Mutuo legato all'euribor

lento lento

Nuovo Utente
Registrato
8/11/01
Messaggi
238
Punti reazioni
13
Buongiorno a tutti. Avrei bisogno di consigli su di una proposta di mutuo per l'acquisto di un immobile come prima casa. Il tasso è rinegoziabile ogni anno (tasso modulare?) in base alle variazioni dell'EURIBOR. Se ho ben capito mi legherei a doppio filo alla politica monetaria della banca centrale europea, che a quanto sembra non è molto aggressiva e altalenante. Vi pregherei di aiutarmi ad approfondire la cosa. L'euribor e il tasso di sconto come sono legati tra loro?
Grazie. :confused:
 
Ho fatto un giro sul sito ufficiale dell'euribor (ostico e in inglese) da dove si scaricano gli storici dei tassi; gia va meglio. Accetto vostre considerazioni :rolleyes: :o
 
L'Euribor è un tasso di mercato, è il tasso al quale le banche si prestano tra loro il danaro. Esso varia quotidianamente (in misura marginale, ovvio) in quanto gli scambi avvengono costantemente.

Il Tasso di Sconto della BCE (tasso al quale la BCE presta danaro alle banche che lo chiedono) è un tasso sì importante, ma molto meno di cio' che appare leggendo i giornali.
 
se dovessi ora fare un mutuo farei un fisso, o quantomeno
un misto tf/tv
 
Scritto da lento lento
Buongiorno a tutti. Avrei bisogno di consigli su di una proposta di mutuo per l'acquisto di un immobile come prima casa. Il tasso è rinegoziabile ogni anno (tasso modulare?) in base alle variazioni dell'EURIBOR. Se ho ben capito mi legherei a doppio filo alla politica monetaria della banca centrale europea, che a quanto sembra non è molto aggressiva e altalenante. Vi pregherei di aiutarmi ad approfondire la cosa. L'euribor e il tasso di sconto come sono legati tra loro?
Grazie. :confused:

Se hai girato altri Istituti ti sarai accorto che quasi tutti spingono per un tasso variabile legato all'Euribor, in effetti pur essendo un parametro di indicizzazione molto trasparente è tuttavia un indice che rispecchia i "prezzi di mercato" costantemente.
In parole povere in questa maniera la tua Banca è sicura di avere un costante guadagno (si chiama spread) sui tassi di mercato che si creeranno negli anni futuri matu così non sei tutelato contro un probabilissimo (anzi certo) aumento dei tassi che avverrà nei prox anni.
Ti consiglio (soprattutto se hai un reddito fisso) di richiedere un mutuo a tasso fisso (accontentati di tassi tra il 6 e il 6% se presso un normale Istituto di Credito), oppure di un tasso misto che ti permetta al massimo entro due anni di bloccare il tasso per i rimanenti 8 o 13 anni....
ciao.
 
Chiedo scusa per non avere ringraziato ancora; purtroppo solo oggi ho trovato tempo di sedermi al pc e noto che i vostri pareri, sicuramente più fondati dei miei, contrastano molto con la scelta che sto per fare. Io guardavo gli storici dell'euribor e notavo che non si è mai andati oltre i 5 e rotti punti annui, ciò mi faceva pensare che tali dati uniti alla politica monetaria europea tesa alla stabilità economica non mi avrebbe portato a sforamenti eccessivi dei massimi storici(mi si propone un 3.9% annuo a tasso modulare che non ho ancora ben capito che significhi) . Giustamente lo storico parte dal '97 mentre il mio mutuo è "ventennale", per cui mi avete messo seriamente in difficoltà.
Domani sono dall'agente che è del gruppo Fineco, terrò a mente i vostri pareri. Grazie
 
Fino a qualche anno fa i tassi Libor erano molto manipolati dalle banche. Per chi era in questo business, ricorderà per la lira, la pagina ILIR dove alcune banche fissavano il tasso per l'Eurolira.

Ta le banceh c'erano la Bank of Tokyo, Credit, Comit, Italian Int'l Banj (sussiadiaria allora del Paschi) e la Barclays Bank.

