Ma A Chi Smanetta In Borsa I Soldi Servono Veramente?

NordSudOvestEst

Gian Piero Motti fan
Registrato
15/9/03
Messaggi
34.540
Punti reazioni
3.847
E a che?

Me lo domando in quanto vedo che:

1) chi dice di perdere continua imperterrito le periodiche trasfusioni di sangue (se i soldi gli mancassero sul serio fuggirebbe a gambe levate, specie se con famiglia a carico ed entrate "precarie");

2) viceversa, chi dice di guadagnare, spessissimo lo si ritrova lì, come un povero alcolizzato avati al PC, pure nei giorni tipo 25 aprile, 2 giugno, Ferragosto, festa patronale, (in cui le Borse sono "formalmente aperte"), e ti domandi a cosa azz... gli servano i soldi se non trova modo di spendere un centesimo perfino nei giorni che più "deputati" a questo non si può.

Conclusione paradossale: che si guadagni o che si perda la necessità o meno dei soldi sembra essere una variabile del tutto ininfluente, quando -secondo logica- dovrebbe venire ai primissimi posti.

Allora si tratta per davvero solo e soltanto di un puro gioco?

Saluti
 
Ultima modifica:
Me lo sono chiesto anchio, nella mia lunga carriera di bancario , come esistessero delle persone tese costantemente al guadagno senza mai spendere una lira. Tipo albergatori, ristoratori che vivevano 24 ore su 24 in azienda, ammucchiavano, ammucchiavano e poi morivano ricchi e stanchi. Io sono fondamentalmente un cassettista, un longhista ma quando monetizzo un guadagno lo spendo (se ovviamente ne ho la necessità) e non per str.nzate ma per beni perlomeno durevoli. (o per cene o vacanze)
Wiva la borsa in salita........!!!!!!!
 
io credo che la borsa è meglio del casinò
anche se poi alla fine qualcosa si rimetti sempre,se guadagni tenderai ad azzardare sempre di più,fino a quando non ci rimetti le penne.
 
Depaperoni ha scritto:
Me lo sono chiesto anchio, nella mia lunga carriera di bancario , come esistessero delle persone tese costantemente al guadagno senza mai spendere una lira. Tipo albergatori, ristoratori che vivevano 24 ore su 24 in azienda, ammucchiavano, ammucchiavano e poi morivano ricchi e stanchi. Io sono fondamentalmente un cassettista, un longhista ma quando monetizzo un guadagno lo spendo (se ovviamente ne ho la necessità) e non per str.nzate ma per beni perlomeno durevoli. (o per cene o vacanze)
Wiva la borsa in salita........!!!!!!!


Ecco, mi hai letto nel pensiero, qui nella migliore delle ipotesi si guadagna 100 per spendere 10 o per perdere 200... (i due estremi).
 
NordSudOvestEst ha scritto:
Ecco, mi hai letto nel pensiero, qui nella migliore delle ipotesi si guadagna 100 per spendere 10 o per perdere 200... (i due estremi).

chi e' qui e' perche' guadagna chi non guadagna si estingue :mmmm:
 
caimano ha scritto:
chi e' qui e' perche' guadagna chi non guadagna si estingue :mmmm:
beh diciamo chi rimane per parecchi anni in borsa e sopravvive è perchè gaina :D
i sordi servono? e a berlusca servono?..al tronchi..che non dorme mai?..la filosofia della vita è fare quello che si vuole ..ma con passione..ciau
 
E' una questione di obbiettivi, chi non se li pone e comincia a tradare e' destinato al fallimento.

Chi si pone l'obbiettivo di "arrontondare" il lavoro vero, ad esempio 500-1000 euro al mese raggiunti i quali si ferma.

Chi invece trada di lavoro, dovrebbe porsi anche lui un obbiettivo mensile/giornaliero raggiunto il quale si deve fermare.

Il mio modestissimo consiglio che mi sento di poter dare dopo circa 25 anni e' questo: DATEVI UN OBBIETTIVO (giornaliero,mensile o annuale) RAGGIUNTO IL QUALE S-T-O-P! altrimenti il tutto diventa una droga e la droga come si sa rovina il conto in banca e soprattutto la vita.
 
la borsa come il lavoro(per alcuni) e' un hobby un passatempo una droga(forse)
se uno lo fa con piacere perche' smettere
un membro del fol prima diceva che a lui piace spendere i soldi in cene...a me frega na sega(mai mangiato bene come a casa in nessun ristorante)ad un altro piacciono le auto(a me i viaggi)
a chi semplicemente piace tradare...L'IMPORTANTE E' GUADAGNARE...direi fondamentale
poi come si spendono sono cose personali :bye:
 
PetrolENI ha scritto:
Il mio modestissimo consiglio che mi sento di poter dare dopo circa 25 anni e' questo: DATEVI UN OBBIETTIVO (giornaliero,mensile o annuale) RAGGIUNTO IL QUALE S-T-O-P!
certo: stop loss e take profit!
 
iccio ha scritto:
la borsa come il lavoro(per alcuni) e' un hobby un passatempo una droga(forse)
se uno lo fa con piacere perche' smettere
un membro del fol prima diceva che a lui piace spendere i soldi in cene...a me frega na sega(mai mangiato bene come a casa in nessun ristorante)ad un altro piacciono le auto(a me i viaggi)
a chi semplicemente piace tradare...L'IMPORTANTE E' GUADAGNARE...direi fondamentale
poi come si spendono sono cose personali :bye:
concordo..i sordi si spendono quando è necessario e come uno desidera..la borsa per me è una droga come il lavoro ..non ne puoi fare a meno...ma devi lavorare con passione conscio e deciso..studio..studio..studio....e non mi dite che ci sono persone che vi stanno lontani...acquistare una qualsiasi cosa ..mobiliare e/o non comporta un rischio..è che alcuni sono inconsapevoli.. :D
 
Credo che per la maggior parte sia una specie di droga, comunque un vizio, come il gioco d'azzardo.

