Nuovo PTF 100% Azioni, Gobale, Lazy, TER quasi nullo

depositatore

Nuovo Utente
Registrato
7/8/17
Messaggi
563
Punti reazioni
26
Vengo da anni in cui ho cambiato spesso allocazione, e di recente ne avevo un fatta di SWDA+EIMI+SGLD oltre alla liquidità in CD.
Poi a gennaio ho iniziato a testare il Lifestrategy ad accumulazione con 80% azioni, giusto per capire se farlo diventare la parte CORE del ptf.
Non mi convince la sua parte hedged sulla parte bond, e neanche il fatto che Vanguard stessa definisca il fondo come "attivo".

A tal proposito è stata illuminante la lettura del libro di Bogle, che ovviamente tirava l'acqua al suo mulino ma su una cosa aveva ragione da vendere, la somma di tutti i costi dei vari fondi equivale a tutto il profitto che non faremo noi su quelli attivi, e la semplice rotazione dei fonti attivi si mangia punti percentuali annuii del rendimento.

Una volta accettata la strategia ultra-lazy, provo grande invidia per gli investitori americani che possono investire su ETF SP500 con TER dello 0.04%.

Ed ecco quindi la ragione di questo thread, capire se e come è possibile crearsi un ptf 100% azionario, globale, lazy e con TER quanto più basso per ciascun ETF.
Escludiamo quindi ogni altro fattore, volatilità o rischio cambio che sia, concentriamoci solo sul come si possa fare.

Dopo una prima ricerca ho capito che un TER bassissimo è possibile solo per la componente USA, ad esempio:


USA (Acc e Dist)
iShares Core S&P 500 UCITS ETF (Acc) TER 0.07% che mi pare sia quotato sia su Borsa Italiana che su Xetra. O volendo prenderlo direttamente in dollari sul NYSE.
Vanguard S&P 500 UCITS ETF (Dist) TER 0.07%, quotato su varie piazze e che ha anche il costo per eseguito nullo su DeGiro


Resto del mondo
NADA

Sia che si provi ad utilizzare una combinazione Developed+Emerging, sia che si punti un singolo FTSE all World o MSCI ACWI, i TER sono superiori allo 0.20%.
Mi chiedo quindi se esistano degli ETF, quotati invece solo in USA, che replichino indici globali e che abbiano TER sotto lo 0.1%.


Considerato che la vecchia e stanca Europa, come anche il Giappone, non me li aspetto performare chissà quanto nei prossimi anni, pensavo che anche comporre un ptf di solo SP500 e Emerging possa aver senso, con 2 ETF potrei poi scegliere in che modo "bilanciarli" a fine anno, anche semplicemente lasciarli correre (o frenare) separatamente.

Che ne pensate?
 
Ultima modifica:

minustotale

Nuovo Utente
Registrato
18/12/19
Messaggi
248
Punti reazioni
14
Eurostoxx 50 Invesco - IE00B60SWX25 0.05%
MSCI USA Invesco - IE00B60SX170 0.05%
FTSE 100 Invesco - IE00B60SWT88 0.05%
E.M. iShares - IE00BKM4GZ66 0.18%

Sicuramente il TER medio verrebbe sotto lo 0,1%. Purtroppo ciò che alza il TER sono sicuramente gli emergenti, dove esporsi a bassi costi è molto difficile. Vorrei sottolineare che non partirei dal TER per crearmi un ptf di etf.
 

k1mera

Nuovo Utente
Registrato
30/8/18
Messaggi
2.574
Punti reazioni
90
Vengo da anni in cui ho cambiato spesso allocazione, e di recente ne avevo un fatta di SWDA+EIMI+SGLD oltre alla liquidità in CD.
Poi a gennaio ho iniziato a testare il Lifestrategy ad accumulazione con 80% azioni, giusto per capire se farlo diventare la parte CORE del ptf.
Non mi convince la sua parte hedged sulla parte bond, e neanche il fatto che Vanguard stessa definisca il fondo come "attivo".

A tal proposito è stata illuminante la lettura del libro di Bogle, che ovviamente tirava l'acqua al suo mulino ma su una cosa aveva ragione da vendere, la somma di tutti i costi dei vari fondi equivale a tutto il profitto che non faremo noi su quelli attivi, e la semplice rotazione dei fonti attivi si mangia punti percentuali annuii del rendimento.

Una volta accettata la strategia ultra-lazy, provo grande invidia per gli investitori americani che possono investire su ETF SP500 con TER dello 0.04%.

