nuova tassazione fondi immobiliari

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

hal

Nuovo Utente
Registrato
18/12/99
Messaggi
6.562
Punti reazioni
386
dal prossimo anno cambierà radicalmente il sistema di tassazione relativo ai fondi immobiliari chiusi quotati sull'MTA.
fino al 31 dicembre non saranno tassati nè i proventi nè le plusvalenze realizzate nella vendita sul mercato, dopo saranno soggetti al 12,5%.
le disposizioni transitorie sono abbastanza chiare per quanto concerne la nuova tassazione dei proventi distribuiti, mi restano dei dubbi relativamente alle plusvalenze realizzate dal 1 gennaio 2004 in modo particolare sulle quote già detenute al 31 dicembre 2003.
fatemi capire: se ho delle plusvalenze e le realizzo entro il 31 dicembre 2003 non pago il capital gain mentre se vendo il 1 gennaio 2004 lo devo pagare?
spero di aver capito male, il sistema messo così mi pare estremamente iniquo... :confused:
 
Adesso non si paga capital gain perché il fondo sconta al suo interno un'imposta patrimoniale.
 
Scritto da Voltaire
Adesso non si paga capital gain perché il fondo sconta al suo interno un'imposta patrimoniale.

esatto, il problema è capire come si comporterà il fisco a partire dal 1 gennaio 2004.
per esempio i proventi relativi all'anno 2003 saranno esenti da qualsiasi forma di tassazione dato che il fondo subirà la tassazione patrimoniale dell'1% di cui parli tu.
già, ma le plusvalenze?
ripeto, la normativa transitoria in tal senso non mi pare chiara.
anche l'allegato cui fa riferimento redon parla della tassazione così come era prevista prima dell'ultima riforma, dunque a livello fiscale è superato.
 
scusa!

Pensavo che se ne occupasse, non avevo letto la parte fiscale.
In realtà se ho ben interpretato, per i proventi percepiti o comunque iscritti a bilancio fino al 31 di quest' anno si applica la disciplina previgente (art. 41bis comma 9) mentre per i proventi percepiti dopo hanno effetto le nuove disposizioni ma se derivano da attività successive alla data del 31 12 2003.
http://www.finanze.it/finanziaria_2004/artt_39-41bis.pdf
 
Re: scusa!

Scritto da redon
Pensavo che se ne occupasse, non avevo letto la parte fiscale.
In realtà se ho ben interpretato, per i proventi percepiti o comunque iscritti a bilancio fino al 31 di quest' anno si applica la disciplina previgente (art. 41bis comma 9) mentre per i proventi percepiti dopo hanno effetto le nuove disposizioni ma se derivano da attività successive alla data del 31 12 2003.
http://www.finanze.it/finanziaria_2004/artt_39-41bis.pdf

ma figurati, anzi la relazione è molto interessante per altri aspetti.
il testo della legge ho provato a capirlo ma pare focalizzato unicamente sul discorso proventi e qui mi sembra chiaro che sarà compito della sgr distinguere quelli relativi agli anni fino il 2003 da quelli seuenti.
ma i fondi immobiliari sono trattati tutti i giorni sul mercato telematico, io continuo a non capire come faranno a dire che le quote vendute dal 1 gennaio 2004 inglobano solo proventi relativi al 2004 che dunque dovranno essere tutti tassati al 12,5%.
spero di essermi fatto capire, grazie mille! ;)
 
guardaPARTE LA CACCIA ALL' INFORMAZIONE!!!

:D
 
grazie redon...

sto provando anch'io a documentarmi.
il 1 gennaio è qui, per chi compra o ha in carico questi fondi è un problema mica da ridere.
 
http://www.altalex.com/index.php?idstr=73&idnot=6804

Ritenuta sui fondi comuni di investimento immobiliari

Viene sostituito l’articolo 7 del decreto-legge 25 settembre 2001, n. 351 (convertito, con modificazioni, dalla legge 23 novembre 2001, n. 410) ove si dispone che sui proventi di cui all’articolo 41, comma 1, lettera g) del TUIR, derivanti dalla partecipazione a fondi comuni d’investimento immobiliare La società di gestione del risparmio opera una ritenuta del 12,50%. La ritenuta si applica sull’ammontare dei proventi riferibili a ciascuna quota risultanti dai rendiconti periodici distribuiti in costanza di partecipazione nonché sulla differenza tra il valore di riscatto o di liquidazione delle quote ed il costo di sottoscrizione o acquisto. Il costo di sottoscrizione o acquisto è documentato dal partecipante. In mancanza della documentazione il costo è documentato con una dichiarazione sostitutiva.

Tale ritenuta si applica a titolo d’acconto nei confronti di:

a) imprenditori individuali, se le partecipazioni sono relative all’impresa commerciale; b) società in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate; società ed enti indicati nelle lettere a e b dell’articolo 87 del TUIR e stabili organizzazioni nel territorio dello Stato delle società e degli enti di cui alla lettera d del predetto articolo.

