Long Covid, cosa succede dopo 12 mesi? Ecco i sintomi che aumentano: lo studio

  • Caro Ospite,
    finalmente abbiamo aggiornato il forum di FinanzaOnLine per fornirti un servizio performante e aggiornato. Come avrai notato il lavoro non è ancora ultimato. Purtroppo alcune funzioni della vecchia piattaforma non sono presenti per motivi di incompatibilità ma siamo aperti a considerare eventuali sviluppi.
    Per qualsiasi quesito sull'utilizzo della nuova piattaforma o se riscontri qualche problema di funzionamento o di navigazione scrivi nella sezione FIX FORUM. Stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni al fine di perfezionare la nuova piattaforma.

    Grazie per la comprensione e grazie per il supporto.
    Staff | FinanzaOnLine

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
https://www.msn.com/it-it/notizie/i...ndirect&cvid=b9a4dacc44904bada47e4d045eb8383b

Milano, 5 ottobre 2022 - Ansia, depressione e insonnia. Il Covid-19 fa aumentare di oltre il 10% i sintomi di disturbi psichiatrici nei dodici mesi successivi alla malattia. E del 20% altri segnali come mancanza di concentrazione e attenzione. Mentre, a un anno dal contagio, diminuiscono tutti gli altri sintomi dell`infezione da Coronavirus.

Sono alcuni dei risultati del primo studio prospettico condotto in Italia, che inducono gli scienziati a considerare un nuovo elemento sorprendente e preoccupante: a differenza degli altri sintomi che si sviluppano durante la fase acuta, quelli psichiatrici sembrano presentarsi dopo la malattia. E protrarsi a lungo. "Tutto questo in uno dei momenti storici più difficili per la psichiatria italiana, alle prese con un 'cedimento strutturale' di molte delle articolazioni territoriali e ospedaliere della salute mentale, un calo dei dipartimenti di salute mentale (da 183 a 141), una drammatica fuga del personale medico (nel 2025 mancheranno mille psichiatri e novemila professionisti sanitari) e risorse a disposizione di un terzo rispetto a quelle degli altri principali paesi europei (3% invece del 10). Insomma completamente dimenticata dal PNRR".

A parlarne la Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (SINPF) in occasione della pubblicazione internazionale sulla Rivista spagnola di Psichiatria e Salute Mentale del primo studio, tutto italiano, condotto all`ospedale universitario di Udine, dove ribadisce "la necessità di istituire una Agenzia Nazionale per la Salute Mentale che possa, a 44 anni dalla riforma, rivedere tutto il settore a 360 gradi".

Il lavoro, dal titolo Mental health symptoms one year after acute COVID-19 infection: Prevalence and risk factors, è stato condotto nell'ospedale universitario di Udine, tra marzo e maggio 2020. L`obiettivo era di esaminare in tutti i pazienti (ricoverati e ambulatoriali) i sintomi di salute mentale associati al Covid-19, con le relative cause, in un periodo di dodici mesi dall`esordio della malattia. Il campione di riferimento è stato di 479 individui, con una leggera prevalenza di donne (52,6%). Di

questi, un anno dopo aver contratto l`infezione il 47,2% presentava ancora almeno un sintomo.

"L`aspetto più nuovo e sorprendente di questi dati - ha spiegato Matteo Balestrieri, professore di Psichiatria presso l`università di Udine e direttore della Clinica psichiatrica dell'azienda ospedaliero-universitaria della città e co-presidente nazionale della Società Italiana di Neuro Psico Farmacologia - è che mentre la maggior parte dei sintomi (neurologici, respiratori, gastrointestinali e reumatologici) era diminuita rispetto all'esordio del Covid, quelli psichiatrici erano significativamente aumentati (+10%) così come la mancanza di concentrazione e attenzione (+20%). Da notare anche come coloro che presentavano al follow-up sintomi di tipo neurologico, reumatologico e gastrointestinale, avevano maggiori probabilità di soffrire anche di sintomi di disturbi psichiatrici un anno dopo l'infezione. Inoltre, lo studio ha potuto riscontrare un rischio maggiore di presentare mancanza di concentrazione e di attenzione in chi lamentava sintomi psichiatrici al momento dell`esordio del Covid-19".
 

