Milano (citta') - Osservatorio mercato immobiliare - Parte V

Ovviamente concordo. Aggiungo solo "e bello".

I quartieri centrali sono più belli esteticamente, poco da fare.
E' come confrontare una sedia o una lampada di plastica di design (Boh, Kartell?) con una IKEA parimateriale. Funzionano uguale, ma le prime sono più belle :D In questo caso è ricerca nel design, mentre nel caso della città c'è un fattore estetico del contesto.

Tendenzialmente d'accordo, ovviamente poi a gusti personali che c'è chi non sopporta le colate di cemento e il fatto che siano solo un po' più eleganti di altre non gli farebbe mai pagare il triplo del prezzo ; ) senza parlare di chi preferisce edifice totalmente nuovi, vitrei, stile grattacielo. Ed ancora, senza sottolineare il fatto che una persona che passa 12 ore in ufficio o in giro, e poi il resto del tempo praticamente a casa e fa qualche uscita al centro, approfitta della bellezza estetica della architettuta esterna del proprio palazzo per, boh, 5 minuti al giorno forse : )
 
Faccio solo notare che nell'insieme "abitanti del semicentro" c'è dentro gente che ha comprato 30/40/50 anni fa o ha ereditato dai genitori/nonni/bisnonni. Il sottoinsieme che devi prendere in considerazione è "persone che hanno comprato in semicentro negli ultimi anni". .

Tanto peggio, nell'ultimo decennio il concetto di posto fisso dovrebbe esser chiaro che non esiste più, quindi chi ha comprato nell'ultimo decennio perché ' vicino al posto di lavoro' è mediamente avrà già cambiato un paio di volte tra sedi e proprio lavoro.

Poi sicuramente c'è chi compra perché, emotivamente, sapere di aver acquistato in una "zona bella" lo fa sentire realizzato, e va bene così, se uno è contento e se lo può permettere non ci vedo nulla di male, non stiamo parlando di un investimento che presuppone delle basi razionali.

Chi ha scritto che c'è qualcosa di male? C'è chi fuma, chi si compra migliaia di euro in armi, chi decine di migliaia di euro per macchine e così via.
 
non sottovalutare questo che scrive cecc88, in quanto è un fenomeno più presente rispetto ad altre città.
In altre grandi città, anche in periferie considerate negative, ci sono tanti bei palazzi, 4/5 piani, moderni, etc.
A Milano la percentuale di "palazzoni" in periferia è molto più marcata.

Poi ovvio: questo non giustifica sempre multipli di prezzo così alti a pochi Km di distanza.
Ma rispetto ad altre città la qualità del costruito tra fuori e dentro è più evidente, e questo influisce anche sulle medie dei prezzi.

Non so, il mio unico background e l'unico che posso considerare comparabile con Milano è Roma, Milano la conosco di sfuggita e mi risulta difficile credere che I palazzi anni 50-80 che inonderanno le sue periferie, siano così peggiori di quelli romani. Per me anche su sto discorso architettonico-costruito si scende molto, molto nel 'cool', nella stessa Roma ci sono condomini in zone semi-centrali più belli esteticamente di quelli di periferia, ma sempre si parla di palazzi di 4-7 piani, spesso senza balcone (e magari qualcuno senza ascensore), che non c'entrano niente ovviamente con palazzi veramente belli da vedere tipo quelli intorno a Piazza Galeno e Via Regina Margherita per capirci. Sinceramente, andando con google maps in zone random di Milano nel semicentro, non c'è proprio niente che mi faccia dire 'wow', simile architettura umbertina per molti parti di Roma.
 
Ho sempre considerato NoLo un "bluff"...il cercare di rendere una zona cool sfruttando la crescita esponenziale del mercato, semplicemente assegnando un nome alla newyorkese ad un quartiere oggettivamente bruttarello...
Credo che, a meno di una nuova inversione del mercato, NoLo rimarrà un bluff...
 
