Milano (città) - Osservatorio mercato immobiliare - Parte X

Antonius Full Tilt

Nuovo Utente
Registrato
10/3/08
Messaggi
2.700
Punti reazioni
269
Sono due appartamenti incomparabili in tutto tranne che se hai 23 ML di dollari da spendere l'attico di Brooklyn puoi prenderlo in considerazione, la mansarda da 950k euro mai nella vita, nemmeno per la metà

Alla fine l'hanno venduto a "solo" 15 milioni, ad un ricco mercante d'arte. Nonostante lo sconto, ai tempi (2017, ma magari il record resiste ancora, chi lo sa) era di gran lunga l'appartamento più costoso mai venduto a Brooklyn. Il secondo era poco sopra i 10 milioni.

https://ny.curbed.com/2016/6/21/11996140/dumbo-clocktower-penthouse-pictures-sold
 

cecc88

Ignorante
Registrato
4/1/18
Messaggi
11.569
Punti reazioni
548
Ho controllato e questo "Dumbo" risulta essere un quartiere molto esclusivo.

Già nel 2015 costava quasi il triplo della media di Brooklyn, e il gap credo sia aumentato.

E' una zona estremamente trendy e più cara anche della maggior parte di Manhattan.

Quindi il prezzo molto alto ci può stare, ammetto che il confronto con la mansarda era esagerato.

Al netto dei prezzi che non conosco, quell'area di Brooklyn è proprio da benestanti. Dumbo di per sè è una zona famosa per la foto del Manhattan bridge ed è diventata modaiola, ma ad esempio Brooklyn Heights che è attigua è un'area residenziale bella signorile.
Tutte casette tipiche, zero confusione, pare un quartiere da paesello a 2 passi da Manhattan.

In generale alcune aree di Brooklyn sono più cool (magari non per i turisti al primo viaggio) che non certe zone di Manhattan ormai superinflazionate.
 

cecc88

Ignorante
Registrato
4/1/18
Messaggi
11.569
Punti reazioni
548
Condivido in toto, e aggiungo che il serbatoio degli aiuti di famiglia è sempre pieno e sempre pronto.
Io che vivo poco fuori dal comune di Milano, ho due figli praticamente adolescenti e una net income familiare mensile circa doppia rispetto all'esempio da te citato, mi chiedo troppo spesso come facciano alcuni miei coetanei (fascia 35-45) ad avere uno stile di vita decisamente superiore al mio... con lavori molto normali (i.e. facilmente inquadrabile in un reddito 'normale'). Va da se che io ho le mie fisse e preferisco non buttarli via.

Detto questo, la domanda è, quale sarà la generazione che farà lo 'sboom' e dovrà tirar la chinghia? Quella dei miei figli o quella successiva? Probabilmente quella successiva, perchè i 60+ di oggi hanno accumulato abbastanza.

Quindi il mercato immobiliare per le grandi città come Milano lo vedo ancora bene...

Beh oddio, se gente che prende la metà del tuo income ha un tenore di vita superiore al tuo, significa che hai le braccia cortine :D :D
Perché va bene gli aiuti, ma o appoggiano loro qualche mille al mese i genitori oppure tu spendi molto poco rispetto al tuo income.

Nulla di male, tendo a essere tirchiarello pure io ^^
 

Antonius Full Tilt

Nuovo Utente
Registrato
10/3/08
Messaggi
2.700
Punti reazioni
269
E comunque tornando all'argomento originario, ovvero la mansarda oscena da 1M, c'è un ulteriore anomalia che va sottolineata.

Esistono immobili con gravi difetti che vengono venduti lo stesso a peso d'oro, perchè l'idea è di darli in locazione a tanti inquilini o usarli per affitti brevi. Mi riferisco ad esempio alcuni seminterrati presentati in passato in questo thread.

Qui per come è fatto l'immobile sembra molto più difficile, e nonostante ciò il prezzo è altissimo. Sembra una fregatura e basta.
 

kisono

Nuovo Utente
Registrato
29/8/12
Messaggi
1.928
Punti reazioni
74
Il problema è la soverchiante preponderanza degli interessi di una sola parte, i pensionati, specchio della politica del paese


Si parla tanto di Milano città di lavoratori ma in realtà è solo una città di rentiers

Qualcuno li dovrà pure mantenere questi rentiers
 

umiki

Nuovo Utente
Registrato
28/4/14
Messaggi
1.949
Punti reazioni
59
cimiano com'è come zona? la parte vicina alla stazione della metro
 

bankomatto

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
108
Punti reazioni
21
cimiano com'è come zona? la parte vicina alla stazione della metro

