Ma perché la variazione di valore delle varie valute non si basa sulla loro quantità?

Anonymous125

Nuovo Utente
Registrato
8/10/11
Messaggi
1.017
Punti reazioni
11
Domanda da niubbo lo so, ma perché il valore delle varie valute non viene deciso in base alla loro quantità?

Mi spiego, oggi 21 03 2020 abbiamo tutti i vari valori, ad esempio 1€=1,07$ e via dicendo tutti gli altri.

Perché non si bloccano questi valori e da ora in poi non si modificano solo in base a quanta nuova moneta viene stampata?
Ad esempio la BCE stampa 750 nuovi miliardi di €, si calcola quanto rappresenta in % questa quantità sul totale di € che ci sono, (si sa questo valore? mi sa di no :rolleyes:) facciamo finta che sia l'1% del totale, e quindi l'€ si svaluta verso tutte le altre monete del l'1% :mmmm:


Capisco che sia una cosa complicata (e magari anche infattibile) ma lasciare che "sia il mercato" a fare i valori delle valute non mi sembra una bella alternativa. :confused:
 

DanSeb

Nuovo Utente
Registrato
9/3/15
Messaggi
1.031
Punti reazioni
21
In quel modo si andrebbe a dare il valore della moneta solo in base all'offerta di essa, senza tener conto della domanda
 

Aba93

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
7/2/20
Messaggi
287
Punti reazioni
11
se avessimo la lira e fossimo padroni del nostro destino una cosa del genere si potrebbe fare, come fa la cina che ha due monete una interna e una che usa all'esterno dove stabilisce il cambio, ma purtroppo siamo costretti a subire le turbolenze del mercato rischiando nel nostro caso una deflazione che ci può portare,penso che sia già in atto, a una recessione felice
 

Anonymous125

Nuovo Utente
Registrato
8/10/11
Messaggi
1.017
Punti reazioni
11
In quel modo si andrebbe a dare il valore della moneta solo in base all'offerta di essa, senza tener conto della domanda

E quale sarebbe il problema?
A me sembra meglio cosi che lasciare che il valore sia basato anche da possibile "speculazione", o che in generale sia appunto il mercato a fare il prezzo. (chè è cmq una piccola nicchia)
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Domanda da niubbo lo so, ma perché il valore delle varie valute non viene deciso in base alla loro quantità?

Mi spiego, oggi 21 03 2020 abbiamo tutti i vari valori, ad esempio 1€=1,07$ e via dicendo tutti gli altri.

Perché non si bloccano questi valori e da ora in poi non si modificano solo in base a quanta nuova moneta viene stampata?
Ad esempio la BCE stampa 750 nuovi miliardi di €, si calcola quanto rappresenta in % questa quantità sul totale di € che ci sono, (si sa questo valore? mi sa di no :rolleyes:) facciamo finta che sia l'1% del totale, e quindi l'€ si svaluta verso tutte le altre monete del l'1% :mmmm:


Capisco che sia una cosa complicata (e magari anche infattibile) ma lasciare che "sia il mercato" a fare i valori delle valute non mi sembra una bella alternativa. :confused:

Poniamo che due paesi non variano la massa monetaria (dichiarata ;) ) in vent’anni: per esempio di bolivar venezuelani e corone svedesi :D
Nel tuo sistema il cambio di vent’anni fa si continuerebbe ad applicare, senza tener conto della differente performance economica dei due paesi.....
 
Registrato
13/2/09
Messaggi
1.651
Punti reazioni
101
Poniamo che due paesi non variano la massa monetaria (dichiarata ;) ) in vent’anni: per esempio di bolivar venezuelani e corone svedesi :D
Nel tuo sistema il cambio di vent’anni fa si continuerebbe ad applicare, senza tener conto della differente performance economica dei due paesi.....

ahah più chiaro di così... :D
 

Anonymous125

Nuovo Utente
Registrato
8/10/11
Messaggi
1.017
Punti reazioni
11
Poniamo che due paesi non variano la massa monetaria (dichiarata ;) ) in vent’anni: per esempio di bolivar venezuelani e corone svedesi :D
Nel tuo sistema il cambio di vent’anni fa si continuerebbe ad applicare, senza tener conto della differente performance economica dei due paesi.....

beh ma scusa, se non varia la massa monetaria, (significa anche che hanno saldo export/import zero) e c'è da vedere anche la questione demografica, in ogni caso come farebbero ad avere performance economiche molto diverse?


Sono abbastanza confuso, ma nel senso, uno svedere che exporta roba in Italia, dovrebbe farsi pagare in corone, quindi l'italiano dovrebbe scambiare degli € in corone, (e di fatto starebbe aumentando la massa monetaria delle corone? e quindi secondo il ragionamento del primo post starebbe svalutando la corona e rivalutando l'euro :mmmm:)
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
beh ma scusa, se non varia la massa monetaria, (significa anche che hanno saldo export/import zero) e c'è da vedere anche la questione demografica, in ogni caso come farebbero ad avere performance economiche molto diverse?


Sono abbastanza confuso, ma nel senso, uno svedere che exporta roba in Italia, dovrebbe farsi pagare in corone, quindi l'italiano dovrebbe scambiare degli € in corone, (e di fatto starebbe aumentando la massa monetaria delle corone? e quindi secondo il ragionamento del primo post starebbe svalutando la corona e rivalutando l'euro :mmmm:)


la quantita' influisce sul valore ma tutte le monete sono correlate ai beni che possono comprare (quindi prodotti dal paese che l'adotta).
Prima c'era il Gold Standard dove la moneta era correlata a una certa quantita' di oro quindi stabile (dovevi minare l'oro per ingigantire l'economia.)

ESEMPIO:
Immagina che gli usa hanno 10 trilioni di dollari e che la nord corea ha 10 trilioni di Won le quantita sono identiche quindi il valore nominale e' uguale ma il valore reale e' diverso perche' i dollari possono comprare tutto quello che e' commerciato in dollari al contrario dei won ridotti a quello commerciato in Won (che nel caso della nordcorea sono prodotti e servizi IN nordcorea)

Se per legge forzi il valore 1 a 1 dovrai trovare qualcuno disposto a cambiare i suoi dollari in won a quel cambio che hai fissato tu se non c'e tu semplicemente non completi la transazione.
Troverai persone che vorranno i tuoi Won nel momento in cui offri prodotti o/e servizi che possono essere comprati soltanto in WON ma ovviamente l'operatore che detiene i dollari dovra' avereuna convenienza.


------------------------------------
Entrando nel merito la cina controlla la sua valuta che non ha un prezzo stabile ma e' dato giornaliermente in parte ed e' legato in altra parte ad un paniere di valute estere.

In sintesi la Cina svaluta la sua moneta cambiando il valore nominale nei confronti del dollaro.
Se la svaluta meno dollari serviranno per comprare prodotti commerciati in CNY (quindi import/export) facnedo gli operatori che detengono USD piu' ricchi pero' piu' CNY serviranno per comprare in USD danneggiando le importazioni.
Di fatto fatto e' una politica relazionata all'export perche' la cina importa soltanto Soia e Boing dagli USA mentre esporta una enorme varieta' di semilavorati e prodotti finiti 6 volte superiore.

Questa mossa pero' e' un'arma a doppio taglio perche' l'export ne beneficia il paese e' competitivo nella vendita dei prodotti (questo solo comparato agli usa) pero' non e' molto conveniente vivere in Cina e lavorare perche' una quantita maggiore di moneta (quindi massa) puo' comprare di fatto meno prodotti e servizi poiche' questi sono una quantita limitata.

Se la moneta viene svalutata piu' prodotti devono essere creati per compensare l'offerta di piu' CNY e mantenere quel valore che avevano in frutta e verdura.

Quindi tu che hai 100.000 CNY e compri il kilo di mele e domani ne compri mezzo di kilo, la prima cosa che fai e' trasformarli in qualcosa altro tipo un appartamento in centro.

Come te molti altri farebbero la stessa cosa e quindi l'immobile sale sale sale sale sale... piu' svaluti e piu' sale se gia' lo tieni si apprezza... se non lo tieni sei disposto a spendere per averlo prima che il governo atterra la moneta (se no il Vietnam comincia ad essere piu' conveniente)

Allora dici compro Gold... pero' si compra in dollari e quindi siamo punto e a capo.

Fino a che il governo non limita la fuoriuscita di moneta e vieta investimenti e acquisti di valuta estera.

Allora succede che tu hai anche affari all'estero che hai creato come prestiti ai paesi africani... tipo per esempio per un porto in Ghana, se l'hai stipulato in CNY e svaluti la moneta Svaluti anche il valore del debito...
Se lo hai stipulato in USD invece svaluti la tua moneta e quindi il valore del debito aumenta... in maniera nominale perche' crea inflazione all'interno del tuo paese.
Quindi la migliore cosa sarebbe tenersi gli usd... che pero' devi prima comprare

Etc. etc. etc. etc..
 

Anonymous125

Nuovo Utente
Registrato
8/10/11
Messaggi
1.017
Punti reazioni
11
la quantita' influisce sul valore ma tutte le monete sono correlate ai beni che possono comprare (quindi prodotti dal paese che l'adotta).
Prima c'era il Gold Standard dove la moneta era correlata a una certa quantita' di oro quindi stabile (dovevi minare l'oro per ingigantire l'economia.)

ESEMPIO:
Immagina che gli usa hanno 10 trilioni di dollari e che la nord corea ha 10 trilioni di Won le quantita sono identiche quindi il valore nominale e' uguale ma il valore reale e' diverso perche' i dollari possono comprare tutto quello che e' commerciato in dollari al contrario dei won ridotti a quello commerciato in Won (che nel caso della nordcorea sono prodotti e servizi IN nordcorea)

Se per legge forzi il valore 1 a 1 dovrai trovare qualcuno disposto a cambiare i suoi dollari in won a quel cambio che hai fissato tu se non c'e tu semplicemente non completi la transazione.
Troverai persone che vorranno i tuoi Won nel momento in cui offri prodotti o/e servizi che possono essere comprati soltanto in WON ma ovviamente l'operatore che detiene i dollari dovra' avereuna convenienza.


------------------------------------
Entrando nel merito la cina controlla la sua valuta che non ha un prezzo stabile ma e' dato giornaliermente in parte ed e' legato in altra parte ad un paniere di valute estere.

In sintesi la Cina svaluta la sua moneta cambiando il valore nominale nei confronti del dollaro.
Se la svaluta meno dollari serviranno per comprare prodotti commerciati in CNY (quindi import/export) facnedo gli operatori che detengono USD piu' ricchi pero' piu' CNY serviranno per comprare in USD danneggiando le importazioni.
Di fatto fatto e' una politica relazionata all'export perche' la cina importa soltanto Soia e Boing dagli USA mentre esporta una enorme varieta' di semilavorati e prodotti finiti 6 volte superiore.

Questa mossa pero' e' un'arma a doppio taglio perche' l'export ne beneficia il paese e' competitivo nella vendita dei prodotti (questo solo comparato agli usa) pero' non e' molto conveniente vivere in Cina e lavorare perche' una quantita maggiore di moneta (quindi massa) puo' comprare di fatto meno prodotti e servizi poiche' questi sono una quantita limitata.

Se la moneta viene svalutata piu' prodotti devono essere creati per compensare l'offerta di piu' CNY e mantenere quel valore che avevano in frutta e verdura.

Quindi tu che hai 100.000 CNY e compri il kilo di mele e domani ne compri mezzo di kilo, la prima cosa che fai e' trasformarli in qualcosa altro tipo un appartamento in centro.

Come te molti altri farebbero la stessa cosa e quindi l'immobile sale sale sale sale sale... piu' svaluti e piu' sale se gia' lo tieni si apprezza... se non lo tieni sei disposto a spendere per averlo prima che il governo atterra la moneta (se no il Vietnam comincia ad essere piu' conveniente)

Allora dici compro Gold... pero' si compra in dollari e quindi siamo punto e a capo.

Fino a che il governo non limita la fuoriuscita di moneta e vieta investimenti e acquisti di valuta estera.

Allora succede che tu hai anche affari all'estero che hai creato come prestiti ai paesi africani... tipo per esempio per un porto in Ghana, se l'hai stipulato in CNY e svaluti la moneta Svaluti anche il valore del debito...
Se lo hai stipulato in USD invece svaluti la tua moneta e quindi il valore del debito aumenta... in maniera nominale perche' crea inflazione all'interno del tuo paese.
Quindi la migliore cosa sarebbe tenersi gli usd... che pero' devi prima comprare

Etc. etc. etc. etc..

ok ho qualche dubbio in meno ora, anche se a me personalmente interessava capire come mai l'€ negli ultimi anni si è svalutato sul $ (anche verso altre monete?)
Ok che abbiamo fatto un pò di QI, ma anche la FED mi sembra che stampi parecchio...
E' perché l'economia Europea è cresciuta meno di quella della degli USA?
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
ok ho qualche dubbio in meno ora, anche se a me personalmente interessava capire come mai l'€ negli ultimi anni si è svalutato sul $ (anche verso altre monete?)
Ok che abbiamo fatto un pò di QI, ma anche la FED mi sembra che stampi parecchio...
E' perché l'economia Europea è cresciuta meno di quella della degli USA?

Si, anche perche' l'economia americana e' piu' grande di quella europea e quindi ogni dollaro viene diviso per ogni prodotto significa che possono stamparne di piu, i prodotti finanziari e materie prime sono quotate in dollari quindi c;e piu richiesta e molti paesi accumulano dollari nel corso del tempo come riserve essendo la valuta usata per riferimento.