Ciò che all'inizio mette tutti, credo proprio tutti, davanti al computer è l'illusione di diventare ricchi.

Poi c'è la voglia di mettere a frutto le proprie (talvolta presunte) conoscenze, il non volere ammettere i propri errori, la necessità di dover recuperare subito ed a tutti i costi la perdita, la smania di moltiplicare altrettanto presto le vincite.

Tutto ciò crea una spirale di dipendenza dal gioco che lascia la gente incollata a quell'illusione indipendentemente dal fatto che si guadagni ed a dispetto delle perdite, anche quando queste si fanno evidenti.

Come nel gioco d'azzardo solo chi ha almeno queste due caratteristiche potrebbe alla fine guadagnare qualcosa:

1) La lucidità e la freddezza di far prevalere la tecnica (quindi anche gli obiettivi iniziali) sulle proprie emozioni evitando il cupio dissolvi quando si perde (dalla serie: ho perso dieci, rischio cento per recuperare i dieci persi) ed il delirio di onnipotenza quando si vince.

2) La consapevolezza dei propri limiti evitando di volerli superare a tutti i costi.

Mancanza di lucidità e voglia di superare a tutti i costi i propri limiti possono portare se non all'autodistruzione certamente alla distruzione delle proprie finanze. ;)
 
Per Me Per Ora ,trado Da Circa Un Anno, Tutto E' Stato Molto Entusiasmante, Vuoi Perche' Sono Stato Fortunato,vuoi Perche' Le Borse Tutto Sommato Sono In Una Fase Positiva .
Forse E' Proprio Vero Che Bisogna Porsi Degli Obiettivi Magari Anche Trimestrali ,ma Bisogna Porseli.
Io Ho Un Budget Di Circa 300.000 Euro E Con Questo Il Mio Obiettivo è Di Farmi Un Altro Stipendio Mensile.
La Cosa Fondamentale Per Me è Quella Di Usare Solamente I Soldi Di Cui Non Hai Bisogno , Mi Sono Accorto Che Il Tempo è Il Miglior Consigliere
 
canasta67 ha scritto:
Per Me Per Ora ,trado Da Circa Un Anno, Tutto E' Stato Molto Entusiasmante, Vuoi Perche' Sono Stato Fortunato,vuoi Perche' Le Borse Tutto Sommato Sono In Una Fase Positiva .
Forse E' Proprio Vero Che Bisogna Porsi Degli Obiettivi Magari Anche Trimestrali ,ma Bisogna Porseli.
Io Ho Un Budget Di Circa 300.000 Euro E Con Questo Il Mio Obiettivo è Di Farmi Un Altro Stipendio Mensile.
La Cosa Fondamentale Per Me è Quella Di Usare Solamente I Soldi Di Cui Non Hai Bisogno , Mi Sono Accorto Che Il Tempo è Il Miglior Consigliere
bisogna vedere cosa intendi per stipendio mensile ;)
 
qui o si dicono un sacco di balle.
oppure io sono un sfigato :'(
 
iccio ha scritto:
allora dovevi dire stipendietto :o :rolleyes:
chiamalo come ti pare ,l'importante per me è non andare al di la' delle proprie capacita' e soprattutto tenere sempre bene a terra i piedi sia in situazioni favorevoli che sfavorevoli.
questo l'ho posso suggerire perche' l'ho provato di persona, liquidando dei titoli con un gain di 20k in 2 settimane e questi giorni ho resistito alla tentazione di uscire con un loss di 40k,in due giorni ho gia' recuperato la metà.
 
io non sono come molti su questo forum esperto sto dentro da soli 5 mesi,però credo che una cosa fondamentale e credere in quello che si compra"un'azione se non siete disposti ha tenerla per 10 anni non la dovete tenere nemmeno un minuto"credo warren buffett.
ho fiducia in unipol(+6000)grazie a un consiglio del mio ex promotore att.4500 pz
ansaldo,credo che il tempo mi darà ragione.1500 pz
con 10000 gioco un pò, ma esco sempre troppo presto.
long?
schort?
pensate sia solo mancanza di esperienza?
io posso darvi qualche consiglio di cucina se n'è avete bisogno.
 
PetrolENI ha scritto:
E' una questione di obbiettivi, chi non se li pone e comincia a tradare e' destinato al fallimento.

Chi si pone l'obbiettivo di "arrontondare" il lavoro vero, ad esempio 500-1000 euro al mese raggiunti i quali si ferma.

Chi invece trada di lavoro, dovrebbe porsi anche lui un obbiettivo mensile/giornaliero raggiunto il quale si deve fermare.

Il mio modestissimo consiglio che mi sento di poter dare dopo circa 25 anni e' questo: DATEVI UN OBBIETTIVO (giornaliero,mensile o annuale) RAGGIUNTO IL QUALE S-T-O-P! altrimenti il tutto diventa una droga e la droga come si sa rovina il conto in banca e soprattutto la vita.

Concordo completamente..... parola d'ordine : ACCONTENTARSI e non fare investimenti senza progetti precisi, specie per quanto concerne livello di entrata e di uscita
 
Indietro