Milano (città) - Osservatorio mercato immobiliare - Parte XIII

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Da qua sembra un bagno di sangue Andamento del mercato immobiliare dal 2008 ad oggi


Il grafico postato da @rentier64 mostra che i soldi li sta facendo chi ha comprato a Bologna e Milano nel 2015/16. Gli altri nemmeno hanno protetto il capitale nominale.
io cmq intendevo solo è soltanto grandi citta, realta che conosco, di certo non opterei come investimento in qualche paesino sperduto. Penso che le citta siano andate meglio, poi a vederli velocemente sembrano numeri a netto del inflazione, quindi anche se moltissime sono in perdita, credo che sia stato cmq meglio di aver tenuto i soldi sul conto. Quelli sembrano praticamente dimezzati dal 2020 fino ad oggi.

Poi io parlo dal punto di vista "milanese" mi piace pensare che sono molto familiare con questa realtà.
 
io cmq intendevo solo è soltanto grandi citta, realta che conosco, di certo non opterei come investimento in qualche paesino sperduto. Penso che le citta siano andate meglio, poi a vederli velocemente sembrano numeri a netto del inflazione, quindi anche se moltissime sono in perdita, credo che sia stato cmq meglio di aver tenuto i soldi sul conto. Quelli sembrano praticamente dimezzati dal 2020 fino ad oggi.

Poi io parlo dal punto di vista "milanese" mi piace pensare che sono molto familiare con questa realtà.
Quei numeri mi sembrano netti.

Immobiliare.it dice che i prezzi a Milano sono 5340€/m2, mentre nel 2016 erano 3650€/m2. Ovvero, un aumento del 46,3%.

La storia del grafico postato da @rentier64 è simile. Per Milano, fatto 100 il prezzo del 2012, nel 2016 il prezzo era 86,4, mentre nel 2022 il prezzo era 128,1. L'incremento percentuale è quindi pari a 48,2%.
1701618561760.png
 
Quei numeri mi sembrano netti.

Immobiliare.it dice che i prezzi a Milano sono 5340€/m2, mentre nel 2016 erano 3650€/m2. Ovvero, un aumento del 46,3%.

La storia del grafico postato da @rentier64 è simile. Per Milano, fatto 100 il prezzo del 2012, nel 2016 il prezzo era 86,4, mentre nel 2022 il prezzo era 128,1. L'incremento percentuale è quindi pari a 48,2%.
Vedi l'allegato 2960913
Tra le pieghe dei numeri si annidano aspetti quasi sconcertanti.
Ad esempio, a me fa impressione che Palermo (ovvero Sicilia, pieno Sud, l'isola da cui tutti emigrano, ecc.), e anche Napoli, e ancor più Bari, abbiano fatto meglio di Roma (bene o male la Capitale). :mmmm: :rolleyes:
 
Tra le pieghe dei numeri si annidano aspetti quasi sconcertanti.
Ad esempio, a me fa impressione che Palermo (ovvero Sicilia, pieno Sud, l'isola da cui tutti emigrano, ecc.), e anche Napoli, e ancor più Bari, abbiano fatto meglio di Roma (bene o male la Capitale). :mmmm: :rolleyes:
Roma sta subendo un degrado spaventoso da diversi anni.
per dire, c è adesso su la7 cecchi paone che dice che a Roma non riesce a fare i vaccino covid e antinfluenzale perchè ne sono sprovvisti e allora vuole farlo. a milano. dove è disponibile a chiunque.

Degrado Roma, la denuncia di Anna Foglietta: “Città ridotta in stato vergognoso”
 
Roma sta subendo un degrado spaventoso da diversi anni.
per dire, c è adesso su la7 cecchi paone che dice che a Roma non riesce a fare i vaccino covid e antinfluenzale perchè ne sono sprovvisti e allora vuole farlo. a milano. dove è disponibile a chiunque.