dave75

Nuovo Utente
Registrato
7 Set 2008
Messaggi
1.602
Punti reazioni
62
https://www.msn.com/it-it/notizie/i...ndirect&cvid=b9a4dacc44904bada47e4d045eb8383b

Milano, 5 ottobre 2022 - Ansia, depressione e insonnia. Il Covid-19 fa aumentare di oltre il 10% i sintomi di disturbi psichiatrici nei dodici mesi successivi alla malattia. E del 20% altri segnali come mancanza di concentrazione e attenzione. Mentre, a un anno dal contagio, diminuiscono tutti gli altri sintomi dell`infezione da Coronavirus.

Sono alcuni dei risultati del primo studio prospettico condotto in Italia, che inducono gli scienziati a considerare un nuovo elemento sorprendente e preoccupante: a differenza degli altri sintomi che si sviluppano durante la fase acuta, quelli psichiatrici sembrano presentarsi dopo la malattia. E protrarsi a lungo. "Tutto questo in uno dei momenti storici più difficili per la psichiatria italiana, alle prese con un 'cedimento strutturale' di molte delle articolazioni territoriali e ospedaliere della salute mentale, un calo dei dipartimenti di salute mentale (da 183 a 141), una drammatica fuga del personale medico (nel 2025 mancheranno mille psichiatri e novemila professionisti sanitari) e risorse a disposizione di un terzo rispetto a quelle degli altri principali paesi europei (3% invece del 10). Insomma completamente dimenticata dal PNRR".

A parlarne la Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (SINPF) in occasione della pubblicazione internazionale sulla Rivista spagnola di Psichiatria e Salute Mentale del primo studio, tutto italiano, condotto all`ospedale universitario di Udine, dove ribadisce "la necessità di istituire una Agenzia Nazionale per la Salute Mentale che possa, a 44 anni dalla riforma, rivedere tutto il settore a 360 gradi".

Il lavoro, dal titolo Mental health symptoms one year after acute COVID-19 infection: Prevalence and risk factors, è stato condotto nell'ospedale universitario di Udine, tra marzo e maggio 2020. L`obiettivo era di esaminare in tutti i pazienti (ricoverati e ambulatoriali) i sintomi di salute mentale associati al Covid-19, con le relative cause, in un periodo di dodici mesi dall`esordio della malattia. Il campione di riferimento è stato di 479 individui, con una leggera prevalenza di donne (52,6%). Di

questi, un anno dopo aver contratto l`infezione il 47,2% presentava ancora almeno un sintomo.

"L`aspetto più nuovo e sorprendente di questi dati - ha spiegato Matteo Balestrieri, professore di Psichiatria presso l`università di Udine e direttore della Clinica psichiatrica dell'azienda ospedaliero-universitaria della città e co-presidente nazionale della Società Italiana di Neuro Psico Farmacologia - è che mentre la maggior parte dei sintomi (neurologici, respiratori, gastrointestinali e reumatologici) era diminuita rispetto all'esordio del Covid, quelli psichiatrici erano significativamente aumentati (+10%) così come la mancanza di concentrazione e attenzione (+20%). Da notare anche come coloro che presentavano al follow-up sintomi di tipo neurologico, reumatologico e gastrointestinale, avevano maggiori probabilità di soffrire anche di sintomi di disturbi psichiatrici un anno dopo l'infezione. Inoltre, lo studio ha potuto riscontrare un rischio maggiore di presentare mancanza di concentrazione e di attenzione in chi lamentava sintomi psichiatrici al momento dell`esordio del Covid-19".

