Ma voi cedete alle inibizioni?

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
La domanda, posta così, sembrerebbe avere una connotazione negativa, quasi che, nel rispondere, sia implicito il rimando a una certa "libertà", che, agendo in voi al momento dell'articolazione, suggerirebbe: "no, di certo non mi lascio inibire, voglio anzi sfrenarmi". Insomma, una certa libertà dice che, in linea di massima, sareste contro la "morale come istinto gregario". Eppure, è vero che per mantenere una certa "igiene" nei modi del pensiero come nella "pratica", una sufficiente dose di inibizione è necessaria, per non assecondare proprio gli "istinti gregarii".
Allora?
 

vezio crisafulli

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
13/5/03
Messaggi
2.025
Punti reazioni
33
ne avrei zero di inibizioni...è che a volte me le auto-procuro (fa tutto la mia capoccia)
 

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
Scritto da MissKim
Scusa, eh, io sono abituata coi numeri, che sono più semplici...puoi esprimere il concetto ad un livello più basso, che so io, con degli esempi, in modo che possa capire anche io?

Thks

I numeri, magari, sono più astratti.
Comunque, in sostanza, non è detto che "tentazione = assoluzione dal freno inibitore" è un concetto univoco.
Ci può essere infatti la necessità di pigiare sul freno (con un esempio: non cedere alla "tentazione" televisiva. Anche se pure qui il carattere dell'enunciato non dovrebbe assumere valore perentorio e prescrittivo, in quanto potrebbe essere affascinante guardarsi mentre si è affascinati)
 

Sex

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
20/5/03
Messaggi
951
Punti reazioni
13
Il tuo discorso è viziato in origine dall'apparentamento con quello sulle tentazioni

La tentazione è ego puro, l'inibizione super-io: ognuno a casa propria

Il super-io non è un nemico, anzi, ci aiuta e ci protegge.
Però è un saputello e un tiranno, crede sempre di sapere quale sia il nostro bene, per cui quando si allarga bisogna mandarlo a ca.gare: è lui che deve servire a noi, non il contrario

Emancipate yourselves from mental slavery, none but ourselves can free our minds...
 

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
Scritto da Sex
Il tuo discorso è viziato in origine dall'apparentamento con quello sulle tentazioni

La tentazione è ego puro, l'inibizione super-io: ognuno a casa propria

Il super-io non è un nemico, anzi, ci aiuta e ci protegge.
Però è un saputello e un tiranno, crede sempre di sapere quale sia il nostro bene, per cui quando si allarga bisogna mandarlo a ca.gare: è lui che deve servire a noi, non il contrario

Emancipate yourselves from mental slavery, none but ourselves can free our minds...

Scusa, Sex, ma il tuo discorso è viziato da "psicanalisi". Non voglio dirti che i critici più severi parlano di "accomodamento" dopo una iniziale apertura verso l'inquietante (Adorno etc..), perché il discorso si farebbe molto lungo. Tuttavia, il concetto di libertà, implicito "nell'essere a casa propria", che per certi versi condivido anche, porta proprio a non "staccarsi" dalle cose, a esserne in un certo senso "dominati".
Secondo me, ci potrebbe essere anche la necessità di "sganciarsi" dal sistema di riferimenti (teoricamente, iniziando con un riferimento, si potrebbe non finire più), "inibendosi", anzi imponendosi un arresto, una fuoriuscita da questo sistema.
 

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
Scritto da MissKim
Va bene...mi hai convinto
Torno ai miei numeri:(

In effetti, numero, realtà e convinzione sono in un riferimento reciproco.
(Sono le 11 e 40)
 

Sex

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
20/5/03
Messaggi
951
Punti reazioni
13
Scritto da nickilist@
Scusa, Sex, ma il tuo discorso è viziato da "psicanalisi". Non voglio dirti che i critici più severi parlano di "accomodamento" dopo una iniziale apertura verso l'inquietante (Adorno etc..), perché il discorso si farebbe molto lungo. Tuttavia, il concetto di libertà, implicito "nell'essere a casa propria", che per certi versi condivido anche, porta proprio a non "staccarsi" dalle cose, a esserne in un certo senso "dominati".
Secondo me, ci potrebbe essere anche la necessità di "sganciarsi" dal sistema di riferimenti (teoricamente, iniziando con un riferimento, si potrebbe non finire più), "inibendosi", anzi imponendosi un arresto, una fuoriuscita da questo sistema.

Non è viziato da psicanalisi (:D :D :D ), ma da altre faccende personali
(Ho provato qualche mese fa a fare psicoterapia per delle crisi di panico, ma mi hanno mandato da una donna e volevo farmela a tutti costi. Soldi buttati :D)

Fuoriuscita da questo sistema di riferimenti?
Purchè sia "compiuta", altrimenti si rischia grosso
 

vezio crisafulli

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
13/5/03
Messaggi
2.025
Punti reazioni
33
siamo pescatori di telline...ne facimmo na ragione, ne facimmo na ragione...:o :rolleyes: :rolleyes: