Mutuo e cambio lavoro

littleprince

Nuovo Utente
Registrato
22/9/08
Messaggi
89
Punti reazioni
9
Ciao,
mi servirebbe un vostro parere sulla situazione paradossale in cui mi ritrovo.
Attualmente sono occupato a tempo indeterminato.
Il 1 settembre (o forse il 1 agosto) cambierò occupazione sempre a tempo indeterminato.
A fine settembre rogiterò per l'acquisto di una prima casa attualmente ancora in costruzione.
Il rogito e quindi l'erogazione del mutuo capiterà in pieno periodo di prova.
Mutuo richiesto 50k, LTV < 20% a 15 anni cointestato con mia moglie.
Se non ci fosse in ballo il cambio lavoro tutto sarebbe facile e non avrei problemi per ottenere il mutuo.
Non abbiamo altri finanziamenti e abbiamo un mutuo che si estinguerà con la vendita dell'attuale abitazione contestuale all'acquisto della nuova. Mai saltata una rata.

So che il periodo di prova è visto male dalle banche.
Cosa posso fare?
Chiedere il mutuo prima del cambio lavoro? Il problema è che la casa è ancora in costruzione, si riesce comunque a fare la perizia?

Ho 45 anni, lavoro da 25 sempre a tempo indeterminato, mai avuto problemi con le rate del mutuo, del condominio, con le bollette, con sky..... possibile che un cambio di lavoro volontario e migliorativo possa farmi cadere in questa situazione?

Grazie in anticipo per i vostri suggerimenti.
 

ZioLollo7

Nuovo Utente
Registrato
6/5/19
Messaggi
83
Punti reazioni
0
Ciao,
mi servirebbe un vostro parere sulla situazione paradossale in cui mi ritrovo.
Attualmente sono occupato a tempo indeterminato.
Il 1 settembre (o forse il 1 agosto) cambierò occupazione sempre a tempo indeterminato.
A fine settembre rogiterò per l'acquisto di una prima casa attualmente ancora in costruzione.
Il rogito e quindi l'erogazione del mutuo capiterà in pieno periodo di prova.
Mutuo richiesto 50k, LTV < 20% a 15 anni cointestato con mia moglie.
Se non ci fosse in ballo il cambio lavoro tutto sarebbe facile e non avrei problemi per ottenere il mutuo.
Non abbiamo altri finanziamenti e abbiamo un mutuo che si estinguerà con la vendita dell'attuale abitazione contestuale all'acquisto della nuova. Mai saltata una rata.

So che il periodo di prova è visto male dalle banche.
Cosa posso fare?
Chiedere il mutuo prima del cambio lavoro? Il problema è che la casa è ancora in costruzione, si riesce comunque a fare la perizia?

Ho 45 anni, lavoro da 25 sempre a tempo indeterminato, mai avuto problemi con le rate del mutuo, del condominio, con le bollette, con sky..... possibile che un cambio di lavoro volontario e migliorativo possa farmi cadere in questa situazione?

Grazie in anticipo per i vostri suggerimenti.

Ciao,

sul discorso mutuo lasciamo il parere ai più esperti. Sul discorso periodo di prova invece, i datori di lavoro spesso usano "è antipatico, ma lo prevede il CCNL". In realtà il periodo di prova non è obbligatorio, è a discrezione dell'azienda.

Magari potresti concordare questo col nuovo datore di lavoro. Oppure rimandare l'assunzione al primo ottobre, se fattibile.
 

littleprince

Nuovo Utente
Registrato
22/9/08
Messaggi
89
Punti reazioni
9
Ciao,
Magari potresti concordare questo col nuovo datore di lavoro. Oppure rimandare l'assunzione al primo ottobre, se fattibile.

Ciao e grazie.
Posticipare ad ottobre è impossibile.
Sulla durata del periodo di prova ci sto lavorando ma non vedo molte possibilità
 

Kevin Mitnick

Highlander®
Registrato
7/10/03
Messaggi
44.241
Punti reazioni
1.337
Non è solo il periodo di prova che è visto male dalle banche,
ma proprio la nuova assunzione (migliorativa o meno che sia!)

