Modifica art.72 11522: e quindi?

marcotrader

Nuovo Utente
Registrato
23/11/01
Messaggi
237
Punti reazioni
2
Una delle recenti modifiche alla 11522 Consob riguarda l'art.72 sulla promozione e collocamento.

In particolare:

"1. Il presente Libro disciplina la promozione e il collocamento di servizi di investimento, di strumenti finanziari e di altri prodotti finanziari da parte di soggetti abilitati, realizzati mediante tecniche di comunicazione a distanza che consentano di stabilire un contatto con i singoli investitori:

a) con possibilità di dialogo o altre forme di interazione rapida;

b) anche senza possibilità di interazione rapida, qualora i documenti o i messaggi inviati presentino contenuto negoziale (o comunque non si limitino ad enunciare le qualità e le caratteristiche del soggetto offerente, dei servizi di investimento o degli strumenti finanziari offerti). "

Tra parentesi il pezzo eliminato.

Utilizzando anche la comunicazione Assosim avrei capito questo:
- ogni volta che instauro un dialogo o altra forma di interazione rapida con un cliente, configuro promozione/collocamento;
- in mancanza di dialogo o interazione rapida configuro promozione/collocamento solo se il messaggio propone la vendita di un prodotto;

Quindi: un messaggio non avente contenuto negoziale e non comunicato tramite dialogo o interazione rapida non configura promozione/collocamento.

Vorrei un vostro chiarimento su:
- cosa si intende per forme di interazione rapida;
- quali sono le forme di comunicazione diverse da dialogo e forme di interazione rapida;
- cosa si intende per messaggio che presenta contenuto negoziale;
- quali sono i contenuti che posso comunicare che non hanno contenuto negoziale.

Grazie per la disponibilità,
ciao
Marco
 
Chiariamo innanzitutto che i regolamenti Consob non sono il massimo per l'uso di terminologia tecnico-giuridica, del resto se lo stesso legislatore spesso non adopera univocamente alcuni concetti (o a volte li usa in modo approssimativo), a maggior ragione non bisogna essere troppo "cattivi" nel commentare le formule della disciplina regolamentare.

Ciò vale per l'espressione "contenuto negoziale", che mi sembra alluda più alla formazione del contratto, e quindi sostanzialmente alla proposta, mentre le espressioni checontengono le parole "dialogo" e "interazioni" valgono per la fase precontrattuale, del "confronto" tra le parti prima del "negozio", o più correttamente si riferiscono alle "trattative" (scambio di informazioni).

Non ho materiale preciso sul punto ora a disposizione, nè scrivo dal mio studio, nemmeno mi sono recentemente espresso professionalmente su tali questioni. Ma il buon senso (di giurista) mi fa comprendere che la parte eliminata nel testo normativo alludesse alla mera comunicazione unilaterale di elementi del servizio offerto (non vale come offerta al pubblico = non contenuto contrattuale; questa probabilmente l'equazione da cui muove il redattore del regolamento).

Spero di aver risposto a tutti i quesiti proposti.

V&S
 
Ho girato la questione anche ai miei colleghi, che molto prontamente mi hanno dato un paio di link. Devo dire molto molto interessanti.
Il concetto di fondo è che la materia non ha ancora trovato una regolamentazione ed un interpretazione definitiva, a livello italiano come comunitario.

Non ho poi il dono della sintesi e non riesco in poche righe a condensare tutto quello che c'è sotto i chiarimenti che ho chiesto. Ho ricavato però l'impressione che posso comunicare ma non inserire nei messaggi la possibilità di concludere un contratto. Ovvero posso dare la possibilità di scaricare i pdf contrattuali o richiedere di ricevere un contratto, anche precompilato, ma non dare la possibilità di aderire al prodotto o servizio finanziario in maniera diretta.
A molto rileva poi la differenza tra promozione e pubblicità.

Per Verm:
- la comunicazione tramite sito Internet non viene considerata dal legislatore come unilaterale ma viene considerata come offerta al pubblico.


Preciso che non ho ancora le idee chiare, anche rispetto alle domande che avevo fatto. Anzi ho scoperto il ginepraio che c'è sotto. Rimane sempre valida quindi la richiesta di intervento.

Ciao
Marco

Dimenticavo i link ai siti:

http://www.portalino.it/banks/tesi/oliverio/cap06_3_1.htm

http://www.surfweb.it/approfondimenti/Comunicazioneadistanza.htm

http://www.jei.it/approfondimenti_giuridici/bessone_ecommerce.htm
 
Scritto da marcotrader

- la comunicazione tramite sito Internet non viene considerata dal legislatore come unilaterale ma viene considerata come offerta al pubblico.


Forse mi si può fraintendere. Sopra alludevo al caso di mancanza di interazione (come nel testo normativo). Dicevo: poichè nello specifico non vale come offerta, chi ha scritto il regolamento equipara a "non ha valore negoziale".
 
Indietro