Ed ecco quindi la ragione di questo thread, capire se e come è possibile crearsi un ptf 100% azionario, globale, lazy e con TER quanto più basso per ciascun ETF.
Escludiamo quindi ogni altro fattore, volatilità o rischio cambio che sia, concentriamoci solo sul come si possa fare.

Dopo una prima ricerca ho capito che un TER bassissimo è possibile solo per la componente USA, ad esempio:


USA (Acc e Dist)
iShares Core S&P 500 UCITS ETF (Acc) TER 0.07% che mi pare sia quotato sia su Borsa Italiana che su Xetra. O volendo prenderlo direttamente in dollari sul NYSE.
Vanguard S&P 500 UCITS ETF (Dist) TER 0.07%, quotato su varie piazze e che ha anche il costo per eseguito nullo su Directa


Resto del mondo
NADA

Sia che si provi ad utilizzare una combinazione Developed+Emerging, sia che si punti un singolo FTSE all World o MSCI ACWI, i TER sono superiori allo 0.20%.
Mi chiedo quindi se esistano degli ETF, quotati invece solo in USA, che replichino indici globali e che abbiano TER sotto lo 0.1%.


Considerato che la vecchia e stanca Europa, come anche il Giappone, non me li aspetto performare chissà quanto nei prossimi anni, pensavo che anche comporre un ptf di solo SP500 e Emerging possa aver senso, con 2 ETF potrei poi scegliere in che modo "bilanciarli" a fine anno, anche semplicemente lasciarli correre (o frenare) separatamente.

Che ne pensate?

In realtà Vanguard non prende commissioni di gestione sugli acquisti di ETF componenti il paniere del lifestrategy. Al contrario di fondi di fondi o etf di etf, con Vanguard paghi solo la commissione sulla scatola finale non anche su quello che c'è dentro.
 

minustotale

Nuovo Utente
Registrato
18/12/19
Messaggi
248
Punti reazioni
14
In realtà Vanguard non prende commissioni di gestione sugli acquisti di ETF componenti il paniere del lifestrategy. Al contrario di fondi di fondi o etf di etf, con Vanguard paghi solo la commissione sulla scatola finale non anche su quello che c'è dentro.

Mi pare che nei video di Investitore Razionale (canale YT) fosse stato affrontato questo tema, risulta che gli etf che compongono i LS hanno un TER medio pari a circa la metà del TER dei LS, la differenza Vanguard se la prende come corrispettivo per la gestione "attiva".
 

depositatore

Nuovo Utente
Registrato
7/8/17
Messaggi
563
Punti reazioni
26
Eurostoxx 50 Invesco - IE00B60SWX25 0.05%
MSCI USA Invesco - IE00B60SX170 0.05%
FTSE 100 Invesco - IE00B60SWT88 0.05%
E.M. iShares - IE00BKM4GZ66 0.18%

Sicuramente il TER medio verrebbe sotto lo 0,1%. Purtroppo ciò che alza il TER sono sicuramente gli emergenti, dove esporsi a bassi costi è molto difficile. Vorrei sottolineare che non partirei dal TER per crearmi un ptf di etf.


Ciao, grazie per la risposta, conferma quella che era la mia prima impressione, facile trovare TER prossimi allo zero per i developed, per gli EMER si sale.
Ovviamente non è solo il TER quello che guardo, la liquidità del fondo è parimenti importante, come anche l'emittente.

Parlando però di ETF a replica fisica di indici ben noti, i costi occulti annui sarebbero davvero bassissimi, leggevo appunto sul libro di Bogle di circa un 5% di rotazione annua sui titoli, quindi diciamo un 2.5% in vendita ed altrettanto in acquisto, con commissioni ridottissime che mantengono tutto il gain nel fondo.

Assurdo come invece alcuni attivi arrivino anche al 60%, praticamente ogni giorno ti vendono Tesla per comprare Apple e/o viceversa :)
 

depositatore

Nuovo Utente
Registrato
7/8/17
Messaggi
563
Punti reazioni
26
In realtà Vanguard non prende commissioni di gestione sugli acquisti di ETF componenti il paniere del lifestrategy. Al contrario di fondi di fondi o etf di etf, con Vanguard paghi solo la commissione sulla scatola finale non anche su quello che c'è dentro.

Certo, altrimenti non li avrei neanche presi in considerazione. C'è da dire che gli ETF sottostanti sono suoi quindi sarebbe assurdo che ti sommasse i loro TER.
Che poi lo ci capisce che questi LS servono anche a loro per ridistribuire/aumentare la capitalizzazione degli ETF che li compongono, diciamo che può essere Win-Win per loro e noi.
 

