Nanotech Club

Albert77bs

Nuovo Utente
Registrato
11/12/03
Messaggi
263
Punti reazioni
8
Ciao ragazzi..mi ricolvo principalmente agli amanti del nanotech e a quelli che come me credono nel settore...Ho pensato potesse essere utili creare un post in cui poter inserire notizie sul settore, commenti sui proprio titoli in portafolgio, suggerimenti e analisi su nuovi titoli nanotech individuati. Compattando il tutto in un solo post si evita di disperdere le info e si puo avre una comunicativa piu immediata.
Per quanto mi riguarda cerchero di proseguire nel mio lavoro di analisi e contributo sul settore, sfuttando le mie conoscenze in merito. Seguo l'evoluzione del nanotech da oltre 4 anni, e devo dire che i recenti rialzi sono per me una grande soddisfazione....un riconoscimento che quello in cui credevo si sta concretizzando...In questi mesi opero in università (Ing. dip. di chimica) e mi occupo di nanotech (materiali nanostrutturati, sviluppo del mio lavoro di tesi) e quindi posso avere anche una visione di come il mondo accademico vede l'evoluzione del settore e il trend scientifico in atto.
A livello tecnico credo sia salutare il ritracciamento parziale di questi giorni, accompagnato comunque da bassi volumi (segno che si tratta di semplici prese di beneficio che non intaccano l'up trend di lungo in corso).
Spero la mia idea vi piaccia:-)..ciaooo!!!!!!.
 
Aderisco incondizionatamente.
Tu cosa ne pensi di CTKH.PK ? Può avere speranze di sopravvivere ?
Ciao.
 
Queste sono alcune aziende che lavorano nel settore delle nanotecnologie, quotate sul mercato otc:


http://www.emergencyfiltration.com/
EMFP.OB market cap 19.8m produce Nanomask !!!

http://www.microfluidicscorp.com/
MFIC.OB market cap 29.8m produce prodotti per dispersion of uniform submicron particles !!!

http://www.adept.com
ADTK.OB market cap 22 m produce applications to highly sophisticated manufacturing processes

http://www.ener1.com/
ENEI.OB market cap 224 m produce High-Energy Batteries Technologies

http://www.enovasystems.com
ENVA.OB market cap ? produce Visionary energy technologies !!!

http://nanobaclabs.com/
NNBP.PK market cap ? discovery of Nanobacteria opened a world of great medical promise !!!

http://www.mobilepet.com/
MLRI.OB market cap 21.2m molecular imaging (MI) systems


Me le ha segnalate andreas nel suo tread su Cetek [al momento l'unica azienda nanotech che ho in portafoglio] e pensavo di darci un'occhiata nel week-end.

Anche io come te sono studente universitario [economia] per cui posso anche aspettare qualche annetto per raccoglierne i frutti...


Ciao Ciao

;)
 
naturalmente partecipo con entusiasmo...

ed approfitto per una domanda all'esperto ing. chimico...

...cosa ne pensi delle ceramiche come substrato per i nanotubi ?

in bocca al lupo a tutti i nanofans.... ;-)
 
ciao a tutti e grazie.....
andiamo per gradi..dunque.....CTKH.Pk..non la conosco benissimo..so che ha fatto questo accordo con motorola....tuttavia non so bene che consistenza abbia.....Vorrrei fare un discorso relativo a tutte le otc......personalmente non ne ho in portafoglio per ora..tuttavia auspico l'amico a darci un resoconto sule sue analisi...Non ho in portafoglio otc per il semplice fatto che in questa fase il settore nanotech è in fermento ed estremamente volatile...gia le aziende sul nasdaq non otc hanno variazioni sostenute...le otc molto di piu..in sintesi, essendo il mercato complesso..non mi fido per ora ad andare su aziende cosi spiccatamente volatili e di cui poco si sa...credo ci siano aziende medio piccole interessanti e meno speculative. Se le varie alti, jmar, ngen(tanto per citare le piu famose sul forum) sono ancora una scommessa che pian piano prende forma, le otc sono spesso un azzardo piu di una scommessa...almeno per ora...Sarebbe interessante analizzarle (anche a livello finanziario) ma speso le notizie sono scarse.....
Preciso, io mi laureo a marzo in Ing. meccanica, specializzazione materiali, non sono un chimico:-))))))))))..anche se nel dipartimento dove sono ora ci sono molti chimici e fisici..
Riguardo i nanotubi aventi ceramiche come substrato ....sinceramente non conosco tale particolare applicazione nel dettaglio (il settore è vastissimo, difficile sapere tutto) ma cerchero di informarmi...:-)
ciaoooo;-).
 
a..dimenticavo..tra le otc l'unica che ho segutio e mi pareva interessante è
nnos.ob
 