Ciao, non è malvagia. Io mi terrei "lontano" da via padova, massimo massimo via derna. Dall'altra parte buone le zone dove ci sono il liceo e gli ITS o anche vicino la stazione dei carabinieri.
Ovviamente più ti avvicini a Udine più la zona migliora.
 

umiki

Nuovo Utente
Registrato
28/4/14
Messaggi
1.949
Punti reazioni
59
Ciao, non è malvagia. Io mi terrei "lontano" da via padova, massimo massimo via derna. Dall'altra parte buone le zone dove ci sono il liceo e gli ITS o anche vicino la stazione dei carabinieri.
Ovviamente più ti avvicini a Udine più la zona migliora.

grazie
mi piace molto la zona di piazza udine, purtroppo i prezzi sono saliti vertiginosamente...
tra via palmanova e via derna invece qualcosa si trova a prezzi piu' ragionevoli
 

bankomatto

Nuovo Utente
Registrato
19/9/22
Messaggi
108
Punti reazioni
21
grazie
mi piace molto la zona di piazza udine, purtroppo i prezzi sono saliti vertiginosamente...
tra via palmanova e via derna invece qualcosa si trova a prezzi piu' ragionevoli

Di nulla. Si confermo, io abito proprio in quella zona e al momento secondo me ci sono prezzi proprio fuori di testa.
Se stai tra via derna e palmanova vai bene ;)
 

barbabu

Nuovo Utente
Registrato
22/7/10
Messaggi
43
Punti reazioni
1
Osservatorio immobiliare

Mi sa che non la compro più a Milano, mi tengo il mio monolocale e la liquidità e forse la compro in Toscana in un piccolo borgo con aria più vivibile e da sfruttare per buona parte dell'anno.
 

ParrotCay

Nuovo Utente
Registrato
12/7/19
Messaggi
143
Punti reazioni
4
Beh oddio, se gente che prende la metà del tuo income ha un tenore di vita superiore al tuo, significa che hai le braccia cortine :D :D
Perché va bene gli aiuti, ma o appoggiano loro qualche mille al mese i genitori oppure tu spendi molto poco rispetto al tuo income.

Nulla di male, tendo a essere tirchiarello pure io ^^

Ma no dai, diciamo che sto esagerando. Più che altro, sono una persona attenta a certe cose, non mi dimentico che 15 anni fa vivevo con net income familiare inferiore ai 3k, e la mia gestione delle spese è rimasta la stessa; da qui sono in grado di dire che a naso più della metà del ceto 'medio' ricade in una delle due opzioni. Tira a fine mese senza avere un fondo personale per imprevisti, oppure sfrutta la generazione precedente.
 

reganam

Nuovo Utente
Registrato
19/11/09
Messaggi
21.813
Punti reazioni
384
Cioè 7k al mq per stare a 200m da Piazza Ferrara e Angilberto II ?

Bellissimo

Dopo il virus il terrazzo lo valutano come il coperto.
oltretutto l agenzia e' in zona quindi prezzi li conosce benissimo.
 
Ultima modifica:

dnedelko

Nuovo Utente
Registrato
22/11/22
Messaggi
1
Punti reazioni
0
Che prezzi...
stavo esplorando delle zone sulla verde vicino alla loro rispettiva metro, ai poli opposti, per essere comunque ancora ad un tempo decente da centrale o cadorna.
Udine da un lato, e Piazza Abbiategrasso dall'altro. Scelte anche perché relativamente più cheap rispetto alle vicini Lambrate/Piola e Romolo/Famagosta.

Non che ci sia tutto sto ben di dio, e soprattutto a prezzi onesti...anzi..

Udine da idealista viaggia sui 4 al mq con solo una manciata di annuncio https://www.idealista.it/aree/vendi...&shape=((yjttG_jjw@sTg]]kVxd@gJhIrS_BvXqUnQ))

Abbiategrasso sopra i 3.8 al mq https://www.idealista.it/aree/vendi...esc&shape=((a}htGke_w@u@mgAla@XlGnONvu@uh@J))
anche se ha molta più scelta soprattutto per trilo e quadri
 

cecc88

Ignorante
Registrato
4/1/18
Messaggi
11.569
Punti reazioni
548
Dopo il virus il terrazzo lo valutano come il coperto.
oltretutto l agenzia e' in zona quindi prezzi li conosce benissimo.

