Maggiordomo europeo cercasi

alturia

Nuovo Utente
Registrato
29/9/02
Messaggi
15.269
Punti reazioni
1.382
Il nuovo mondo cerca
maggiordomi europei



maggiordomo2-1127--U10103999045235nzC-384x450--330x185.jpg

41 mila euro per le “mansioni abituali” di un maggiordomo, con “5-6 giorni di impegno settimanale flessibile”





Vincent Vermeulen ha aperto
una scuola a Bruxelles
“È un mestiere che tira come
ai tempi della regina Vittoria”
marco zatterin


corrispondente da bruxelles
Vincent Vermeulen esibisce con misurata soddisfazione un annuncio appena apparso su un periodico britannico. «Una famiglia facoltosa e in vista», che abita a Londra in un attico a Piccadilly, cerca un maggiordomo per «le mansioni abituali», disposto «occasionalmente» anche a guidare. Si offre un salario di 41 mila euro per i dodici mesi in cambio «di 5-6 giorni di impegno settimanale flessibile» e si richiede la disponibilità a viaggiare una volta l’anno in Sardegna.

«Sono decine le opportunità così - assicura il maestro di cerimonie fiammingo -. È un mestiere che tira come fosse tornata l’epoca vittoriana».
Alla faccia della crisi, sono in tanti a volere un maggiordomo, meglio se europeo. È un segno di classe e distinzione, oltre che di ricchezza. Un tempo erano le blasonate famiglie nobili a ingaggiare un amministratore per le proprie residenze, adesso sono perlopiù cinesi, russi e arabi, persino brasiliani, il che forse ha cambiato lo stile, ma non la sostanza. «Sono un migliaio i maggiordomi che quest’anno sono andati a Pechino - riassume Vermeulen -, è proprio un boom».

Chi fa soldi a palate vuole essere come Bruce Wayne (Batman quando smette la maschera) o la famiglia Crawley di «Downton Abbey», esige un Alfred o un Carson, a seconda della predisposizione tecnologica. Li ha visti sul piccolo e grande schermo, ora non pensa di poterne fare a meno. Ne consegue che la domanda batte l’offerta, almeno in questa nicchia del mercato del lavoro.
Vermeulen, diplomato alla scuola alberghiera Ter Duinen di Koksijde (Fiandre occidentali) è stato lungamente maggiordomo all’estero. Visto l’andazzo, ha deciso di avviare una scuola di formazione per quelli che gli anglofoni chiamano «butler», termine che deriva dal francese «bouteleur», ovvero «colui che regge il calice». Si comincia in settembre a Bruxelles. «Il Belgio ha molto da dare al mestiere - spiega il fiammingo -, una gastronomia di alta qualità e la circostanza di ospitare numerose organizzazioni internazionali, dalla Nato al Parlamento europeo». Nei circoli multinazionali e benestanti, Vermeulen vede un terreno redditizio «per i manager degli eventi di società». Possono essere assunti per giornate singole, come per lunghi periodi; per coordinare una singola serata o per amministrare una grande proprietà: «Puntiamo a un alto standard nelle mansioni tradizionali, ma dobbiamo predisporre gli studenti ad affrontare le sfide della modernità». Un esempio? Il salmone si taglia come un tempo, però il rito dello stiramento del giornale è obsoleto: «Oggi bisogna saper caricare e aggiornare l’iPad».

Non è un mestiere per tutti. Il fondatore della «School for Butlers and Hospitality» intende formare 36 aspiranti Jeeves ogni anno. Ai corsi (in inglese) si arriva dopo aver presentato un curriculum ed essere stati scelti sulla base di referenze e potenzialità. «Se non è il caso, sconsigliamo di tentare l’impresa», assicura Vermeulen, che non ha ancora quarant’anni. Dopo un mese di corso, al prezzo di 6.980 euro, ecco un diploma riconosciuto dal londinese British Butler Institute, l’autorità in materia.
Serve sangue freddo, cortesia, capacità organizzativa, garbo e conoscenza delle lingue. «In effetti il successo di Downton Abbey ha dato popolarità a l ruolo - concede Vermeulen - però ha mostrato l’aspetto più romantico di una storia che, in realtà, sa essere dura».

Bisogna essere bravi e pazienti. Come chi? «Il modello è Anthony Hopkins, Stevens in “Quel che resta del giorno”», risponde il fiammingo. È un esempio di professionalità, diverso da Alec Guinness e il suo Jamesignora Bensignore di “Invito a cena con delitto”». A proposito; e la propensione del maggiordomo al delitto nei romanzi gialli? «Tutte storie - sorride Vermeulem -. È solo letteratura. In realtà non ci sono prove».


La Stampa - Il nuovo mondo cerca maggiordomi europei
 

SixSigmaBrazil

6Σ 6σ 6ς
Registrato
23/7/06
Messaggi
51.643
Punti reazioni
1.002
in italia il penultimo ha preteso di essere nominato senatore a vita.......

pensa te...."""
 

alturia

Nuovo Utente
Registrato
29/9/02
Messaggi
15.269
Punti reazioni
1.382
in italia il penultimo ha preteso di essere nominato senatore a vita.......

pensa te...."""

O forse i tedeschi sono più esigenti dei cinesi?

Per loro, come minimo, un maggiordomo avere la qualifica di senatore a vita, meglio se di premier, e meglio ancora se di PdR.
 

idi-v-jopu

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
24/7/11
Messaggi
15.137
Punti reazioni
284
....che vita di me.rda che fanno....:yes:....
 

Brand New

close-hauled
Registrato
1/1/09
Messaggi
19.265
Punti reazioni
737
La categoria potrebbe sentirsi offesa..:o