Sintomi tipici di chi, dopo 4 dosi e infinite infezioni e restrizioni, si rende conto di essere stato fregato
 

travis22

metto un laic
Registrato
6 Lug 2010
Messaggi
12.394
Punti reazioni
540
beh non è così difficile il concetto, 4 dosi e due infezioni (per esempio i miei vicini di casa 70enni che hanno dovuto interrompere le ferie questo agosto :D :D :D ), dopo questo minestrone assortito neanche il mago otelma ci può capire qualcosa...fate pure tutti gli studi che volete
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
beh non è così difficile il concetto, 4 dosi e due infezioni (per esempio i miei vicini di casa 70enni che hanno dovuto interrompere le ferie questo agosto :D :D :D ), dopo questo minestrone assortito neanche il mago otelma ci può capire qualcosa...fate pure tutti gli studi che volete

4 dosi le hanno fatte in pochi, tra gli under 60 quasi nessuno, in secondo luogo il long covid era presente già ben prima che fosse disponibile un vaccino
I casi personali di fenomeni di sedicenti invulnerabili non fanno parte dello studio scientifico, se poi uno vuole informarsi da saccente78 parrucchiera di Tivoli che dice che il covid è un raffreddore, non fa nulla e non provoca mai conseguenze gravi come il long covid, allora alzo le mani, non si può mettere sullo stesso piano la scienza con lo sciamanesimo
 

Trasparente2

Lacrime & Sangue
Registrato
3 Ago 2020
Messaggi
8.406
Punti reazioni
201
Molti alla quarta dose nemmeno ci arrivano perché alla terza sono stati male cane...

E non intendono certo ripetere l' esperienza.
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
Comunque questa non è una discussione pro o novax, è una discussione sul long covid
I vaccinati che prendono il covid possono avere long covid? pare di sì
I non vaccinati che prendono il covid possono avere long covid? pare di sì

Qui si parla di cosa succede se prendi il covid e hai long covid, se sei vaccinato è peggio dite voi? male, malissimo, ma è un problema che bisogna comunque affrontare, o no? oppure facciamo finta di niente?

Chi sottovaluta il covid, da vaccinato o meno, SBAGLIA, non è come una semplice influenza :no: :no: il punto è questo, e questo fa cadere tutte le strampalate tesi contro le precauzioni da prendere

Bisogna prendere tutte le precauzioni possibili, chi si abbraccia e si fa alitare in faccia da sconosciuti rischia danni neurologici, questo va sottolineato per fare in modo che la gente non dia credito ai vari santoni minimizzatori (è solo un'influenza, dittatura sanitaria) e sappia a cosa potrebbe andare incontro se contrae il covid.
 
Ultima modifica:

dave75

Nuovo Utente
Registrato
7 Set 2008
Messaggi
1.602
Punti reazioni
62
Comunque questa non è una discussione pro o novax, è una discussione sul long covid
I vaccinati che prendono il covid possono avere long covid? pare di sì
I non vaccinati che prendono il covid possono avere long covid? pare di sì

Qui si parla di cosa succede se prendi il covid e hai long covid, se sei vaccinato è peggio dite voi? male, malissimo, ma è un problema che bisogna comunque affrontare, o no? oppure facciamo finta di niente?

Chi sottovaluta il covid, da vaccinato o meno, SBAGLIA, non è come una semplice influenza :no: :no: il punto è questo, e questo fa cadere tutte le strampalate tesi contro le precauzioni da prendere

Bisogna prendere tutte le precauzioni possibili, chi si abbraccia e si fa alitare in faccia da sconosciuti rischia danni neurologici, questo va sottolineato per fare in modo che la gente non dia credito ai vari santoni minimizzatori (è solo un'influenza, dittatura sanitaria) e sappia a cosa potrebbe andare incontro se contrae il covid.

Il covid non è una semplice influenza ma è sempre un corona virus.

Insonnia, depressione e problemi psicologici sembrano più sintomi causati da restrizioni senza senso e manipolazioni psicologiche delle masse portate all'estremo.
Poi vedila come vuoi, a me il long covid in questi termini sembra una farsa.
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
Il covid non è una semplice influenza ma è sempre un corona virus.

