Ma questi che vivono di scommesse come si fa a trovarli?Aiuto

jurassic88

Nuovo Utente
Registrato
27/1/17
Messaggi
12.618
Punti reazioni
501
la progressione mi serve solo per recuperare la sconfitta o le sconfitte consecutive
Ho letto tutto ma quoto questo in particolare

E vabbe hai detto poco :D
Ho avuto molte discussioni con chi afferma di essere profittevole usando progressioni o sistemi di recupero delle perdite.
E un muro contro muro, non voglio criticare l'operatività di nessuno, se i risultati ti danno ragione buon per te
 

791500

Nuovo Utente
Registrato
17/4/20
Messaggi
176
Punti reazioni
0
Ho letto tutto ma quoto questo in particolare

E vabbe hai detto poco :D
Ho avuto molte discussioni con chi afferma di essere profittevole usando progressioni o sistemi di recupero delle perdite.
E un muro contro muro, non voglio criticare l'operatività di nessuno, se i risultati ti danno ragione buon per te

Non è una questione di critica, anzi ognuno può imparare o insegnare ad un'altro, io la vedo così, io ho avuto la fortuna o la sfortuna di essere stato da piccolo un giocatore diciamo perdente come la maggior parte dei giocatori, giocavo il totonero quando c'era solo il totocalcio, e l'ippica nelle sale corse, avevo un'attività guadagnavo molto bene, e quindi potevo permettermi di perdere, non sono finito diciamo sotto al ponte, perché non sono mai andato oltre quello che avevo, non ho mai fatto debiti di gioco, non ho mai giocato per telefono anche se avevo le porte aperte dappertutto, andavo ai casinò soprattutto Italia e Francia e giocavo soprattutto allo chemin de fer, quindi puoi immaginare quali vittorie e quali sconfitte, poi un giorno ho conosciuto BETFAIR ho iniziato a vedere che potevo fare anche da banco, e ho iniziato ad avere un'ottica diversa, però diciamo anche se di meno a fine anno ero lo stesso perdente perché continuavo a giocare diciamo con la stessa mentalità, spero di essere chiaro, poi un giorno ho conosciuto una persona che mi ha cambiato la vita, ero in sala a Roma e ho visto una persona che giocava in un modo totalmente diverso, ma soprattutto si vedeva lontano un miglio, che non era un cavallaro, anzi uno che non c'entra niente coi cavalli, sentivo di volerlo conoscere ma lui dava poca confidenza, comunque gli ho offerto un caffè, siamo andati al bar e abbiamo iniziato a parlare, e mi ha spiegato come giocava dicendomi c'è una grande differenza, tu hai conosciuto i cavalli come piacere e quindi vuoi vincere ma ti interessa soprattutto giocare, io opero sui cavalli solo come investimento, voglio solo guadagnare, non mi diverto non mi piace giocare, quindi per me è un lavoro, caspita si è iniziata ad accendere una lampadina, questo stava in sala con i soldi in tasca, dalla mattina alla sera delle volte giocando una sola corsa, io casomai se passavo la giornata in sala, avevo giocato tutte le corse dalla prima alla tris, l'ultima, quindi è nato un rapporto ci siamo visti siamo andati a cena, non essendo io di Roma, non ci siamo potuti vedere spesso ma sentiti parecchie volte, da quel momento ho iniziato ad operare sui cavalli in un modo totalmente diverso, iniziando a vincere di continuo, pensando sempre che prima o poi perdevo perdevo perdevo, e invece mi sono accorto che giocavo sempre di meno studiavo sempre di più, e continuavo a vincere, soltanto che quando perdevo delle corse giocando lo stesso capitale ci voleva un'altra corsa o delle volte due per recuperare e vincere, ma i mesi passavano e io continuavo a chiudere ogni mese in attivo, avevo paura di giocare le progressioni perché avevo conosciuti tanti al calcio alla roulette al blackjack o ad altri giochi capitare in un filotto negativo e distruggersi le vincite e il capitale e anche il resto, quindi non le facevo, però essendo molti i colpi vincenti e pochi i perdenti continuavo sempre a vincere, poi dopo due anni consecutivi così, ho notato che le sconfitte in percentuale diminuivano, ma soprattutto diminuiva la consecutivita' della sconfitta, quindi ho deciso di iniziare una progressione e tra quelle che ho studiato, quella che da per me a pennello è quella di Fibonacci, per tre anni ho usato quella nel modo classico, adesso la uso un po'rivisitata inizio dal 3 steep, perché ho visto che ho una percentuale di colpi persi in totale del 96% di due colpi consecutivi, e del 3% di tre colpi consecutivi e del 1% di 4 colpi consecutivi, per concludere sono 15 anni che ho iniziato diciamo in modo serio a fare betting, poi ho capito che guadagnavo molto di più facendolo di lavoro e adesso sono quasi 10 anni che faccio solo questo. Quindi non è una questione di muro contro muro, una cosa sicura te la posso dire: AL GIOCO LA FORTUNA CONTA ZERO: Sicuramente non tutti sanno scegliere i cavalli giusti, come non tutti sanno scegliere le partite giuste quasi sicure al 100% come ha detto prima l'amico nel messaggio precedente, io per esempio non le so scegliere le partite di calcio, mi piace ogni tanto giocarle, mi piace moltissimo vederle, vado allo stadio sono malato di Lazio, spero di vincere il titolo quest'anno, ma se gioco il calcio anche se ne capisco abbastanza sono perdente, un'ultima cosa quando parlo degli ultimi minuti o secondi prima che parta una corsa, non sempre la quota scende o sale di un tot, molte volte si muove di qualche tick, io gioco a favore o contro come avevo prestabilito, ma quando scende i sale di un tot al 99.9% il cavallo vince o perde perché sul campo hanno notizie che noi non abbiamo e non possiamo avere.
 

