Milano (citta') - Osservatorio mercato immobiliare - Parte VII

No no, mi basta sapere che te l'ha detto gente che conosce gente che ne sa...
Quindi niente SBOOOM ma BOOOM, questo dicono le slide.

Intanto dal 2011 al 2018 i prezzi sono tendenzialmente rimasti costanti. C'è stata una impennata speculativa da fine 2018 al 2020, e gli strascichi di avvertono ancora oggi.

Aspettiamo lo sblocco dei licenziamenti, la fine della sospensione delle rate e la fine dei sussidi che non potranno durare in eterno e vediamo che bello SBBOOM avremo.
Oggi sono passato in via della spiga ed era una desolazione. Negozi completamente vuoti.
Dove vogliamo andare?.
Che poi cosa vuol dire vuoi mettere il prestigio di vivere in semicentro?....
Quei pochi che ancora avranno un lavoro con lo smart ci penseranno dieci volte prima di indebitarsi a vita per una ciofeca.
Con il commercio on line penso che anche i negozi del centro per come lo conosciamo sono destinati a sparire.
La città diverrà una buona Tunisi...
 
Questo e' solo il tuo pensiero :o

Quanto paga accenture un consulente negli Stati Uniti, in Italia e in UK?

Quanto paga Siemens un ingegnere in Italia o in Germania?

Per ciascuno dei ruoli sopra, quale è il contesto in cui lo straordinario non pagato è la norma?
 
Intanto dal 2011 al 2018 i prezzi sono tendenzialmente rimasti costanti. C'è stata una impennata speculativa da fine 2018 al 2020, e gli strascichi di avvertono ancora oggi.

Aspettiamo lo sblocco dei licenziamenti, la fine della sospensione delle rate e la fine dei sussidi che non potranno durare in eterno e vediamo che bello SBBOOM avremo.
Oggi sono passato in via della spiga ed era una desolazione. Negozi completamente vuoti.
Dove vogliamo andare?.
Che poi cosa vuol dire vuoi mettere il prestigio di vivere in semicentro?....
Quei pochi che ancora avranno un lavoro con lo smart ci penseranno dieci volte prima di indebitarsi a vita per una ciofeca.
Con il commercio on line penso che anche i negozi del centro per come lo conosciamo sono destinati a sparire.
La città diverrà una buona Tunisi...

Hai ragione. Ci siamo....quasi. :D
 
Come sempre, molto ragionevole.

Lo SW per come l'ho percepito dalla mia rete è proprio come l'hai descritto: turni di presenza a rotazione, subito rimossi pasti e straordinari, tanti che ripetono il "tornare finalmente in presenza" come se fosse un impedimento incredibile.

Son convinto che la pandemia accelererà l'implementazione, ma non credo proprio impatterà i prezzi.

Come ho scritto spesso: l'effetto si ha se si permette alle persone di vivere fuori dall'area milanese.
La periferia è quella che rischia di più, proprio in competizione con l'hinterland: scende la necessità dei mezzi comodi e si cercano immobili più grandi e nuovi.
Il semicentro è legato a logiche di prestigio, nessuno sano di mente spende X2 per risparmiarsi 2-3 fermate di metro.

Rispondo direttamente qua alla tua replica al mio precedente messaggio, in realtà mi torna quello che dici in questo messaggio, forse mi sono espresso io male nella naming convention del forum (semicentro, periferia, ecc)
 
Rispondo direttamente qua alla tua replica al mio precedente messaggio, in realtà mi torna quello che dici in questo messaggio, forse mi sono espresso io male nella naming convention del forum (semicentro, periferia, ecc)

Buongiorno a tutti e buon lunedì!!
 
Ci sta :D

Non so poi se sia una regola generale, ma le periferie milanesi sono per la maggior parte costituite da palazzoni e presentano un contesto urbano brutto. Magari non pericoloso o degradato, ma davvero brutto esteticamente, con le logiche dei palazzinari anni 60.

