osmi, la crisi si abbatte anche sui prezzi delle case di milano: -2,9% su base annua

  • ANNUNCIO: 46° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana tutto sommato positiva per le principali piazze internazionali che proseguono così il rimbalzo dai minimi di ottobre. Novembre sarà ricordato come uno dei mesi migliori nella storia più o meno recente dei mercati finanziari. Il calo dei rendimenti, con un ulteriore irripidimento delle curve, ha portato gli indici obbligazionari globali a registrare le migliori performance mensili dalla Grande Crisi Finanziaria, ovvero da dicembre 2008. Per l’azionario globale, invece, è stato il miglior rally mensile dal 2020. L’impulso è stato fornito anche dai dati sull’inflazione nell’area euro, che hanno rafforzato la tendenza ad anticipare la tempistica di un primo taglio dei tassi da parte della Bce già a partire dal 2024. Per continuare a leggere visita il link

  • ANNUNCIO: Segui le NewsLetter di Borse.it.

    Al via la Newsletter di Borse, con tutte le notizie quotidiane sui mercati finanziari. Iscriviti per rimanere aggiornato con le ultime News di settore, quotazioni e titoli del momento.
    Per iscriverti visita questo link.

reganam

Nuovo Utente
Registrato
19/11/09
Messaggi
23.947
Punti reazioni
887
osmi, la crisi si abbatte anche sui prezzi delle case di milano: -2,9% su base annua — idealista.it/news/

Giovedì, 18 luglio, 2013 - 08:39


dopo che il consistente calo delle compravendite per lungo tempo non è stato accompagnato da una discesa dei prezzi, che resistevano nella capitale lombarda più che nelle altre città italiane, la crisi si è abbattuta su milano. le ultime rivelazioni di osmi, borsa immobiliare, registrano infatti un calo dei prezzi degli immobili residenziali nuovi pari al 2,9% su base annua, del 3,7% per le case vecchie o da ristrutturare

proprio come evidenziato dal centro studi di idealista.it, anche i dati emersi dalla "rivelezione dei prezzi degli immobili sulla piazza di milano e provincia" evidenziano come la crisi del mattone abbia colpito anche la madonnina. se a subire l'arretramento più marcato sono state le periferie (-4,6%), il fenomeno è stato generalizzato. in centro si è registrato un -1,1%, -2,3% nella cerchia dei bastioni e all'interno della circonvallazione. uscendo dalla zona centrale, nel quartiere gallaratese-trenno la variazione annuna è stata del -20,9%, nelle zone di baggio, quinto romano, bonfadini e salomone del 10,2%

secondo marco dettori, presidente di osmi borsa immobiliare "nei primi mesi del 2013 abbiamo assistito all'attesa correzione dei prezzi e in alcune zone periferiche della città il prodotto nuovo si propone al mercato con prezzi competitivi e qualità crescente". questa inversione di tendenza "consente di pensare a un riavvio del mercato dalla metà dell'anno prossimo, anche se si tratterà di di mercato diverso, più maturo, con tempi più lunghi"
 
a parte che
centro studi di idealista.it :confused::confused::confused:

e comunque

in centro si è registrato un -1,1%, -2,3% nella cerchia dei bastioni e all'interno della circonvallazione

sono bruscolini

uscendo dalla zona centrale, nel quartiere gallaratese-trenno la variazione annuna è stata del -20,9%, nelle zone di baggio, quinto romano, bonfadini e salomone del 10,2%

si comincia a vedere qualcosa ma è ancora poco
 
Quando l'impero di Ligresti verrà liquidato, voglio vedere i cali del 70%......:D:D:p
 
a parte che
centro studi di idealista.it :confused::confused::confused:

e comunque

in centro si è registrato un -1,1%, -2,3% nella cerchia dei bastioni e all'interno della circonvallazione

sono bruscolini

uscendo dalla zona centrale, nel quartiere gallaratese-trenno la variazione annuna è stata del -20,9%, nelle zone di baggio, quinto romano, bonfadini e salomone del 10,2%

si comincia a vedere qualcosa ma è ancora poco

Io abito a Trenno, come quartiere non ha proprio un mercato, visto che ci sono poche transazioni, così non si può proprio parlare in modo preciso dal punto di vista quantitativo di un ribasso del 20%.
Concordo con Gallaratese, che è un quartiere più grande e almeno il -10% l'anno scorso c'è stato e sta continuando. Invece in zona Accursio/Espinasse/Gallarate , grande come Gallaratese più o meno, c'è stato un calo marcato nell'ultimo anno, ma da marzo le quotazioni sono bloccate, dopo il gradino di inizio anno. Non vendono tanto, però non vedo altri ritocchi.
 