P4skhe

Vecchio Utente
Registrato
20/11/12
Messaggi
940
Punti reazioni
50
......
Vanguard S&P 500 UCITS ETF (Dist) TER 0.07%, quotato su varie piazze e che ha anche il costo per eseguito nullo su Directa...
Non mi risulta che VUSA non paghi commissioni su Directa cosa intendi per costo per eseguito nullo ?
 

i-z-i-o

Less is more
Registrato
13/12/20
Messaggi
2.672
Punti reazioni
163
Vengo da anni in cui ho cambiato spesso allocazione, e di recente ne avevo un fatta di SWDA+EIMI+SGLD oltre alla liquidità in CD.
Poi a gennaio ho iniziato a testare il Lifestrategy ad accumulazione con 80% azioni, giusto per capire se farlo diventare la parte CORE del ptf.
Non mi convince la sua parte hedged sulla parte bond, e neanche il fatto che Vanguard stessa definisca il fondo come "attivo".

A tal proposito è stata illuminante la lettura del libro di Bogle, che ovviamente tirava l'acqua al suo mulino ma su una cosa aveva ragione da vendere, la somma di tutti i costi dei vari fondi equivale a tutto il profitto che non faremo noi su quelli attivi, e la semplice rotazione dei fonti attivi si mangia punti percentuali annuii del rendimento.

Una volta accettata la strategia ultra-lazy, provo grande invidia per gli investitori americani che possono investire su ETF SP500 con TER dello 0.04%.

Ed ecco quindi la ragione di questo thread, capire se e come è possibile crearsi un ptf 100% azionario, globale, lazy e con TER quanto più basso per ciascun ETF.
Escludiamo quindi ogni altro fattore, volatilità o rischio cambio che sia, concentriamoci solo sul come si possa fare.

Dopo una prima ricerca ho capito che un TER bassissimo è possibile solo per la componente USA, ad esempio:


USA (Acc e Dist)
iShares Core S&P 500 UCITS ETF (Acc) TER 0.07% che mi pare sia quotato sia su Borsa Italiana che su Xetra. O volendo prenderlo direttamente in dollari sul NYSE.
Vanguard S&P 500 UCITS ETF (Dist) TER 0.07%, quotato su varie piazze e che ha anche il costo per eseguito nullo su DeGiro


Resto del mondo
NADA

Sia che si provi ad utilizzare una combinazione Developed+Emerging, sia che si punti un singolo FTSE all World o MSCI ACWI, i TER sono superiori allo 0.20%.
Mi chiedo quindi se esistano degli ETF, quotati invece solo in USA, che replichino indici globali e che abbiano TER sotto lo 0.1%.


Considerato che la vecchia e stanca Europa, come anche il Giappone, non me li aspetto performare chissà quanto nei prossimi anni, pensavo che anche comporre un ptf di solo SP500 e Emerging possa aver senso, con 2 ETF potrei poi scegliere in che modo "bilanciarli" a fine anno, anche semplicemente lasciarli correre (o frenare) separatamente.

Che ne pensate?

Premesso che io non li sceglierei mai, se come primo driver per la costruzione del ptf hai la minimizzazione del ter scegli questa accoppiata e resti abbondantemente sotto 0,10%

Confronto dettagliato degli ETF | justETF
 

Manu1972

Nuovo Utente
Registrato
4/11/18
Messaggi
3.341
Punti reazioni
312
forse capisco male io il tuo messaggio ma allora per avere TER = 0,00% basta non investire

sto estremizzando certo, capisco l'attenzione ai costi (ne sono un estremo sostenitore) ma non prima della propria strategia di investimento
 

depositatore

Nuovo Utente
Registrato
7/8/17
Messaggi
563
Punti reazioni
26
forse capisco male io il tuo messaggio ma allora per avere TER = 0,00% basta non investire

sto estremizzando certo, capisco l'attenzione ai costi (ne sono un estremo sostenitore) ma non prima della propria strategia di investimento


La strategia è nel titolo del thread.

