppie rispetto alle omologhe basate in Italia, addirittura triple se guardiamo a quelle in Silicon Valley. Questo è un arbitraggio che vogliamo assolutamente cogliere: per questo abbiamo già fatto accordi a Berlino e stiamo facendo accordi su Londra. E' evidente che le maggiori valutazioni dipendono dalla maggiore disponibilità di capitali di Venture Capital in quelle piazze.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Buongiorno dott.Capello,

quali criteri seguite per selezionare le startup da mettere in portafoglio?

Il primo driver è la capacità del team, il secondo la potenzialità del progetto di essere globale e di saper acquisire valori sempre più importanti. Ogni volta che investiamo lo facciamo pensando a un potenziale ritorno di oltre 10x il capitale investito.
 

candelegiapponesi

Nuovo Utente
Registrato
16/7/15
Messaggi
54
Punti reazioni
4
Qual è il vostro mercato di riferimento?

È rivolto solo alle imprese italiane o vi muovete anche in ambito internazionale in base a dove vedete un business o un’idea interessante esposta da un’azienda?

La maggiore vostra presenza è in Italia?
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Cosa bisognerebbe fare a livello politico/legislativo per favorire questo settore?

Oggi si stanno implementando nuove norme nel settore del crowdfunding, che sicuramente possono dare vigore al settore. La cosa principale è sicuramente ampliare il credito d'imposta per chi investe in startup innovative (oggi una persona fisica beneficia di un credito d'imposta del 19% sull'investimento, il 20% per persone giuridiche). Un recente decreto ha equiparato l'investimento in LVenture Group (in aumento di capitale, che lanceremo a breve) all'investimento in startup innovative, potendo beneficiare anche qui della detrazione del 19%. Chi dunque investirà nell'Aumento di Capitale di LVenture Group potrà ad esempio detrarre Euro 19.000 da UNICO 2017 per un investimento di Euro 100.000.
 

candelegiapponesi

Nuovo Utente
Registrato
16/7/15
Messaggi
54
Punti reazioni
4
I vostri investimenti nelle startup sono finalizzati ad un arco di vita dell’azienda? Tipo i primi 3/5 anni e poi le aziende continuano con le loro gambe?
 

Genny76

Nuovo Utente
Registrato
5/7/10
Messaggi
28
Punti reazioni
0
Nel portafoglio delle vostre startup ci sono quelle in vita, date evidenza anche di quelle che non ce l’hanno fatta?
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Buongiorno,
n
on avete pensato a una sinergia o addirittura a un matrimonio con Digital magics o qualche altro concorrente per ampliare in maniera significativa il business e ridurre la concorrenza?

Con Digital Magics abbiamo buoni rapporti, ma non abbiamo mai pensato a opzioni di aggregazione stante un mercato così ampio e ancora con enormi potenzialità di espansione.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
State scegliendo startup in particolari settori, come ad esempio fintech del delivery o food?

Oggi siamo sicuramente presenti nel food delivery (Moovenda sta andando molto bene), nell'e-commerce (wineOwine ha appena raccolto Euro 800 mila), gaming (con Gamepix e Nextwin ora in partnership con Snai).
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Che tipo di supporto date alle società che selezionate per farle diventare vostre partner. E’ solo finanziario o c’è anche un supporto sulla gestione?

Noi assolutamente diamo supporto oltre che finanziario anche nello sviluppo del business, cercando di creare le migliori opportunità per vendere i propri servizi e in questo modo massimizzare la creazione del valore.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Con l’aumentare delle soluzione Fintech avete mai pensato, magari lo fate già, di aprire agli investimenti privati in forma di peer-to-peer lending alle vostre molte realtà in cui avete investito? Ho visto la presentazione e molte sono interessanti.

Al momento non c'è la possibilità di peer-to-peer lending, ma sarà sicuramente di nostro interesse qualora le piattaforme di crowdfunding dovessero ulteriormente svilupparsi.
 

sofia80

Nuovo Utente
Registrato
7/1/10
Messaggi
19
Punti reazioni
0
Buongiorno Dr. Capello,

come utilizzerete le risorse che raccogliete dall'aumento di capitale?
 

the boss of ...

Nuovo Utente
Registrato
24/5/16
Messaggi
2
Punti reazioni
0
Alcune delle vostre start-up nascono da un progetto con la Luiss, immagino perché siete di Roma e quindi per logiche di geolocalizzazione e di vicinanza.
Pensate di incrementare gli accordi con le università?
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Qual è il vostro mercato di riferimento?

È rivolto solo alle imprese italiane o vi muovete anche in ambito internazionale in base a dove vedete un business o un’idea interessante esposta da un’azienda?

La maggiore vostra presenza è in Italia?

Noi cerchiamo di attrarre le startup da tutta Europa, le ospitiamo presso i nostri spazi per tutto il periodo del programma di accelerazione (5 mesi) e le presentiamo poi agli investitori. Solo con metodologia e duro lavoro si spiegano gli importanti risultati che vedono 9 startup su 10 che escono dal programma di accelerazione ottenere fondi in primis da terzi investitori e poi da noi. In altre parole, 9 startup su 10 che escono dal programma sono finanziate da terzi investitori. Al momento la nostra strategia è di far nascere le startup in Italia e poi lanciarle a livello globale dove le valutazioni delle stesse sono notevolmente superiori a quelle realizzabili sul mercato italiano, realizzando cosi' un importante arbitraggio.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
I vostri investimenti nelle startup sono finalizzati ad un arco di vita dell’azienda? Tipo i primi 3/5 anni e poi le aziende continuano con le loro gambe?

Abbiamo dichiarato al mercato che ci attendiamo exit dopo circa 6 anni dall'investimento seed. Oggi abbiamo un portafoglio con una duration (anzianità) media di circa 28 mesi: questo significa che alcune startup stanno acquisendo quella maturità interessante per poter essere acquisite da terzi. Il nostro obiettivo è principalmente l'exit, che generalmente avviene attraverso una cessione della startup, e in misura minore (ma ci auguriamo avvenga lo stesso) attraverso quotazioni sul mercato dei capitali.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Buongiorno Dr. Capello,

come utilizzerete le risorse che raccogliete dall'aumento di capitale?

Pensiamo di investire i proventi del prossimo aumento di capitale 2016 in startup per Euro 2.4 milioni nel 2016 e per altri 3 milioni nel 2017.
 

Luigi Capello

Nuovo Utente
Registrato
16/3/16
Messaggi
22
Punti reazioni
0
Alcune delle vostre start-up nascono da un progetto con la Luiss, immagino perché siete di Roma e quindi per logiche di geolocalizzazione e di vicinanza.
Pensate di incrementare gli accordi con le università?

LUISS ENLABS è una partnership tra noi (LVenture Group) e l'Università LUISS, attivata a fine 2012. All'epoca andammo a chiedere a diverse Università, e la LUISS aderì alla partnership con lungimiranza. LUISS ENLABS è comunque aperto a studenti provenienti da tutte le università, in particolare dalle facoltà di indirizzo tecnologico.