mryouknowme

Nuovo Utente
Registrato
23/10/17
Messaggi
120
Punti reazioni
1
Non so se hai letto tutti i miei messaggi, io non faccio trading faccio betting, la progressione a me serve solo per recuperare quei colpi perdenti a volte anche consecutivi e quando chiudo il colpo ho recuperato la giocata o le giocate perdenti e in più ho vinto, il sistema sta nell'individuare da parte mia i cavalli vincenti o perdenti, giocando agli ultimi secondi prima che la corsa parta, ti ho scritto di media quante corse al giorno, gli ultimi minuti e secondi sono fondamentali perché il mercato parla, e io lo riesco a leggere, leggo l'onda anomala lo tsunami per usare un termine catastrofico, a volte tu vedi il crollo della quota nei minuti finali o la salita della quota ma soprattutto gli importi su una determinata quota che sono gli algoritmi da leggere, quindi per esempio se avevo deciso di puntare un cavallo a 2 e scende nel finale a 1.80 e vedo gli algoritmi di cui ti parlavo raddoppio la giocata, se avevo deciso di bancare un cavallo a 2?50 e sale a 2.80 nel finale e vedo gli algoritmi raddoppio la bancata, delle volte può succedere di perdere per molteplici fattori compreso errore mio di valutazione in generale, ma anche errore del fantino, corsa con cavalli che si toccano e tante altre cose che se giochi i cavalli puoi capire, la progressione mi serve solo per recuperare la sconfitta o le sconfitte consecutive, l'importante è la quota, che nei cavalli c'è dal mio punto di vista, mentre al calcio no, quindi il primo metodo è studiare i cavalli, perché non è che uno gioca qualsiasi corsa basta che vede la quota, spero di essermi spiegato bene.

Quando parli di capacità di leggere il mercato, quando parli di onde anomale, ecc., secondo te è più difficile fare tali letture sugli altri sport come per esempio il calcio rispetto alle corse di cavalli? È possibile che il mercato "parli" di più e meglio per determinati sport rispetto ad altri?
 

791500

Nuovo Utente
Registrato
17/4/20
Messaggi
176
Punti reazioni
0
Quando parli di capacità di leggere il mercato, quando parli di onde anomale, ecc., secondo te è più difficile fare tali letture sugli altri sport come per esempio il calcio rispetto alle corse di cavalli? È possibile che il mercato "parli" di più e meglio per determinati sport rispetto ad altri?
Non lo so, forse sono io che non so leggere gli altri mercati come il calcio, sicuramente c'è chi lo sa fare, l'unica differenza che noto forte e che ho scritto in un messaggio precedente è la quota, quando parlavo di giocare Barcellona Bayern Monaco Manchester City Liverpool a 1.80 - 2.00 in casa invece di 1.20-1.30 . La maggior parte di chi gioca i cavalli come penso tutti gli sport perde, perché pensa che un cavallo favorito portato da Frankie o RL Moore in una corsa importante vince per forza, non considera se il giorno della corsa il terreno è buono è pesante è leggermente pesante è morbido, la distanza, l'ippodromo, perché ci sono cavalli che danno il meglio su una distanza e su un'altra no, ci sono cavalli che corrono benissimo in un ippodromo e in un'altro no, ci sono cavalli che corrono benissimo a mano destra e corrono male a mano sinistra, io passo ore di studio prima di scegliere i cavalli da puntare o bancare e ne gioco pochi al giorno. Poi le onde anomale è un di più,
 