Con l'avvento di Telerate sule mercato la procedura era cmabiata ed il numero di banche aumentato.

Ora invece le banche che mettono fuori il tasso Euribor sono aumentate ed in pratica vengono tagliati i picchi in alto ed in basso e resta solamente un corpo centrale col quale si fa media.

Questo ha reso il meccanismo molto pulito e fa evitare, come dice Voltaire, grossi sbalzi nella media giornaliera. Comuqneu l'Euribor resta il tasso di mercato ma l'Offerta di mercato, non il bid. Pertanto più alto.

Comunqeu più che sull'Euribor io mi conentrerei sullo spread che aggiungono ad esso.

Quello che devi controllare sul tuo contratto è la frequenza di aggiornamento del tasso e soprattutto in base a quale media viene preso. In pratica un tasso Euribor +50 punti base rilevato annualmente in base ad una media qualcunque equivale ad un tasso fisso ad un anno...

Allora stai attento alla frequenza di aggiornamento ed alle "check-in dates".

Il "fixing" potrebbe capitare in u nperiodi di Riserve o di scarsa liquidità allora ti beccheresti un tasso più alto.

Ma comunqeu in linea di massima ciò che devi guardare è lo spread oltre l'euribor (Euro Interbank Offer Rate) e, soprattutto, le penali in caso di cambio di contratto od estinzione anticipata.

Ciao per ora!
 
Anche qui mi trovo in difficoltà, in quanto seguendo il tuo ragionamento e riempiendo i form di mutuionline, per tirare fuori un 3.9% devo inserire uno spread di soli 0.5%!!! Possibile che io abbia trovato il buon samaritano dei gestori mutui? O un tale spread è normale? Infatti l'agente parla di euribor a 12mesi senza specificare lo spread, ma dandomi solo il dato 3.9% da rinegoziare tra un anno.
 
A proposito, cosa sono le "check-in dates"???
Ti riferisci alla data cui fa capo il tasso di partenza?
 
3.9% è quasi sicuramente il tasso d'ingresso per il primo anno...a regime sarà ben diverso...
se hai bisogno di qualche consiglio scrivimi in pvt
ciao
 
il tasso dopo il primo anno sarà euribor + qualcosa che varia tra 1% e 1.5 % (o anche più a volte).....dipende anche dalla tua forza contrattuale o dal tipo di prodotto che scegli,ciao
 
Scritto da Voltaire
L'Euribor è un tasso di mercato, è il tasso al quale le banche si prestano tra loro il danaro. Esso varia quotidianamente (in misura marginale, ovvio) in quanto gli scambi avvengono costantemente.

Il Tasso di Sconto della BCE (tasso al quale la BCE presta danaro alle banche che lo chiedono) è un tasso sì importante, ma molto meno di cio' che appare leggendo i giornali.

L'IRS invece cosa indica ?
 
Scritto da Krime


L'IRS invece cosa indica ?

IRS = Interest Rate Swaps.

operazione finanziaria (derivata) con scambio di flussi (interessi) calcolati su un nozionale. Ce ne sono una marea diversi e non mi ci addentro neanche.

Il tasso IRS, dunque è il "prezzo" di queste operazioni.

molto striminzito.... Però...
 
EURIS E' L'INDICE CHE DI SOLITO VIENE UTILIZZATO PER DETERMINARE IL TASSO FISSO DEL MUTUO, L'EURIBOR E IL LIBOR VENGONO UTILIZZATI PER IL VARIABILE
AD ESSI VIENE SOMMATO LO SPREAD PERCENTUALE FISSA DIVERSA DA BANCA A BANCA
E IN PRATICA IL GUADAGNO DELLA BANCA POICHE' L'INDICE E' IL PREZZO INTERBANCARIO DEL DENARO

SE SCEGLI UN TASSO FISSO NON DEVI PREOCCUPARTI DI ALTRO CHE PAGARE LE RATE PREDETERMINATE.
IL TASSO RESTA INVARIATO PER TUTTI GLI ANNI DI DURATA DEL MUTUO

