mutuo tasso variabile 30 anni spread 1% su EURIBOR è buono?

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

poldone

Nuovo Utente
Registrato
3/11/05
Messaggi
157
Punti reazioni
1
alla mia fidanzata hanno proposto un mutuo a tasso variabile per 30 anni con lo spread su EURIBOR all' 1%.
le darebbero 110.000 euro con rata mensile di 519 euro oppure 120.000 euro a rata mensile di 566 euro.

lospread 1% me l'hanno passato come favorone...è vero?

grazie
 
poldone ha scritto:
alla mia fidanzata hanno proposto un mutuo a tasso variabile per 30 anni con lo spread su EURIBOR all' 1%.
le darebbero 110.000 euro con rata mensile di 519 euro oppure 120.000 euro a rata mensile di 566 euro.

lospread 1% me l'hanno passato come favorone...è vero?

grazie

ma dico io ma è possibile non rendersi conto che un mutuo a tasso variabile è PURA FOLLIA per un periodo di tempo così lungo 30 anni???
Il tasso variabile ha un senso solo per periodi brevi (10-15-max 20 anni, e son pure troppi)
Per un periodo di 30 anni dovrebbe essere scontato che una banca seria che vuole tutelare il proprio cliente offra un tasso fisso in modo da metterlo al riparo da eventuali rischi futuri.

ti do un consiglio, poi fai come ti pare: vai da chi ha proposto questa monnezza e prendilo a calci nel ...:censored:
 
La domanda però era sullo spread applicato, non sull'opportunità di stipulare un mutuo a tasso fisso piuttosto che un mutuo a tasso variabile. Lo spread non sembra alto. Sulla convenienza fisso o variabile ognuno deve fare le sue valutazione in base alla sua situazione finanziara, alle sue prospettive e alle aspettative di dinamica dei tassi di interesse; ovvio che all'aumentare della durata del mutuo aumentano le incognite per la previsione del futuro.
Per poldone, sul sito mutionline puoi vedere proposte di varie bance e puoi avere un'idea sulla vantaggiosità o meno delle condizioni proposte alla tua fidanzata.
 
poldone ha scritto:
alla mia fidanzata hanno proposto un mutuo a tasso variabile per 30 anni con lo spread su EURIBOR all' 1%.
le darebbero 110.000 euro con rata mensile di 519 euro oppure 120.000 euro a rata mensile di 566 euro.

lospread 1% me l'hanno passato come favorone...è vero?

grazie
Nn è male lo spread 1%.. Ti hanno trattato bene.. OK!
 
grazie..alcune precisazioni:
- il mutuo è al 100%
- non ci sono soldi (e quando dico non ci sono intendo 0!) e quindi il mutuo DEVE essere per forza LUNGO e con rate PICCOLE!!!

Esistono persone per cui 50 euro in più o in meno al mese fanno la differenza....c'è da imparare, credetemi.
 
da quello che dici vedo la cosa estremamente a rischio.
il mutuo è sicuramente ottimo come condizioni, perè hai provato a vedere di quanto aumenterebbe la rata con un aumento dei tassi di 1%? (e non è neanche tanto...)
se alzassero i tassi di qualche punto sarebbe un disastro visto che dici che pure i 50 euro fanno differenza...
 
xmagox ha scritto:
ma dico io ma è possibile non rendersi conto che un mutuo a tasso variabile è PURA FOLLIA per un periodo di tempo così lungo 30 anni???
Il tasso variabile ha un senso solo per periodi brevi (10-15-max 20 anni, e son pure troppi)
Per un periodo di 30 anni dovrebbe essere scontato che una banca seria che vuole tutelare il proprio cliente offra un tasso fisso in modo da metterlo al riparo da eventuali rischi futuri.

XmagoX...mi fai capire perchè? proprio perchè è un periodo così lungo non credi che i tassi possano assestarsi su un valore medio pari all'IRS attuale? in 30 anni facciamo in tempo a farci un bel ciclo economico pieno...

credo molto dipenda anche dall'utilizzo che si vuol fare di questo investimento immobliare...se è un investimento di "breve" (sotto i 10 anni, fatto solo per non gettare i soldi in affitto) non vedo perchè dovrebbe pagare più del previsto...
 
spese di istruttoria e perizia???

per un mutuo all'80% puoi trovare di meglio(ad esempio Mutuo Arancio),ma se è al 100% vai tranquillo,quasi impossibile migliorarlo.
 
Sal ha scritto:
XmagoX...mi fai capire perchè? proprio perchè è un periodo così lungo non credi che i tassi possano assestarsi su un valore medio pari all'IRS attuale? in 30 anni facciamo in tempo a farci un bel ciclo economico pieno...

Il ciclo economico pieno prevede tassi molto alti e tassi molto bassi: come fa a pagare la rata nell'eventualità di un periodo (più o meno lungo) di tassi molto alti?

Per periodi così lunghi una banca SERIA avrebbe il dovere di consigliare al proprio cliente il tasso fisso di "default" e solo per casi ed esigenze particolari altri tipologie di tassi.

Le banche invece fanno esattamente il contrario: il variabile di "default" ed il fisso solo su richiesta specifica del cliente..
 
Su un mutuo trentennale, nel periodo iniziale, un punto in più di euribor corrisponde ad un aumento della rata di circa il 12%. Considerando che l'euribor a 3 mesi è attualmente al 2.9%, e che potrebbe tranquillamente assestarsi sul 4 - 4,5%, un aumento della rata vicino al 20% non è da escludere.

Sulla convenienza tra fisso e variabile, credere che quest'ultimo sia meglio è non ha molto senso: il tasso IRS, a partire dalle informazioni attualmente disponibili, fornisce la stima di mercato sulle dinamiche dei tassi lungo un periodo. Statisticamente chi va contro al mercato e spera di batterlo (soprattutto se non professionista) si fa sempre male ...

Inoltre con un mutuo di questo tipo fatto adesso il rischio di negative equity nel giro di 2-3 anni è quasi una certezza ...
 
allora lo spread è ottimo visto che è a 30 anni, ancora migliore se è 100% , devo dire che anche io consiglio x scad cosi' lunghe il TF invece del TV .
L'euribor3m oscilla attulamente tra il 2.95 e 3 (bisogna sempre arrotondare allo 0.05 superiore...) attenzione cmq ai mutui 100% xchè potrebbero prevede una polizza caso morte obbligatoria...
 
poldone ha scritto:
...

lospread 1% me l'hanno passato come favorone...è vero?

grazie

non farti impressionare ...

non sono sicuramente gli unici,
giusto per citare qualche esempio:
fineco se non sbaglio propone lo 0,9
ING offre sicuramente soluzioni competitive

piuttosto occhio alla trasparenza ...

e soprattutto valuta la variazione della rata in uno scenario di rialzo dei tassi
e prova a fare un confronto con un tasso fisso
 
un tasso fisso a 30 anni..... irs 4,45 + 1% (forse), 5,45%
 
E' ottimo il tasso euroribor + 1% come tasso a regime e non d'ingresso; tuttavia se trattasi di mutuo al 100% la direttiva bankitalia impone l'obbligo di assicurazione; trovo assai strano che non gliele facciano sottoscrivere. Meglio così.
 
vedo che il 3d inizia a prendere una buona piega e costituisce una buona base di discussione, di questo ovviamente me ne rallegro.

io, come molti in questo periodo, mi ritrovo a dover sottoscrivere un mutuo per l'acquisto (speriamo) della prima casa.

anche per me, questo mutuo sarà di lungo periodo, minimo 30 anni (il 40anni della woolwich mi tenta molto), non finanzierò il 100% dell'immobile ma massimo l'80%.

Ieri, da totale profano del mondo dei mutui, pensavo di costruire una posizione debitoria di lungo periodo "hedgiando" il rischio del tasso variabile.

In pratica, la mia folle idea sarebbe:

ipotesi 100mila euro a 30 anni
50 mila a tasso variabile, con clausole di nessuna penale per rimborsi anticipati dopo i 3 anni, oppure, preferibilmente, clausola di lock, che consente di bloccare il tasso per 3 anni.