Degrado Roma, la denuncia di Anna Foglietta: “Città ridotta in stato vergognoso”
Secondo me Roma è troppo grande, proprio geograficamente intendo.
A volte mi chiedo come sia materialmente possibile per un'unica amminstrazione centrale occuparsi dei dissesti idrogeologici a Monteverde o Villa Bonelli, dell'acqua corrente che manca da sempre (e tuttora) in un'infinità di ultraperiferie che assomigliano a piccoli paesi autonomi, del decoro urbano nel Centro storico, del traffico sulla Tangenziale o per i pendolari che arrivano letteralmente da Nord, da Sud, da Est (forse giusto da Ovest no), trovandosi tutti imbottigliati, dello sfalcio delle erbacce in decine e decine di aree verdi che spaziano dalle immense ville storiche fino ai parchetti di quartiere, della famigerata monnezza, e così via.
Nessun sindaco potrà mai realmente avere centomila occhi per tenere sotto controllo tutto questo.
Svariate centinaia di chilometri quadrati imporrebbero che i cosiddetti attuali Municipi e mini-sindaci fosse subcomuni e sindaci a tutti gli effetti, con poteri, dotazioni economiche e di personale del tutto simili a quelli di Gualtieri, per capirsi.
Il quale dovrebbe occuparsi solo e soltanto della grandi decisioni e dei grandi processi evolutivi, quelli strategici per l'intera città: un sindaco che, ad esempio, dopo una candidatura all'Expo si occupa in prima persona ogni santo giorno di questo; o del termovalorizzatore. Oppure dello snodo di Roma Pigneto tra metro, ferrovia e tram, una vicenda assurda dove sono andate deserte tre gare (in quanto impossibile rispettare i tempi di realizzazione entro il Giubileo) mentre nel frattempo l'area è stata chiusa già da due anni, facendo impazzire inutilmente il traffico per lavori mai partiti e che ancora non si sa se e quando mai partiranno.
Queste sono le cose su cui un super-sindaco di Roma dovrebbe vigilare: non è possibile che invece, ad esempio, perda tempo a farsi fotografare di notte col metro in mano mentre misura i centimetri di profondità dell'asfalto che stanno rifacendo a Viale Trastevere, un banalissimo cantiere tra mille, per poi mettere la foto su Facebook...è ridicolo.
Così come non è possibile che i dipendenti del Comune si dimettano in massa per passare ad altre Amministrazioni perchè gli stipendi comunali sono da fame: cosa si può pensare che combinino i rimanenti che restano ?
Roma è impelagata in una farraginosità inaudita, dove la cura del particolare non potrà mai realmente avvenire da parte di un'amministrazione così centralizzata e distante.
 
Ultima modifica:
Mah, a me pare follia. Io sono convinto che non assisteremo a cali importanti ma trovo francamente incredibile questa salita continua.
in realtà è una illusione monetaria.
Da ottobre 2020 a ottobre 2023 non ha neppure recuperato l'inflazione. Sì lo so, neanche i lavoratori hanno avuto aumenti consistenti, ma ciò non toglie che i prezzi delle case siano sostanzialmente fermi (lieve calo) se parliamo di prezzi reali.
E' un po' come quando negli anni 70 sui bot si prendevano cedole del 10% con una inflazione al 13%.
 
Ultima modifica:
Quei numeri mi sembrano netti.

Immobiliare.it dice che i prezzi a Milano sono 5340€/m2, mentre nel 2016 erano 3650€/m2. Ovvero, un aumento del 46,3%.

La storia del grafico postato da @rentier64 è simile. Per Milano, fatto 100 il prezzo del 2012, nel 2016 il prezzo era 86,4, mentre nel 2022 il prezzo era 128,1. L'incremento percentuale è quindi pari a 48,2%.
Vedi l'allegato 2960913
Stranamente mi ci ritrovo abbastanza nel grafico di Tecnocasa postato da @rentier64
Da quel grafico si vede un -14% è già successo in tre/quattro anni dal 2012 al 2015 tra l'altro con una inflazione bassissima nel periodo.
Sarebbe interessante sapere se ci sono dalla stessa fonte anche i dati degli anni precedenti, credo che il calo dei prezzi sia iniziato nel 2010, giusto per capire un calo possibile in caso di forte crisi immobiliare.
 
20 anni fa era 8va, 2 anni fa era 13esima, adesso è 35esima, è un crollo.

Qualità della vita 2023: come si è posizionata Roma dal 1990 a oggi | Il Sole 24 ORE
Impressionante.
Anche in senso letterale, nel senso che - per una volta - i numeri confermano appieno le impressioni "a pelle".
Ma quindi cio' significa anche che in pratica è stato esattamente Gualtieri (proprio il sindaco pd) ad "ammazzarla".
E si che fino appunto a 2 anni non passava giorno senza dire per qualsiasi cosa che fosse "colpa daaaa Raggi" e che fare peggio di lei fosse impossibile.
Lo si è visto...facendo DIECI volte peggio di lei.
 
Ho letto l'articolo e devo dire che difficilmente, in vita mia, credo di aver mai letto un titolo così fuorviante rispetto al contenuto.
Ma veramente da non credersi.
Il succo è che il 60% in una sola classe di età nettamente minoritaria (quella 45-54 anni) "prende in considerazione l'ipotesi di trasferirsi". La mera "ipotesi" !
Mentre la maggioranza sia dei più giovani sia dei più vecchi neanche ci pensa.
Eppure, il titolo diventa che il 60% (tout court) valuta il trasloco...come dire, se non oggi domani.
Bah !
 
Ultima modifica:
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro