Marche di condizionatori

Chi Unque

Nuovo Utente
Registrato
21/3/16
Messaggi
1.943
Punti reazioni
63
Opere edili sala con ripristino e materiali 300 euro--> ci può stare secondo me, deve spaccare la parete e creare una canalina all'interno in modo che non sia visibile dalla sala

Modifica con materiale scarico, foro mobile 90 euro--> deve portare in un bagnetto di servizio una canalina per buttare l'acqua in un lavatoio (non mi pare poco 90 euro)

Ma i due interruttori differenziali sono obbligatori per legge? non credo (non è mica una vasca idromassaggio) poi capisco sezionare con un magnetotermico ma quello ti costa 6 € e non 27 € -->non ti so dire
Lavori elettrici 323 € più altri 85 € solo per allacciare quattro viti dei magnetotermici? azz... ma poi servono davvero 40 metri di cavo elettrico? --> Questo ha stupito anche me mi sembra alto, più alto dei lavori di muratura in sala

3 bombole di azoto... e scommetto che a fine lavoro la bombola con l'azoto rimasto (magari quasi piena) se la portano via.-->non ti so dire
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.279
Punti reazioni
226
Ma poi quei due differenziali dove li piazzano, nel quadro elettrico già esistente?
perchè sono ciccioni e occupano abbastanza spazio, sono questi qui:
https://www.bricoman.it/it/int-magn-diff-gewiss-1p-n-16a-4-5ka-30ma-10011610/

mentre i magnetotermici normali oltre a costare meno sono larghi la metà:
https://www.bricoman.it/it/int-magnetot-gewiss-1p-n-16a-4-5ka-c1m-10011602/

Comunque 40 metri di cavo a 3 fili è inspiegabile, a meno che le unità esterne si trovino dall'altra parte della casa.
 

Chi Unque

Nuovo Utente
Registrato
21/3/16
Messaggi
1.943
Punti reazioni
63
Se non ricordo male il tizio ha commentato che non avrebbe messo gli interruttori nel quadro elettrico esistente, ma potrei sbagliarmi

Le unità esterne saranno su un balcone che da’ sulla sala dove si devono fare lavori di muratura. Quindi a pochi metri
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.279
Punti reazioni
226
Se non ricordo male il tizio ha commentato che non avrebbe messo gli interruttori nel quadro elettrico esistente, ma potrei sbagliarmi
Sì la cosa più logica, dato che rompono il muro nella sala, è quella di inserire in quella stanza un piccolo quadro elettrico dedicato. Però tale oggetto non viene indicato nel preventivo...
 

Legums

Nuovo Utente
Registrato
23/6/22
Messaggi
7
Punti reazioni
0
Non ho valutato grandi catene perchè i prezzi non erano particolarmente concorrenziali, non mi sono mai fidato troppo dei loro servizi di installazione.
 

tira&molla

Nuovo Utente
Registrato
15/11/16
Messaggi
175
Punti reazioni
16
Opere edili sala con ripristino e materiali 300 euro--> ci può stare secondo me, deve spaccare la parete e creare una canalina all'interno in modo che non sia visibile dalla sala

Modifica con materiale scarico, foro mobile 90 euro--> deve portare in un bagnetto di servizio una canalina per buttare l'acqua in un lavatoio (non mi pare poco 90 euro)

Ma i due interruttori differenziali sono obbligatori per legge? non credo (non è mica una vasca idromassaggio) poi capisco sezionare con un magnetotermico ma quello ti costa 6 € e non 27 € -->non ti so dire
Lavori elettrici 323 € più altri 85 € solo per allacciare quattro viti dei magnetotermici? azz... ma poi servono davvero 40 metri di cavo elettrico? --> Questo ha stupito anche me mi sembra alto, più alto dei lavori di muratura in sala

3 bombole di azoto... e scommetto che a fine lavoro la bombola con l'azoto rimasto (magari quasi piena) se la portano via.-->non ti so dire