Posso capire chi sceglie di valutare (come Napoli) posti come Milano2, Milano3, quartieri ricchi di Rozzano, Assago, Buccinasco, Cernusco, S.Donato, Peschiera (+ altri che conosco meno).

Ma non ce lo vedo il potenziale acquirente di una casa da 600k in Porta Romana/Venezia, 5 giornate o simili che dirotta le proprie mire verso la periferia per lo SW. :D
 
Ci sta :D

Non so poi se sia una regola generale, ma le periferie milanesi sono per la maggior parte costituite da palazzoni e presentano un contesto urbano brutto. Magari non pericoloso o degradato, ma davvero brutto esteticamente, con le logiche dei palazzinari anni 60.

Posso capire chi sceglie di valutare (come Napoli) posti come Milano2, Milano3, quartieri ricchi di Rozzano, Assago, Buccinasco, Cernusco, S.Donato, Peschiera (+ altri che conosco meno).

Ma non ce lo vedo il potenziale acquirente di una casa da 600k in Porta Romana/Venezia, 5 giornate o simili che dirotta le proprie mire verso la periferia per lo SW. :D

E lo ripeto per l'ennesima volta :rolleyes: quello che verra mancare sara' il flusso dei benestanti delle cittadine dell'hinterland verso il semicentro che ha contribuito in maniera significativa a sostenere le quotazioni.
Eh ti ripeto per l'ennesima volta che non si tratta dei soli cremonesi ma di un gran numero di citta' / cittadine che si trovano entro i 90min di distanza :o
 
E lo ripeto per l'ennesima volta :rolleyes: quello che verra mancare sara' il flusso dei benestanti delle cittadine dell'hinterland verso il semicentro che ha contribuito in maniera significativa a sostenere le quotazioni.
Eh ti ripeto per l'ennesima volta che non si tratta dei soli cremonesi ma di un gran numero di citta' / cittadine che si trovano entro i 90min di distanza :o

Benissimo,
ma almeno prova a giustificare la cosa oltre alle opinioni dei tuoi colleghi o amici.

L'aumento dei prezzi è spinto dall'arrivo di gente che sta fuori dall'area metropolitana e ci va a vivere, aumentando la pressione sui prezzi. I trasferimenti tra città e hinterland sono abbastanza bilanciati in entrambi i flussi, infatti la popolazione del comune di Milano è sostanzialmente la stessa del 2012.

Questo perché per ogni benestante che dall'hinterland va a vivere in città, c'è un 1,x persone che fanno il percorso opposto. (Il pareggio si ottiene con il saldo migratorio, che include stranieri e centro-meridionali senza i quali si avrebbe un calo della popolazione). Se ciò non avvenisse, la popolazione cittadina sarebbe cresciuta sensibilmente.

Da dati ISTAT, la Lombardia ha un saldo migratorio (al netto stranieri) 2014-2019 di circa +22,5k abitanti.
La provincia di Milano, nello stesso periodo, ha un saldo (sempre al netto stranieri) di circa +26k abitanti.

Considerando che MB ha trend di popolazione simili a Milano, le province più periferiche evidenziano saldi (sempre al netto stranieri) abbastanza negativi, mentre soffrono meno quelle tipo Lodi e Pavia, più pendolabili. Le motivazioni possono essere 2:
- i non-lombardi vanno per gran parte verso città lombarde, le quali a loro volta hanno flussi importanti verso Milano;
- i non-lombardi vanno per la maggior parte verso Milano e la sua area metropolitana (inclusa MB).

Ora, al netto degli arrotondamenti, la mia opinione è che la pressione dei prezzi venga per gran parte da gente che vive fuori lombardia.

Questo giusto per discutere su qualche numerica, oltre alle opinioni personali.
 
Benissimo,
ma almeno prova a giustificare la cosa oltre alle opinioni dei tuoi colleghi o amici.

L'aumento dei prezzi è spinto dall'arrivo di gente che sta fuori dall'area metropolitana e ci va a vivere, aumentando la pressione sui prezzi. I trasferimenti tra città e hinterland sono abbastanza bilanciati in entrambi i flussi, infatti la popolazione del comune di Milano è sostanzialmente la stessa del 2012.