A tuo favore ci sta l'importo minimo richiesto, l'ltv basso e ammortamento breve.

Io ti consiglio di parlare con la banca (che non ci è dato sapere quale sia!)
in modo da chiarire subito la situazione e non trovarti con il cerino in mano quando i giochi saranno ormai fatti!
 

littleprince

Nuovo Utente
Registrato
22/9/08
Messaggi
89
Punti reazioni
9
Ciao Kevin,
devo avere un tuo libro nella libreria da qualche parte ;-)
La mia banca storica è ISP, ma vista la situazione non posso fare lo schizzinoso. Ad oggi non ho ancora interpellato nessuno. Spero di trovarne una che mi conceda la "grazia". Anzi se avete consigli in merito sono ben accetti.
Il fatto che tu (che sei sempre molto categorico) mi dica di parlare con una banca mi lascia qualche speranza.
 

marioerre95

Nuovo Utente
Registrato
17/1/23
Messaggi
6
Punti reazioni
0
Ciao,
mi servirebbe un vostro parere sulla situazione paradossale in cui mi ritrovo.
Attualmente sono occupato a tempo indeterminato.
Il 1 settembre (o forse il 1 agosto) cambierò occupazione sempre a tempo indeterminato.
A fine settembre rogiterò per l'acquisto di una prima casa attualmente ancora in costruzione.
Il rogito e quindi l'erogazione del mutuo capiterà in pieno periodo di prova.
Mutuo richiesto 50k, LTV < 20% a 15 anni cointestato con mia moglie.
Se non ci fosse in ballo il cambio lavoro tutto sarebbe facile e non avrei problemi per ottenere il mutuo.
Non abbiamo altri finanziamenti e abbiamo un mutuo che si estinguerà con la vendita dell'attuale abitazione contestuale all'acquisto della nuova. Mai saltata una rata.

So che il periodo di prova è visto male dalle banche.
Cosa posso fare?
Chiedere il mutuo prima del cambio lavoro? Il problema è che la casa è ancora in costruzione, si riesce comunque a fare la perizia?

Ho 45 anni, lavoro da 25 sempre a tempo indeterminato, mai avuto problemi con le rate del mutuo, del condominio, con le bollette, con sky..... possibile che un cambio di lavoro volontario e migliorativo possa farmi cadere in questa situazione?

Grazie in anticipo per i vostri suggerimenti.
Ciao, posso chiederti come è andata poi alla fine. Mi ritrovo anche io nella tua stessa situazione più o meno. Sono in attesa della delibera da parte della banca, ma nel frattempo ho ricevuto un offerta di lavoro migliore e volevo sapere una volta ottenuta la delibera se posso cambiare tranquillamente.
 

france882

Nuovo Utente
Registrato
6/11/21
Messaggi
37
Punti reazioni
2
Ciao, posso chiederti come è andata poi alla fine. Mi ritrovo anche io nella tua stessa situazione più o meno. Sono in attesa della delibera da parte della banca, ma nel frattempo ho ricevuto un offerta di lavoro migliore e volevo sapere una volta ottenuta la delibera se posso cambiare tranquillamente.
Cambia solo quando hai portato tutto al termine. Con la scusa dei periodi incerti, se hai un'anzianità lavorativa inferiore ad un anno, non ti concedono il mutuo.
 

marioerre95

Nuovo Utente
Registrato
17/1/23
Messaggi
6
Punti reazioni
0
Cambia solo quando hai portato tutto al termine. Con la scusa dei periodi incerti, se hai un'anzianità lavorativa inferiore ad un anno, non ti concedono il mutuo.
Non posso aspettare quest'e. La consulente bancaria mi ha detto che una volta deliberato non fanno più controlli e quindi potrei farlo.
 