Insonnia, depressione e problemi psicologici sembrano più sintomi causati da restrizioni senza senso e manipolazioni psicologiche delle masse.
Poi vedila come vuoi, a me il long covid in questi termini sembra una farsa.

oppure paura della guerra e dell'inquinamento del climate change e delle bollette troppo alte :rolleyes:

Le farse non sono certo i numerosi studi SCIENTIFICI che esistono sul tema, la farsa è chi si arrampica sugli specchi per negare la realtà.
 

dave75

Nuovo Utente
Registrato
7 Set 2008
Messaggi
1.602
Punti reazioni
62
oppure paura della guerra e dell'inquinamento del climate change e delle bollette troppo alte :rolleyes:

Le farse non sono certo i numerosi studi SCIENTIFICI che esistono sul tema, la farsa è chi si arrampica sugli specchi per negare la realtà.

Questa estate hanno detto pure che il gelato può provocare l'infarto...ovviamente tutto ciò è emerso da studi scientifici
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
Questa estate hanno detto pure che il gelato può provocare l'infarto...ovviamente tutto ciò è emerso da studi scientifici

le stupidaggini che si pubblicano sui media per aumentare impression e audience non sono studi scientifici, sono stupidaggini
 

mgzr160

Nuovo Utente
Registrato
6 Feb 2006
Messaggi
14.563
Punti reazioni
860
https://www.msn.com/it-it/notizie/i...ndirect&cvid=b9a4dacc44904bada47e4d045eb8383b

Milano, 5 ottobre 2022 - Ansia, depressione e insonnia. Il Covid-19 fa aumentare di oltre il 10% i sintomi di disturbi psichiatrici nei dodici mesi successivi alla malattia. E del 20% altri segnali come mancanza di concentrazione e attenzione. Mentre, a un anno dal contagio, diminuiscono tutti gli altri sintomi dell`infezione da Coronavirus..

ne mentre che li analizzavano gli hanno anche chiesto come va la loro azienda o il loro posto di lavoro e la loro situazione economico - finanziaria?! perchè mi sa che nei 12 mesi dopo che hanno fatto il covid, hanno cominciato ad arrivare le bollette...:o
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
ne mentre che li analizzavano gli hanno anche chiesto come va la loro azienda o il loro posto di lavoro e la loro situazione economico - finanziaria?! perchè mi sa che nei 12 mesi dopo che hanno fatto il covid, hanno cominciato ad arrivare le bollette...:o

Quindi il long covid non esiste è colpa delle bollette, del climate change, delle cavallette?
 

Trasparente2

Lacrime & Sangue
Registrato
3 Ago 2020
Messaggi
8.406
Punti reazioni
201
Non sanno cosa succede quando uno se lo prende...

Figuriamoci che ne sanno 12 mesi dopo...
 

indurain

Alles Door Oefening
Registrato
9 Feb 2006
Messaggi
42.699
Punti reazioni
1.839
l'unico postumo psichiatrico lo hanno i siringati pentiti

altro postumo: le regioni non hanno ancora regolato i conti legati al covid (leggi: vaccini) e saranno qazzi (da qui l'appellativo "long")
 

Vincent Vеga

+Crodino Time!
Registrato
25 Gen 2012
Messaggi
37.571
Punti reazioni
1.567
oh raga andateci piano

trainspotting-t2.gif
 

Charlie

InSuperMarioWeTrust
Registrato
11 Feb 2000
Messaggi
90.706
Punti reazioni
1.674
l'unico postumo psichiatrico lo hanno i siringati pentiti

altro postumo: le regioni non hanno ancora regolato i conti legati al covid (leggi: vaccini) e saranno qazzi (da qui l'appellativo "long")

e dei non vaccinati senza postumi psichiatrici perchè già sottoterra da tempo vogliamo parlarne?

che poi altro che postumi, di quelli che si facevano i clisteri di candeggina che mi dici?
 

davidean

Segnala Messaggio
Registrato
9 Dic 2016
Messaggi
11.027
Punti reazioni
785
e certo il covid fa venire problemi psicologici, mentre un lockdown di 60gg no. i poliziotti che ti danno la caccia se esci di casa no :rolleyes: perdere lavoro o non poter vedere amici fidanzati ecc no :rolleyes: solo colpa del covid, in italia ovviamente, perchè all'estero se ne sbattono
 
Alto