mryouknowme

Nuovo Utente
Registrato
23/10/17
Messaggi
120
Punti reazioni
1
Non lo so, forse sono io che non so leggere gli altri mercati come il calcio, sicuramente c'è chi lo sa fare, l'unica differenza che noto forte e che ho scritto in un messaggio precedente è la quota, quando parlavo di giocare Barcellona Bayern Monaco Manchester City Liverpool a 1.80 - 2.00 in casa invece di 1.20-1.30 . La maggior parte di chi gioca i cavalli come penso tutti gli sport perde, perché pensa che un cavallo favorito portato da Frankie o RL Moore in una corsa importante vince per forza, non considera se il giorno della corsa il terreno è buono è pesante è leggermente pesante è morbido, la distanza, l'ippodromo, perché ci sono cavalli che danno il meglio su una distanza e su un'altra no, ci sono cavalli che corrono benissimo in un ippodromo e in un'altro no, ci sono cavalli che corrono benissimo a mano destra e corrono male a mano sinistra, io passo ore di studio prima di scegliere i cavalli da puntare o bancare e ne gioco pochi al giorno. Poi le onde anomale è un di più,

Vabbe la quota rispecchia delle probabilità.. Se un cavallo è quotato a 2 ci saranno dei motivi.. Non penso che quotino a 2 un cavallo che ha una probabilità di vincita attorno all'80 o al 90%.. Stessa cosa vale per il calcio.. Il Barcellona potrebbe essere quotato a 2,00 in casa se per esempio dovesse giocare col Real Madrid.. In quel caso la quota a 2,00 è giustificata.. Dovesse invece giocare contro il Granada magari sarà quotata a 1,15.. Anche in questo caso la quota è giustificata. Magari tra i cavalli facenti parte di una determinata gara non ci sono delle grandissime differenze tra loro in termini prestazionali come potrebbero esserci tra squadre di calcio di uno stesso campionato. Poi magari mi sbaglio.. Ti ripeto, di cavalli non so nulla.. Conosco solo Frankie Dettori perché siamo della stessa regione :D
 

791500

Nuovo Utente
Registrato
17/4/20
Messaggi
176
Punti reazioni
0
Vabbe la quota rispecchia delle probabilità.. Se un cavallo è quotato a 2 ci saranno dei motivi.. Non penso che quotino a 2 un cavallo che ha una probabilità di vincita attorno all'80 o al 90%.. Stessa cosa vale per il calcio.. Il Barcellona potrebbe essere quotato a 2,00 in casa se per esempio dovesse giocare col Real Madrid.. In quel caso la quota a 2,00 è giustificata.. Dovesse invece giocare contro il Granada magari sarà quotata a 1,15.. Anche in questo caso la quota è giustificata. Magari tra i cavalli facenti parte di una determinata gara non ci sono delle grandissime differenze tra loro in termini prestazionali come potrebbero esserci tra squadre di calcio di uno stesso campionato. Poi magari mi sbaglio.. Ti ripeto, di cavalli non so nulla.. Conosco solo Frankie Dettori perché siamo della stessa regione :D
Buongiorno, no è questa la differenza, Barcellona Granada 1.15 di calcio che può non uscire vale a parità nei cavalli 1.6 -1.7 , una corsa di cavalli dura in media un minuto e 30 secondi dipende dalla distanza, la quota nei cavalli è molto più alta, perché la differenza è nel tempo, cioè le persone pensano sbagliando che se c'è un errore del fantino o è una giornata storta del cavallo o qualche altro fattore imponderabile, in un minuto e mezzo non sia possibile rimediare al fato, e quindi il cavallo non vince, mentre nel calcio in novanta minuti più recupero, anche in caso di errore, o di fato, è molto più possibile recuperare all'errore e vincere, sulla carta è così, e per fortuna che la maggior parte delle persone la pensano così, diranno i bookmaker e gli speculatori, invece in realtà quando è una giornata no è no, non vinci e basta, adesso la domanda che ti devi fare è? quante volte Barcellona Granada non esce 1? È più facile recuperare moltissime volte nella stessa giornata e vincere pure a 1.15 o 1.7? Rischi più capitale a 1.15 o 1.7 ? La capacità sta nel trovare nei cavalli il Barcellona Granada non la quota, perché non tutte le quote 1.15 nel calcio sono Barcellona Granada e lo stesso vale nei cavalli. In economia ci sono tre tipi di aziende : Quelle che aspettano gli eventi, quelle che li prevedono, e quelle che li fanno accadere.
 