Questo perché per ogni benestante che dall'hinterland va a vivere in città, c'è un 1,x persone che fanno il percorso opposto. (Il pareggio si ottiene con il saldo migratorio, che include stranieri e centro-meridionali senza i quali si avrebbe un calo della popolazione). Se ciò non avvenisse, la popolazione cittadina sarebbe cresciuta sensibilmente.

Da dati ISTAT, la Lombardia ha un saldo migratorio (al netto stranieri) 2014-2019 di circa +22,5k abitanti.
La provincia di Milano, nello stesso periodo, ha un saldo (sempre al netto stranieri) di circa +26k abitanti.

Considerando che MB ha trend di popolazione simili a Milano, le province più periferiche evidenziano saldi (sempre al netto stranieri) abbastanza negativi, mentre soffrono meno quelle tipo Lodi e Pavia, più pendolabili. Le motivazioni possono essere 2:
- i non-lombardi vanno per gran parte verso città lombarde, le quali a loro volta hanno flussi importanti verso Milano;
- i non-lombardi vanno per la maggior parte verso Milano e la sua area metropolitana (inclusa MB).

Ora, al netto degli arrotondamenti, la mia opinione è che la pressione dei prezzi venga per gran parte da gente che vive fuori lombardia.

Questo giusto per discutere su qualche numerica, oltre alle opinioni personali.


domanda da ignorante: se il flusso migratorio fa pressione sui prezzi, come mai i prezzi dal 2011 al 2018 si sono tendenzialmente mantenuti costanti e sono esplosi solo dal 2019? nel 2019 c'è per caso stata una invasione di meridionali e di stranieri?
 
domanda da ignorante: se il flusso migratorio fa pressione sui prezzi, come mai i prezzi dal 2011 al 2018 si sono tendenzialmente mantenuti costanti e sono esplosi solo dal 2019? nel 2019 c'è per caso stata una invasione di meridionali e di stranieri?

dal 2011 al 2018 sono calati parecchio, è nel 2020 che sono aumentati bene.

idealista.it

Evoluzione del prezzo delle case in vendita, Milano
Aprile 2021
 
Sono passato ieri davanti all'agenzia immobiliare verde, vicino casa.

La bacheca degli annunci in vetrina era così composta:

- 1/3 sono annunci vecchi di almeno 1 anno con scritto "Venduto"
- 1/3 sono annunci con scritto "Ribasso"
- 1/3 annunci normali

Onestamente tutta questa gran domanda non la vedo.
 
Sono passato ieri davanti all'agenzia immobiliare verde, vicino casa.

La bacheca degli annunci in vetrina era così composta:

- 1/3 sono annunci vecchi di almeno 1 anno con scritto "Venduto"
- 1/3 sono annunci con scritto "Ribasso"
- 1/3 annunci normali

Onestamente tutta questa gran domanda non la vedo.

forse dipende dalla zona, perchè sembra che le vendite attuali sono superiori al 2019.

Mercato immobiliare, come sta andando dopo oltre un anno di Covid | WSI

“Crescono le compravendite immobiliari residenziali nelle città italiane nel primo quadrimestre del 2021, rispetto al 2019. Per il 50,7% degli operatori immobiliari si è registrato un incremento delle transazioni, che si rafforzerà ulteriormente per tutto il 2021”, si legge nel rapporto.

Per il momento prevale una tendenza alla diminuzione dei prezzi: rispetto al 2019 il 31,8% degli agenti rileva un calo contro un 17,1% che vede, al contrario, un aumento ma nel complesso il mercato dovrebbe registrare un aumento dei prezzi dell’1,9 per cento.
 
domanda da ignorante: se il flusso migratorio fa pressione sui prezzi, come mai i prezzi dal 2011 al 2018 si sono tendenzialmente mantenuti costanti e sono esplosi solo dal 2019? nel 2019 c'è per caso stata una invasione di meridionali e di stranieri?