A questo devi aggiungere che i QE sono l'acquisto di crediti (corporate e sovereign) e sono soldi gia che vengono dati agli operatori che li usano ma possono anche trattenerli.
i tassi di interesse hanno un influenza

i risultati del QE americano si stanno vedendo nello stock market perche sono stati usati la (buy backs di stocks) le aziende prendono i soldi fanno investimenti e porzione di soldi viene usata per ricomprare le azioni di fatto inflazionando il prezzo,

In sintesi non e' detto che se ti do 100 miliardi tu li immetti tutti assieme nell'economia puoi anche trattenerli o usarli in modi diversi e quindi prezzi di alcune cose salgono ma non fanno parte dei prezzi dei panieri dell'inflazione.

il QE non regala cash, e' semplicemete un prestito son soldi che devi ridare.
QE serve per dare liquidita' per fare investimenti e se vengono fatti l'economia aumenta di grandezza e si bilancia se non viene fatto c'e una riserva di cash alle aziende per casi tipo perdita di profitto.
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
Aggiungo solo che l'inflazione aumenta quando paghi senza che nessuno produca niente.
l'inflazione aumenta perche' c'e spesa che non e' seguita da produzione, il credito che cade viene sostituito dalla moneta stampata.

Il corona virus e' l'esempio rampante perche'?

se riusci a rispondere a questa domanda hai capito il concetto.
 
Ultima modifica:

Anonymous125

Nuovo Utente
Registrato
8/10/11
Messaggi
1.017
Punti reazioni
11
Aggiungo solo che l'inflazione aumenta quando paghi senza che nessuno produca niente.
l'inflazione aumenta perche' c'e spesa che non e' seguita da produzione, il credito che cade viene sostituito dalla moneta stampata.

Il corona virus e' l'esempio rampante perche'?

se riusci a rispondere a questa domanda hai capito il concetto.

Perché stanno immettendo liquidità e dando soldi a pioggia mentre tutto è fermo (produzione complesa, oltre che consumi)

E dalla probabile/certa inflazione come ci si salva? :mmmm:
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
Perché stanno immettendo liquidità e dando soldi a pioggia mentre tutto è fermo (produzione complesa, oltre che consumi)

E dalla probabile/certa inflazione come ci si salva? :mmmm:

Esattamente solo che la probabile certa inflazione e' dovuta ad un uso sbagliato della stampa di moneta.
Se si bilanciano i fattori di deflazione e i fattori di inflazione riesci ad avere un bilancio e ad uscire dalla "depressione"

La Depressione e' semplicmente la maturazione e il default dei debiti a lungo termine.
La Recessione e' la maturazione a default dei debiti a breve termine.

Ovviamente delle situazioni come corona virus, guerre etc etc potrebbero bloccare il sistema di ripagamento dei debiti e quindi innescare una recessione oppre addirittura una depressione.

Pero' ora mi spiego meglio:
I consumi sono dovuti dall'aumento di reddito.
La produttivita' aumenta il reddito nel lungo periodo.
Il credito aumenta il reddito nel breve periodo ma lede i redditi futuri.

Avendo questa premessa puoi calcolarti l'algoritmo che ti dice quando tutto questo diventa insostenibile.

Per questo hai una struttura di crescita che va ad onde.
Vedi l'allegato 2685923

Le onde piccoline sono i consumi di breve periodo.
Mentre l'onda grande e' i consumi di lungo periodo.
La line diritta sono i consumi di lunghissimo periodo in un economia senza credito.

Tutta la linea rappresenta piu' o meno 100 130 anni.
Ora ogni paese sta attraversando diversi stadi di questo per esempio 2008 noi e gli usa.
L'Olanda 1933, 1929 USA, 1935 Germania, poi tocchera' a Australia, Canada, Belgio, Cina e South Korea.
Piu' e' grande la crescita piu' e' lunga il periodo di indebitamento piu' e' enorme di portata la depressione.
Fine 800 c'e stata la piu' grande crisi della storia dopo la seconda rivoluzione industriale.
La vera grande depressione.
dopo 20 30 di crescita enorme un crash pesante che e' partito dall'europa.
Grande depressione (1873-1895)
Grande depressione (1873-1895) - Wikipedia
Qui in particolare non c'erano strumenti per combatterla.

Questo fenomeno e' dovuto semplicementeall'utilizzo del credito.
Quando compri qualcosa la tua spesa e' il guadagno di qualcun altro.
Ora puoi utilizzare i tuoi guadagni per comprare oppure puoi farti prestare i soldi spendere una grande somma subito e ripagare (sacrificando i guadagni futuri)
Ora se il prestito e' seguito da un'aumento di produttivita' e conseguente aumento di reddito questa strategia funziona e aggiusta l'economia.

Per esempio vedi la differenza tra UK 1500 e la Spagna del 1500
La Spagna molto cristiana non permetteva i prestiti per un interesse quindi nessuno prestava meno che non lo faceva illegalmente oppure per beneficenza.
in UK invece che era protestante tutto questo era possibile.
Gli Ebrei anche avevano questo vantaggio religioso diciamo.

Questo ha sviluppato UK molto piu' velocemente del resto perche' I consumi sono aumentati ma anche gli investimenti, creato innovazione quindi Popolazione impiegata e nuove tecnologie hanno aumentato la produttivita'.

Quindi abbastanza chiaro che noi non facciamo questione se il credito e' giusto o no ma solo come viene usato.


----------------------- Fase due del ragionamento. Debiti nel Breve termine (5 anni)

Quando il credito viene utilizzato abbiamo detto che aumenta i consumi di breve ma diminuisce i redditi futuri (effetto del dover ripagare)
Ora immagina:

3 Persone che hanno reddito 10 = 30 reddito.
le stesse 3 persone sacrificano ciascuno 3 reddito perottenre 15 reddito subito.

Durante il primo anno avranno a disposizione 15 dal prestito + 7 di reddito = 23 x3 = 69 invece.
Anno 1 = 69
Anno 2 = 21
Anno 3 = 21
Anno 4 = 21
Anno 5 = 21
Anno 6 = 30

Quindi come puoi notare i cosnumi durante il primo anno sono maggiori mentre scendono successivamente per poi risalire.
Questo e' nel caso i debiti sono stati utilizzati per i consumi negli anni successivi la produttivita' scende per effetto di meno consumi.
Recessione.

Questo impercertibilimente lede le aziende che pagano questi lavoratori perche' loro spendono meno e quindi riduce le paghe, gli investimenti, e tutto il resto (deflattivo) oppure puo' chiedere un prestito anche l'azienda per sostenere il bisogno di liquidita' ma se gli interessi sono troppo alti semplicemente non lo fa e taglia le spese.

Allora la BCE taglia i Tassi di interesse aumenta i prestiti e aumenta il debito nel lungo periodo (privato). per uscire dalla Recessione.
Ovviamente con tassi minori anche altre 3 persone che avevano reddito 10 cominciano a chiedere un prestito pero' in questo caso loro sacrificano una porzione piu' bassa di reddito futuro perche' gli interessi sono piu' bassi. e il ciclo ricontinua.

