Multilevel Marketing

Verm & Solitair

Legal Opinionist
Registrato
22/5/00
Messaggi
1.624
Punti reazioni
21
A quando mi è dato sapere, in USA vi sono già alcuni interventi giurisprudenziali per sanzionare la illiceità delle vendite, là dove il commercio avviene in favore degli stessi (incauti) lavoratori (come noto il sistema si regge su un calcolo matematico, in base al quale - in soldoni - molti faticano e ci rimettono pure le spese; pochissimi guadagno in maniera decorosa; chi sta all'apice del sistema si arricchisce, buttando fumo negli occhi a quelli che riesce ad "acchiappare" e far lavorare nel sistema).
 
Se iniziassero ad interpretare in tal maniera anche in Italia, quasi tutte le SIM dovrebbero chiudere.......


Alla Scassacocchi Sim, io dipendevo dal mio capogruppo (ricottar-group-manager), e sopra avevo come referente il regional-magnacc-manager.....il loro unico scopo è quello di ficcarsi in tasca la percentuale sulle provvigioni generate da chi è sotto di loro, giustificandole, sotto il punto di vista lavorativo, con il lavoro di organizzazione, planning di vendite, iniziative comuni (famosa la partecipazione della Scassacocchi Sim alla sagra della salciccia in provincia di Caserta): i managers sono sempre e costantemente in riunione, anche perché non si trovano mai alla stessa ora: riunione fissata alle 9, verso le 9.40-9.45 qualcuno si affaccia timidamente (mica credendo di aver fatto tardi, ma di essere in anticipo, ovvio), alle 10.15 sono (più o meno) tutti pronti, vanno al bar, ed alle 10.45 circa iniziano la riunione.

Pausa alle 12, si ricomincia alle 12.30 (caffé lunghissimo, alla Scassacocchi Sim), poi alle 13.30 tutti a strafocare (paga Scassacocchi, ci mancherebbe pure).....pomeriggio libero, serata a tema.....tanto non c'è nessuna differenza tra le riunioni manageriali alla Scassacocchi Sim e i "gran tour" in cui ti vendono le poltrone con gli elettrodi, i completi di padelle, ecc.: non a caso, tutti i managers della Scassacocchi Sim vantano un lungo curriculum di vendite di aspirapolveri, ecc.....
 
Come molti sanno, elevata è la percentuale di promotori finanziari che cessano l'attività nei primi due anni, fenomeno dovuto sia all'attività intesa come inizio-parcheggio in attesa, se ci sarà, di meglio, sia per la difficoltà incontrate nel lavoro ("farsi il giro", dicono alla Scassacocchi Sim).

I tanti che abbandonano lasciano alla sim quel minimo di raccolta fatta, ma sono tanti minimi che, messi assieme, fanno un qualcosa che viene riassegnato ai promotori che restano: su tutto ciò, i managers hanno intascato, ed intascheranno, la percentuale sulla provvigione, giustificata sempre col lavoro di coordinamento, ecc.

Risultati del coordinamento? Tantissimi neopromotori lasciati da soli ad acchiappare clienti, al massimo con un bel corso di telefonata a freddo alle spalle, ed ecco l'elevata percentuale di insuccessi.

Preparazione sui mercati finanziari, asset allocation, ecc? Lasciamo perdere, alla Scassacocchi Sim quelli sono inutili optionals, infatti nessuno li nomina mai.
 
focus di agosto

vedere ultimo FOCUS in merito
 
Indietro