NON SEMPRE E' OPPORTUNO SCEGLIERE UN TASSO FISSO;
ESISTONO DEI TASSI VARIABILI CHE TI CONSENTONO DI OTTENERE UN MUTUO ANCHE IN PRESENZA DI CAPACITA' DI RIMBORSO LIMITATA ALLUNGANDO I TEMPI DI RIMBORSO.
E POI ANCHE IN QUESTO CASO, COME AVVIENE CON GLI INVESTIMENTI, SEGUI L'ANDAMENTO DEL MERCATO POTRESTI TROVARTI A DOVER PAGARE MENO INTERESSI RISPETTO AL TASSO FISSO. ( E VICEVERSA)

ESISTE ANCHE LA POSSIBILITA' DEL TASSO MISTO (FISSO AD ESEMPIO PER 5 O 10 ANNI A SECONDA DELLA DURATA DEL MUTUO E POI RINEGOZIABILE )

PER I PRIMI 5 ( O 10 ANNI)SAI GIA' COSA PAGHERAI DI INTERESSI E POI TRASCORSO IL PRIMO PERIODO VAI A RINEGOZIARE IL TASSO E POTRAI OPTARE PER ALTRA FORMULA.

HO CHIESTO AD ESEMPIO INDICAZIONI SU MUTUI CONCESSI DA DEUTSCHE BANK TRAMITE POSTE ITALIANE, MI SEMBRANO MOLTO CONVENIENTI ANCHE PER LE SPESE DI ISTRUTTORIA E DI PERIZIA PERO'SENZA PREFINANZIAMENTO (CHE LE BANCHE FANNO PAGARE MOLTO SALATO); SE NON HAI FRETTA PER FARE L'ATTO MI SEMBRA BUONO.

QUESTA PROPOSTA DEL RINEGOZIARE OGNI ANNO MI SEMBRA UNO STRESS UNICO!

FATTI CONSEGNARE IL FAC SIMILE DEL CONTRATTO E LEGGILO BENE PRIMA DI DECIDERE
Buongiorno a tutti. Avrei bisogno di consigli su di una proposta di mutuo per l'acquisto di un immobile come prima casa. Il tasso è rinegoziabile ogni anno (tasso modulare?) in base alle variazioni dell'EURIBOR. Se ho ben capito mi legherei a doppio filo alla politica monetaria della banca centrale europea, che a quanto sembra non è molto aggressiva e altalenante. Vi pregherei di aiutarmi ad approfondire la cosa. L'euribor e il tasso di sconto come sono legati tra loro?
Grazie. :confused:
[/QUOTE]
 
Scritto da Pace In Medioriente


IRS = Interest Rate Swaps.

operazione finanziaria (derivata) con scambio di flussi (interessi) calcolati su un nozionale. Ce ne sono una marea diversi e non mi ci addentro neanche.

Il tasso IRS, dunque è il "prezzo" di queste operazioni.

molto striminzito.... Però...

Grazie.
 
Salve a tutti e grazie per i consigli. Come volevasi dimostrare il marketing e la chiacchiera sono le armi di qualunque venditore, ma bisogna avere un minimo di prodotto da vendere o quantomeno migliori condizioni di tutti. Il mutuo è un euribor bloccato per il primo anno a 3.90, poi si applica uno spread che "farò il possibile per tenerlo a 1.75" dice l'agente. Non c'è copertura per massimi e le spese varie sono poco sotto la media che ho trovato su mutuionline. Il punto è che non posso pretendere migliori condizioni, visto che ho chiesto una copertura per il 100% + i soldi per la ristrutturazione, per un periodo di 20anni. Direte voi che è un suicidio, ma dal mio punto di vista ogni soldo che evito di buttare in fitti è un soldo guadagnato.
Attendo impaziente la delibera della pratica, sperando di non mordermi le mani per i prox 20anni.
Grazie a tutti veramente per le delucidazioni.:)
 
Indietro