Ma questo comunque lede i consumi nel lungo periodo (per effeto del ripagamento del debito)
E lede i consumi generali e altro debito viene richiesto.
Quindi la crescita di breve sale velocissima fino a che i tassi non arrivano a 0.00%

-------------- Fase 3

Arrivati a zero 0.00% la Fed or la BCE non puo' piu' stimolare l'economia tramite l'abbassamento del tasso e il conseguente aumento di debiti.
Quindi si ha una diminuzione dei consumi perche' il reddito futuro e' comunque leso e non e' possibile aumentarlo perche' non vengono dati nuovi crediti/debiti.

Allora le aziende lese dalla diminuzioen dei consumi comincia a guadagnare di meno ed inizia la Deflazione.
Che e' semplicmente un periodo in cui i prezzi inflazionati dalla dispobinibila' di credito cominciano a riassettarsi (Deleverage e' chiamato in economia internazionale)
Deleverage - Il Sole 24 ORE

Per fare il deleverage ci sono vari metodi che sono tutti Deflattivi (politiche di Austerity) tranne uno che e' Inflattivo:

1. Le persone anche e quindi tutti cercano di risparmiare (austerita')
2. Cercano di ristrutturare il debito o fanno Default/bankarotta (austerita')

3. Ridistribuzione della ricchezza Ricchi a Poveri (inflattivo nel breve deflattivo nel lungo) Questa strategia e' stata adottata dalla francia qualche anno fa ed e' terminata con la fuga di capitali all'estero ---> quindi non funziona e ha un effetto MOLTO DEFLATTIVO.

4. Stampa di Moneta (Inflattivo)

-------------------------- fase 4 Diminuzione dei valori degli Assets (crediti, azioni, immobili)

Ora automaticamente 1 2 e 3 vengono applicate sempre e questo creando deflazione e la diminuzione dei prezzi fa scendere il valore degli Asset che a garanzia non permettono altri debiti.
Quindi hai redditi ridotti, e Defaults fuga di capitali che Fanno scendere il valore degli asset (azioni, immobili, beni)

Ovviamente la costruzione del debito e la creazione di valore si fa nel tempo >>> 50 100 anni.
La distruzione degli assett succede in 2 anni perche' i Default sono immediati mentre i prestiti sono duraturi.

Quindi la diminuzione del valore degli asset e' semplicemente la diminuzione dei crediti tramite default ottenuti dalla diminuzione dei redditi per effetto dei debiti.
----> un cane che si morde la coda.

Ora con la stampa si cerca di sostenere il valore degli Asset anche in caso di Default cosi' che gli operatori godono di piu' stabilita' e possono riniziare a investire per aumentare la produttivita'.
La stampa di moneta deve essere bilanciata all'aumento dei fattori deflattivi.

Il problema della BCE e' che non puo' distribuire i soldi direttamente per i consumi ma puo' soltanto comprare assets.
Il governo invece puo' comprare beni e servizi ma non puo' stampare moneta.

Quindi la Fed presta i soldi (compra i Governament Bond) dallo stato che aumenta il debito pubblico e compra beni e servizi per far ripartire l'economia.
La FED poi compra i Corporate bond dalle aziende che aumentano il loro debito ma fanno ripartire i consumi (sempre se li immettono nel sistema economico)

E usciamo dalla Depressione e per 10 anni magari anche 15 i consumi salgono piano piano fino a che gli operatori non sono dinuovo solvibili e possono farsi prestare i soldi.

E tutto Ricomincia. Solo che noi non ci rendiamo conto perche' il time frame e' piu lungo delle nostre vite.

---------------------- Fase 4 Considerazioni e dettaglio.

La Cina nel 2008 non e' stata colpita dalla crisi dei Subprime direttamente ha soltanto aumentato il suo debito.
L'Australia e Canada hanno fatto la stessa cosa della cina diminuito i tassi e svalutato la moneta e cercato di aumentare il flottante dei crediti/debiti in maniera tale da uscire dalla Recessione.
La South Korea anche.
Mentre in Europa il Belgio e' un po' piu' fragile e la Grecia si trova in Deleverage gia'.


Con il corona Virus questo sistema ha fatto scendere i consumi in maniera molto molto molto brusca.
Il tutto fara' scendere il potenziale del rimborso dei debiti e se gli operatori non riescono a trovare credito per sostenere il pagamento dei debiti precedenti.
La BCE deve intervenire.
il Corona virus e' un Fattore Deflattivo ///> diminuzione dei consumi.

Quindi si spera che l'economia si ribilancia grazie al mantenimento di solvibilita' e l'aiuto della BCE ora l'economia non e' molto solvibile.


Settori di mercato, questi due settori particolarmente Consumer sono abbastanza
- Discretionary Consume
- Services (questo e' una perdita vera e propria se in 2 mesi ti fai 2 cene al ristorante ora te ne sei fatte zero e non vai il prossimo mese a fartene 3)
- Products (questo non verebbe affetto tanto perche' e' soltanto riinviato l'acquisto)
- Consumer Staples (invariat)
- Energy (invariato)
- eCommerce (+)
- Industria (-)
- Commodities (-)
- Financial (--)

ETC ETC ETC.
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Si, anche perche' l'economia americana e' piu' grande di quella europea e quindi ogni dollaro viene diviso per ogni prodotto significa che possono stamparne di piu, i prodotti finanziari e materie prime sono quotate in dollari quindi c;e piu richiesta e molti paesi accumulano dollari nel corso del tempo come riserve essendo la valuta usata per riferimento.

A questo devi aggiungere che i QE sono l'acquisto di crediti (corporate e sovereign) e sono soldi gia che vengono dati agli operatori che li usano ma possono anche trattenerli.
i tassi di interesse hanno un influenza

i risultati del QE americano si stanno vedendo nello stock market perche sono stati usati la (buy backs di stocks) le aziende prendono i soldi fanno investimenti e porzione di soldi viene usata per ricomprare le azioni di fatto inflazionando il prezzo,

In sintesi non e' detto che se ti do 100 miliardi tu li immetti tutti assieme nell'economia puoi anche trattenerli o usarli in modi diversi e quindi prezzi di alcune cose salgono ma non fanno parte dei prezzi dei panieri dell'inflazione.

il QE non regala cash, e' semplicemete un prestito son soldi che devi ridare.
QE serve per dare liquidita' per fare investimenti e se vengono fatti l'economia aumenta di grandezza e si bilancia se non viene fatto c'e una riserva di cash alle aziende per casi tipo perdita di profitto.