Napoli1986

Nuovo Utente
Registrato
5/7/19
Messaggi
2.467
Punti reazioni
103
Non posso aspettare quest'e. La consulente bancaria mi ha detto che una volta deliberato non fanno più controlli e quindi potrei farlo.
parla ocn il nuovo datore di lavoro e fatti ridurre/eliminare il periodo di prova.
La cosa dell'anzianita' lavorativa e' una bufala, semplicemente non devi essere in prova. io ho fatto cosi', ho concordato con il nuovo datore di lavoro di inserire un periodo di prova di 1 mese e in fase di stipula mutuo, previa consegna di un foglio firmato dalla societa' che attestasse che non ero in prova, mi hanno erogato il mutuo senza problemi.
 

marioerre95

Nuovo Utente
Registrato
17/1/23
Messaggi
6
Punti reazioni
0
parla ocn il nuovo datore di lavoro e fatti ridurre/eliminare il periodo di prova.
La cosa dell'anzianita' lavorativa e' una bufala, semplicemente non devi essere in prova. io ho fatto cosi', ho concordato con il nuovo datore di lavoro di inserire un periodo di prova di 1 mese e in fase di stipula mutuo, previa consegna di un foglio firmato dalla societa' che attestasse che non ero in prova, mi hanno erogato il mutuo senza problemi.
Così farò, grazie per il consiglio.
 

odessa81

Nuovo Utente
Registrato
8/1/20
Messaggi
51
Punti reazioni
1
Approfitto di questo topic per sottoporre un quesito simile.
A novembre 2022 ho richiesto "Mutuo in Tasca" di banca Intesa ottenendo così una predelibera per un mutuo acquisto prima casa da effettuarsi entro maggio 2023.
Ho trovato la casa potenziale da acquistare in questi giorni, purtroppo il mio datore di lavoro (ho un indeterminato da 5 anni) è in ritardo con i pagamenti per problemi di liquidità e non mi ha pagato le ultime 2 mensilità ovvero dicembre, tredicesima e penso nemmeno gennaio riuscirà a saldarmi in tempi normali (sto pensando di dimettermi ma prima voglio capire se riesco a comprare la casa).
Il consulente di Banca Intesa mi aveva detto che per concludere il mutuo oltre alla proposta d'acquisto accettata (che ancora non ho fatto ma potrei fare anche subito) avrei dovuto portare in banca le ultime 2 buste paga e il CUD (mie e del compagno).
Posto che il CUD esce a marzo e lo potrò reperire autonomamente dal sito dell' INPS, per gli ultimi 2 cedolini non so come fare.
Ho chiesto al datore di lavoro di saldare ma al momento è inguaiato e vedo che le cose stanno andando per le lunghe e non bene.
Infine ci tengo a dire che attualmente sto pagando 1000€ di affitto per 50m2 quindi l' acquisto della casa mi servirebbe come il pane anche pensando a un licenziamento o disoccupazione perche di rata mutuo andrei a pagare 600€.
Qualcuno mi sa consigliare come uscire da questo empasse per poter fare la proposta di acquisto per la casa?
Grazie
 

Napoli1986

Nuovo Utente
Registrato
5/7/19
Messaggi
2.467
Punti reazioni
103
Approfitto di questo topic per sottoporre un quesito simile.
A novembre 2022 ho richiesto "Mutuo in Tasca" di banca Intesa ottenendo così una predelibera per un mutuo acquisto prima casa da effettuarsi entro maggio 2023.
Ho trovato la casa potenziale da acquistare in questi giorni, purtroppo il mio datore di lavoro (ho un indeterminato da 5 anni) è in ritardo con i pagamenti per problemi di liquidità e non mi ha pagato le ultime 2 mensilità ovvero dicembre, tredicesima e penso nemmeno gennaio riuscirà a saldarmi in tempi normali (sto pensando di dimettermi ma prima voglio capire se riesco a comprare la casa).
Il consulente di Banca Intesa mi aveva detto che per concludere il mutuo oltre alla proposta d'acquisto accettata (che ancora non ho fatto ma potrei fare anche subito) avrei dovuto portare in banca le ultime 2 buste paga e il CUD (mie e del compagno).
Posto che il CUD esce a marzo e lo potrò reperire autonomamente dal sito dell' INPS, per gli ultimi 2 cedolini non so come fare.
Ho chiesto al datore di lavoro di saldare ma al momento è inguaiato e vedo che le cose stanno andando per le lunghe e non bene.
Infine ci tengo a dire che attualmente sto pagando 1000€ di affitto per 50m2 quindi l' acquisto della casa mi servirebbe come il pane anche pensando a un licenziamento o disoccupazione perche di rata mutuo andrei a pagare 600€.
Qualcuno mi sa consigliare come uscire da questo empasse per poter fare la proposta di acquisto per la casa?
Grazie
difficile che la banca ti conceda il mutuo con un datore di lavoro in difficoltà con il pagamento degli stipendi.
 