Non so, il mio unico background e l'unico che posso considerare comparabile con Milano è Roma, Milano la conosco di sfuggita e mi risulta difficile credere che I palazzi anni 50-80 che inonderanno le sue periferie, siano così peggiori di quelli romani. Per me anche su sto discorso architettonico-costruito si scende molto, molto nel 'cool', nella stessa Roma ci sono condomini in zone semi-centrali più belli esteticamente di quelli di periferia, ma sempre si parla di palazzi di 4-7 piani, spesso senza balcone (e magari qualcuno senza ascensore), che non c'entrano niente ovviamente con palazzi veramente belli da vedere tipo quelli intorno a Piazza Galeno e Via Regina Margherita per capirci. Sinceramente, andando con google maps in zone random di Milano nel semicentro, non c'è proprio niente che mi faccia dire 'wow', simile architettura umbertina per molti parti di Roma.

No, a Roma le periferie, a livello urbanistico-architettonico, sono più eterogenee e mediamente (quindi togliendo casi estremi) con palazzi esteticamente migliori.
Non parliamo di "effetto wow", ma di normali condomini abitativi.

A Milano, se si escludono le nuove costruzioni (ultimi 10 anni), la presenza di palazzoni grigi stile edilizia popolare (ma del tutto privati), e a volte senza ascensore, è molto più diffusa nelle periferie.
Poi ti parlo solo di stile architettonico dei condomini. Spesso hai comunque spazi verdi, metro o fermate autobus vicine, e raccolta differenziata porta a porta.

Di converso, nel semi-centro non si ha un "effetto wow"; ma almeno non si ha l'impressione di essere in un edificio della DDR.
 
Solo uno che lavoro poco e può godersi la famiglia può pensare che 9 fermate di metro in più non valgano nulla...

Ora, non voglio fare il solito puntiglioso. Ma questa è una bomberata.

20 min di metro sono 20 min di metro, nulla più, nulla meno.

Parlare di lavoro o famiglia per 40 min di mezzi al giorno è surreale. Anche solo lavorando in città è probabile che uno dei due genitori abbia un minimo di mezzi da prendere.

Tu poi sperimenti sulla pelle trasferte di 600 km e lavori a 2h da casa tua con un impegno notevole per cui vieni retribuito bene. I 20 min di metro direi che sono un ottimo compromesso per uno stipendio medio.
 
La risposta alla mia domanda: l’AdE indica se l’appartamento ha un ascensore o no? La tua risposta evasiva fa presumere che era NO. ?

Io ti ho consigliato di comprare un prezzario che non c'entra nulla con i dati ADE. E' evidente che tu non sai manco che è un prezzario.
 
È ignoranza nel senso che non conosce il mercato. Mi sembra evidente in chi confronti Uruguay con Qualsiasi cosa dentro la circonvallazione. Ho letto anche analisi in km: dimostra di non capire un’H dell’immobiliare milanese.

Non voleva essere una critica. Enfatizzavo l'aspetto urbanistico.

Parlando ad esempio della Barona: a ridosso della circonvalla, dove c'è lo IULM ci sono nuove realizzazioni ed è prevista la riqualifica di piazza Bilbao, ma ad oggi l'area è a ridosso di Santader, Lope de Vega ecc., dove abbondano le popolari. La distanza qui ottima, ma soluzione decisamente evitabile per ora (a meno di investimento di lungo termine).
Attraversando via E. Ponti, sempre prossimi alla circonvallazione di Viale Cassala, si entra in via Malaga. Campo rom, problemi vari.

Però ad esempio, sempre lì, la zona tra E Ponti e il Naviglio è un quartierino abbastanza indipendente. Palazzi normali, poco traffico, una piccola comunità di quartiere. Anche a livello sociale è abbastanza a sè rispetto alla classica Barona (Parrocchia, mercato rionale, ecc.).

Per quello dico che la distanza è indicativa, ma essendoci comunque una disomogeneità è poco scalabile linearmente.
 