Nei confronti di tutti gli altri soggetti, compresi quelli esenti o esclusi da imposta sul reddito delle società, la ritenuta si applica a titolo d’imposta. La ritenuta non è operata sui proventi percepiti dalle forme di previdenza complementare e dagli organismi d’investimento collettivo del risparmio istituiti in Italia.

Non sono assoggettati ad imposizione i proventi percepiti dai soggetti non residenti. In genere, le disposizioni hanno effetto a decorrere dal 1º gennaio 2004.

Per i proventi di ogni tipo percepiti o iscritti in bilancio e riferiti a periodi di attività dei fondi chiusi fino al 31 dicembre 2003 continuano ad applicarsi le vecchie disposizioni


Si prospetta per forza di cose una doppia contabilità...però...introdurre un differente regime fiscale mediante emndamento a decreto legge..no comment:mad:
 
in pratica

come fanno le sgr che gestiscono fondi comuni e sicav italiane
 
Re: in pratica

Scritto da redon
come fanno le sgr che gestiscono fondi comuni e sicav italiane

il testo che riporti pare confermi la mia idea, a partire dal 1 gennaio 2004 tutti i fondi chiusi saranno soggetti a ritenuta del 12,5% sul valore di carico della quota a prescindere dalla data di acquisto o sottoscrizione.
ciao e grazie mille. :)
 
Re: Re: in pratica

Scritto da hal
il testo che riporti pare confermi la mia idea, a partire dal 1 gennaio 2004 tutti i fondi chiusi saranno soggetti a ritenuta del 12,5% sul valore di carico della quota a prescindere dalla data di acquisto o sottoscrizione.
ciao e grazie mille. :)


cioe', stai dicendo che se un individuo ha in carico una quota a, per esemplificare, 1600, ed al 31-12 il valore di tale quota fosse 2000, vendendola il 1-1-2004 a 2000 costui dovrebbe pagare la tassa su 400 euro di gain?

se e' cosi' mi pare assurdo...
 
Re: Re: Re: in pratica

Scritto da barla
cioe', stai dicendo che se un individuo ha in carico una quota a, per esemplificare, 1600, ed al 31-12 il valore di tale quota fosse 2000, vendendola il 1-1-2004 a 2000 costui dovrebbe pagare la tassa su 400 euro di gain?

se e' cosi' mi pare assurdo...

che ti posso dire, anche a me pare assurdo.
purtroppo la lettura del testo sembra proprio questa e le norme transitorie non ci aiutano a chiarire l'argomento.
se ci sono altre possibili interpretazioni o soluzioni ditele pure...
 
Re: Re: Re: in pratica

Scritto da barla
cioe', stai dicendo che se un individuo ha in carico una quota a, per esemplificare, 1600, ed al 31-12 il valore di tale quota fosse 2000, vendendola il 1-1-2004 a 2000 costui dovrebbe pagare la tassa su 400 euro di gain?

se e' cosi' mi pare assurdo...

No non è questa l' interpretazione che do. Anzi sarebbe contraria allo statuto del contribuente. Occorrerebbe verificare, per assurdo se il differenziale si è prodotto il 1 - 1 - 2004. Se la risposta fosse positiva sì, se no niente prelievo fiscale se non sulla parte prodottasi successivamente. Per questo parlavo di una duplicità del trattamento fiscale: prima e dopo la riforma
 
questa è la mia interpretazione

Vedo se riesco a falsarla o corroborarla:)
 
Re: in pratica

Scritto da redon
No non è questa l' interpretazione che do. Anzi sarebbe contraria allo statuto del contribuente. Occorrerebbe verificare, per assurdo se il differenziale si è prodotto il 1 - 1 - 2004. Se la risposta fosse positiva sì, se no niente prelievo fiscale se non sulla parte prodottasi successivamente. Per questo parlavo di una duplicità del trattamento fiscale: prima e dopo la riforma

e sì redon, ma ti rendi conto della impraticabilità di una tale gestione?
ogni giorno vengono scambiate sul mercato parecchie quote di fondi, come si fa a stabilire oggettivamente (ed in modo gestibile) quale è il valore reale al 31.12.2003?
magari si potrebbe assumere il valore di mercato al 31.12.2003, a meno che uno dimostri di averle in carico a prezzi superiori? :confused:
 
eureka

Vi do appuntamento domani sul forum. Ci sarà tutto:D Anche altri articoli...sorpresa;)
 
3 forum

1 tassazione fondi immobiliari
2 tassazione btp indicizzato inflazione
3 soppressione dell' equalizzatore interno o coefficiente di rettifica
 
Re: eureka

Scritto da redon
Vi do appuntamento domani sul forum. Ci sarà tutto:D Anche altri articoli...sorpresa;)

ci sarò.
a proposito, di quale forum parli, di questo?
 
Indietro