Beh, ovviamente non può essere l'unico fattore. Nel 2011 probabilmente si era nell'anno ultimo di una bolla immobiliare mondiale che ha causato una crisi finanziaria.

Che i prezzi del 2013 fossero uguali al 2018 può essere, ma ho seri dubbi.

L'altro, fortissimo, fattore esogeno è il turismo che a Milano è decollato solo post Expo, lanciando i vari AirBnB.

Il fattore Smart Working non mi sembra legato a flussi turistici, per cui li ho trascurati. Il principale nemico del semicentro è proprio il crollo turistico/studentesco, piuttosto che lo SW.
 
Beh, ovviamente non può essere l'unico fattore. Nel 2011 probabilmente si era nell'anno ultimo di una bolla immobiliare mondiale che ha causato una crisi finanziaria.

Che i prezzi del 2013 fossero uguali al 2018 può essere, ma ho seri dubbi.

L'altro, fortissimo, fattore esogeno è il turismo che a Milano è decollato solo post Expo, lanciando i vari AirBnB.

Il fattore Smart Working non mi sembra legato a flussi turistici, per cui li ho trascurati. Il principale nemico del semicentro è proprio il crollo turistico/studentesco, piuttosto che lo SW.

erano molto piu alti nel 2013.


giugno 2013 euro 3462

giugno 2018 euro 2967

idealista.it
 
Benissimo,
ma almeno prova a giustificare la cosa oltre alle opinioni dei tuoi colleghi o amici.

L'aumento dei prezzi è spinto dall'arrivo di gente che sta fuori dall'area metropolitana e ci va a vivere, aumentando la pressione sui prezzi. I trasferimenti tra città e hinterland sono abbastanza bilanciati in entrambi i flussi, infatti la popolazione del comune di Milano è sostanzialmente la stessa del 2012.

Questo perché per ogni benestante che dall'hinterland va a vivere in città, c'è un 1,x persone che fanno il percorso opposto. (Il pareggio si ottiene con il saldo migratorio, che include stranieri e centro-meridionali senza i quali si avrebbe un calo della popolazione). Se ciò non avvenisse, la popolazione cittadina sarebbe cresciuta sensibilmente.

Da dati ISTAT, la Lombardia ha un saldo migratorio (al netto stranieri) 2014-2019 di circa +22,5k abitanti.
La provincia di Milano, nello stesso periodo, ha un saldo (sempre al netto stranieri) di circa +26k abitanti.

Considerando che MB ha trend di popolazione simili a Milano, le province più periferiche evidenziano saldi (sempre al netto stranieri) abbastanza negativi, mentre soffrono meno quelle tipo Lodi e Pavia, più pendolabili. Le motivazioni possono essere 2:
- i non-lombardi vanno per gran parte verso città lombarde, le quali a loro volta hanno flussi importanti verso Milano;
- i non-lombardi vanno per la maggior parte verso Milano e la sua area metropolitana (inclusa MB).

Ora, al netto degli arrotondamenti, la mia opinione è che la pressione dei prezzi venga per gran parte da gente che vive fuori lombardia.

Questo giusto per discutere su qualche numerica, oltre alle opinioni personali.

Non trovo fondamento con quanto hai scritto con crollo dei valori passati.

bisogna vedere la popolazione del 1980 / 1990.

In quegli anni mi risulta essere almeno un 150K/200K unità in più.
Sono loro che comprano casa oggi.

Quindi, come avevo già detto, i 25/35enni di oggi sono enormemente di più in numero dei loro genitori e nonni.
E sono questi (nipoti) che vanno ad acquistare per vivere vicino alla famiglia.

Oltre ovviamente a chi viene da fuori e chi investe.
 
dal 2011 al 2018 sono calati parecchio, è nel 2020 che sono aumentati bene.

idealista.it

Evoluzione del prezzo delle case in vendita, Milano
Aprile 2021

In sostanza (prendendoli per buoni e considerando la solita media del pollo) 5-7 anni per scendere di 500 €/ mq. , poi un anno per salire di 1000 :mmmm:
 
Indietro