50 mila a tasso fisso

In pratica, come esborso mensile complessivo, mi ritrovo con una rata più alta sino a quando il tasso variabile non raggiunge quello fisso.

prima del sorpasso tra i tassi (anche ipotizzando che la BCE faccia filotto, non credo aumenti di un punto percentuale in meno di 2 anni!) blocco il tasso variabile per 3 anni e per 3 anni cerco di risparmiare per restituire quanto più capitale possibile del mutuo a TV. In caso contrario, se lo scenario dei tassi continua a rimanere così e non si ha mai il "sorpasso"...pago sicuramente una rata più alta, ma mai così alta come se fosse solo un mutuo a TF.

ok...ora chi mi insulta? :D:D

ribadisco...idea da profano eh..
 
In pratica, la mia folle idea sarebbe:

ipotesi 100mila euro a 30 anni
50 mila a tasso variabile, con clausole di nessuna penale per rimborsi anticipati dopo i 3 anni, oppure, preferibilmente, clausola di lock, che consente di bloccare il tasso per 3 anni.

50 mila a tasso fisso

In pratica, come esborso mensile complessivo, mi ritrovo con una rata più alta sino a quando il tasso variabile non raggiunge quello fisso.


L'idea è buona solamente devi considerare l'eventuale incidenza dello spread nell'inserimento del cap; più o meno dovrebbe aggirarsi sul 0.2%
E' la garanzia della banca che i tassi non salgano troppo e quindi il tasso fisso diventi un vantaggio solo per il mutuatario..
 
Sal ha scritto:
vedo che il 3d inizia a prendere una buona piega e costituisce una buona base di discussione, di questo ovviamente me ne rallegro.

io, come molti in questo periodo, mi ritrovo a dover sottoscrivere un mutuo per l'acquisto (speriamo) della prima casa.

anche per me, questo mutuo sarà di lungo periodo, minimo 30 anni (il 40anni della woolwich mi tenta molto), non finanzierò il 100% dell'immobile ma massimo l'80%.

Ieri, da totale profano del mondo dei mutui, pensavo di costruire una posizione debitoria di lungo periodo "hedgiando" il rischio del tasso variabile.

In pratica, la mia folle idea sarebbe:

ipotesi 100mila euro a 30 anni
50 mila a tasso variabile, con clausole di nessuna penale per rimborsi anticipati dopo i 3 anni, oppure, preferibilmente, clausola di lock, che consente di bloccare il tasso per 3 anni.

50 mila a tasso fisso

In pratica, come esborso mensile complessivo, mi ritrovo con una rata più alta sino a quando il tasso variabile non raggiunge quello fisso.

prima del sorpasso tra i tassi (anche ipotizzando che la BCE faccia filotto, non credo aumenti di un punto percentuale in meno di 2 anni!) blocco il tasso variabile per 3 anni e per 3 anni cerco di risparmiare per restituire quanto più capitale possibile del mutuo a TV. In caso contrario, se lo scenario dei tassi continua a rimanere così e non si ha mai il "sorpasso"...pago sicuramente una rata più alta, ma mai così alta come se fosse solo un mutuo a TF.

ok...ora chi mi insulta? :D:D

ribadisco...idea da profano eh..

esiste pure il future sull'euribor:D
non ricordo il sottostante...ma tradando bene proteggi pure con quello:D (non facile però...) e credo pure esistano le opzioni collegate...della serie proviamo a incasinarci ma se va bene fai un affare:D
 
woolwich aveva in promozione fino a fine 2005 ottimi fissi...
i genitori di un mio amico han fatto decennale credo al 4,19...ora con euribor attorno al 3 + spread stanno pagando l'equivalente di un variabile...al prox rialzo vanno sotto.
prova a sentire se fanno promozioni (sicuramente saranno tassi più alti ...)
 
su mutuionline ci sono fissi con taeg 5,8 5,85....se hai qualche convenzione forese trovi qualcosina di meglio..i tassi tan sono sul 5.6 circa...non male per quelle durate (30 anni)
 
Non è un po' troppo buono? Soprattutto essendo al 100%.
Sicuri che lo spread sia fisso?
Saluti, Lightcreek.
 
Indietro