Il differenziale ha senso in quanto il motore è chiaramente posto all'esterno e con carcassa metallica e se qualcuno tocca la carcassa quando presente un basso isolamento, il pericolo di folgorazione è egualmente presente.
40 mt. di cavo? Plausibile, bisogna vedere dove sono poste le macchine. Da quel che leggo si richiedono 14 mt. del 3x2.5mm. e 25 mt. del 5x1.5mm. Supponiamo che le macchine non abbiano le linee principali in comune, per cui non vicinissime tra loro, le quote debbono essere divise in due, una per ogni macchina portando rispettivamente a 7mt la prima e a 12.5 all'incirca la seconda (obbligatoriamente sdoppiata in quanto il 5x è necessario per il dialogo tra master e slave con conseguente gestione delle segnalazioni oltre alla semplice alimentazione), stesso discorso per i due magneto-termici differenziali, anche qui si presuppone che si trovino in posti distanti tra loro e non sia possibile adoperare un'unica linea per entrambe, viceversa uno può andar bene egualmente almeno a livello di sicurezza, un po meno a livello di comodità. Per terminare, riguardo l'allaccio elettrico, la normativa vuole che si raggiunga se non il quadro generale, almeno la prima scatola di distribuzione disponibile evitando categoricamente, come purtroppo fanno in molti, di allacciarsi sulla prima presa che si trova nelle vicinanze, di fatto leggo in cima alla lista: spina orientabile Vimar bianco, per cui presuppongo si parli di una classica spina maschio la quale verrà usata per dare alimentazione ad almeno una o addirittura ad entrambe le macchine. E in tal caso, si è fatta previa verifica della linea? Questi ove fa capo? Direttamente sulla linea principale di distribuzione? La sezione del cavo è sufficiente alla gestione totale del carico? Trattasi di presa in cascata multipla dove si servono già altri utilizzatori?
Tutti particolari che vanno tenuti bene in considerazione, se si vuole evitare un domani di incorrere in problematiche ben più gravose.
 

Chi Unque

Nuovo Utente
Registrato
21/3/16
Messaggi
1.943
Punti reazioni
63
Grazie
Purtroppo non sono in grado di rispondere alle tue domande :( mi sa che dovrò fidarmi del tecnico e sperare nella buona sorte

Tra le altre cose il tecnico ha detto che dovrò chiamare un elettricista per sostituire una presa e mettere quella da 16 ampere
 

tira&molla

Nuovo Utente
Registrato
15/11/16
Messaggi
175
Punti reazioni
16
Grazie
Purtroppo non sono in grado di rispondere alle tue domande :( mi sa che dovrò fidarmi del tecnico e sperare nella buona sorte

Tra le altre cose il tecnico ha detto che dovrò chiamare un elettricista per sostituire una presa e mettere quella da 16 ampere

Non volendo hai risposto alla domanda più importante. Se il tizio ha fatto specifica richiesta di cambiare una presa con un'altra da 16A, vuol dire che attualmente ve ne è presente una da 10A, questo porta a presupporre che l’impianto elettrico non sia recentissimo in quanto, sebbene le prese da 10A si usino tranquillamente a tutt'oggi, questi vengono sempre installate per ben precisi scopi, lampade del tipo a piantana comandate, bajour sopra il comodino etc. di conseguenza vi potrebbe essere presente un cavo non idoneo al carico da gestire da 1.5 mm2 se non addirittura, nel caso di un impianto pre anni'80 da 1 mm2.
In sostanza la questione non la si può affrontare così, semplicemente suggerendo di sostituire una presa da 10A con una da 16A e poi attaccargli un carico simile senza prima aver verificato cosa vi sia presente a monte. Di certo sappiamo che dopo qualche ora dall'attivazione ci si ritroverà con la linea in rame totalmente squagliata e una bella fiammata!
Interpreta un elettricista ancor prima di dar via al montaggio dei condizionatori e fatti consigliare a riguardo facendo presente quanto concordato e cosa importante, mostrando le schede tecniche dei Cdz ma soprattutto dove e come intendono allacciarsi elettricamente. :)
 

Chi Unque

Nuovo Utente
Registrato
21/3/16
Messaggi
1.943
Punti reazioni
63
Grazie mi stai dando ottimi consigli
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.279
Punti reazioni
226
Il differenziale ha senso in quanto il motore è chiaramente posto all'esterno e con carcassa metallica e se qualcuno tocca la carcassa quando presente un basso isolamento, il pericolo di folgorazione è egualmente presente.
Non è questione di senso, sensazioni o impressioni. E' obbligatorio per legge? Se sì lo si mette, (se no come io sospetto perchè un differenziale 30 mA c'è già nel quadro principale) non lo si mette. Poi non ho capito perchè il rischio folgorazioni debba essere maggiore sui climatizzatori (che solitamente sono collocati in posti sopraelevati poco accessibili) rispetto ad es. alle lavatrici che tranquillamente attacchiamo alla presa a muro a portata di bimbo. Voglio proprio vedere quanti a casa loro hanno sezionato l'alimentazione elettrica delle loro lavatrici con un differenziale dedicato.

