mINUSVALENZE

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

Giuppy

Nuovo Utente
Registrato
9/9/01
Messaggi
775
Punti reazioni
55
Avrei bisogno di un chiarimento dagli esperti che certamente ne sanno molto più di me sulla tassazione degli strumenti finanziari e in particolare sulla gestione delle minusvalenze.

Espongo il problema.
Tempo fa ho sottoscritto tramite promotore finanziario (un co****ne patentato) una serie di SICAV autorizzate UE senza aprire un conto.
Il promotore mi ha detto che queste SICAV finiscono su una posizione di un DA cumulativo gestito dalla SIM per conto dei suoi clienti (sarà verò?).
Cmq il problema è che su alcune di queste SICAV, per dolo mio e colpa del promotore che non si è degnato di una tel in tutto questo tempo, ho maturato delle minusvalenze consistenti mentre su altre ho delle plusvalenze.
E' mia intenzione chiudere la posizione con questa SIM e migrare da un'altra parte.
Quello che chiedo è: le minusvalenze che verranno maturate al momento della perdita sono perse?
Se faccio solo degli switch perdo ugualmente le minusvalenze?
Come mi devo comportare visto che il promotore dice che sulle SICAV in guadagno pago il capital gain e sulle SICAV in perdita perdo tutto?
Cambierebbe qualcosa se facessi un trasferimento titoli verso un operatore online delle quote di SICAV in mio possesso?

Grazie e spero di essere stato chiaro.

Ciao
Giuppy
 
1) Lascia perdere il piazzista finanziario: ogni sua parola non la valutare più.

2) Se l'intenzione è quella di non vendere le quote, la cosa migliore è trasferirle presso un altro intermediario: al momento della chiusura del rapporto, il primo intermediario rilascerà certificazione ai fini fiscali delle minusvalenze, che dovrà essere consegnata al nuovo intermediario. Le minusvalenze fiscali, infatti, non vanno perse, ma si possono trasferire ad altro conto. Resta sempre valido il discorso che esse si possono portare in detrazione dalle future plusvalenze per l'anno in cui si sono realizzate ed i 4 successivi.

3) Informati su eventuali costi per il trasferimento delle quote: spesso gli intermediari rimborsano il costo trasferimento ai nuovi clienti (Imiweb sconta del 15% le commissioni di gestione fino al 31 dicembre, ad esempio), comunque è un extra, non la prassi.
 
Ciao Voltaire
sto per chiudere un conto con una sim con la quale ho accumulato qualche milione di perdita (eh bisogna pure imparare:D), posso quindi chiedere il certificato delle minusvalenze e trasferirle sul conto che utilizzo attualmente?
 
Certamente: unica condizione è la chiusura del rapporto titoli (o dei rapporti, se più di uno).

Il certificato viene rilasciato dopo un po' di tempo, per permettere i conteggi.
 
Indietro