mryouknowme

Nuovo Utente
Registrato
23/10/17
Messaggi
120
Punti reazioni
1
Buongiorno, no è questa la differenza, Barcellona Granada 1.15 di calcio che può non uscire vale a parità nei cavalli 1.6 -1.7 , una corsa di cavalli dura in media un minuto e 30 secondi dipende dalla distanza, la quota nei cavalli è molto più alta, perché la differenza è nel tempo, cioè le persone pensano sbagliando che se c'è un errore del fantino o è una giornata storta del cavallo o qualche altro fattore imponderabile, in un minuto e mezzo non sia possibile rimediare al fato, e quindi il cavallo non vince, mentre nel calcio in novanta minuti più recupero, anche in caso di errore, o di fato, è molto più possibile recuperare all'errore e vincere, sulla carta è così, e per fortuna che la maggior parte delle persone la pensano così, diranno i bookmaker e gli speculatori, invece in realtà quando è una giornata no è no, non vinci e basta, adesso la domanda che ti devi fare è? quante volte Barcellona Granada non esce 1? È più facile recuperare moltissime volte nella stessa giornata e vincere pure a 1.15 o 1.7? Rischi più capitale a 1.15 o 1.7 ? La capacità sta nel trovare nei cavalli il Barcellona Granada non la quota, perché non tutte le quote 1.15 nel calcio sono Barcellona Granada e lo stesso vale nei cavalli. In economia ci sono tre tipi di aziende : Quelle che aspettano gli eventi, quelle che li prevedono, e quelle che li fanno accadere.

Ho capito.. Alla fine il concetto è sempre quello di value bet.. Potresti perdere una o due corse col cavallo quotato a 1,70 ma che in realtà è un Barcellona - Granada, ma nel lungo periodo sarai comunque vincente.. Poi aggiungici anche la tua progressione di Fibonacci e riuscirai anche a recuperare le perdite precedenti.. Il problema nel calcio è nel pre match è quasi impossibile trovare value bet nel pre game, almeno per quanto riguarda gli eventi importanti.. I bookmakers sanno perfettamente che quote assegnare ad ogni evento.. Però come dici tu, una partita dura 90 minuti.. All'interno di questa partita ci sono altre "mini partite", diciamo così.. All'interno di queste mini partite possono succedere cose non previste dal bookmaker, ed ecco quindi che chi è capace di leggere i momenti può trovare tanto valore giocando live... Anche se ultimamente i bookmaker sono molto più veloci di prima a cambiare le quote a partita in corso.. Bisogna avere un tempismo perfetto nel bettare.. Però ripeto, a me piace più il pre game, e dato che so che nel lungo periodo sarò perdente, viste le quote perfette assegnate dai bookies, mi "accontento" di giocare poche partite all'anno.. Quelle poche partite però sono sicuro quasi al 100% di prenderle
 

791500

Nuovo Utente
Registrato
17/4/20
Messaggi
176
Punti reazioni
0
Ho capito.. Alla fine il concetto è sempre quello di value bet.. Potresti perdere una o due corse col cavallo quotato a 1,70 ma che in realtà è un Barcellona - Granada, ma nel lungo periodo sarai comunque vincente.. Poi aggiungici anche la tua progressione di Fibonacci e riuscirai anche a recuperare le perdite precedenti.. Il problema nel calcio è nel pre match è quasi impossibile trovare value bet nel pre game, almeno per quanto riguarda gli eventi importanti.. I bookmakers sanno perfettamente che quote assegnare ad ogni evento.. Però come dici tu, una partita dura 90 minuti.. All'interno di questa partita ci sono altre "mini partite", diciamo così.. All'interno di queste mini partite possono succedere cose non previste dal bookmaker, ed ecco quindi che chi è capace di leggere i momenti può trovare tanto valore giocando live... Anche se ultimamente i bookmaker sono molto più veloci di prima a cambiare le quote a partita in corso.. Bisogna avere un tempismo perfetto nel bettare.. Però ripeto, a me piace più il pre game, e dato che so che nel lungo periodo sarò perdente, viste le quote perfette assegnate dai bookies, mi "accontento" di giocare poche partite all'anno.. Quelle poche partite però sono sicuro quasi al 100% di prenderle