La discussione si è fatta più interessante, anche se siamo alla macroeconomia.
Il QE, dispiegandosi sul mercato secondario, acquista obbligazioni a prezzo maggiore dell’emissione, per cui “regala” soldi eccome ai grandi investitori che acquistano sul primario: è così che viene creata moneta, oliato il sistema bancario, finanziato il debito pubblico e tenuto (artificiosamente) sotto controllo il tasso d’emissione.
I trattati vietano alla BCE l’acquisto di debito statale sul mercato primario, ma non alla Fed che comunque acquista sul secondario per sostenere il sistema bancario che non può fallire.

Il fatto è che la massa monetaria è assai minore di tutti gli scambi in corso: non esiste una reale corrispondenza fra tutti i crediti e i debiti esistenti. Se improvvisamente tutti i crediti fossero riscossi contemporaneamente, non basterebbero tutti i soldi esistenti!
La banca stessa emette crediti superiori alle proprie riserve reali, un effetto leva accettato e maggiormente disciplinato a seguito della recente crisi del 2007-9.
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Esattamente solo che la probabile certa inflazione e' dovuta ad un uso sbagliato della stampa di moneta.
Se si bilanciano i fattori di deflazione e i fattori di inflazione riesci ad avere un bilancio e ad uscire dalla "depressione"

La Depressione e' semplicmente la maturazione e il default dei debiti a lungo termine.
La Recessione e' la maturazione a default dei debiti a breve termine.

Ovviamente delle situazioni come corona virus, guerre etc etc potrebbero bloccare il sistema di ripagamento dei debiti e quindi innescare una recessione oppre addirittura una depressione.

Pero' ora mi spiego meglio:
I consumi sono dovuti dall'aumento di reddito.
La produttivita' aumenta il reddito nel lungo periodo.
Il credito aumenta il reddito nel breve periodo ma lede i redditi futuri.

Avendo questa premessa puoi calcolarti l'algoritmo che ti dice quando tutto questo diventa insostenibile.

Per questo hai una struttura di crescita che va ad onde.
Vedi l'allegato 2685923

Le onde piccoline sono i consumi di breve periodo.
Mentre l'onda grande e' i consumi di lungo periodo.
La line diritta sono i consumi di lunghissimo periodo in un economia senza credito.

Tutta la linea rappresenta piu' o meno 100 130 anni.
Ora ogni paese sta attraversando diversi stadi di questo per esempio 2008 noi e gli usa.
L'Olanda 1933, 1929 USA, 1935 Germania, poi tocchera' a Australia, Canada, Belgio, Cina e South Korea.
Piu' e' grande la crescita piu' e' lunga il periodo di indebitamento piu' e' enorme di portata la depressione.
Fine 800 c'e stata la piu' grande crisi della storia dopo la seconda rivoluzione industriale.
La vera grande depressione.
dopo 20 30 di crescita enorme un crash pesante che e' partito dall'europa.
Grande depressione (1873-1895)
Grande depressione (1873-1895) - Wikipedia
Qui in particolare non c'erano strumenti per combatterla.

Questo fenomeno e' dovuto semplicementeall'utilizzo del credito.
Quando compri qualcosa la tua spesa e' il guadagno di qualcun altro.
Ora puoi utilizzare i tuoi guadagni per comprare oppure puoi farti prestare i soldi spendere una grande somma subito e ripagare (sacrificando i guadagni futuri)
Ora se il prestito e' seguito da un'aumento di produttivita' e conseguente aumento di reddito questa strategia funziona e aggiusta l'economia.

Per esempio vedi la differenza tra UK 1500 e la Spagna del 1500
La Spagna molto cristiana non permetteva i prestiti per un interesse quindi nessuno prestava meno che non lo faceva illegalmente oppure per beneficenza.
in UK invece che era protestante tutto questo era possibile.
Gli Ebrei anche avevano questo vantaggio religioso diciamo.

Questo ha sviluppato UK molto piu' velocemente del resto perche' I consumi sono aumentati ma anche gli investimenti, creato innovazione quindi Popolazione impiegata e nuove tecnologie hanno aumentato la produttivita'.

Quindi abbastanza chiaro che noi non facciamo questione se il credito e' giusto o no ma solo come viene usato.


----------------------- Fase due del ragionamento. Debiti nel Breve termine (5 anni)

Quando il credito viene utilizzato abbiamo detto che aumenta i consumi di breve ma diminuisce i redditi futuri (effetto del dover ripagare)
Ora immagina:

3 Persone che hanno reddito 10 = 30 reddito.
le stesse 3 persone sacrificano ciascuno 3 reddito perottenre 15 reddito subito.

Durante il primo anno avranno a disposizione 15 dal prestito + 7 di reddito = 23 x3 = 69 invece.
Anno 1 = 69
Anno 2 = 21
Anno 3 = 21
Anno 4 = 21
Anno 5 = 21
Anno 6 = 30

Quindi come puoi notare i cosnumi durante il primo anno sono maggiori mentre scendono successivamente per poi risalire.
Questo e' nel caso i debiti sono stati utilizzati per i consumi negli anni successivi la produttivita' scende per effetto di meno consumi.
Recessione.

Questo impercertibilimente lede le aziende che pagano questi lavoratori perche' loro spendono meno e quindi riduce le paghe, gli investimenti, e tutto il resto (deflattivo) oppure puo' chiedere un prestito anche l'azienda per sostenere il bisogno di liquidita' ma se gli interessi sono troppo alti semplicemente non lo fa e taglia le spese.

Allora la BCE taglia i Tassi di interesse aumenta i prestiti e aumenta il debito nel lungo periodo (privato). per uscire dalla Recessione.
Ovviamente con tassi minori anche altre 3 persone che avevano reddito 10 cominciano a chiedere un prestito pero' in questo caso loro sacrificano una porzione piu' bassa di reddito futuro perche' gli interessi sono piu' bassi. e il ciclo ricontinua.

Ma questo comunque lede i consumi nel lungo periodo (per effeto del ripagamento del debito)
E lede i consumi generali e altro debito viene richiesto.
Quindi la crescita di breve sale velocissima fino a che i tassi non arrivano a 0.00%

-------------- Fase 3

Arrivati a zero 0.00% la Fed or la BCE non puo' piu' stimolare l'economia tramite l'abbassamento del tasso e il conseguente aumento di debiti.
Quindi si ha una diminuzione dei consumi perche' il reddito futuro e' comunque leso e non e' possibile aumentarlo perche' non vengono dati nuovi crediti/debiti.

Allora le aziende lese dalla diminuzioen dei consumi comincia a guadagnare di meno ed inizia la Deflazione.
Che e' semplicmente un periodo in cui i prezzi inflazionati dalla dispobinibila' di credito cominciano a riassettarsi (Deleverage e' chiamato in economia internazionale)
Deleverage - Il Sole 24 ORE

Per fare il deleverage ci sono vari metodi che sono tutti Deflattivi (politiche di Austerity) tranne uno che e' Inflattivo:

1. Le persone anche e quindi tutti cercano di risparmiare (austerita')
2. Cercano di ristrutturare il debito o fanno Default/bankarotta (austerita')

3. Ridistribuzione della ricchezza Ricchi a Poveri (inflattivo nel breve deflattivo nel lungo) Questa strategia e' stata adottata dalla francia qualche anno fa ed e' terminata con la fuga di capitali all'estero ---> quindi non funziona e ha un effetto MOLTO DEFLATTIVO.