odessa81

Nuovo Utente
Registrato
8/1/20
Messaggi
51
Punti reazioni
1
difficile che la banca ti conceda il mutuo con un datore di lavoro in difficoltà con il pagamento degli stipendi.
in realtà la delibera reddituale è gia stata fatta prima che l ' azienda entrasse in crisi di liquidità altrimenti la banca non mi avrebbe consegnato una predelibera al mutuo.
adesso non andrebbero a fare di nuovo una verifica reddituale ma partirebbe l'iter del perito e valutazione sull' immobile.
magari qualcuno che si è trovato nella stessa situazione?
 

marioerre95

Nuovo Utente
Registrato
17/1/23
Messaggi
6
Punti reazioni
0
Buonasera, ho ricevuto un offerta di lavoro migliore, il nuovo datore di lavoro e disposto ad assumermi senza periodo di provo ed a tempo indeterminato. Nel frattempo ho in corso un istruttoria per un mutuo. Cosa succede se dovessi cambiare lavoro ora?
 

Bianca.a

Nuovo Utente
Registrato
17/4/21
Messaggi
61
Punti reazioni
1
Approfitto di questo topic per sottoporre un quesito simile.
A novembre 2022 ho richiesto "Mutuo in Tasca" di banca Intesa ottenendo così una predelibera per un mutuo acquisto prima casa da effettuarsi entro maggio 2023.
Ho trovato la casa potenziale da acquistare in questi giorni, purtroppo il mio datore di lavoro (ho un indeterminato da 5 anni) è in ritardo con i pagamenti per problemi di liquidità e non mi ha pagato le ultime 2 mensilità ovvero dicembre, tredicesima e penso nemmeno gennaio riuscirà a saldarmi in tempi normali (sto pensando di dimettermi ma prima voglio capire se riesco a comprare la casa).
Il consulente di Banca Intesa mi aveva detto che per concludere il mutuo oltre alla proposta d'acquisto accettata (che ancora non ho fatto ma potrei fare anche subito) avrei dovuto portare in banca le ultime 2 buste paga e il CUD (mie e del compagno).
Posto che il CUD esce a marzo e lo potrò reperire autonomamente dal sito dell' INPS, per gli ultimi 2 cedolini non so come fare.
Ho chiesto al datore di lavoro di saldare ma al momento è inguaiato e vedo che le cose stanno andando per le lunghe e non bene.
Infine ci tengo a dire che attualmente sto pagando 1000€ di affitto per 50m2 quindi l' acquisto della casa mi servirebbe come il pane anche pensando a un licenziamento o disoccupazione perche di rata mutuo andrei a pagare 600€.
Qualcuno mi sa consigliare come uscire da questo empasse per poter fare la proposta di acquisto per la casa?
Grazie
Ciao, anche se la pre delibera ha effettuato un primo controllo mi sembra improbabile che non vengano più effettuati controlli sui redditi. Anche solo la richiesta degli ultimi movimenti o estratti conto da cui si vede l'accredito dello stipendio penso proprio te lo chiederanno. Per esempio noi abbiamo avuto delibera a aprile ma il rogito 2-3 mesi dopo e hanno voluto comunque copia della busta paga di maggio giugno, e nel mentre avevamo già aperto in banca cc con canalizzazione degli stipendi, per cui gli accrediti li vedevano. Non metterei nemmeno la mano sul fuoco che non facciano nuovamente un rapido controllo sul datore di lavoro.