Esatto è proprio così, nel tuo caso specifico tu hai un grandissimo vantaggio di fronte al banco, che giochi pochissimi eventi all'anno, ricordati quello che hai detto giorni fa nell'altra discussione, altro che cena, noi dobbiamo formare un sindacato, immaginati se si unissero le forze, i bookmaker tra di loro si coalizzano, il loro scopo è battere i giocatori, i giocatori tra di loro non si coalizzano, perché ognuno pensa di essere più bravo di un'altro, senza capire che l'unico scopo, deve essere guadagnare sempre di più.
 

jurassic88

Nuovo Utente
Registrato
27/1/17
Messaggi
12.618
Punti reazioni
501
e dato che so che nel lungo periodo sarò perdente, viste le quote perfette assegnate dai bookies, mi "accontento" di giocare poche partite all'anno.. Quelle poche partite però sono sicuro quasi al 100% di prenderle
Sarò io ma non capisco la logica di questa frase.
Giochi volontariamente partite senza valore ma dove sei 'quasi sicuro' di prenderle tutte?
Se sei sicuro di prenderle quasi tutte perchè non alzi gli stake di qualche zero?
Non è che diminuendo il numero delle puntate aumenta la redditività della strategia, stai solo cercando di posticipare le perdite, ah che quelle non hanno fretta.
Se lo fai per hobby ok , lo fanno tutti, ma non penso proprio che i professionisti facciano cosi
 

Camma236

Nuovo Utente
Registrato
23/1/19
Messaggi
322
Punti reazioni
2
Sarò io ma non capisco la logica di questa frase.
Giochi volontariamente partite senza valore ma dove sei 'quasi sicuro' di prenderle tutte?
Se sei sicuro di prenderle quasi tutte perchè non alzi gli stake di qualche zero?
Non è che diminuendo il numero delle puntate aumenta la redditività della strategia, stai solo cercando di posticipare le perdite, ah che quelle non hanno fretta.
Se lo fai per hobby ok , lo fanno tutti, ma non penso proprio che i professionisti facciano cosi

Sono d'accordo con te. Non si tratta di una scienza esatta in cui necessariamente la quota 1.1 risulterà sempre vincente. Motivo per cui chi fa betting a livello serio tende a diversificare molto il rischio. Turnover molto alto e rischio suddiviso su molte giocate. A te deve interessare il profitto nel lungo termine, se uno o due mesi vai sotto non fa nulla. Alzare gli stake di qualche zero non è la soluzione perchè non avrai mai la certezza che quelle poche giocate selezionate saranno sempre vincenti, nemmeno se vai a scegliere la juve, il barca, il bayern e via dicendo. Mio umile punto di vista
 

mryouknowme

Nuovo Utente
Registrato
23/10/17
Messaggi
120
Punti reazioni
1
Vi posto un articolo: Ricerca su 150.000 scommesse: c'e valore solo sulle favorite

Ora, io mica gioco tutte le quote al di sotto dell'1,50.. Quello che faccio io è trovare quote "buone" di squadre nettamente favorite, che so quasi per certo vinceranno il campionato e che in un determinato momento della competizione hanno bisogno di vincere una partita. Io ovviamente mi affido alla mia esperienza maturata negli anni per quanto riguarda la conoscenza dei campionati maggiori, o comunque di quei campionati dove esiste una squadra o al massimo 2 squadre nettamente più forti delle altre.. Prendi per esempio Celtic e Rangers in Scozia o Ajax e PSV in Olanda.
Il campione delle quote al di sotto dell'1,50 di cui si parla nell'articolo non fa al caso mio, è troppo grande. Quello che voglio io è restringere il campione secondo miei determinati parametri. Uno dei parametri, per esempio, è decidere prima dell'inizio del campionato la squadra che vincerà il campionato o comunque la coppia di squadre che si giocherà il campionato fino alla fine vincendo quasi tutte le partite (vedere per esempio Manchester City e Liverpool l'anno scorso o Ajax e PSV in questi anni).. Partendo da questo presupposto e proseguendo con l'analisi, durante la stagione scarto alcune partite che secondo la mia analisi sono "pericolose" in modo tale da far alzare il ROI e portarlo ad un valore decente. Altrimenti, quello che potrei fare è semplicemente puntare sempre lo stesso importo sulla favorita e a fine anno avrò comunque un ROI positivo ma in questo modo mi servirebbe un bankroll enorme per ritrovarmi con un guadagno decente a fine stagione in quanto, se pur il ROI risulterà positivo, sarà troppo basso!
 
