L'Oka atomica - parte 2...

  • Trading Day 19 aprile Torino - Corso Gratuito sull'investimento

    Migliora la tua strategia di trading con le preziose intuizioni dei nostri esperti su oro, materie prime, analisi tecnica, criptovalute e molto altro ancora. Iscriviti subito per partecipare gratuitamente allo Swissquote Trading Day.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

kukulkàn

agnostico
Registrato
5/9/02
Messaggi
12.973
Punti reazioni
502
......non inteso in senso di prodi................. :eek: :D :p
 
ankh ha scritto:
......non inteso in senso di prodi................. :eek: :D :p
Ku, azzo stà succedendo agli stramaledett????????????????????????????????????
 
Ku, ieri sera ho visto per un momento l'emilio.

Ku, il berlusca è un bambino in fasce rispetto allemilio :D ;) :D :D :D

Ku, merita unoscar. Altroche giorgclunei, bredpitt, marlonbrando. L'emilio è imbattibile :clap:
 
zagalo ha scritto:
Ku, ieri sera ho visto per un momento l'emilio.

Ku, il berlusca è un bambino in fasce rispetto allemilio :D ;) :D :D :D

Ku, merita unoscar. Altroche giorgclunei, bredpitt, marlonbrando. L'emilio è imbattibile :clap:



.....ZAGA MA IL TRAI SU DRAGHIN TI DA ,93???? HO FATTO UN BANCOMAT IN CHIUSURA IERI ................ :cool:
 
Mr I ha scritto:
.....ZAGA MA IL TRAI SU DRAGHIN TI DA ,93???? HO FATTO UN BANCOMAT IN CHIUSURA IERI ................ :cool:
Prima della fine dell'estate target supermostruoso a 20,00: in vista operazione supermostruosa.

P.s. mr., me lo salvi stò post, per favore?
 
zagalo ha scritto:
Prima della fine dell'estate target supermostruoso a 20,00: in vista operazione supermostruosa.

P.s. mr., me lo salvi stò post, per favore?


ZAGA LA VIL RAZZA DANNATA E' GIA ALL'OPERA..............

TE LO SALVO .............


--------MARKET TALK: Toro Ass, Cheuvreux conferma view negativa

MILANO (MF-DJ)--Cheuvreux conferma il rating underperform (target price di 16,8
euro) su Toro Ass. e segnala che la decisione di De Agostini di dare mandato a
Mediobanca per studiare l'emissione di un bond convertibile in azioni Toro (per
circa il 10% del capitale di quest'ultima) riduce l'appeal speculativo sul
titolo. "A nostro avviso -afferma il broker- questa decisione riduce le
probabilita' di una completa cessione di Toro nel breve termine". Poiche' il
titolo e' stato sostenuto nelle ultime settimane proprio dalle attese per una
vendita dell'intera quota, gli analisti confermano la visione negativa sulle
azioni sottolineando che il titolo tratta ad un rapporto P/e molto piu' elevato
dei competitors. Toro Ass. -2,27% a 17,24 euro. fus (END) Dow Jones
Newswires April 11, 2006 07:42 ET (11:42 GMT) Copyright (c) 2006 MF-Dow Jones
News Srl.
 
Mr I ha scritto:
ZAGA LA VIL RAZZA DANNATA E' GIA ALL'OPERA..............

TE LO SALVO .............


--------MARKET TALK: Toro Ass, Cheuvreux conferma view negativa

MILANO (MF-DJ)--Cheuvreux conferma il rating underperform (target price di 16,8
euro) su Toro Ass. e segnala che la decisione di De Agostini di dare mandato a
Mediobanca per studiare l'emissione di un bond convertibile in azioni Toro (per
circa il 10% del capitale di quest'ultima) riduce l'appeal speculativo sul
titolo. "A nostro avviso -afferma il broker- questa decisione riduce le
probabilita' di una completa cessione di Toro nel breve termine". Poiche' il
titolo e' stato sostenuto nelle ultime settimane proprio dalle attese per una
vendita dell'intera quota, gli analisti confermano la visione negativa sulle
azioni sottolineando che il titolo tratta ad un rapporto P/e molto piu' elevato
dei competitors. Toro Ass. -2,27% a 17,24 euro. fus (END) Dow Jones
Newswires April 11, 2006 07:42 ET (11:42 GMT) Copyright (c) 2006 MF-Dow Jones
News Srl.
Draghin è uno che imparato dal bongia: UN GGRANDE.

Draghin ha sul tavolo due offerte. Di cui una irrinunciabile.