4. Stampa di Moneta (Inflattivo)

-------------------------- fase 4 Diminuzione dei valori degli Assets (crediti, azioni, immobili)

Ora automaticamente 1 2 e 3 vengono applicate sempre e questo creando deflazione e la diminuzione dei prezzi fa scendere il valore degli Asset che a garanzia non permettono altri debiti.
Quindi hai redditi ridotti, e Defaults fuga di capitali che Fanno scendere il valore degli asset (azioni, immobili, beni)

Ovviamente la costruzione del debito e la creazione di valore si fa nel tempo >>> 50 100 anni.
La distruzione degli assett succede in 2 anni perche' i Default sono immediati mentre i prestiti sono duraturi.

Quindi la diminuzione del valore degli asset e' semplicemente la diminuzione dei crediti tramite default ottenuti dalla diminuzione dei redditi per effetto dei debiti.
----> un cane che si morde la coda.

Ora con la stampa si cerca di sostenere il valore degli Asset anche in caso di Default cosi' che gli operatori godono di piu' stabilita' e possono riniziare a investire per aumentare la produttivita'.
La stampa di moneta deve essere bilanciata all'aumento dei fattori deflattivi.

Il problema della BCE e' che non puo' distribuire i soldi direttamente per i consumi ma puo' soltanto comprare assets.
Il governo invece puo' comprare beni e servizi ma non puo' stampare moneta.

Quindi la Fed presta i soldi (compra i Governament Bond) dallo stato che aumenta il debito pubblico e compra beni e servizi per far ripartire l'economia.
La FED poi compra i Corporate bond dalle aziende che aumentano il loro debito ma fanno ripartire i consumi (sempre se li immettono nel sistema economico)

E usciamo dalla Depressione e per 10 anni magari anche 15 i consumi salgono piano piano fino a che gli operatori non sono dinuovo solvibili e possono farsi prestare i soldi.

E tutto Ricomincia. Solo che noi non ci rendiamo conto perche' il time frame e' piu lungo delle nostre vite.

---------------------- Fase 4 Considerazioni e dettaglio.

La Cina nel 2008 non e' stata colpita dalla crisi dei Subprime direttamente ha soltanto aumentato il suo debito.
L'Australia e Canada hanno fatto la stessa cosa della cina diminuito i tassi e svalutato la moneta e cercato di aumentare il flottante dei crediti/debiti in maniera tale da uscire dalla Recessione.
La South Korea anche.
Mentre in Europa il Belgio e' un po' piu' fragile e la Grecia si trova in Deleverage gia'.


Con il corona Virus questo sistema ha fatto scendere i consumi in maniera molto molto molto brusca.
Il tutto fara' scendere il potenziale del rimborso dei debiti e se gli operatori non riescono a trovare credito per sostenere il pagamento dei debiti precedenti.
La BCE deve intervenire.
il Corona virus e' un Fattore Deflattivo ///> diminuzione dei consumi.

Quindi si spera che l'economia si ribilancia grazie al mantenimento di solvibilita' e l'aiuto della BCE ora l'economia non e' molto solvibile.


Settori di mercato, questi due settori particolarmente Consumer sono abbastanza
- Discretionary Consume
- Services (questo e' una perdita vera e propria se in 2 mesi ti fai 2 cene al ristorante ora te ne sei fatte zero e non vai il prossimo mese a fartene 3)
- Products (questo non verebbe affetto tanto perche' e' soltanto riinviato l'acquisto)
- Consumer Staples (invariat)
- Energy (invariato)
- eCommerce (+)
- Industria (-)
- Commodities (-)
- Financial (--)

ETC ETC ETC.

Non tutte le crisi sono identiche, alcune sono inflattive, altre deflattive, ma le ricette sono le quattro indicate (anche se la seconda non la definirei austerity).
Generalmente i decisori che governano la politica monetaria ed economica, usano un mix delle quattro soluzioni.

Con la stampa di moneta, lo scopo sarebbe di supplire alla mancanza di credito, ma se non ben contemperata dagli altri interventi, rischia di portare a inflazione e addirittura a iperinflazione: ma non è un esito scontato, dipende dalla bravura dei decisori.
Nel ventennio perduto giapponese, nonostante la politica monetaria espansiva, non sono riusciti a creare inflazione.
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
Non tutte le crisi sono identiche, alcune sono inflattive, altre deflattive, ma le ricette sono le quattro indicate (anche se la seconda non la definirei austerity).
Generalmente i decisori che governano la politica monetaria ed economica, usano un mix delle quattro soluzioni.

Con la stampa di moneta, lo scopo sarebbe di supplire alla mancanza di credito, ma se non ben contemperata dagli altri interventi, rischia di portare a inflazione e addirittura a iperinflazione: ma non è un esito scontato, dipende dalla bravura dei decisori.
Nel ventennio perduto giapponese, nonostante la politica monetaria espansiva, non sono riusciti a creare inflazione.

Non sono d'accordo... tutte le crisi sono identiche innescate dallo stesso meccanismo nel nostro mondo capitalista.

Le depressioni derivano dal raggiungimento di insolvibilita' del sistema.
Solo e soltanto quando non si puo' prestare piu' perche' si sa che si perderanno i soldi tutto questo succede. (punta dei debiti a lungo termine)

La FED e la BCE non regalano soldi nel senso che non immetono liquidita' all'interno del sistema direttamente (quella sarebbe Helicopter Money o il giubilee come vuoi chiamarlo tipo dare 1200 dollari che ho preso anche io dallo stimulus pack quei soldi derivano dal governo quindi debito pubblico) ma attraverso l'aquisto degli asset e in particolare dei crediti non performanti.

Quando i NPL sono troppo alti il sistema crash.

In giappone il Deleverage e' iniziato dall'innalzamento dei tassi di interesse troppo brusco per raffreddare l'economia.
Il che ha fatto saltare il tutto bloccando i prestiti.
I migliaia di NPL sono ricapitolati e si e' entrati in deflazione

Il Giappone in oltre soffre anche una crisi di popolazione.a cui si sono aggiunte nel susseguirsi degli anni alcune recessioni e disastri naturali.
che hanno portato il Decennio di recupero a diventare un ventennio.
Abenomics e' entrata in vigore negli ultimi 5 anni credo.
_99526441_nikkei_640-nc (1).png

Come puoi vedere dopo 10 anni si stava avendo una ripresa.
il trend discendente ha svalutato gli asset per 10 anni fino al 2002 salvo poi riprendersi fino al 2008 che ha svalutato gli asset per la crisi 2008 in euro e la recessione in Jap
Se c'e depressione in europa c'e recessione in jap che anche se non era esposto ha avuto una diminuzione degli export.

Riguardo le difference tra FED e BCE BoE e BoJ non ti so dire magari sei piu' esperto.
So bene pero' che la BCE ha un limite di 30% di GDP in acquisto sui titoli di stato il che significa e che e' gia' al massimo in Italia.

La cosa piu' importante di tutte e' che le banche centrali sono entita' diverse dalle aziende normali e non possono fallire.
 

newable

Nuovo Utente
Registrato
4/1/11
Messaggi
14.672
Punti reazioni
150
Non sono d'accordo... tutte le crisi sono identiche innescate dallo stesso meccanismo nel nostro mondo capitalista.

Le depressioni derivano dal raggiungimento di insolvibilita' del sistema.
Solo e soltanto quando non si puo' prestare piu' perche' si sa che si perderanno i soldi tutto questo succede. (punta dei debiti a lungo termine)

La FED e la BCE non regalano soldi nel senso che non immetono liquidita' all'interno del sistema direttamente (quella sarebbe Helicopter Money o il giubilee come vuoi chiamarlo tipo dare 1200 dollari che ho preso anche io dallo stimulus pack quei soldi derivano dal governo quindi debito pubblico) ma attraverso l'aquisto degli asset e in particolare dei crediti non performanti.

Quando i NPL sono troppo alti il sistema crash.

In giappone il Deleverage e' iniziato dall'innalzamento dei tassi di interesse troppo brusco per raffreddare l'economia.
Il che ha fatto saltare il tutto bloccando i prestiti.
I migliaia di NPL sono ricapitolati e si e' entrati in deflazione

Il Giappone in oltre soffre anche una crisi di popolazione.a cui si sono aggiunte nel susseguirsi degli anni alcune recessioni e disastri naturali.
che hanno portato il Decennio di recupero a diventare un ventennio.
Abenomics e' entrata in vigore negli ultimi 5 anni credo.
Vedi l'allegato 2685974

Come puoi vedere dopo 10 anni si stava avendo una ripresa.
il trend discendente ha svalutato gli asset per 10 anni fino al 2002 salvo poi riprendersi fino al 2008 che ha svalutato gli asset per la crisi 2008 in euro e la recessione in Jap
Se c'e depressione in europa c'e recessione in jap che anche se non era esposto ha avuto una diminuzione degli export.

Riguardo le difference tra FED e BCE BoE e BoJ non ti so dire magari sei piu' esperto.
So bene pero' che la BCE ha un limite di 30% di GDP in acquisto sui titoli di stato il che significa e che e' gia' al massimo in Italia.

La cosa piu' importante di tutte e' che le banche centrali sono entita' diverse dalle aziende normali e non possono fallire.

Senza entrare sul caso Giappone, che richiederebbe un thread a parte, esistono depressioni deflazionistiche e depressioni inflazionistiche: le prime le hai già descritte, le seconde colpiscono generalmente i paesi che fanno affidamento su flussi di capitale estero e hanno debito denominato in valuta estera. Le cause scatenanti i due tipi di crisi sono differenti e le cure divergono.
In quelle deflazionistiche allo scoppio di una bolla si parte abbassando i tassi e quando questi si azzerano si passa a creare moneta, ma tali provvedimenti di politica monetaria per essere efficaci devono essere accompagnati da una opportuna politica economica e fiscale. A dominare sono la ristrutturazione del debito e l’austerity: gli oneri del debito aumentano perché i redditi calano più velocemente della ristrutturazione, i paydown riducono lo stock del debito e i debitori devono accumulare altre passività per coprire i costi degli interessi più alti.
In quelle inflazionistiche, il rallentamento del flusso di capitali dall’estero, prosciuga prestiti e liquidità, ma allo stesso tempo, il calo della valuta produce inflazione: è questo il caso delle crisi della Germania di Weimar, delle nazioni sudamericane e tipicamente dei paesi emergenti.

Per quanto riguarda la politica monetaria della banca centrale in una crisi deflazionistica, si possono distinguere tre tecniche di base:
1)abbassamento dei tassi di interesse
2)QE
3) helicopter money (usata nella grande depressione con il sussidio ai veterani e nella Cina imperiale)

A queste si possono accompagnare:
- Un aumento della spesa fiscale finanziata dal debito (Giappone anni ‘30, Usa durante II guerra mondiale, Usa e Uk nel 2000)
- Un aumento della spesa fiscale finanziata dal debito, ma di cui il Tesoro non si accolla l’onere (perché si stampa moneta per coprire il debito o si prestano soldi a entità diverse da quelle governative, come le Banche Sviluppo nella Cina del 2008)
- Stampare e dare denaro direttamente al Governo affinché lo spenda: moneta fiat (Cina imperiale, Usa nella guerra di secessione, UK durante I guerra mondiale)
- Svalutazione del debito accompagnata da creazione di moneta (“anno del giubileo” nell’antica Roma, grande depressione e da ultimo in Islanda)
 

Anonymous125

Nuovo Utente
Registrato
8/10/11
Messaggi
1.017
Punti reazioni
11
La discussione si è fatta un pò complicata da seguire per me che non ho le basi, anche se ho letto e apprezzato i post OK!

Una domanda che mi viene in mente ora è che quando c'è inflazione, stare liquidi è la peggior cosa, mentre in teoria avere immobili, o anche azioni (? diciamo MSCI World) è meglio perché mediamente godranno di un aumento di prezzo (se non reale, ma almeno a livello dell'inflazione o quasi) giusto?

Con questa crisi come pensiate si comporterà l'inflazione? è ipotizzabile un'inflazione davvero alta? (che poi da come siamo abituati ormai, già un 3%+ all'anno sarebbe alta)

Come ci si può proteggere dall'inflazione in questo momento?
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
La discussione si è fatta un pò complicata da seguire per me che non ho le basi, anche se ho letto e apprezzato i post OK!

Una domanda che mi viene in mente ora è che quando c'è inflazione, stare liquidi è la peggior cosa, mentre in teoria avere immobili, o anche azioni (? diciamo MSCI World) è meglio perché mediamente godranno di un aumento di prezzo (se non reale, ma almeno a livello dell'inflazione o quasi) giusto?

Con questa crisi come pensiate si comporterà l'inflazione? è ipotizzabile un'inflazione davvero alta? (che poi da come siamo abituati ormai, già un 3%+ all'anno sarebbe alta)

Come ci si può proteggere dall'inflazione in questo momento?

Annotation 2020-05-10 054100.png
Questo e' il Wealth Disparity Graph
Il Grafico indica come 1% della popolazione piu' ricca si poneva nei confronti del resto del giappone.
il Top 1% deteneva il 13% degli income.

In sintesi si nota come 1% della popolazione ha portato 500k di USD dollars annuali.
Non ci sono dati disponibili per quanto riguarda la detenzione di asset e quindi Wealth inequality.
Ma confrontando on USA 1920 to 1935 si nota che i ricchi sono diventati piu' ricchi e i poveri poveri.

