Lux Dividend Investment Company

lux69

Nuovo Utente
Registrato
24/8/05
Messaggi
261
Punti reazioni
4
Proseguo in questa nuova discussione quanto incominciato qui :
http://www.finanzaonline.com/forum/...afoglio-fondamentale-2010-a.html#post23710126

Da fine 2009 come "investitore" sono cambiato molto, ho studiato parecchio e sono assolutamente soddisfatto del percorso fatto e di quanto imparato ... ora si tratta di mettere in pratica ... :yes:
Il target di questo portafoglio è di incrementare anno dopo anno il "ritorno" in termini percentuali dei dividendi percepiti rispetto al capitale investito ... il così detto YIELD ON COST.
Il mio obiettivo iniziale è : sopra il 5% lordo dopo 5 anni e sopra l'8% dopo 10 anni.
Reinvesto i dividendi percepiti e, se posso, incremento il portafoglio con altri risparmi ... tra massimo 15 anni vorrei raggiungere la pensione ...
La prossima settimana inserirò qui la % di resa attuale dividendi e le percentuali di ogni singolo titolo in portafoglio (non li ho sottomano).

CRITERI DI SELEZIONE SOCIETA' IN PORTAFOGLIO (un utile ripasso anche per il sottoscritto !) :

A) QUALITA' DELLA COMPAGNIA :

1) STORIA dal punto di vista degli investitori - ricerca delle Società "dominanti" nel loro settore, con "forte" management coerente con le proprie strategie, ottimi marchi, servizi assolutamente necessari alle persone, efficenti, competitivamente avvantaggiate rispetto ai propri "avversari", con presenza internazionale, con crescita sostenibile e assolutamente "orientate" verso gli azionisti.
Come ha detto Buffett : investire solo se ci è assolutamente chiaro cosa fa e come fa i soldi una Compagnia !
2) PROFITTI - ricerca di Società profittevoli e con utili in crescita, possibilmente ad un tasso di crescita maggiore dell'inflazione;
3) ROE - misurazione dell'efficienza del management, più alto è meglio è (benissimo sopra il 15) e soprattutto costante nel tempo attraverso diverse fasi economiche.
5) RICAVI - si ricercano società con ricavi in crescita costante;
6) DEBITI - le compagnie migliori in genere si autofinanziano ed hanno debiti a bassi livelli.
7) SALUTE FINANZIARIA E DIVIDENDI - mentre la contabilità può essere "creativa" i dividendi sono assolutamente reali, si ricercano Società che hanno un buon ritorno percentuale in termini di dividendi e aumentano il dividendo da almeno un decennio (più anni sono e meglio è). Il dividendo inoltre deve crescere ad un buon tasso anno dopo anno (si guarda alla storia passata), ovviamente più è alto il tasso e meglio è (sempre se è sostenibile paragonato con la crescita dei ricavi).

B) VALUTAZIONE ATTUALE DELLA SOCIETA'

Una Società OTTIMA qualitativamente se a valutazione eccessivamente alta ovviamente può non essere un buon investimento.
Per questo si ricercano OTTIME Società possibilmente sottovalutate o quanto meno correttamente valutate; in genere però, per avere OTTIME Società, si deve purtroppo pagare un premio.
Viene valutata una Società in base a diverse teorie fondamentali e la media dei valori ottenuti da una valutazione di massima. Quanto più il valore è eguale o minore al valore ottenuto meglio è.
:)



Allego il portafoglio attuale.
 

Allegati

  • titoli.JPG
    titoli.JPG
    50,1 KB · Visite: 222
Mi piace McDonalds in questa ottica, ottima scelta. Mi raccomando non trascurare la crescita! Con focus sulla crescita futura, non di 20 anni fa! Se un'azienda ha ricavi ristagnanti il titolo farà molta fatica ad apprezzarsi, soprattuto nella situaziona attuale dove non ci sono più gli sconti del 2009. :yes:
 
Mi piace McDonalds in questa ottica, ottima scelta. Mi raccomando non trascurare la crescita! Con focus sulla crescita futura, non di 20 anni fa! Se un'azienda ha ricavi ristagnanti il titolo farà molta fatica ad apprezzarsi, soprattuto nella situaziona attuale dove non ci sono più gli sconti del 2009. :yes:

OK !

Il Target del portafoglio è generare un rendimento costante e crescente derivante da dividendi di Compagnie "a basso rischio" :
- acquistate ad un prezzo ragionevole;
- finanziariamente "solide";
- che aumentano regolarmente il dividendo;
- ragionevolmente diversificate.

Il numero massimo di Società in portafoglio sarà 20, il "peso" di ciasuna Società non potrà superare il 15%, i dividendi verranno reinvestiti.
Si cerca di diversificare anche i settori.