In passato la seguivo con SWDA o anche VWCE+EIMI
Adesso sto valutando VNGA80 (saremmo a 80% invece che 100%) in mancanza di un VNGA100%
In futuro, se arrivassero ETF Developed+EMER con TER basso, potrei fare qualcosa su S&P500 + nuovi
 

toyotakoala

Nuovo Utente
Registrato
23/8/11
Messaggi
17.592
Punti reazioni
478
Ciao,io ho fatto piu' o meno il tuo disorso e ho trovato questi due etf ad accumulo e irlandesi in modo da efficientare al massimo la spese/tasse:

.............................................................1200€......3600€
IE00B5BMR087.......................0.108%.....7.30€ ...... 9.89€
IE00B4L5Y983(Degiro) ...........0.258%......5.60€ .......9.29€

Al ter ho sommato anche il costo dello spread denaro/lettera su borsa italiana.Il primo etf e' comprato con 4 versamenti su directa il secondo con 12 versamenti su degiro.Ho fatto l'esempio per versamenti di 1200 e 3600€ all'anno.
 
Ultima modifica:

depositatore

Nuovo Utente
Registrato
7/8/17
Messaggi
563
Punti reazioni
26
Ciao,io ho fatto piu' o meno il tuo disorso e ho trovato questi due etf ad accumulo e irlandesi in modo da efficientare al massimo la spese/tasse:

.............................................................1200€......3600€
IE00B5BMR087.......................0.108%.....7.30€ ...... 9.89€
IE00B4L5Y983(Degiro) ...........0.258%......5.60€ .......9.29€

Al ter ho sommato anche il costo dello spread denaro/lettera su borsa italiana.Il primo etf e' comprato con 4 versamenti su directa il secondo con 12 versamenti su degiro.Ho fatto l'esempio per versamenti di 1200 e 3600€ all'anno.


Ciao,
grazie per l'ottimo contributo.
Si tratta di due ETF che conosco bene, il primo su SP500 ed il secondo il mitico SWDA.
In effetti era stato superficiale considerando solo il TER, sopratutto per fondi nuovi o poco scambiati lo spread medio va considerato.

Con questi due si può scegliere le proporzioni di SP500 e resto dei developed, ovviamente in ogni caso aumenteremo la quota di SP500 rispetto al solo SP500.

Resta da capire cosa utilizzare per gli Emerging premesso che mi piace prendere quote liberamente senza dover subire ribilanciamenti (come avverebbe con VWCE)

Penso che le aternative siano tra EIMI o addirittura esagerare ed andare di u ETF China only, ho visto un thread interessante sull'argomento qui in sezione.
 

smam79

Nuovo Utente
Registrato
10/12/20
Messaggi
1.813
Punti reazioni
209
Ma perché quando si parla di mercato usa ci si riferisce o si cercano quasi esclusivamente etf dell's&p500 e non del Nasdaq? Ok che il primo ha 500 azioni ed esiste da 100anni, mentre il secondo ha solo 100 titoli ed esiste da 30 anni....ma da quando esiste ha quasi sempre fatto meglio dell's&p500, e sul lungo periodo il nasdaq ha stravinto alla grande!
 

minustotale

Nuovo Utente
Registrato
18/12/19
Messaggi
248
Punti reazioni
14
Ma perché quando si parla di mercato usa ci si riferisce o si cercano quasi esclusivamente etf dell's&p500 e non del Nasdaq? Ok che il primo ha 500 azioni ed esiste da 100anni, mentre il secondo ha solo 100 titoli ed esiste da 30 anni....ma da quando esiste ha quasi sempre fatto meglio dell's&p500, e sul lungo periodo il nasdaq ha stravinto alla grande!

Un buon compromesso può essere un etf su MSCI Usa.
 

Melaxxx

Nuovo Utente
Registrato
21/7/09
Messaggi
686
Punti reazioni
46
Provocazione: Se hai un buon patrimonio ti fai un portafoglio a campionamento dell'AWCI->100% Azioni (non ETF azionari, fiscalmente efficiente), Globale, TER (quasi) nullo.
 

k1mera

Nuovo Utente
Registrato
30/8/18
Messaggi
2.574
Punti reazioni
90
Provocazione: Se hai un buon patrimonio ti fai un portafoglio a campionamento dell'AWCI->100% Azioni (non ETF azionari, fiscalmente efficiente), Globale, TER (quasi) nullo.

Ter quasi nullo?
Il fatto che gli ETF sono domiciliati in Irlanda ti permette di avere anche una minor tassazione sui dividendi.
Non credo sia più conveniente prendere azioni rispetto agli etf.
 

Melaxxx

Nuovo Utente
Registrato
21/7/09
Messaggi
686
Punti reazioni
46
Ter quasi nullo?
Il fatto che gli ETF sono domiciliati in Irlanda ti permette di avere anche una minor tassazione sui dividendi.
Non credo sia più conveniente prendere azioni rispetto agli etf.

Il problema sembrava essere il TER non la tassazione dei dividendi ( avevo premesso che era una provocazione )