Oggi per effetto del QE e i tassi di interesse bassi i bond non sono piu' commestibili e quindi l'aumento di credito porta ad un'inflazione degli asset non dei prezzi al consumo.
Non abbiamo mai visto ricchi diventare cosi' ricchi stanno toppado quasi Rockfeller che era un monopolista alla sua epoca.




Senza entrare sul caso Giappone, che richiederebbe un thread a parte, esistono depressioni deflazionistiche e depressioni inflazionistiche: le prime le hai già descritte, le seconde colpiscono generalmente i paesi che fanno affidamento su flussi di capitale estero e hanno debito denominato in valuta estera. Le cause scatenanti i due tipi di crisi sono differenti e le cure divergono.
In quelle deflazionistiche allo scoppio di una bolla si parte abbassando i tassi e quando questi si azzerano si passa a creare moneta, ma tali provvedimenti di politica monetaria per essere efficaci devono essere accompagnati da una opportuna politica economica e fiscale. A dominare sono la ristrutturazione del debito e l’austerity: gli oneri del debito aumentano perché i redditi calano più velocemente della ristrutturazione, i paydown riducono lo stock del debito e i debitori devono accumulare altre passività per coprire i costi degli interessi più alti.
In quelle inflazionistiche, il rallentamento del flusso di capitali dall’estero, prosciuga prestiti e liquidità, ma allo stesso tempo, il calo della valuta produce inflazione: è questo il caso delle crisi della Germania di Weimar, delle nazioni sudamericane e tipicamente dei paesi emergenti.

Per quanto riguarda la politica monetaria della banca centrale in una crisi deflazionistica, si possono distinguere tre tecniche di base:
1)abbassamento dei tassi di interesse
2)QE
3) helicopter money (usata nella grande depressione con il sussidio ai veterani e nella Cina imperiale)

A queste si possono accompagnare:
- Un aumento della spesa fiscale finanziata dal debito (Giappone anni ‘30, Usa durante II guerra mondiale, Usa e Uk nel 2000)
- Un aumento della spesa fiscale finanziata dal debito, ma di cui il Tesoro non si accolla l’onere (perché si stampa moneta per coprire il debito o si prestano soldi a entità diverse da quelle governative, come le Banche Sviluppo nella Cina del 2008)
- Stampare e dare denaro direttamente al Governo affinché lo spenda: moneta fiat (Cina imperiale, Usa nella guerra di secessione, UK durante I guerra mondiale)
- Svalutazione del debito accompagnata da creazione di moneta (“anno del giubileo” nell’antica Roma, grande depressione e da ultimo in Islanda)

E' vero. le Depressioni Inflazionistiche e i debiti detenuti in valuta estera sono tipiche delle economie non sviluppate
Venezuela, Africa etc.etc.
Loro non possono utilizzare il QE per scaricare le aziende se lo fanno in relazione al debito denominato da un'altra currency sfocia nella diminuzione di valore della stessa moneta loro e quindi sono incastrati in quel sistema per sempre.

Vorrei correggere anche quello che ho scritto Ogni crisi e' in effetti diversa...
ma fa rima con la precedente.

Ogni Depressione e' sempre effetto:
E' sempre un effetto di Aumento della spesa nel breve periodo, finanziata dalla disponibilita' di credito.
Gli effetti e le ripercussioni sono gli stessi ma i modi di uscita dalla crisi sono diversi.
Quando piu' e' avanzata l'economia tanto piu' e' difficile inflazionarla.

I modi di uscita dalla crisi che abbiamo discusso sono gli stessi ma nelle economie sviluppate aumento del credito a sproposito non inflaziona i beni ma inflaziona gli asset.
Chi detiene gli asset ovviamente diventa piu' ricco.
Quindi il QE e tutte le tecniche usate che scaricano i debiti in realta' sfociano in finanza >>> inflazionando gli asset (tutte le asset class) e non in economia reale come dovrebbe essere (in quel caso inflazionerebbe i prezzi al consumo).
 

InZzane

Nuovo Utente
Registrato
12/11/09
Messaggi
1.741
Punti reazioni
126
Senza entrare sul caso Giappone, che richiederebbe un thread a parte, esistono depressioni deflazionistiche e depressioni inflazionistiche: le prime le hai già descritte, le seconde colpiscono generalmente i paesi che fanno affidamento su flussi di capitale estero e hanno debito denominato in valuta estera. Le cause scatenanti i due tipi di crisi sono differenti e le cure divergono.
In quelle deflazionistiche allo scoppio di una bolla si parte abbassando i tassi e quando questi si azzerano si passa a creare moneta, ma tali provvedimenti di politica monetaria per essere efficaci devono essere accompagnati da una opportuna politica economica e fiscale. A dominare sono la ristrutturazione del debito e l’austerity: gli oneri del debito aumentano perché i redditi calano più velocemente della ristrutturazione, i paydown riducono lo stock del debito e i debitori devono accumulare altre passività per coprire i costi degli interessi più alti.
In quelle inflazionistiche, il rallentamento del flusso di capitali dall’estero, prosciuga prestiti e liquidità, ma allo stesso tempo, il calo della valuta produce inflazione: è questo il caso delle crisi della Germania di Weimar, delle nazioni sudamericane e tipicamente dei paesi emergenti.

Per quanto riguarda la politica monetaria della banca centrale in una crisi deflazionistica, si possono distinguere tre tecniche di base:
1)abbassamento dei tassi di interesse
2)QE
3) helicopter money (usata nella grande depressione con il sussidio ai veterani e nella Cina imperiale)

A queste si possono accompagnare:
- Un aumento della spesa fiscale finanziata dal debito (Giappone anni ‘30, Usa durante II guerra mondiale, Usa e Uk nel 2000)
- Un aumento della spesa fiscale finanziata dal debito, ma di cui il Tesoro non si accolla l’onere (perché si stampa moneta per coprire il debito o si prestano soldi a entità diverse da quelle governative, come le Banche Sviluppo nella Cina del 2008)
- Stampare e dare denaro direttamente al Governo affinché lo spenda: moneta fiat (Cina imperiale, Usa nella guerra di secessione, UK durante I guerra mondiale)
- Svalutazione del debito accompagnata da creazione di moneta (“anno del giubileo” nell’antica Roma, grande depressione e da ultimo in Islanda)


Volevo chiederti potresti condividere le risorse (libri, documentari, articoli o autori) qualsiasi cosa su Giappone anni 30 Cina imperia Anno del giubileo e tutto quello di cui hai parlato.
Cioe' dove potrei studiarlo ? Mi interessa molto.

Conosco L'anno del giubileo perche' c'era una proposta da parte di Steven Keen di fare un Giubileo dove si pagavano i debiti degli individui e se non avevi debiti potevi spenderli.