Lussemburgo

morpheus67

è inutile !
Registrato
7/3/06
Messaggi
5.308
Punti reazioni
147
Qualcuno sa come si fa ad aprire un conto in una banca del Lussemburgo.
:confused: :confused: :confused: :confused:
 

cipensounpo

L'Italia nel cuore
Registrato
17/11/04
Messaggi
16.356
Punti reazioni
789
credo che si vada in lussemburgo, magari con un documento di identita'...........
Scherzi a parte, credo che il problema risieda nel fatto se sia possibile farlo da casa, e questo davvero non lo so: Speriamo nell'intervento di qualche esperto.
 

zerocoupon

member
Registrato
11/3/05
Messaggi
1.629
Punti reazioni
95
morpheus67 ha scritto:
Qualcuno sa come si fa ad aprire un conto in una banca del Lussemburgo.
:confused: :confused: :confused: :confused:

Esistono in Lussemburgo delle banche affiliate (sono in sostanza emanazioni) di banche italiane, con personalità giuridica autonoma.
Ti puoi rivolgere alla filiale Italiana che provvederà per conto della consociata estera a raccogliere la documentazione necessaria (contratto di apertura del c/c, specimen di firma inviati dal Lussemburgo),ad autenticarla e a restituirla in Lussemburgo.
Ciò ovviamente nel rispetto della legislazione vigente...
In alternativa occorre recarsi nel paese estero con appropriata documentazione, ti consiglio, in questo caso, preventivamente di contattarli telefonicamente.
Rivolgiti al servizio estero di una banca di un certo livello per tutti i chiarimenti ed i risvolti fiscali e valutari.
 

Cubalibre

Nuovo Utente
Registrato
22/3/02
Messaggi
1.748
Punti reazioni
86
cosa cambia dal Lussemburgo alla Svizzera in termini di segreto bancario??

ciao
 

Vittorio's

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
24/5/04
Messaggi
22.405
Punti reazioni
602
beh ma se hai un conto in lussemburgo e investi da quel conto in azioni italiani penso paghi lo stesso il capital gain italiano o erro?
 

zerocoupon

member
Registrato
11/3/05
Messaggi
1.629
Punti reazioni
95
Vittorio's ha scritto:
beh ma se hai un conto in lussemburgo e investi da quel conto in azioni italiani penso paghi lo stesso il capital gain italiano o erro?
Se il conto è per cosi' dire "alla luce del sole" (trasferimenti e reimpatrii dei capitali tramite intermediario creditizio) il tutto va dichiarato nella denuncia dei redditi.
 

morpheus67

è inutile !
Registrato
7/3/06
Messaggi
5.308
Punti reazioni
147
va bene.
ma visto i tempi che corrono, se uno vuole mettere via qualche soldino ( 200.000 € ) senza troppo penare e nello stesso tempo stare tranquillo che nessuno gli rompa le p...e
come si fa ?
 

morpheus67

è inutile !
Registrato
7/3/06
Messaggi
5.308
Punti reazioni
147
Da come si mettono le cose qui, avete sentito FMI cosa ha detto oggi ???
 

frankjpunto

Napoli - London
Registrato
16/4/06
Messaggi
1.211
Punti reazioni
59
morpheus67 ha scritto:
va bene.
ma visto i tempi che corrono, se uno vuole mettere via qualche soldino ( 200.000 € ) senza troppo penare e nello stesso tempo stare tranquillo che nessuno gli rompa le p...e
come si fa ?

c'è sempre il materasso....
:censored:
 

Fridrick

Nuovo Utente
Registrato
24/1/05
Messaggi
797
Punti reazioni
19
zerocoupon ha scritto:
Se il conto è per cosi' dire "alla luce del sole" (trasferimenti e reimpatrii dei capitali tramite intermediario creditizio) il tutto va dichiarato nella denuncia dei redditi.

Io non ho ancora capito bene sta cosa. Se io apro un conto in Lussemburgo legalmente, con trasferimento di denaro atraverso bonifici come dici tu, poi posso scegliere 2 alternative: o dichiarare il tutto nella denuncia dei redditi oppure scelgliere l'anonimato e la banca si impegna a versare al nostro fisco le imposte dovute ma in forma anonima. Fin qui dico cose giuste?

Ecco ma se uno per dire va lì con la valigetta e i soldi.... La banca che ovviamente richiede un documento per l'apertura del conto e quindi vede la tua nazionalità, con le nuove leggi UE, non è costretta lo stasso a versare il capital gain in forma anonima?

Grazie ciao
 

zerocoupon

member
Registrato
11/3/05
Messaggi
1.629
Punti reazioni
95
Fridrick ha scritto:
Io non ho ancora capito bene sta cosa. Se io apro un conto in Lussemburgo legalmente, con trasferimento di denaro atraverso bonifici come dici tu, poi posso scegliere 2 alternative: o dichiarare il tutto nella denuncia dei redditi oppure scelgliere l'anonimato e la banca si impegna a versare al nostro fisco le imposte dovute ma in forma anonima. Fin qui dico cose giuste?