40 mt. di cavo? Plausibile, bisogna vedere dove sono poste le macchine.
Te l'ha scritto, l'unità esterna è vicina sta sul balcone a 2/3 metri dallo split.
 

x0x

Nuovo Utente
Registrato
16/2/07
Messaggi
982
Punti reazioni
35
Tra le altre cose il tecnico ha detto che dovrò chiamare un elettricista per sostituire una presa e mettere quella da 16 ampere
Che senso ha installare 2 MT differenziali da 16A ciascuno e poi alimentare le 2 unità da una singola presa di 10A con cavo interno di sezione <= 1.5 mmq a sua volta, ipotizzo, protetto a monte da un MT di 10A?
 

Chi Unque

Nuovo Utente
Registrato
21/3/16
Messaggi
1.943
Punti reazioni
63
Che senso ha installare 2 MT differenziali da 16A ciascuno e poi alimentare le 2 unità da una singola presa di 10A con cavo interno di sezione <= 1.5 mmq a sua volta, ipotizzo, protetto a monte da un MT di 10A?

Bella domanda:mmmm::mmmm:

Sinceramente cominciano a venirmi dei dubbi sul lavoro del tecnico… dovrò chiamare l’elettricista a questo punto e le stesse domande le giro a lui
 

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.279
Punti reazioni
226
Che senso ha installare 2 MT differenziali da 16A
Del differenziale ho già parlato, del MT la parte termica è meno decisiva (vuoi come detto per la presenza di altri MT a monte, vuoi perchè il carico a valle è prestabilito) mentre lo è quella magnetica che limita alla zona interessata gli eventuali danni provocati da un corto.
 

x0x

Nuovo Utente
Registrato
16/2/07
Messaggi
982
Punti reazioni
35
Ho dato una rapida occhiata alla scheda tecnica di un Daikin 9+12K e contrariamente a quanto pensavo ha un consumo max nominale di 6 ampere circa in riscaldamento. Quindi se il cavo elettrico di alimentazione della presa è di sezione 1.5mmq, la presa è posta a breve distanza dal MT da 10A e soprattutto il cavo elettrico viene usato solo da pochi altri dispositivi a basso consumo, l'impianto dovrebbe reggere benché difforme rispetto alle indicazioni del fornitore (sezione del cavo 2.5 mmq). I 2 MT-differenziali da 16A (da 16A non sono troppi?) potrebbero essere utili, ma se non viene verificato il corretto dimensionamento della parte dell'impianto che va dal MT del quadro principale alla presa da 10A da cui viene prelevata la corrente per alimentare il clima, direi che sono sostanzialmente inutili, banalmente perché il cavo di alimentazione collegato alla presa dopo mezz'ora di funzionamento friggerebbe :D e il MT da 10A posto nel quadro principale interromperebbe il flusso di corrente.
 
Ultima modifica:

gianted

Nuovo Utente
Registrato
12/4/14
Messaggi
3.279
Punti reazioni
226
I 2 MT-differenziali da 16A (da 16A non sono troppi?)
Sono troppi anche 10A, io ho messo un MT da 10A per un piano cottura ad induzione 3 fuochi (tot sui 3500W circa) e credimi il MT non è mai saltato (vero è che al max uso 2 fuochi insieme).
Per il clima Daikin che hai citato ci andrebbe un MT più sensibile da 6A (che in pratica scatterà a 8A).
 

tira&molla

Nuovo Utente
Registrato
15/11/16
Messaggi
175
Punti reazioni
16
Non è questione di senso, sensazioni o impressioni. E' obbligatorio per legge? Se sì lo si mette, (se no come io sospetto perchè un differenziale 30 mA c'è già nel quadro principale) non lo si mette. Poi non ho capito perchè il rischio folgorazioni debba essere maggiore sui climatizzatori (che solitamente sono collocati in posti sopraelevati poco accessibili) rispetto ad es. alle lavatrici che tranquillamente attacchiamo alla presa a muro a portata di bimbo. Voglio proprio vedere quanti a casa loro hanno sezionato l'alimentazione elettrica delle loro lavatrici con un differenziale dedicato.