Target 20,00.
 
zagalo ha scritto:
Ku, ieri sera ho visto per un momento l'emilio.

Ku, il berlusca è un bambino in fasce rispetto allemilio :D ;) :D :D :D

Ku, merita unoscar. Altroche giorgclunei, bredpitt, marlonbrando. L'emilio è imbattibile :clap:

l'emilio l'è un gattone navigato........................

non a caso.....................è lì anche lui dai tempi che furono.................

era nel pentapartito, ma non è mai riuscito a diventare ministro...........poi.....in rai l'hanno silurato ...............

ma come giornalista..............sà il fatto suo .................
 
ankh ha scritto:
ma come giornalista..............sà il fatto suo .................
.......giornalista?

Ku, io veramente lo proponevo agli oscar come cabarettista,

Altro che zelig. :D :D :D

Ciao ku.
 
raga.........vado a fare un riposino...............in attesa degli eventi...........


ciao
 
zagalo ha scritto:
.......cabarettista?

Ku, io veramente lo proponevo agli oscar come giornalista,

Altro che zelig. :D :D :D

Ciao ku.


un grande.................quasi come te................. :D :D :D
 
sono piantato su cecco beppe :wall:.....eppure mi par buono :specchio:.....vediamo quando finisce la storia su intra.
 
.........ELEZIONI: CANNAVO'(PRC), GOVERNO PRODI RISCHIA DI NON DURARE

(ANSA) - ROMA, 11 apr - Salvatore Cannavò, portavoce della

Sinistra Critica del Prc, invita a evitare il "trionfalismo" e

chiede che l'eventuale governo Prodi recuperi "radicalità di

contenuti". Altrimenti, "non dura", avverte il neodeputato,

che chiede al suo partito di "recuperare autonomia" dall'

Unione. Alla 'Sinistra critica' fanno riferimento anche Gigi

Malabarba e Franco Turigliatto, eletti al Senato.

"La legittima soddisfazione per aver battuto il governo

Berlusconi non giustifica il trionfalismo", avverte Cannavò,

che ricorda "il successo numerico" della Cdl al Senato, e la

vittoria di un soffio alla Camera invitando ad una "riflessione

pacata e a un giudizio non settario né propagandistico".

"L'Unione non riesce a scalfire il blocco di consenso del

berlusconismo", prosegue Cannavò, che accusa una campagna

"tesa a recuperare voti moderati" e il "corteggiamento alla

Confindustria", per arrivare a una "una vittoria dimezzata"

con un "probabile governo Prodi che è socialmente in

minoranza" e il "riemergere di opzioni centriste".

"Il governo Prodi si annuncia fragilissimo: o recupera

radicalità di contenuti oppure non dura", avverte Cannavò,

chiedendo "un cambio di linea nel Prc" e un "recupero di

autonomia dall'Unione" già "a partire dall'elezione dei

presidenti di Camera e Senato e del presidente della Repubblica,

dove non è sostenibile nessuna operazione bipartisan".

Per Cannavò, il risultato del Prc è "buono", ma più

"deludente" alla Camera, e comunque "non cancella una

condizione di difficoltà per una linea politica che oggi è

imbottigliata nel gioco istituzionale", mentre "serve uno

scarto verso i movimenti e la mobilitazione".

Cannavò indica quindi le "emergenze della prossima fase: il

ritiro delle truppe da Iraq e Afghanistan, l'abrogazione della

legge 30, della Moratti e della Bossi-Fini, una legge sulle

unioni civili e una riforma della legge elettorale in senso

proporzionale puro. Ma anche una campagna referendaria per

battere la controriforma costituzionale voluta dalla Cdl".

"Come dimostra chiaramente la Francia: le destre - conclude

Cannavò - si battono prima nella società e poi nelle urne".

(ANSA).


...................... :clap: :clap: BRAVO METTI IN RIGA IL MORTADELLA

................. OK! :clap:
 
zagalo su cosa targhet 20 ? grazie
 
topogigio ha scritto:
sono piantato su cecco beppe :wall:.....eppure mi par buono :specchio:.....vediamo quando finisce la storia su intra.


se non sbaglio hanno rettificato gli utili........

se si accattano intra aumento di capitale sicuro..................

beh tra un paio di settimane ti accatti il dividendo...

ciao topo.
 
zagalo ha scritto:
Draghin è uno che imparato dal bongia: UN GGRANDE.

Draghin ha sul tavolo due offerte. Di cui una irrinunciabile.