Probabilmente l'agenzia ha fatto le sue valutazioni, ma non mi pare siano i prezzi di zona.
 

tlo

Nuovo Utente
Registrato
4/7/18
Messaggi
787
Punti reazioni
58
Con coetanei immagino tu ti riferisca ai giovani lavoratori, dai 25 ai 40.

La mia personale opinione è che oltre all'effettiva mutazione della società post anni 80, si tenda un po' a sottovalutare quanto la gente stia bene.

E con bene intendo un benessere diffuso nel Nord Italia (o meglio, nello spicchio che ho vissuto), almeno per il mio occhiometro, che non si riferisce ai soliti "ricchi" ma a una fascia ben più estesa di persone.

Come avrò detto molte volte, vengo da un paesello tra Lodi e Milano, non certo l'area più ricca della Lombardia. Nella mia vita tra amici storici, frequentazioni al bar, compagni di classe e università, ecc. ho un po' raccolto diverse esperienze di vissuto.

Se devo essere sincero, la mia personale idea è che di soldi ce ne siano ben più di quelli che si leggono in certi discorsi. Diversi più o meno anziani con pensioni di tutto rispetto e zero spese, taccagni fino al midollo, che sostanzialmente accumulano. Un esempio è un amico di famiglia, 70 anni, ex-agricoltore che ha recentemente venduto tutta la baracca per una cifra poco sopra il milione per ritirarsi in un appartamentino a Lodi, nemmeno centrale. Mai in vacanza, mai fuori a mangiare o quasi.
Per stare sulla fascia giovane, inutile ripetere la tendenziale mediocrità degli stipendi, ma se poi mi fermo a far due conti in tasca altrui, su un campione di circa 30 amici "del paesello" (15 + morose/mogli) una metà abbondante s'è trovata o la casa o un versamento per l'acquisto della prima.
Massimo 2-4 non fanno vacanze e/o hanno limiti nel numero di uscite, mentre il resto non disdegna hobby (7-8 hanno la moto, qualcuno spende l'equivalente in padel), vacanze (2k/cad minimo per quelle lunghe+weekend assortiti), mangiar fuori (una buona metà >1 volta a settimana), oltre a vestire non certo esclusivamente lowcost.

Questo per dire che la società feudale è bella estesa e chi più chi meno ha le sue eredità/regalie, non parliamo di una piccola élite di fortunelli. Esistono certamente nicchie di ricchezza importanti, ma io faccio riferimento a gente normalissima figlia di gente normalissima.
Quando ci si chiede perché, anche a Milano, i ristoranti sono pieni.. beh rispondo che attorno a Milano di casi come quelli citati dove una coppia arriva abbastanza facilmente a 3,5-4k netti x13 e non paga la casa (e magari ha supporto genitoriale coi figli o altro) ce n'è abbastanza.

Se poi consideriamo la crescente denatalità, è abbastanza ragionevole pensare che queste ricchezze vadano a concentrarsi in un numero minore di individui.

Tra giovani ben sostenuti e meno giovani ben patrimonializzati non vedo chissà quale massa di individui interessata a sovvertire il sistema, almeno qui al Nord.


Come questo impatti il mercato milanese non lo so. O meglio, credo sia un fattore presente da parecchio tempo che non influenza le variazioni di breve termine.

Condivido tutto e aggiungo una notazione.

Oggi moltissimi nella fascia under40 vive al di sopra della proprie reali possibilità e finanzia quello che non può permettersi erodendo il capitale di famiglia.

Questo stile di vita e queste condizioni dei salari portano a diverse conseguenze:
- si erode il capitale invece di ampliarlo. Ai propri figli non si darà quanto si è ricevuto.
- pur di non mettere in discussione il proprio stile di vita non si fanno figli o se ne fa solo 1.

Prima o poi i soldi accumulati finiscono. Non si può vivere sereni se il proprio reddito è basso.

La priorità in questo quadro dovrebbe essere l'aumento dei salari e un aumento vero degli strumenti a sostegno dell natalità.

Purtroppo temo che dovrò continuare vedere colleghi che guadagnano 1.600 euro e che passano il tempo fuori a cena o in vacanza a mykonos con i soldi del papi.
 

Mauri512

In ferie ci vanno i poveri
Registrato
14/1/13
Messaggi
2.269
Punti reazioni
74
Condivido tutto e aggiungo una notazione.

Oggi moltissimi nella fascia under40 vive al di sopra della proprie reali possibilità e finanzia quello che non può permettersi erodendo il capitale di famiglia.

Questo stile di vita e queste condizioni dei salari portano a diverse conseguenze:
- si erode il capitale invece di ampliarlo. Ai propri figli non si darà quanto si è ricevuto.
- pur di non mettere in discussione il proprio stile di vita non si fanno figli o se ne fa solo 1.

