Nassim Taleb - GIOCATI DAL CASO: La verità!

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
a mio parere un libro pessimo, stancante, inutile, non ti da nulla sull'operatività in Borsa.
Invece ho trovato interessantissimo il libro di Mandelbrot "Il disordine dei mercati", almeno questo ti fa sperare e capire.

Il primo lo lessi tempo fa, il secondo no.
Pessimo non saprei, di certo 'intellettualmente furbo', strizza l'occhio a chi si ciba di mentalismi astratti tipo molti giornalisti, critici letterari e affini,e lo fa molto bene con l'immagine del cigno nero e dovizia di riflessioni intorno ad esso.
L'aggancio con l'operativita' di borsa non sembrava molto esplicito.

Riguardo a Mandelbrot tra le recensioni l'osservazione piu' frequente pare riassumersi in poche parole:
''le misure convenzionali del rischio sottovalutano gravemente le perdite potenziali e i guadagni''
Quasi a conferma di quanto Taleb abbia influenzato il lessico di chi si accinge a recensuire libri su questi temi 'di confine'.

Andrebbe letto, conterra' senz'altro qualcosina in piu'.
 
Taleb, insieme a Padre ricco :D è sempre presente sul mio comodino, fa parte di quei libri di cui ogni tanto vai a rileggerti una riga...

Anche il Mauboussin non è male, ripete molto i concetti ma alle persone dure di testa come me :) è utile
 
Taleb, insieme a Padre ricco :D è sempre presente sul mio comodino, fa parte di quei libri di cui ogni tanto vai a rileggerti una riga...

Anche il Mauboussin non è male, ripete molto i concetti ma alle persone dure di testa come me :) è utile
Padre ricco mi sembra una stronzata sinceramente
 
a mio parere un libro pessimo, stancante, inutile, non ti da nulla sull'operatività in Borsa.
Invece ho trovato interessantissimo il libro di Mandelbrot "Il disordine dei mercati", almeno questo ti fa sperare e capire.

In fondo dicono la stessa cosa;)
 
Se uno non sa, leggere Taleb, e dare cioè peso al caso, e come uno sta affogando e si appende ad una catena di ferro per galleggiare. L'altro inciso, non controllare le emozioni, è conseguenza del primo.
 
hehe
 

Allegati

  • Screenshot_20211028-145224.jpg
    Screenshot_20211028-145224.jpg
    141,6 KB · Visite: 44
Quindi sto taleb negli anni ha maturato la convinzione di prevedere il mercato :confused:
 
Quindi sto taleb negli anni ha maturato la convinzione di prevedere il mercato :confused:

ad ascoltarlo bene dice esattamente il contrario, cioè che il mercato è molto più difficile da prevedere di quanto possiamo calcolare con
una classica teoria statistica. Lui pensa (o pensava perchè a quanto mi risulta non fa più il trader) di guadagnare in quelle situazioni di mercato
dove l'imprevedibilità supera le normali previsioni statistiche (cioè quelle situazioni che lui successivamente ha chiamato cigni neri)

Per capire come operava sui mercati si dovrebbe leggere una dei suoi primi libri Dinamyc Hedging poi si è messo a discutere del rischio non
neccessariamente applicato ai mercati finanziari ma con un linguaggio mooolto meno tecnico e scientificamente rigoroso.
 
Al di là di cosa tecnicamente scrive, Taleb rompe credenze, aprendo la mente. Uno può leggerlo e non avere nessun interesse per il trading
 
Al di là di cosa tecnicamente scrive, Taleb rompe credenze, aprendo la mente. Uno può leggerlo e non avere nessun interesse per il trading

infatti i suoi libri sono da leggere anche avulsi dal contesto trading
non sono dei manuali
e per chi è troppo pigro anche per wikipedia ricordiamo che lui era dal lato giusto del mercato nell'87 o nel 2008
ora ha lasciato altri a gestire il suo hedge (come simons) e fa il professore alla Columbia per piacere personale
 
Ho finito di rileggere per la terza volta ieri sera Antifragile (riletto tutto, note e appendici comprese). Taleb è diventato uno dei miei autori preferiti, immergersi nei suoi discorsi è sempre una sfida. Nelle parti più discorsive è lluminante, purtroppo a volte è troppo tecnico e da per scontati elementi di (penso) statistica diventando tosto da seguire. A breve riprenderò in mano qualche altro libro della triade.

Una cosa che continuo a non capire? Tony Ciccione e Nero Tulip andrebbero caratterizzati maggiormente :mmmm:
 
Indietro