Target 20,00.



ola zag.

una domanda da "incompetente" ma se è così certo il ventone (20 eurozzi) perchè mai deago ne ha venduto il 10% ieri a 18 ?????

bimbumciao.
 
yaris ha scritto:
se non sbaglio hanno rettificato gli utili........

se si accattano intra aumento di capitale sicuro..................

beh tra un paio di settimane ti accatti il dividendo...

ciao topo.

Si,hanno dovuto rettificare gli utili per via della circolare della banca d'italia emanata ai primi di aprile,Comunque avevano tenuto basso gli ordinari visto che facevano plus con gli immobili.Prima poi torneranno fuori...:D :D
Per me capitalizza troppo poco.....
essere nella short list è sempre un rischio...spero sia questo,assieme al fatto che i bancari erano un pò altini,gonfiatelli a dir la verità...
comunque non ne ho molte,però non mi piace avere il rigone rosso sul dossier..............azzzzzzzzzzzzz...adesso ho capito perchè non mi piacciono i rossi.....è un riflesso condizionato...un messaggio sublimale...
 
Ultima modifica:
Pronte a partire. Se il risiko bancario è il gioco più in ...

Nelle ultime undici settimane le popolari quotate hanno guadagnato il 10% in Borsa

Pronte a partire. Se il risiko bancario è il gioco più in voga tra i protagonisti del capitalismo italiano, la versione cooperativa promette di non essere meno avvincente. Anzi. Se tra le società per azioni i possibili intrecci sulla strada del consolidamento del settore si contano sulle dita di una mano, le combinazioni possibili tra le banche popolari sono molte, moltissime, perfino troppe. E c’è un anno di tempo per realizzarle. Ci sono in Italia 18 banche popolari capogruppo su un totale di 36 popolari indipendenti e il loro radicamento territoriale fa sì che in 48 delle 103 province italiane la quota del credito popolare superi il 25 per cento del totale.
Nei mesi scorsi il commissario europeo McCreevy ha archiviato, senza dare il via alla procedura di infrazione, il procedimento a carico delle popolari italiane che avrebbero conflitto con la piena e libera circolazione di beni e capitali in ambito Ue. Voto capitario, tetto al possesso azionario e clausola di gradimento sono invece stati legittimati dalla Commissione europea proprio per la natura cooperativa e il percorso storico delle popolari italiane.
Una vittoria per i banchieri cooperativi. Che però non basta per reggere il passo con la modernità richiesta da un mercato sempre più globalizzato. La nuova gestione di Banca d’Italia mette proprio le popolari sotto attenzione: entro un anno il settore dovrà percorrere la strada delle aggregazioni. Crescere per competere in un mercato senza confini. E il profilo giuridico, salvaguardato almeno momentaneamente dalla Ue, è oggi messo in discussione da una parte almeno dei banchieri popolari: meglio rivedere autonomamente alcuni punti distintivi - dicono - soprattutto quelli più anacronistici, che subire in futuro nuovi attacchi. I vertici delle popolari hanno ben inteso le intenzioni di palazzo Koch. E si sono messi al lavoro. Così Corriere Economia ha provato a individuare, con l’aiuto di tre esperti del settore e del mercato (Piero Barucci, Marcello Messori, Gianni Tamburi), quali potrebbero essere le linee di sviluppo, le aggregazioni possibili. «Abbiamo considerato solo le operazioni endogamiche al settore - ha premesso Messori - ma è evidente che nessuno può escludere aggregazioni o accordi particolari tra banche popolari e banche che popolari non sono. Poi abbiamo considerato solo le quotate, meno di una decina nel complesso e tra queste abbiamo ulteriormente discriminato per dimensione. Abbiamo infine considerato, tenendo presente le possibili aggregazioni tra grandi e piccole, solo gli accordi tra le grandi».
Che il settore sia pronto a una importante trasformazione appare evidente. La capitalizzazione in Borsa delle nove popolari quotate è cresciuta nelle 11 settimane che vanno dal 19 gennaio 2006 a giovedì scorso, 6 aprile, di 3,055 miliardi di euro (più 10 per cento). Un segnale inequivocabile di interesse.
«Non ci sono dubbi - dice l’ex ministro Barucci - che in termini di industria bancaria sarebbe opportuno costruire una grande banca popolare. E sarebbe auspicabile che questa avesse dimensione uguale o maggiore a un Montepaschi, a Capitalia, che fosse insomma un player a tutto campo di considerevoli dimensioni per il mercato italiano. Storicamente la ragione della forza di questo progetto industriale risiede nella forte presenza territoriale delle popolari. In origine le sovrapposizioni erano scarse. Poi, con l’avvio del processo di aggregazione, si sono segnalate sovrapposizioni, ma c’è comunque ancora spazio. Le banche popolari sono caratterizzate da presidenti molto autorevoli e influenti, alla pari, in certi casi, dell’esecutivo. Anche per questo la combinazione delle future presidenze si presenta complessa. Esiste inoltre un rapporto di forte fiducia tra il vertice, la presidenza delle banche, e i soci. Non sono società che si confrontano unicamente con il mercato. Razionalizzare il settore è un impegno molto gravoso. Le popolari sono numerose e si presentano oggi con un insieme di società prodotto complicato e vario». Ma la strada è segnata.
Da Bruxelles a via Nazionale l'indicazione è cortese, ma univoca. Lo ha ben capito Roberto Mazzotta, presidente della Milano che lavora su più fronti. Da un lato ha firmato un accordo di bancassurance con FondiariaSai che legittima aspirazioni di crescita per linee interne; dall’altro sta guardando in ogni direzione, da Lodi a Intra, anche se quest’ultima partita è ormai persa. Sempre cercando «operazioni amichevoli».
L'altro grande player , la Popolare di Verona-Novara, un gruppo che raccoglie la fiducia di 160 mila tra soci e azionisti è pronto a muoversi lateralmente. La bancassurance produce utili e il gruppo guidato da Carlo Fratta-Pasini è pronto a entrare pesantemente nel business, anche stringendo nuovi accordi con l’altra grande realtà finanziaria veronese, la Cattolica assicurazioni, guarda caso una società cooperativa, che in Borsa capitalizza 2,1 miliardi di euro.
Segnali che le banche sono sulla linea di partenza. Ferme, ma ancora per poco.
 