Un saluto a tutti, sono nuovo del forum anche se lo seguo da molti anni. Vorrei riportare quanto da me postato alcune settimane orsono che credo sia passato inosservato . Infatti ho investito una modesta cifra su questo titolo relativo ad una azienda francese che opera nel campo delle Nanotecnologie quotata sul Nasdaq. Vorrei sottoporvi questo studio di Soldi Quindici e sapere cosa ne pensate! Tenete presente che il report è stato pubblicato il 02/12/03 e succeccivamente assegnato un prezzo obbiettivo di 48$. Ho in portafoglio anche ALTI .Albert 77bs conosce già questo report, lo riposto per altri interessati, magari in possesso di notizie più aggiornate sull'azienda, visto che nell'ultima settimana è scesa del 15%
FLAMEL TECHNOLOG/ES
/
Nata nel 1990, Flamel Technologies deve il suo nome a Nicolas Flamel, un alchimista francese del Medioevo. Basata a Lione, è quotata sul Nasdaq dal 1996. Forte di un portafoglio tecnologico di prim'ordine, dovrebbe approfittare del crescente interesse per le nanotecnologie. Potete acquistare.


Due piattaforme

Specializzata nelle applicazioni tecnologiche dei polimeri, Flamel Technologies ha principalmente sviluppato due piattaforme utilizzate nei processi di rilascio controllato dei medicinali, chiamati Micropump® e Medusa®. Micropump® è una tecnologia di rilascio controllato e mascheramento del sapore per la somministrazione di medicinali per via orale. Avvolgendo attorno ad un polimero adattato le microparticelle di medicinale, permette di controllare la dose di medicinale rilasciata nell'organismo per un periodo di 12 ore, contro le 3 o 4 del medicinale classico. Questo allungamento del tempo d'azione è doppiamente benefico poiché riduce il numero di somministrazioni quotidiane ed evita il rilascio troppo rapido nell'organismo, cosa che è spesso fonte di effetti collaterali indesiderati.

Medusa®, è una nanotecnologia concepita per la somministrazione di proteine terapeutiche il cui inconveniente è quello di degradarsi rapidamente una volta nell'organismo, cosa che ne limita l'efficacia. Medusa® permette di incapsularle, e quindi proteggerle e gestirne la quantità e l'azione.


Una strategia

Flamel ha come strategia l'associare la sua tecnologia a prodotti già esistenti o in fase di sviluppo. I suoi clienti sono quindi, soprattutto, aziende farmaceutiche o biotecnologiche alle quali rilascia una licenza per la sua tecnologia in cambio del finanziamento della ricerca e dello sviluppo così come il pagamento di royalties sulle vendite dei prodotti che includono la sua tecnologia. Questo modello economico presenta due vantaggi. Flamel non ha bisogno di una rete di vendita per commercializzare i suoi prodotti - se ne occupano i partner - evitando così anche pesanti spese di marketing. Inoltre, il 90% dei medicinali che possono essere migliorati grazie alla sua tecnologia si trova già in commercio, cosa che riduce a 2 o 3 anni il periodo di sviluppo rispetto ai 12, in media, di un medicinale classico.


Dei partner solidi

Oltre al miglioramento del modo di somministrazione dei medicinali per i pazienti, la tecnologia di Flamel presenta anche il vantaggio, per i suoi clienti, di prolungare la durata dei suoi brevetti. Infatti, un semplice cambio di posologia può costituire una nuova indicazione e l’associazione della tecnologia di Flamel ad un medicinale può quindi permettere il prolungamento del brevetto. Sapendo che molti medicinali scadranno nel 2005/2006 e subiranno quindi la concorrenza dei prodotti generici, non ci sono dubbi che Flamel raccolga l'interesse di più di un partner. La società ha già concluso accordi di collaborazione con svariati giganti della farmaceutica quali GlaxoSmithKline, Merck o Bristol-Myers Squibb.


Un affare rischioso

Salire sul treno delle nanotecnologie non è certo esente da rischi, ad esempio la maggior parte delle società del settore non sono ancora redditizie. E se Flamel ha raccolto degli utili nel 2002, lo deve soprattutto alla firma di molteplici collaborazioni. Tuttavia la concessione di licenze non permette di raggiungere, da sola, una redditività durevole. Solo la commercializzazione dei prodotti per i quali la società ha rilasciato la licenza lo permette. E attualmente questa commercializzazione è ancora in dubbio. Inoltre, la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti necessitano di notevoli capitali. Non è quindi escluso un ricorso al mercato, cosa che potrebbe diluire la partecipazione agli utili degli azionisti.

Infine, ricordiamo che Flamel è una società di crescita il cui prezzo fluttua sulla scia degli accordi di collaborazione firmati. Se crediamo in un apprezzamento del titolo nel lungo periodo, non possiamo escludere una forte volatilità nel medio/breve periodo. A titolo indicativo, il prezzo di quest'anno si è mossa in una forchetta compresa tra 3,74 e… 42,85 dollari.


