morire a quasi 81 anni

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
  • SONDAGGIO: Potrebbe interessarti una sezione "Trading Sportivo"?

    Ciao, ci piacerebbe sapere se potrebbe interessarti l'apetura di una nuova sezione dedicata unicamente al trading sportivo o betting exchange. Il tuo voto è importante perchè ci consente di capire se vale la pena pianificarla o no. Per favore esprimi il tuo voto, o No, nel seguente sondaggio: LINK.
    Puoi chiudere questo avviso premendo la X in alto a destra.

    Staff | FinanzaOnline

totuccio2

Utente Registrato
Registrato
9/7/10
Messaggi
7.387
Punti reazioni
345
una persona a me cara è mancata il 22 febbraio. Oggi avrebbe fatto 81.
Dicono tutti che era giovane, ma davvero al giorno d oggi a 80 anni si è ritenuti giovani?
 
Tanti non ci arrivano
A mio parere... morto giovane si può dire solo, sotto i 60 anni
Sopra i 60, significa già, essere sopra i 2/3 della vita media, mica poco
 
Secondo me morire sopra gli 80 va bene, a 85 meglio, oltre nella maggior parte dei casi si è un peso per se stessi che non si riesce più a fare niente da soli e per chi deve accudirti. (Astenersi i "Mio nonno a 100 anni saltava i fossi per lungo", ho scritto nella maggior parte dei casi).
Comunque condoglianze
 
Ultima modifica:
Secondo me morire sopra gli 80 va bene, a 85 meglio, oltre nella maggior parte dei casi si è un peso per se stessi che non si riesce più a fare niente da soli e per chi deve accudirti. (Astenersi i "Mio nonno a 100 anni saltava i fossi per lungo", ho scritto nella maggior parte dei casi.
Comunque condoglianze
grazie è mancata mia mamma. Purtroppo soffrendo da oltre 40 anni di artrite reumatoide, tra farmaci e debilitazione dovuta alla malattia era quasi non autosufficiente.
Sembrano malattie da poco, ma riducono la qualità della vita e la accorciano. Era effettivamente un peso per mio padre, che paradossalmente, è brutta da dirsi, vedo ora più "sollevato", almeno fisicamente, visto che recuperato un po' di indipendenza. Moralmente, vivevano insieme dal 68, il compagno diventa una parte di te
 
La vita media si è allungata negli ultimi decenni (almeno fino al 2019) grazie a nuovi farmaci e terapie a disposizione e soprattutto alla Medicina preventiva. La statistica importante adesso è la durata della "vita sana" cioè l'età media alla quale la popolazione di una Nazione o Regione comincia ad assumere farmaci per patologie di una certa gravità. Attualmente si attesta per l'Italia prima dei 68 anni dell'età pensionabile.

Condoglianze Totuccio.
 
grazie è mancata mia mamma. Purtroppo soffrendo da oltre 40 anni di artrite reumatoide, tra farmaci e debilitazione dovuta alla malattia era quasi non autosufficiente.
Sembrano malattie da poco, ma riducono la qualità della vita e la accorciano. Era effettivamente un peso per mio padre, che paradossalmente, è brutta da dirsi, vedo ora più "sollevato", almeno fisicamente, visto che recuperato un po' di indipendenza. Moralmente, vivevano insieme dal 68, il compagno diventa una parte di te
Ovviamente non è mai bello vedere morire un proprio caro, un compagno di vita specialmente lascia un vuoto enorme. Però in certi casi è "meglio" così: io vedo mia suocera logorarsi per accudire mio suocero (ha superato i 90) che diventa ogni giorno più lamentoso, e per fortuna non è allettato. Ovviamente di casa di riposo non ne vogliono sentire parlare, ma comincia a perdere colpi anche lei e la situazione comincia a preoccuparci non poco
 
Tanti non ci arrivano
A mio parere... morto giovane si può dire solo, sotto i 60 anni
Sopra i 60, significa già, essere sopra i 2/3 della vita media, mica poco
sei matto? io sopra i 60 sono meglio di quando ero sopra i 30, da quando faccio i miei giretti in bici sono dimagrito e mi sono pure passati alcuni dolori alle ginocchia e schiena, non prendo nessuna medicina un vaccino ogni tanto e via p.s. dimenticavo adesso ho da fare la cataratta e pure gli occhi me tornano perfetti
 
sei matto? io sopra i 60 sono meglio di quando ero sopra i 30, da quando faccio i miei giretti in bici sono dimagrito e mi sono pure passati alcuni dolori alle ginocchia e schiena, non prendo nessuna medicina un vaccino ogni tanto e via
Mi fa piacere che stai bene... il mio era un calcolo matematico 30-60-90, sopra i 60 si è nell'ultimo terzo, augurandosi di farlo nel migliore dei modi
 
sei matto? io sopra i 60 sono meglio di quando ero sopra i 30, da quando faccio i miei giretti in bici sono dimagrito e mi sono pure passati alcuni dolori alle ginocchia e schiena, non prendo nessuna medicina un vaccino ogni tanto e via p.s. dimenticavo adesso ho da fare la cataratta e pure gli occhi me tornano perfetti
Ti sembra. La pensi come un signore 76 enne che mi diceva di sentirsi come quando era giovane. Mah, non è nemmeno segno di grande intelligenza...
 
Ti sembra. La pensi come un signore 76 enne che mi diceva di sentirsi come quando era giovane. Mah, non è nemmeno segno di grande intelligenza...
Ma se uno in quel periodo si sente bene deve essere necessariamente anche intelligente?
 
Ma se uno in quel periodo si sente bene deve essere necessariamente anche intelligente?
Non lo sei se dici di stare meglio di quando avevi 30 anni. Poi se dici che a 30 anni ti ubriacavi, ti drogavi e a seguito di questo vomitavi ogni giorno, non facevi attività fisica ecc allora è diverso. Ma lo devi specificare.
 
Non lo sei se dici di stare meglio di quando avevi 30 anni. Poi se dici che a 30 anni ti ubriacavi, ti drogavi e a seguito di questo vomitavi ogni giorno, non facevi attività fisica ecc allora è diverso. Ma lo devi specificare.
sono indeciso se mandarti a cagare o mandarti le analisi ed esami vari prima e dopo, comunque le uniche cose che a 30 anni non facevo e adesso si sono giri in bici e vaccini
 
Ultima modifica:
sono indeciso se mandarti a cagare o mandarti le analisi ed esami vari prima e dopo, comunque le uniche cose che a 30 anni non facevo e adesso si sono giri in bici e vaccini
Si, ma a livello fisico non potrai mai fare cose che facevi 40 anni fa.
 
sono indeciso se mandarti a cagare o mandarti le analisi ed esami vari prima e dopo, comunque le uniche cose che a 30 anni non facevo e adesso si sono giri in bici e vaccini
Si, ma a livello fisico non potrai mai fare cose che facevi 40 anni fa.
Secondo me è un po' sopravvalutato il calo tra i 20 ed i 40 in alcune cose, in primis nello sport a livello ricreativo, o comunque agonistico light.
Perché tanti hanno come riferimento mentale lo scenario delle "peak performances"; una volta che si parli di contesti lontani da quei picchi, si appiattisce tutto. Molti che a 23 anni c@ZZ€ggiavano, rischia faccian meglio a 38.

Detto ciò, per certi aspetti, es. sistema immunitario ed altro c'è poco da fare, e poi un conto è 40 un conto è 76:
ditemi uno che a 76 anni 'faccia tripletta' una sera... senza magari imbottirsi di medicinali? A 30 direi sia capacità relativamente comune.
Già a 45 magari fai doppietta con un buon intervallo, e per il terzo "goal" aspetti la mattina dopo.
 
sono 3 anni che quando muoiono ragazzi giovani i giornali scrivono :" si è spento..."
E' sempre tutto relativo :asd:
 
La vita media si è allungata negli ultimi decenni (almeno fino al 2019) grazie a nuovi farmaci e terapie a disposizione e soprattutto alla Medicina preventiva. La statistica importante adesso è la durata della "vita sana" cioè l'età media alla quale la popolazione di una Nazione o Regione comincia ad assumere farmaci per patologie di una certa gravità. Attualmente si attesta per l'Italia prima dei 68 anni dell'età pensionabile.

Condoglianze Totuccio.
esatto ma i + non lo capiscono ed anelano a lavorare sino ad 80 anni...forse per convincersi che ci arrivano?
 
Secondo me è un po' sopravvalutato il calo tra i 20 ed i 40 in alcune cose, in primis nello sport a livello ricreativo, o comunque agonistico light.
Perché tanti hanno come riferimento mentale lo scenario delle "peak performances"; una volta che si parli di contesti lontani da quei picchi, si appiattisce tutto. Molti che a 23 anni c@ZZ€ggiavano, rischia faccian meglio a 38.

Detto ciò, per certi aspetti, es. sistema immunitario ed altro c'è poco da fare, e poi un conto è 40 un conto è 76:
ditemi uno che a 76 anni 'faccia tripletta' una sera... senza magari imbottirsi di medicinali? A 30 direi sia capacità relativamente comune.
Già a 45 magari fai doppietta con un buon intervallo, e per il terzo "goal" aspetti la mattina dopo.
Il tuo ottimismo é un esempio per tutti noi.
 
Indietro