Si considererà la vendita quando :
- una Società non alza il dividendo o lo abbassa o sospende;
- una Società, seguendo il metodo applicato, diventa "sopravvalutata" di oltre il 50%;
- vi sono news particolarmente negative (tipo il "disastro" di BP).

Questi i pesi dei singoli titoli in portafgolio :

Nome % portafoglio Settore
JOHNSON & JOHNSON 8,24 Health Care
COLGATE 6,31 Consumer Goods
PROCTER & GAMBLE 5,98 Consumer Goods
ABBOTT LAB. 8,72 Health Care
MEDTRONIC 6,93 Health Care
MCDONALD 8,43 Consumer Services
OWENS e MINOR 6,18 Health Care
WAL MART 5,65 Consumer Services
KIMBERLY CLARK 4,94 Consumer Goods
AT&T 6,42 Telecommunications
PEPSI 3,32 Consumer Goods
CINCINNATI FIN. 5,40 Financial Services
HARLEYSVILLE 6,11 Financial Services
 
Ultima modifica:
A seguito approfondimento negli studi e sempre nell'ottica di migliorare il dividendo generato nei prossimi anni ed internazionalizzare maggiormente il portafoglio (e rendendo quindi più "neutro" l'effetto cambio), quest'oggi ho venduto WalMart (dividendo attuale 2,1%) ed incrementato Abbott, Mc.Donald e Johnson&Johnson.
Dopo questa modifica le Società in portafoglio sono attualmente 12.
 
Ultima modifica:
America

Update portafoglio; le prossime azioni che sto pensando di acquistare sono di Centurylink (CTL). Debiti pari al 45% del capitale, payout free cashflow 75%, dividendo prossimo al 7%, aumenta il dividendo da 37 anni ed è, secondo la mia metodologia, correttamente valutata.
 

Allegati

  • america.JPG
    america.JPG
    46,5 KB · Visite: 134
Adusbef: problemi tecnici di Borsa Italiana sono sospetti
Dowjones

MILANO (MF-DJ)--Quali sono i problemi tecnici che affliggono da questa mattina Borsa Italiana e che di fatto non hanno ancora permesso di avviare la seduta?

Se lo chiede Adusbef attraverso un comunicato, interrogandosi sulla possibilita' che tali problemi potrebbero essere connessi agli ingenti investimenti delle imprese italiane con la Libia, e agli investimenti reciproci di Gheddafi nelle principali imprese italiane, come Unicredit, che potrebbero causare un nuovo crollo del titolo di Piazza Cordusio e di altre azioni.

La borsa italiana non ha alcun diritto di sospendere le contrattazioni di propria iniziativa, prosegue la nota, se non per cause di forza maggiore o su disposizioni di Consob. Pertanto, sempre a detta di Adusbef, non puo' nascondere il black out su generici problemi tecnici.

"La Consob ha forse dato autorizzazione alla sospensione?", si domanda ancora l'associazione guidata da Ennio Lannutti. "Tiri fuori in fretta quali siano questi problemi tecnici, li renda subito noti e trasparenti, perche' la coincidenza della sospensione con i bombardamenti in Libia che il dittatore Gheddafi ha ordinato sulla popolazione inerme che giustamente protesta, contagiata dalla rivolta del pane in nord-Africa, sembra fin troppo evidente, e i risparmiatori-investitori italiani hanno tutto il diritto di conoscerne le ragioni". com/ofb

(END) Dow Jones Newswires
 
Fatto Gravissimo. Un motivo in più per boicottare la borsa italiana, non sono nuovi a questi figure barbine. :cool:
 
Fatto Gravissimo. Un motivo in più per boicottare la borsa italiana, non sono nuovi a questi figure barbine. :cool:

Però venerdì si è bloccata per qualche ora anche la Borsa di Londra ... ! KO!

La verità è che non si salva nessuno ... ?! :no:
 
Ho inserito in portafoglio (CTL) Centurylink, compagnia "telefonica" americana. Dividendo attuale 7,2%.

Titoli nel mirino ...

(LEG) Leggett & Platt , aumenta il dividendo da 40 anni, quello attuale è del 4,8%. Caratteristiche simili agli altri titoli in portafoglio, pochi debiti e presenza internazionale. Testualmente si occupa di :
Leggett & Platt, Incorporated designs and produces a range of engineered components and products worldwide. It operates in four segments: Residential Furnishings, Commercial Fixturing & Components, Industrial Materials, and Specialized Products

Intel (INTC), aumenta il dividendo da 7 anni, dividendo bassissimo ed anche il P/E sui 10 ! Dividendo del 3,3%.
 
Ultima modifica:
Tra i due pretendenti alla fine ho ripreso WalMart a 51,8 ... :)
 
Indietro