Ecco ma se uno per dire va lì con la valigetta e i soldi.... La banca che ovviamente richiede un documento per l'apertura del conto e quindi vede la tua nazionalità, con le nuove leggi UE, non è costretta lo stasso a versare il capital gain in forma anonima?

Grazie ciao

"Se io apro un conto in Lussemburgo legalmente" lo devi fare tramite intermediario finanziario che effettua una segnalazione per gli importi superiore ai €12.500.

"la banca si impegna a versare al nostro fisco le imposte dovute ma in forma anonima" se intendi la banca estera, non ha rapporti con il fisco italiano, gli adempimenti spettano a te.

"la valigetta e i soldi" "le nuove leggi UE": non è possibile esportare al seguito somme oltre un certo limite (lo si deve fare tramite intermediario finanziario), le leggi UE prevedono "la libera circolazione delle merci e dei capitali" ma i vari paesi introducono delle disposizioni di carattere amministrativo che, di fatto limitano la circolazione. Le banche estere provvedono alle questioni fiscali per quanto di loro competenza in base al fisco del loro paese.

Ti allego un file che mi sembra valido per chiarire vari aspetti e che contiene riferimenti normativi.
ciao.
 

Allegati

  • insertoipsoa.pdf
    308,2 KB · Visite: 8.394

Fridrick

Nuovo Utente
Registrato
24/1/05
Messaggi
797
Punti reazioni
19
zerocoupon ha scritto:
"1) Se io apro un conto in Lussemburgo legalmente" lo devi fare tramite intermediario finanziario che effettua una segnalazione per gli importi superiore ai €12.500.

"2)la banca si impegna a versare al nostro fisco le imposte dovute ma in forma anonima" se intendi la banca estera, non ha rapporti con il fisco italiano, gli adempimenti spettano a te.

"la valigetta e i soldi" "le nuove leggi UE": non è possibile esportare al seguito somme oltre un certo limite (lo si deve fare tramite intermediario finanziario), le leggi UE prevedono "la libera circolazione delle merci e dei capitali" ma i vari paesi introducono delle disposizioni di carattere amministrativo che, di fatto limitano la circolazione. Le banche estere provvedono alle questioni fiscali per quanto di loro competenza in base al fisco del loro paese.

Ti allego un file che mi sembra valido per chiarire vari aspetti e che contiene riferimenti normativi.
ciao.

Ho letto il tuo allegato che mi ha in parte chiarito le idee ma mi rimangono ancora alcuni dubbi.

1) Ok chiaro.

2) Su questo punto non ne sono sicuro. Mi sembrava di aver letto in uno dei tanti pdf che FaGal spesso posta che con le nuove direttive comunitarie i paradisi fiscali potevano accettare soldi provenienti dall'estero mantenendo il segreto bancario (ovviamente suppongo che chi volesse mantenere il segreto non dichiarasse le somme esportate) ma dovessero provvedere a versare in forma anonima la tassa sul capital gain che mi sembra sia del 15% fino al 2007 per poi arrivare intorno al 2010 al 35%....

Adesso devo proprio andare... Appena ho un attimo di tempo cerco di rintracciare i documenti postati da FaGal così poi ne discutiamo.

Ciao
 

zerocoupon

member
Registrato
11/3/05
Messaggi
1.629
Punti reazioni
95
Fridrick ha scritto:
Ho letto il tuo allegato che mi ha in parte chiarito le idee ma mi rimangono ancora alcuni dubbi.

1) Ok chiaro.

2) Su questo punto non ne sono sicuro. Mi sembrava di aver letto in uno dei tanti pdf che FaGal spesso posta che con le nuove direttive comunitarie i paradisi fiscali potevano accettare soldi provenienti dall'estero mantenendo il segreto bancario (ovviamente suppongo che chi volesse mantenere il segreto non dichiarasse le somme esportate) ma dovessero provvedere a versare in forma anonima la tassa sul capital gain che mi sembra sia del 15% fino al 2007 per poi arrivare intorno al 2010 al 35%....

Adesso devo proprio andare... Appena ho un attimo di tempo cerco di rintracciare i documenti postati da FaGal così poi ne discutiamo.

Ciao

Per quanto riguarda gli aspetti fiscali è vero che esiste l" Euroritenuta" per i paesi della UE Belgio Austria Lussemburgo per il cosidetto regime transitorio
(applicazione del 15% per tre anni, poi 20% e 35%) in luogo della segnalazione nominativa al fisco italiano, salvo deroghe indicate.
ti allego il testo della circolare della Agenzia delle entrate.
ciao.
 

Allegati

  • circ.55 30.12.2005.pdf
    137,4 KB · Visite: 481

Fridrick

Nuovo Utente
Registrato
24/1/05
Messaggi
797
Punti reazioni
19
zerocoupon ha scritto:
Per quanto riguarda gli aspetti fiscali è vero che esiste l" Euroritenuta" per i paesi della UE Belgio Austria Lussemburgo per il cosidetto regime transitorio
(applicazione del 15% per tre anni, poi 20% e 35%) in luogo della segnalazione nominativa al fisco italiano, salvo deroghe indicate.
ti allego il testo della circolare della Agenzia delle entrate.
ciao.

Sei stato chiarissimo, grazie 1000.