No non è obbligatorio per legge se già l'impianto è protetto come da regola a monte dallo stesso, lo si fa se lo si vuole fare (appunto lo si consiglia... ) per propria comodità e maggior sicurezza, apponendone una versione più sensibile evitando così di lasciare senza energia tutta la casa nel tal caso il cdz interessato vado fuori isolamento, tenendo sempre presente che la macchina è posta all'esterno alla mercè di ogni evento atmosferico.
Comunque vada l'utente non deve certo pendere dalle nostre labbra, come già precedentemente detto dovrà necessariamente interpretare un professionista per il da farsi nel migliore dei modi e soprattutto in sicurezza.
 

x0x

Nuovo Utente
Registrato
16/2/07
Messaggi
982
Punti reazioni
35
Sono troppi anche 10A, io ho messo un MT da 10A per un piano cottura ad induzione 3 fuochi (tot sui 3500W circa) e credimi il MT non è mai saltato (vero è che al max uso 2 fuochi insieme).
Per il clima Daikin che hai citato ci andrebbe un MT più sensibile da 6A (che in pratica scatterà a 8A).
Penso che l'installatore abbia messo in conto 2 MT differenziali da 16A perché il clima daikin dual split, da indicazione del produttore, dovrebbe essere alimentato con un cavo di sezione 2.5mmq. Quindi se il cavo è di 2.5mmq, in coerenza, il MT dovrebbe essere da 16A. Presumo inoltre che l'invito a far intervenire un elettricista non sia solo per far cambiare una presa da 10A a 16A ma per realizzare un collegamento dedicato con filo da 2.5mmq dal quadro generale alla presa... altrimenti il cambio della sola presa elettrica non ha alcun senso.

Ad ogni modo, visto i consumi tutt'altro che elevati dei Daikin (un 12K BTU ha un consumo nominale inferiore a 1000W, un 9K BTU di poco superiore ai 550W) tante precauzioni le trovo un po' eccessive. Per quanto vedo in giro, molti installatori, collegano direttamente l'UE del climatizzatore al cavo di un punto luce da 1.5mmq evitando tracce invasive nell'appartamento a condizione che il cavo sia a breve distanza dal quadro e non alimenti ulteriori dispositivi ad alto assorbimento. Ovvio che un lavoro a regola d'arte, sicuro e stabile richiederebbe un collegamento ad hoc con MT dedicati, ma lavoro, impegno e costo cambiano di molto.
 

Chi Unque

Nuovo Utente
Registrato
21/3/16
Messaggi
1.943
Punti reazioni
63
Proprio in questi in giorni stanno installando i condizionatori. L'elettricista è venuto giorni fa e oltre a cambiare la presa da 10A con quella da 16A ha realizzato un collegamento dedicato al quadro generale, come diceva x0x. Costo 100 Euro... che a me sono sembrati eccessivi ma non ho fatto commenti e ho pagato.
Per quanto riguarda i Daikin non sono ancora funzionanti e sono ancora in corso di installazione, finiranno domani o dopodomani. Ma già adesso ho avuto una sorpresa che francamente ho trovato sgradevole. I Daikin che mi installeranno non sono fatti in Giappone, pur essendo teoricamente di alta gamma, ma sono fatti due nella Repubblica Ceca e uno in Turchia (???). Può darsi che non significhi nulla e che la qualità sia comunque ottima ma personalmente non me lo aspettavo oltre a non essere stato avvertito in anticipo dal venditore, in questo caso Leroy Merlin
 

tbtcot

Nuovo Utente
Registrato
8/6/13
Messaggi
3.829
Punti reazioni
119
Proprio in questi in giorni stanno installando i condizionatori. L'elettricista è venuto giorni fa e oltre a cambiare la presa da 10A con quella da 16A ha realizzato un collegamento dedicato al quadro generale, come diceva x0x. Costo 100 Euro... che a me sono sembrati eccessivi ma non ho fatto commenti e ho pagato.
Per quanto riguarda i Daikin non sono ancora funzionanti e sono ancora in corso di installazione, finiranno domani o dopodomani. Ma già adesso ho avuto una sorpresa che francamente ho trovato sgradevole. I Daikin che mi installeranno non sono fatti in Giappone, pur essendo teoricamente di alta gamma, ma sono fatti due nella Repubblica Ceca e uno in Turchia (???). Può darsi che non significhi nulla e che la qualità sia comunque ottima ma personalmente non me lo aspettavo oltre a non essere stato avvertito in anticipo dal venditore, in questo caso Leroy Merlin

Anche se compri da Daikin sono fatti li.. o in Belgio. Daikin è una multinazionale.... Il mondo è tanto che è cambiato. Per dirti il modello più iconico di Fiat: la 500, la fanno in Polonia. La Tipo mi pare in Turchia. Di fatto spesso su una "tedesca" c'è più Itala che un Fiat
Scusa non è per fare il saccente, ma è una considerazione su come gira il mondo ora.