Mr I ha scritto:
.........ELEZIONI: CANNAVO'(PRC), GOVERNO PRODI RISCHIA DI NON DURARE

(ANSA) - ROMA, 11 apr - Salvatore Cannavò, portavoce della

Sinistra Critica del Prc, invita a evitare il "trionfalismo" e

chiede che l'eventuale governo Prodi recuperi "radicalità di

contenuti". Altrimenti, "non dura", avverte il neodeputato,

che chiede al suo partito di "recuperare autonomia" dall'

Unione. Alla 'Sinistra critica' fanno riferimento anche Gigi

Malabarba e Franco Turigliatto, eletti al Senato.

"La legittima soddisfazione per aver battuto il governo

Berlusconi non giustifica il trionfalismo", avverte Cannavò,

che ricorda "il successo numerico" della Cdl al Senato, e la

vittoria di un soffio alla Camera invitando ad una "riflessione

pacata e a un giudizio non settario né propagandistico".

"L'Unione non riesce a scalfire il blocco di consenso del

berlusconismo", prosegue Cannavò, che accusa una campagna

"tesa a recuperare voti moderati" e il "corteggiamento alla

Confindustria", per arrivare a una "una vittoria dimezzata"

con un "probabile governo Prodi che è socialmente in

minoranza" e il "riemergere di opzioni centriste".

"Il governo Prodi si annuncia fragilissimo: o recupera

radicalità di contenuti oppure non dura", avverte Cannavò,

chiedendo "un cambio di linea nel Prc" e un "recupero di

autonomia dall'Unione" già "a partire dall'elezione dei

presidenti di Camera e Senato e del presidente della Repubblica,

dove non è sostenibile nessuna operazione bipartisan".

Per Cannavò, il risultato del Prc è "buono", ma più

"deludente" alla Camera, e comunque "non cancella una

condizione di difficoltà per una linea politica che oggi è

imbottigliata nel gioco istituzionale", mentre "serve uno

scarto verso i movimenti e la mobilitazione".

Cannavò indica quindi le "emergenze della prossima fase: il

ritiro delle truppe da Iraq e Afghanistan, l'abrogazione della

legge 30, della Moratti e della Bossi-Fini, una legge sulle

unioni civili e una riforma della legge elettorale in senso

proporzionale puro. Ma anche una campagna referendaria per

battere la controriforma costituzionale voluta dalla Cdl".

"Come dimostra chiaramente la Francia: le destre - conclude

Cannavò - si battono prima nella società e poi nelle urne".

(ANSA).


...................... :clap: :clap: BRAVO METTI IN RIGA IL MORTADELLA

................. OK! :clap:


:clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:

sono gli unici seri.................peccato che...........non sono in sintonia con me................ :cool:
 
Indietro