Ultima modifica:

Ilmiglioredisempre

Nuovo Utente
Registrato
1/10/20
Messaggi
2
Punti reazioni
0
Siamo pochi fortunati. Sono un professionista dal 2014 e vivo di scommesse. La cosa può sembrare bella ma vi assicuro che la gelosia è tanta. Parenti che non t'invitano più, macchina rigata, posta delle lettere piena di sputi e a volte danneggiata, vicini che prendono l'ascensore senza aspettarti.... Tutte robe che guarda caso ho subito da quando sono diventato uno dei professionisti più bravi d'Europa. Tutti mi hanno chiesto i segreti e io non li ho mai dati.
Ho solo detto di smettere di giocare pre match e dedicarsi alle partite in diretta.

Non parliamo poi della gelosia di altri presunti professionisti che ti screditano appena apri bocca. Mi hanno bannato da tutti i forum scommesse solo perchè mi bullavo dei miei risultati. In un forum inglese mi hanno pure minacciato...
 

Cicciopaccio

Nuovo Utente
Registrato
27/5/04
Messaggi
6.214
Punti reazioni
133
Siamo pochi fortunati. Sono un professionista dal 2014 e vivo di scommesse. La cosa può sembrare bella ma vi assicuro che la gelosia è tanta. Parenti che non t'invitano più, macchina rigata, posta delle lettere piena di sputi e a volte danneggiata, vicini che prendono l'ascensore senza aspettarti.... Tutte robe che guarda caso ho subito da quando sono diventato uno dei professionisti più bravi d'Europa. Tutti mi hanno chiesto i segreti e io non li ho mai dati.
Ho solo detto di smettere di giocare pre match e dedicarsi alle partite in diretta.

Non parliamo poi della gelosia di altri presunti professionisti che ti screditano appena apri bocca. Mi hanno bannato da tutti i forum scommesse solo perchè mi bullavo dei miei risultati. In un forum inglese mi hanno pure minacciato...

Tu dì che lavori per i servizi segreti e che cerchi quelli che vivono di scommesse...
 

Tioppi

Nuovo Utente
Registrato
28/12/14
Messaggi
10.167
Punti reazioni
488
Per i vicini c'è poco da fare.
Per i forum, non sarebbe meglio evitare di bullarsi?
 

paoloconte

StatoliberodiBananas
Registrato
24/7/02
Messaggi
17.327
Punti reazioni
503
Per i vicini c'è poco da fare.
Per i forum, non sarebbe meglio evitare di bullarsi?

in alternativa, dacci delle buone dritte, facci vincere e poi puoi venire qui a bullarti finchè vuoi...:D
ti difenderemo dal ban fino alla morte...:o
 

pelon

Nuovo Utente
Registrato
10/11/20
Messaggi
116
Punti reazioni
0
ciao a tutti, vorrei capire come poter incassare senza problemi dai conti di gioco online, con quale carte,ecc magari da paypal
 

maxbank

"All'apparir del vero tu misera cadesti..."
Registrato
16/5/14
Messaggi
47.714
Punti reazioni
1.125

elabor77

Nuovo Utente
Registrato
19/6/20
Messaggi
1.887
Punti reazioni
76
ciao a tutti, vorrei capire come poter incassare senza problemi dai conti di gioco online, con quale carte,ecc magari da paypal

Non riesco a capire la tua domanda..... Se il bookmakers paga, sono buoni tutti i sistemi di pagamento accettati dal bookmakers
 

pelon

Nuovo Utente
Registrato
10/11/20
Messaggi
116
Punti reazioni
0
ho una db contocarta che dà problemi per i conti da gioco