"Mi manda Rai Tre" e le banche

Mattra

Non sono STATO io
Registrato
30/1/01
Messaggi
15.433
Punti reazioni
1.136
Mi manda Rai Tre - dalla parte del Cittadino

ma perchè non si sono mai occupati delle banche?
Raccontano storie di gente che ha perso soldi in svariati modi: 5.000 euro, 10.000, a volte qualcosa in più ......
ma perchè non parlano mai della devastazione dei risparmi che c'è stata in questi ultimi anni? Ci sono migliaia di risparmiatori che hanno subito perdite di tutto rispetto (in molti casi superiori a 100.000 euro) affidando i propri risparmi (o parte di essi) alle banche.
Ed è una situazione che riguarda milioni di cittadini.
Ma perchè non si occupano di una questione così importante, che riguarda la maggioranza dei cittadini e che è al limite della truffa (dal mio punto di vista va ben oltre)?
Solo una volta la Rai ha trasmesso una puntata su tale argomento ..... alle 23.00 : Report - Il silenzio delle banche (http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=95)

Mandiamo tutti un'email a mimandaraitre@rai.it .

Vediamo cosa succede.
Sarebbe una puntata mooolto interessante.
 
Ultima modifica:
La trasmissione mi lascia, da un po' di tempo a questa parte, totalmente indifferente. Mi sembra - per la verità - che tratti questioni al limite (forse punte di un iceberg) e - diciamolo - abbastanza OVVIE, senza trattare questioni ben più delicate, dove l'incertezza del sistema nel tutelare la parte debole è enormemente più grande. In buona sostanza, prendersela con il truffatore di turno fa audience, ma non elimina tante piccole insidie, situazioni dove il dibattito è molto più aperto e coinvolge interessi più grandi. Non penso che questa critica venga accolta dallo staff della trasmissione: pazienza. C'è internet.
 
Scritto da Verm & Solitair
La trasmissione mi lascia, da un po' di tempo a questa parte, totalmente indifferente. Mi sembra - per la verità - che tratti questioni al limite (forse punte di un iceberg) e - diciamolo - abbastanza OVVIE, senza trattare questioni ben più delicate, dove l'incertezza del sistema nel tutelare la parte debole è enormemente più grande. In buona sostanza, prendersela con il truffatore di turno fa audience, ma non elimina tante piccole insidie, situazioni dove il dibattito è molto più aperto e coinvolge interessi più grandi. Non penso che questa critica venga accolta dallo staff della trasmissione: pazienza. C'è internet.

Forse per non scoparire dalla scena non possono fare diversamente, più semplice è prendersela con il ladro di polli
che con l'organizzazione malavitosa...

ciao
 
Mi ricorderò sempre una puntata sulle polizze unit-linked dove Marrazzo spazientito dal bizantinismo di un funzionario dell'ISVAP gli disse: "scusi ma lei non dovrebbe tutelare anche i diritti dei sottoscrittori di polizze?" e costui rispose che loro dovevano controllare l'operato delle compagnie e che il consiglio che poteva dare era quello di leggere tutti gli articoli della nota informativa prima di firmare ...
 
Indietro