Tendenzialmente d'accordo, ovviamente poi a gusti personali che c'è chi non sopporta le colate di cemento e il fatto che siano solo un po' più eleganti di altre non gli farebbe mai pagare il triplo del prezzo ; ) senza parlare di chi preferisce edifice totalmente nuovi, vitrei, stile grattacielo. Ed ancora, senza sottolineare il fatto che una persona che passa 12 ore in ufficio o in giro, e poi il resto del tempo praticamente a casa e fa qualche uscita al centro, approfitta della bellezza estetica della architettuta esterna del proprio palazzo per, boh, 5 minuti al giorno forse : )

Ma si, all'atto pratico è quello. Tipo la Ferrari in garage.
 
È evidente che non hai famiglia.

40 minuti al giorno per te sono pochi quando sei fuori casa per 12 ore e 8 ore ne devi dormire (e tendenzialmente i figli alla sera vanno a letto presto).
.

Eh sì, perché tu hai famiglia e figli :o
a quando la prossima sparata?
 
Tu hai anche detto che i prezzi a €7k/mq erano immaginari. Sbigiardato in 10 minuti a suo tempo. :D
Vuoi gli screenshot?

Confermo, prezzi MEDI in quella zona a 7k/mq sono immaginari. Dimentichi sempre una parolina, chissà perché ; )
 
Sei sicuro che parlavi di prezzi medi? Vuoi lo screenshot? :D

Eh sì, come confermato nei messaggi successivi all'unico in cui ovviamente non ribadivo per l'ennessima volta che l'unica cosa di cui ha senso parlare sono i prezzi medi ; )
 
Tu hai anche detto che i prezzi a €7k/mq erano immaginari. Sbigiardato in 10 minuti a suo tempo. :D
Vuoi gli screenshot?

Tranquillo, io ho ingaggiato un geometra per l’acquisto. Posso permettermelo. ;)

acquisto? :eek:
 
Ho sempre considerato NoLo un "bluff"...il cercare di rendere una zona cool sfruttando la crescita esponenziale del mercato, semplicemente assegnando un nome alla newyorkese ad un quartiere oggettivamente bruttarello...
Credo che, a meno di una nuova inversione del mercato, NoLo rimarrà un bluff...

Tendenzialmente concordo.
Da una parte probabilmente era in corso un fenomeno simil-Isola con la crescita di locali e il popolamento degli hipster, dall'altro il nome cool è un modo come un altro per sentirsi meglio a vivere in case bruttarelle.
I locali ovviamente non bastano e per queste conversioni servono interventi pubblici per il decoro e investimenti privati per fare massa critica.
Probabilmente la zona era solo "troppo centrale per essere economica", ma non ho dati in merito, e diversi imprenditori hanno fiutato l'affare creando anche il tam tam di NoLo.
 
È evidente che non hai famiglia.

40 minuti al giorno per te sono pochi quando sei fuori casa per 12 ore e 8 ore ne devi dormire (e tendenzialmente i figli alla sera vanno a letto presto).

Senza considerare che se finisci tardi (dopo le 20) quanti minuti devo aspettare un treno del metro? A me è capitato anche 5/10 minuti

Si vuole stare in centro per poter andare in ufficio in max 15 minuti di motorino. Ovviamente per chi se lo può permettere.

Ha ragione, non ho famiglia.

Ma ho fatto proprio il tuo esempio: hai gli affetti in Veneto, vivi a Milano e lavori molto. Mi dirai: il mio income mi soddisfa e ne vale la pena.
Ora immagino, proprio perché non ho famiglia, che per uno stipendio normale 20 minuti possano essere un compromesso accettabile.

Anzi a dire il vero è un lusso visto che basta vedere i treni come sono solitamente affollati.

20 min di metro con frequenze milanesi non le definirei un grosso sacrificio.

Visto che i 20 min di metro costano magari 200k€ o più, solitamente proprio chi ha famiglia si vende i 20 minuti.
 
Ultima modifica:
Indietro