a parte che
centro studi di idealista.it :confused::confused::confused:

e comunque

in centro si è registrato un -1,1%, -2,3% nella cerchia dei bastioni e all'interno della circonvallazione

sono bruscolini

uscendo dalla zona centrale, nel quartiere gallaratese-trenno la variazione annuna è stata del -20,9%, nelle zone di baggio, quinto romano, bonfadini e salomone del 10,2%

si comincia a vedere qualcosa ma è ancora poco


mi autoquoto....
sono due miei vecchi post di 5 anni fa, quando ero appena sbarcato sul forum.
forse non avevo sbagliato di molto le previsioni... non solo in termini di quanto, ma anche durata e velocità

Beh, anche secondo me è appena iniziata la discesa, anche se ci sono anche diversi pareri non ribassisti, sia tra i forumisti, sia tra gli operatori istituzionali, come Nomisma, sulla quale però evito di fare commenti.

Sul quanto e per quanto tempo non lo so, è molto difficile prevederlo; ci sono molti segnali di ribasso anche pesante: la diminuzione dei volumi, i tassi in aumento, la situazione debitoria di molti mutuatari e non, e anche il fatto che in molti cominciano a crederci al ribasso (la cosiddetta profezia che si autoavvera). Vedo un solo elemento che potrebbe un po' contrastare la caduta dei prezzi nominale (non quelli reali); forse in caso di elevata inflazione, per come la pensiamo in Italia la casa resterebbe un bene rifugio, anche confrontata con altre forme d'investimento quali l'azionario.

Solo tirando un po' dei numeri ad indovinare, direi -30% sui prezzi nominali in 4-5 anni.

giemmepi, sono d'accordo sul calo, 20% o forse più, ma sno più propenso a credere che sarà spalmato in almeno 3-4 anni, quindi un 5-7% all'anno.
 
Milano: 2007-2013 prezzi immobili in calo medio del 20,3% con punte del 30%

Crollo degli immobili in 5 anni in Bovisa prezzi giù del 30% (Fonte: Libero Milano - di Dino Bondavalli - 03/10/2013)

Link alternativo: Crollo degli immobili in 5 anni in Bovisa prezzi giù del 30%

4c61.gif


trf.gif
 
e allo stato che gl fotte che gli immobili non valgono piu' nulla anzi sono invendibili.
tanto loro tassano a capocchiam e prendono comunque.
 
e a tutto cio' non dimentichiamoci l'effetto inflazione per 100 K di 6 anni fà oggi valgono ( 100 K - Inflazione ) .
Comunque a Milano città dove vivo il calo vi è stato per gliimmobili vecchi e fatiscenti . Quelli buoni il prezzo tutto sommato stà ancora tenendo anche se come scritto in precedenza i costruttori con l'inizo dell'anno hanno rivisto le quotazioni di un buon - 10 % e l'invenduto sul nuovo che ormani è vecchio di 2 anni e in alcuni casi anche piu' ....lascia spazio ad ampie riflessioni ..:'(:'(:'(
 
Milano: nel 2013 le quotazioni sono diminuite del 7%, nel 2012 del 7,3%

Come va il mercato immobiliare a Milano? (Fonte: edilone.it - 24/03/2014)

Dal Gruppo Tecnocasa una serie di istantanee del settore nelle piu' grandi citta' italiane. Si parte con Milano, dove i prezzi sono calati ancora nella seconda parte del 2013.

Dall'Ufficio studi del Gruppo Tecnocasa arrivano le consuete analisi semestrali dedicate al mercato immobiliare nelle più importanti città italiane. La prima città analizzata è Milano, dove nel secondo semestre del 2013 le quotazioni sono diminuite del 3,4%, e complessivamente in tutto il 2013 del 7%. Il dato è in linea con il 2012 (-7,3%), quando la contrazione era stata ben più forte rispetto agli anni precedenti (nel 2011 era -2,3%, nel 2010 era -0,4%)...
 
Indietro