Prima o poi i soldi accumulati finiscono. Non si può vivere sereni se il proprio reddito è basso.

La priorità in questo quadro dovrebbe essere l'aumento dei salari e un aumento vero degli strumenti a sostegno dell natalità.

Purtroppo temo che dovrò continuare vedere colleghi che guadagnano 1.600 euro e che passano il tempo fuori a cena o in vacanza a mykonos con i soldi del papi.

quoto 101%
purtroppo i modelli imposti ai millenial dai social portano a questo
o meglio, questa tendenza già c'era anche per i nati diciamo post 1980/1990, ma è accelerata ulteriormente nell'ultimo decennio...
 

cecc88

Ignorante
Registrato
4/1/18
Messaggi
11.569
Punti reazioni
548
Condivido tutto e aggiungo una notazione.

Oggi moltissimi nella fascia under40 vive al di sopra della proprie reali possibilità e finanzia quello che non può permettersi erodendo il capitale di famiglia.

Questo stile di vita e queste condizioni dei salari portano a diverse conseguenze:
- si erode il capitale invece di ampliarlo. Ai propri figli non si darà quanto si è ricevuto.
- pur di non mettere in discussione il proprio stile di vita non si fanno figli o se ne fa solo 1.

Prima o poi i soldi accumulati finiscono. Non si può vivere sereni se il proprio reddito è basso.

La priorità in questo quadro dovrebbe essere l'aumento dei salari e un aumento vero degli strumenti a sostegno dell natalità.

Purtroppo temo che dovrò continuare vedere colleghi che guadagnano 1.600 euro e che passano il tempo fuori a cena o in vacanza a mykonos con i soldi del papi.

Quello che tu dici è sicuramente corretto dal punto di vista morale. Probabilmente è anche corretto per dare una certa indicazione di policy al governo.

Parlando però del mercato immobiliare, tendo a non concordare troppo con le seguenti espressioni:

pur di non mettere in discussione il proprio stile di vita non si fanno figli o se ne fa solo 1.
Questa è una sorta di autoassoluzione che circola nel mondo occidentale, come a dire "non facciamo più figli però non è colpa nostra".

Banalmente io credo la società sia evoluta in maniera tale (da una parte l'offerta di innumerevoli esperienze/svaghi/attività e dall'altra la crescita dell'occupazione femminile) da non avere tutta sta passione per il figliare.
Il fatto di avere più o meno soldi a disposizione non cambia molto nella scelta, forse forse per quelli che hanno sostanzialmente la possibilità di delegare pagando una buona fetta di mansioni genitoriali.
Dalla mia esperienza vedo che i giovani hanno solamente altre priorità (studiare, dedicarsi alla carriera, seguire passioni, scoprire il mondo e anche fare i vitelloni :D) posticipando quella che di fatto è la principale assunzione di responsabilità nella vita.

Prima o poi i soldi accumulati finiscono. Non si può vivere sereni se il proprio reddito è basso.

Si e no. Io non mi riferisco a gente che vende l'anima per lo stile di vita, ma a persone che comunque hanno un delta entrate-uscite positivo.
Come dicevo, una coppia di impiegati che non paga la casa (e che magari gode di supporto genitoriale per altro, vedi babysitting, regali generosi, ecc.) e magari l'automobile (per un qualche anno) probabilmente si può permettere lo stesso stile di vita di un'altra coppia con redditi maggiori, ma senza alcun supporto.

La coppia "con aiuto" potrà quindi divertirsi i primi anni di carriera, ma anche accumulare patrimonio, mentre l'alternativa senza aiuto si troverà a pagare affitti, avendo sia meno soldi da spendere che da risparmiare.

Prendo 2 miei amici del paese, stipendio a occhio di 35-36k lui e lei credo sotto i 30k, bilocale in omaggio. Gente che nella vita ha speso 0 in affitti, ora cerca casa più grande. Con oltre 10 anni di lavoro a testa compreranno casa nuova sempre in provincia e affitteranno l'altra.
Un giorno i genitori non saranno più in vita e lui unico erede si beccherà anche la loro da vendere/affittare.

Ora, non dico che si creino le milionate di ricchezza, ma una coppia così non vedo perché tra 20-30 anni "normali" (perché gli eventi avversi possono sempre capitare) non debba essere in grado di dare altrettanto supporto ai propri figli.

Spesso ci scorda che gli italiani sono popolo di patrimonializzati.