Conclusioni

Flamel a già firmato parecchi accordi di un certo livello, soprattutto per il Genvir® (trattamento dell'herpes) e il Basulin® (trattamento del diabete). Se il primo dovrebbe essere commercializzato all'inizio del 2005 con un mercato stimato in 1,7 miliardi di dollari, la vera gallina dalle uova d'oro sarà il secondo, che si rivolge ad un mercato stimato in 3 miliardi di dollari nel 2002. A condizione di saper accettare i rischi, l'investitore con un orizzonte di largo periodo può acquistare il titolo FLAMEL (codice ISIN: US3384881096) sul Nasdaq
 
mmm..facciamo un po di cultura generale sul nanotech:-)))..tanto per avere una piccola idea di dove dovremmo arrivare...Vi do due link..il primo relativo al discorso "There's Plenty of Room at the Bottom" tenuto nel 1959 dal premio nobel Feynman, il primo ad intuire le potenzialità di quello che sarebbe poi diventato il nanotech...Il secondo link è relativo all'unico sito dove si possa trovare l'opera completa "engines of creation" del Dott. E. Drexler (scritta nel 1986) del Foresight Institute of tecnology: "Engines of Creation (Motori della creazione) di K. Eric Drexler è un libro enormemente originale sulle conseguenze delle nuove tecnologie. E' ambizioso e ricco di immaginazione e, cosa più importante, le idee sono tecnicamente fondate." Questo discusso libro (di cui li troverete un link che porta ad un sito con la traduzione italiana del 1 capitolo) è la prima opera scritta sullle potenzialità del nanotech...

http://www.zyvex.com/nanotech/feynman.html

http://www.foresight.org/EOC/

http://www.foresight.org/FI/Drexler.html
 
JMAR...

E JMAR DOVE LA METTETE!!!!...è LA MIGLIORE!!!!!!!!!!
 
Alla TV hanno detto che questo è un laboratorio di importanza internazionale (non so se sia solo nazionalismo...)

http://www.nnl.it/
 
si..so che esiste e opera tale centro di ricerca...po nel leccese ci sono anche un paio di aziende bio-nanotecnologiche....tra l l'atro ricordo che da pochi mesi è partito anche il polo nanotecnologico veneto, dove il governo ha investito molto denaro....
 
Scritto da Albert77bs
si..so che esiste e opera tale centro di ricerca...po nel leccese ci sono anche un paio di aziende bio-nanotecnologiche....tra l l'atro ricordo che da pochi mesi è partito anche il polo nanotecnologico veneto, dove il governo ha investito molto denaro....
JMAR e TINY tanto per non andare a rischiare tutto sullo OTCBB
 
ciao ragazzi....ho visto che si son fatti vari nomi di aziende...dunque..tra le varie aziende non otc citate quelle che attualmente, e ripeto attualmnte, piu mi piacciono sono:
alti (mio titolo storico)
cbmx (entrato da poco)
ngen (non le ho)
nano (non le ho)

Se a qualcuno va si puo discutere del loro business...
Voglio segnalare una nota su tiny...che sembra alcuni abbiano in portafoglio...il titolo e la tipologia di titolo (simile alla famosa bb biotech) è interessante..tuttavia ho letto su forum americani che la reale esposizione di tiny sul nanotech è limitata: pare che il suo portafoglio sia al 40% su una azienda biotech, di cui non ricordo il nome, e che in relatà i titoli nanotech che detiene siano ben pochi....sinceramente cerchero di verificare tale notizia, e vi invito a farlo...per evitare di essere fregati poi:-)

aa..avete poi letto i miei link culturali?:-)))ciaoo.
 
Ciao a tutti. Bellissimo questo 3d. Avete letto l'art. a pag. 10 del Sole 24 ore del 31.01.2004 ? Parla di Spintronica. Mi sembra interessante.

Ciao.
 
Ciao. E' la prima volta che posto su questo forum. Mesi fa avevo comperato NANX a 7.62, ho volontariamnte dimenticato lo stop-loss, l'ho visto scendere di brutto, l'ho visto risalire, riscendere, l'ho venduto a 10.20... e poco dopo ha toccato i 14:mad: (vendi, guadagna e pentiti). Non l'ho più ricomperato.
Ho preso invece LQMT a 2.98: troppo alto... ma mi sembra che possa avere buone prospettive.
Ciao
 
ciao..dove è quotata spintronica?..mai sentita...
 
Scritto da Albert77bs
ciao..dove è quotata spintronica?..mai sentita...
---------------------------------------------------------------------------------
La spintronica non è una società, ma è una tecnologia.
La stà sviluppando un'azienda italiana, al momento chiaramente non quotata.

Ciao.
 
mai sentita....di cosa tratta?..mi dici che azienda è per favore'..ciaooo
 
Indietro